Palestina

Di seguito c'Ŕ la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome Soggetto: Palestina

Vedi tutti gli articolo di questo soggetto.

Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 31 Maggio 2010 - 15:04

 

 

pchr_gaza 

PCHR - Palestinian Centre for Human Rights
 
Press Release  Ref: 42/2010
Date: 31 May 2010 Time: 8:15 GMT

 

PCHR Condemns Israeli Attack
on Gaza Freedom Flotilla
 
 

The Palestinian Center for Human Rights (PCHR) strongly condemns the crime perpetrated by Israeli Occupation Forces (IOF) earlier this morning, 31 May 2010, when Israeli Naval Forces attacked the "Gaza Freedom Flotilla" in international waters as it was sailing towards the Gaza Strip.  IOF used excessive and lethal force in its attack on the ships, which left dozens of international civilian solidarity activists who were on board dead or injured.
 
Today's crime is hideous, and it is a shame for the international community to remain silent while IOF commits systematic war crimes against civilians.
 
PCHR believes that Israel would not continue to commit crimes and attacks against civilians, including the crime committed today against the "Gaza Freedom Flotilla" and those international solidarity activists aboard, if the international community did not remain silent, thereby failing to fulfill its obligations and duties to enforce international law and provide protection for civilians.
 
Today's attack is characteristic of a long series of war crimes and grave violations carried out by IOF against civilians, including the latest Israeli military offensive on the Gaza Strip, in addition to the imposition of collective punishment measures against civilians through the ongoing siege imposed on the Gaza Strip.
 
Unfortunately and regrettably, the world has remained motionless and there has been no intervention to stop such crimes or prosecute the perpetrators.
 
Rather, attempts have been ongoing to foil the report of the UN Fact-Finding Mission on Gaza Conflict (i.e. the Goldstone Report), which provided for the first time practical mechanisms to prosecute Israeli war crimes; such attempts seek to undermine justice and preclude the prosecution of Israeli war criminals, thereby offering them impunity.
 
Members of the international community, particularly the High Contracting Parties to the Geneva Conventions, are required to fulfill their obligations to protect civilians and immediately intervene to stop crimes perpetrated against civilians.

The ongoing silence of the international community is effectively an open invitation for IOF to continue to challenge international law, to act as a state above the law, and to continue to commit crimes against civilians.

It is time now to put an end to offering impunity to those who commit crimes of the nature outlined above. The impunity with which these criminals operate results from a policy held by the influential member states of the United Nations of favoring political interests and considerations at the expense of international law and civilians, and it comes with the heavy price of sacrificing human rights, international law, and the rule of law.
 
Today's crime reconfirms the duplicity of Israel's claims regarding the end of its military control of the Gaza Strip, and further proves that the Gaza Strip will remain an occupied territory so long as the Israeli military control of the air, sea and land is ongoing.  
           

PCHR

Palestinian Centre for Human Rights



Stampa la notizia: PCHR Condemns Israeli Attack on Gaza Freedom Flotilla
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 31 Maggio 2010 - 14:55

 

Il video, tratto dal notiziario di Al Jazeera, sull'attacco alla Freedom Flotilla. Rammento ai lettori che l'attacco contro la piccola flotta di pacifisti è avvenuto a 75 miglia dalla costa, ovvero in acque internazionali in violazione dei trattati per la libera navigazione. 

 

 

 



Stampa la notizia: Video:  Attacco israeliano alla Freedom Flotilla
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 31 Maggio 2010 - 14:47

 
 
GAZA, PALESTINE

31.MAY.2010


 

CALL FROM GAZA FOR GLOBAL RESPONSE
TO KILLINGS ON THE FREEDOM FLOTILLA



We Gaza based Palestinian Civil Society Organizations and International activists call on the international community and civil society to pressure their governments and Israel to cease the abductions and killings in Israel’s attacks against the Gaza Freedom Flotilla sailing for Gaza, and begin a global response to hold Israel accountable for the murder of foreign civilians at sea and illegal piracy of civilian vessels carrying humanitarian aid for Gaza.  

We salute the courage of all those who have organized this aid intervention and demand a safe passage through to Gaza for the 750 people of conscience from 40 different countries including 35 international politicians intent on breaking the Israeli-Egyptian blockade. We offer our sincerest condolences to family and friends who  have lost loved ones in the attack.

By sailing directly to Gaza, outside of Israeli waters, with cargo banned illegally by Israel, such as the 10,000 tonnes of badly needed concrete, toys, workbooks, chocolate, pasta and substantial medical supplies, the flotilla is exercising international law and upholding article 33 of the Geneva Convention which clearly  states that collective punishment is a crime against humanity.

 The hardships of Israel's closure of Gaza have been well documented by all human rights groups operating, most recently by Amnesty International in their Annual Human Rights Report concluding that the siege has "deepened the ongoing humanitarian crisis. Mass unemployment, extreme poverty, food insecurity and food price rises caused by shortages left four out of five Gazans dependent on humanitarian aid. The scope of the blockade and statements made by Israeli officials about its purpose showed that it was being imposed as a form of collective punishment of Gazans, a flagrant violation of international law."  The United Nations continuously states that only a fraction of the required aid is entering the Strip due to what it calls ‘the medieval siege’, with John Ging the Director of UNRWA in Gaza specifically expressing the need for the Flotilla to enter Gaza. The European Union’s new foreign affairs minister Catherine Ashton has just reiterated its call for, “an immediate, sustained and unconditional opening of crossings for the flow of humanitarian aid, commercial goods and persons to and from Gaza.”

The people of Gaza are not dependent people, but self sufficient people doing what they can to retain some dignity in life in the wake of this colossal man-made devastation that deprives so many of a basic start in life or minimal aspirations for the future.

We, from Gaza, call on you to demonstrate and support the courageous men and women on the Flotilla and join the, many now murdered on a humanitarian aid mission. We insist on severance of diplomatic ties with Israel, trials for war crimes and the International protection of the civilians of Gaza. We call on you to join the growing international boycott, divestment and sanction campaign of a country proving again to be so violent and yet so unchallenged. Join the growing critical mass around the world with a commitment to the day when Palestinians are entitled to the same rights as any other people, when the siege is lifted, the occupation is over and the 6 million Palestinian refugees are finally granted justice.

Press Contacts:

Dr Haidar Eid: One Democratic Sate Group and University Teachers' Association

Dr Mona El Farra: Middle East Children's Alliance, Gaza

Adie Mormech: International Solidarity Movement

Max Ajl: Gaza Freedom March



Signatory Organisations:

The One Democratic State Group
University Teachers Association
Arab Cultural Forum
Palestinian Students’ Campaign for the Academic Boycott of Israel
Association of Al-Quds Bank for Culture and Info
Popular Committee against the Wall and Settlements
International Solidarity Movement
Palestinian Network of Non-Governmental Organisations
Palestinian Women Committees
Progressive Students Union
Medical Relief Society
The General Society for Rehabilitation
Gaza Community Mental Health Program
General Union of Palestinian Women
Afaq Jadeeda Cultural Centre for Women and Children
Deir Al-Balah Cultural Centre for Women and Children
Maghazi Cultural Centre for Children
Al-Sahel Centre for Women and Youth
Ghassan Kanfani Kindergartens
Rachel Corrie Centre, Rafah
Rafah Olympia City Sisters
Al Awda Centre, Rafah
Al Awda Hospital, Jabaliya Camp
Ajyal Association, Gaza
General Union of Palestinian Syndicates
Al Karmel Centre, Nuseirat
Local Inititiative, Beit Hanoun
Union of Health Work Committees
Red Crescent Society Gaza Strip
Beit Lahiya Cultural Centre
Al Awda Centre, Rafah
 
One Democratic State Group


Stampa la notizia: Call from Gaza for Global Response to Killing on the Freedom Flotilla
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 31 Maggio 2010 - 14:37

 
 
 
Il comunicato ufficiale di FreeGaza
 
 
 
(Cypro 1 Gigno 2010, 6:30 am) Nel buio della notte, commandos Israeliani hanno abbordato la nave passeggeri Turca la Mavi Marmara, sparando. Il filmato in diretta dall'imbarcazione mostra che 2 persone sono state uccise e 31 ferite.
 
Al Jazeera ha appena confermato i numeri.
 
Israele dichiara che sta prendendo possesso delle imbarcazioni.
 
Lo streaming video mostra i soldati Israeliani che sparano a civili, e il nostro ultimo messaggio SPOT diceva ; "Aiuto, siamo stati contattati dagli Israeliani".
 
La coalizione formata dal Free Gaza Movement (FG), European Campaign to End the Siege of Gaza (ECESG), Insani Yardim Vakfi (IHH), Perdana Global Peace Organisation , Ship to Gaza Greece, Ship to Gaza Sweden, e International Committee to Lift the Siege on Gaza lancia un appello alla comunità internazionale per chiedere a Israele di fermare questo brutale attacco contro civili che stavano tentando di portare aiuti di vitale importanza ai palestinesi imprigