Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 20 Marzo 2011 - 12:03

 

NUCLEAR APOCALYPSE IN JAPAN
LIFTING THE VEIL OF NUCLEAR CATASTROPHE AND COVER-UP
 
A Doomsday Scenario Unfolds With Characteristic Foolishness
18 March 2011 keith harmon snow
*
"Only after the last tree has been cut down...the last river has been poisoned...the last fish caught, only then will you find that money cannot be eaten."Anon."For there shall arise false mesiahs, and false prophets, and shall shew great signs and wonders;insomuch that, if it were possible, they shall deceive the very elect."Mathew 24
 
 As the sun set over quake-stricken Japan on Thursday 17 March 2011, we learned that four of six Fukushima nuclear reactor sites are irradiating the earth, that the fire is burning out of control at Reactor No. 4's pool of spent nuclear fuel, that there are six spent fuel pools at risk all told, and that the sites are too hot to deal with. On March 16, Plumes of White Vapor began pouring from crippled Reactor No. 3 where the spent fuel pool may already be lost. Over the previous days we were told: nothing to worry about. Earthquakes and after shocks, tidal wave, explosions, chemical pollution, the pox of plutonium, contradicting information too obvious to ignore, racism, greed -- add these to the original Four Horsemen of the Apocalypse: Conquest, War, Famine and Death. The situation is apocalyptic and getting worse. This is one of the most serious challenges humanity has ever faced. By Thursday night, March 17, officials in India and Europe are concerned it may be worse than Chernobyl, and the U.S., Italy and France are evacuating their nationals on specially chartered airplanes. Friday, March 18, the threat level rates six on a seven point international scale of gravity for nuclear accidents.
 
japan_nukes001
A Japanese child on the eastern shores of Japan. Photo c. keith harmon snow, 1993.
 
The U.S. nuke industry is blaming Japanese experts, distancing itself from the monster it created. Instead of sending nuclear or health experts to assistance the Japanese people in their time of desperate need, US President Barack Obama first sent teams of intelligence agents and FEMA trained military grunts with special security clearances. The Pentagon floated a naval strike force led by the nuclear-powered aircraft carrier Ronald Reagan off the coast of Japan: advertised as a 'humanitarian' operation, the strike force was repositioned after it was partially irradiated. Can we trust officials and the corporate news media to tell us what is happening in an honest, timely, transparent manner? Are there precedents to the nuclear crisis in Japan? What is the U.S. defense establishment really concerned with here? Humanity now faces a deadly serious challenge coming out of Japan -- the epicenter of radiation. Intentional efforts to downplay or dismiss this catastrophe reveal the immaturity of western civilization and some of our most acute human pathologies, including our worship of technology and our psychopathology of denial. The widespread distortion and cover-ups to protect private profits, national and corporate interests, to fool and betray the people, are unacceptable. Here are some of the deeper whats and whys and hows -- some technical issues and the kinds of questions people need to ask -- about the nuclear apocalypse unfolding on planet earth. Prayers are not enough. It's time to question everything, to put politics aside, to take personal action to halt nuclear expansion and defend ourselves from this industrial juggernaut.
PRO-NUKE ANTI-NUKE NO NUKES
 
I know something about technology, and science: I have Bachelor's and Master's degrees in Electrical Engineering -- with honors -- from one of America's top Engineering schools. Before 1990 I worked in classified programs for General Electric -- the maker of the nuclear reactors now irradiating Japan. I worked at GE Aerospace Electronics Laboratories: low-level classified government programs in communications, radars and missile guidance systems for Ronald Reagan's infamous Star Wars (Strategic Defence Initiative) programs.
 
japan_nukes002
The giant sea walls of concrete tetrapods used off the eastern coast of Japan to protect smaller sea ports and fishing villages from waves. Photo c. keith harmon snow, 1994.
 
From 1990 to 1993 I taught English at Japan's big Soga Shosa (trading houses) like Mitsubishi and Sumitomo Corporations, and meanwhile I biked the rivers, swam the beaches, hiked the mountains and studied the culture of Japan. Japanese corporations were paving the shorelines and rivers with concrete, sinking giant tetrapods off shore. One corporation even developed these giant rubber bladders -- the size of football-fields -- sunk offshore, which could be pumped full of seawater to provide a giant barrier against tsunami's. Of course, the profit margins for these corporations supplying these bags were huge, but I wonder what happened to the technology, if these were ever deployed, and where.For the first 34 years of my life I was in favor of nuclear power. This changed when I saw young people in the United States put their bodies on the line to protest the Watts Bar Nuclear Power Station operations in Tennessee (1994). The commitment and integrity of these young people made me rethink my nuclear bias.
more_japan_nukes_images004
Earth First! protest of Watts Bar Nuclear Power Station Tennessee attempted to prevent the reactor from start-up. Protestors blockaded the plant access road before dawn and used protest techniques that slowed their eventual arrests. c. keith harmon snow, 1994.
 
more_japan_nukes_images002
 
I began my career as a journalist by looking deeply into the rabbit-hole of nuclear power from 1993 to 2000. I visited the Nuclear Regulatory Commission's (NRC) Public Document Rooms -- which have since been closed in many places -- where I read thousands of microfilms and scanned microfiche records and excavated document after document in search of truth. I visited nuke plants in New England and industry conferences. I interviewed officials and I attended the most boring and sometimes secretive public meetings with the most stifling and unimaginative bureaucrats and with engineers (like me) so dry they squeaked. And then I reported on regulatory corruption, technical failures, undemocratic initiatives to betray the public trust, and the accumulating radiation and nuclear poisons -- and the many ways that the mass media supported and perpetuated the mythology.
 
THE ARROGANCE OF HUMANISM
 
"I repeat, there was and will *not* be any significant release of radioactivity from the damaged Japanese reactors," wrote Massachusetts Institute of Technology professor Dr. Joseph Oehmen on March 13. "By 'significant' I mean a level of radiation of more than what you would receive on -- say -- a long distance flight, or drinking a glass of beer that comes from certain areas with high levels of natural background radiation."
So begins a recent U.S. business sector article titled You Can Stop Worrying About A Radiation Disaster in Japan -- Here's Why, published four days after the earthquake struck in Japan. It has already proved false. Properly understood for what it is -- a childish, myopic, arrogant attempt to belittle the truth and influence public opinion -- the article provides an apt example of the rampant industry disinformation that is sweeping aside rational and compassionate and precautionary assessments with irrational jingoism, simplistic emotional appeals, and wrong-headed thinking. The post went viral and was republished widely.How do we define apocalypse?  EARTHQUAKE + TSUNAMI  + AGED NUKE PLANT  + LOSS-OF-COOLANTS + PLUTONIUM + FIRES + DISINFORMATION + GREED + DENIAL + FEAR + POLITICS + SECRECY + MULTINATIONAL CORPORATION(S) + MILITARY PRIORITIES = APOCALYPSE. How many nuke plants are involved? We don't really know. Not that we have not been told, we have. There are six reactors at the Fukushima site, one reactor at the Tokai nuclear facility and three reactors at the stricken Onagawa nuclear complex. There are toxic chemical spills, petroleum refinery fires, gas fires, dangerous debris and human pathogens from the thousands of dead people and animals. The place is an apocalyptic nightmare, to be sure, but from the beginning the most important facts regarding the status of the nuclear plants and their components, their functioning or failing systems, the operability of the control rooms or integrity of the reactor containment structures, were being denied to the public. Now we are seeing some damage control by the U.S., the Nuclear Regulatory Commission and the media. It is simultaneously as though we are believed to be incapable of even the most rudimentary understanding of what is going on, while also being denied the truth in keeping with more than sixty years of secrecy and denial by the cult of the atom and its incestuous cult of intelligence.


Leggi tutto... (569 byte rimanenti) Stampa la notizia: Nuclear Apocalipse in Japan
Inviato da : edvino.ugolini - Domenica, 20 Marzo 2011 - 10:51

 

 

Emergenza Nucleare

 

La più grande catastrofe nucleare dopo Hiroshima e Nagasaki, causata questa volta non dall'uomo ma dalla forza incontenibile della natura. Il gigante economico asiatico è in ginocchio.

Oltre a migliaia di vittime il sisma ha provocato danni incalcolabili che neanche una potenza come il Giappone potrà in breve tempo ammortizzare. Ben tre centrali nucleari sono state danneggiate e si teme una catastrofe nucleare pari a quella di Chernobyl in un'area densamente popolata.

Aiuti umanitari stanno giungendo anche dall'estero, soprattutto dalla Cina e dagli Stati Uniti, nemici storici del Giappone. 

Edvino Ugolini

 

GIAPPONE: UN SMS AL 45500

PER DONARE 2 EURO


La Croce Rossa Italiana in sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto e dallo tsunami. Attivata raccolta fondi

 

 bannergiappone_630x108_600

 



Stampa la notizia: Emergenza nucleare
Inviato da : edvino.ugolini - Domenica, 20 Marzo 2011 - 10:45

 

 

 

http://a8.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc6/197524_1755655143254_1595224879_1597143_5698812_n.jpg

 

 
Piazza tematica su CIE e guerre

 

 

Un centinaio di persone ha partecipato alla piazza tematica svoltasi stamattina in Via Dante a Trieste. Cartelli e video hanno illustato la situazione dei CIE in Italia, soprattutto in riferimento a quello di Gradisca, dove proprio qualche giorno fa si è svolta una manifestazione che ha visto la partecipazione di circa duecento persone. 

Oltre alla piazza sui CIE e sui respingimenti era anche presente il gruppo pace e guerre che ha esposto alcuni pannelli sulla situazione degli interventi  militari al'estero.

Il prossimo appuntamento è per il primo di aprile in Largo Barriera che avrà come tema il lavoro e la scuola. 

 

Edvino Ugolini

Rete Artisti contro la guerra 

 

 



Stampa la notizia: Piazza tematica su CIE e guerre
Inviato da : edvino.ugolini - Domenica, 20 Marzo 2011 - 10:36

 

Giornata Mondiale della Poesia

 

Il 21 marzo si celebra la giornata mondiale della poesia. In concomitanza con l'inizio della primavera si ricorda che la poesia è uno strumento come la musica e l'arte che avvicina le persone ed i popoli e li fa sentire pur nella loro diversità parte di un unicum.

 

 

Alza la tua voce nella tempesta dell'odio

nel frangere della natura

nei richiami ancestrali degli avi

nella ricerca di un futuro comune

alza il tuo sguardo verso l'ignoto

lancia il messaggio universale

dell'amore

e della speranza.

 

Edvino Ugolini 

   

 



Stampa la notizia: Giornata mondiale della poesia
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 17 Marzo 2011 - 12:05

 

Aggiornamento:  Il consolato scrive: "Alitalia comunica che domani 17 marzo 2011 c'e' disponibilita' di posti su due voli per l'Italia con partenza da Osaka alle ore 14 e alle ore 17.  Gli interessati possono presentarsi ai banchi accettazioni Alitalia al quarto piano del Kansai International Airport.  Per informazioni tel. 072 456.5216."  Ma per partire occorrono oltre 5000 euro per due persone con bagaglio minimo consentito. L.M.


ALITALIA E I CITTADINI ITALIANI
IN GIAPPONE
 
 
 
Ai gentili Colleghi e alle Redazioni,
 
 
ho appena ricevuto un appello del gruppo di concittadini in Giappone, circa 120 persone e le loro famiglie residenti in modo stabile nel paese del grave disastro, che fa riferimento alla community web Giappone Forum su facebook: 
 
 
L'appello divulgato da Adamo Lussana, addetto stampa del forum, si rivolge ai giornalisti italiani per segnalare l'inqualificabile trattamento commerciale riservato ai connazionali residenti da ALITALIA, la nostra compagnia aerea di bandiera, che sta applicando prezzi eccezionali gravati di tutti i rincari possibili sulla base dell'urgenza a persone e intere famiglie, che partono sapendo di dover lasciare anche una vita intera alle proprie spalle.
 
L'ambasciata italiana in Giappone ha divulgato il consiglio agli italiani residenti di partire, ed effettivamente dalle testimonianze su Facebook presso gli aereoporti principali c'è un addetto della nostra Ambasciata. Il quale però non ha alcun indirizzo nazionale e non può agire se ad una famiglia di 4 - 5 persone (ad esempio: madre, padre, 2 figli e un anziano) mancasse il denaro per rimpatriare.
 
 
Dov'è il Ministro Frattini ???? (domando io)
 
A quanto risulta dal comunicato del Lussana, inoltre, i voli diretti in Italia sono stati tutti spostati da Tokio ad Osaka, con ulteriore aggravio di costi e difficoltà per gli italiani, che per raggiungere la nuova destinazione di partenza devono percorrere circa 450/500 chilometri con mezzi e costi propri (il biglietto costa circa 100 euro a persona).
 
I sottoscrittori, un piccolo gruppo di circa 120 persone e tra questi i firmatari del comunicato che hanno dato la propria disponibilità ad essere intervistati dalla stampa italiana, sono tutti residenti abituali del paese del sol levante, e famiglie composte da marito/moglie di nazionalità giapponese. 
 
In almeno un caso (una donna) mi è stata segnalata apprensione per il visto di ingresso in Italia del partner giapponese.
 
Alcuni lamentano inoltre gli altissimi costi per trasportare l'amico per tutta la vita, il proprio cane/gatto, che abbandonato morirebbe di stenti e temono la diversa normativa italiana in tema di vaccinazioni, pur assicurando di voler espletare tutte le formalità richieste dal nostro paese.
 
http://a6.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc3/14103_380339721962_370621716962_4794431_7674890_n.jpg
 
IL COMUNICATO:: in corso di continuo aggiornamento di firme e recapiti, può essere scaricato a questo link: 
 
 
 
LA RICHIESTA DEI CONNAZIONALI:: la facoltà di rientrare in Italia in tempi brevi a prezzi popolari e non con le attuali tariffe.
 

Loredana Morandi
Presidente di Artists Against War Italia

 

Originale al link:  Al Ministro Frattini: Alitalia e gli italiani in Giappone

 

***

 

Appello Italiani in Giappone

- la rassegna -


Sono contenta di leggere che anche i ragazzi di Giappone Forum sono soddisfatti di aver sollevato un polverone sui costi Alitalia in una mezza giornata. Ne approfitto per ringraziare Adamo Lussana, che in video è simpaticissimo, per avermi coinvolta in questa battaglia per il ritorno a casa dei nostri connazionali in Giappone.

Aggiungo solo un personalissimo ".. e per fortuna che ci sono le femministe", compreso certamente soltanto dai miei più cari amici e da coloro che conoscono i 30 mesi della mia battaglia per la "vita".  L.M.
 
 
 
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2011-03-16_160405_REPUBBLICA.jpg

 
 

 

Originale al link:  Appello Italiani in Giappone - la Rassegna

 



Stampa la notizia: Al Ministro Frattini: Alitalia e gli italiani in Giappone
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 11 Marzo 2011 - 17:36

 

 

art_200 

 

我々は、津波の犠牲者に心から哀悼の意を表明する。
日本のすべての人々のための私たちの友情

イタリアでの戦争に反対するアーティスト

 

 

Esprimiamo vivo cordoglio per le vittime dello tsunami.
La nostra amicizia per tutte le persone in Giappone

Artisti contro le guerre Italia

 



Stampa la notizia: Rete Artisti: solidarietÓ alle vittime dello tsunami in Giappone
Inviato da : edvino.ugolini - Venerdý, 11 Marzo 2011 - 17:27

 

 

art_200
 

 

 

In Libia si sta profilando una catastrofe umanitaria senza precedenti nell'area del Mediterraneo. In pochi giorni il regime di Gheddafi ha provocato la morte di centinaia di persone. Migliaia di persone sono già fuggite o stanno per farlo nei paesi vicini dell'Egitto e della Tunisia.

Anche dalle coste libiche le partenze di migliaia di profughi sono imminenti.  Mentre il Governo italiano si sta ancora interrogando su quale linea di condotta seguire, una delle peggiori catastrofi umanitarie sta prendendo corpo.
Un appello a tutte le forze che hanno a cuore la democrazia ed i diritti umani a mobilitarsi per far fronte a questa emegenza.

Edvino Ugolini
Rete Artisti contro le guerre



Stampa la notizia: Emergenza umanitaria
Inviato da : edvino.ugolini - Venerdý, 11 Marzo 2011 - 17:26

 

Nonostante le condizioni meteorologiche non proprio invitanti, si è svolta anche quest'anno per la seconda volta l'iniziativa per la giornata dei migranti, dichiarata universalmente in tale data. Come in altre città italiane ed europee, anche a Trieste si sono svolte piazze tematiche su vari argomenti riguardanti i diritti dei migranti: lavoro, sanatoria, scuola, CIE, guerre e rifugiati.

L'iniziativa centrale si è svolta in Via delle Torri, dove un centinaio di persone tra immigrati ed aderenti al Comitato Primo Marzo hanno assistito alla lettura di comunicati e ad una performance teatrale. Contemporaneamente si è svolta a Monfalcone una manifestazione per ricordare il giovane bengalese morto qualche giorno fa alla Fincantieri. La giornata è stata anche l'occasione per chiamare a raccolta tutte le persone che hanno a cuore le sorti dei nostri amici immigrati in questo grave momento di sconvolgimenti e conflitti sociali e per rivolgere un invito particolare ai garanti della Costituzione ed alle forze politiche, affinché vengano modificate le norme sull'asilo e sui permessi di soggiorno ed altresì le norme per gli immigrati clandestini, che ancora oggi in attesa di essere espulsi, vengono trattenuti nei così detti CIE, Centri di Espulsione ed Identificazione.

 



Stampa la notizia: Primo marzo giornata dei migranti a Trieste
Inviato da : edvino.ugolini - Venerdý, 11 Marzo 2011 - 17:25

 

Una mia poesia dedicata a tutte le donne in occasione della festa della donna.

 

mimosa11 

 

D come donna...D come Dolcezza

 

La dolcezza dei tuoi occhi

fa volare la fantasia

e incontrandoci nell'azzurro

di un sogno remoto

le nostre anime si intrecciano

nell'infinito bagliore della vita...

 

Edvino Ugolini

 



Stampa la notizia: 8 marzo
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 13 Febbraio 2011 - 10:54

 

 

dopo Tunisia e Egitto proteste a Baghdad

 

PROTESTE IERI 11/02 a piazza Tahreer (piazza delle Libertà) a Baghdadcontro la Burocrazia e Corruzione

....dopo Tunisia e Egitto

La stessa piazza dove il 31.12.1998 organizzammo la grande manifestazione(oltre 10mila bambini e i rappresentanti religiosi) per la Pace, contro il Terrorismo e la Guerra.

Speriamo con tutto il cuore che dopo anni di aggressione occidentale,orrori e terrore, il popolo iracheno abbia la forza diavviarsi verso la pacificazione, la serenità e una meritata prosperità.

 

Tusio De Iuliis

Associazione Passage to the South - Aiutiamoli a vivere

 

 



Stampa la notizia: PROTESTE IERI 11/02 a piazza Tahreer (piazza delle LibertÓ) a Baghdad contro la
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro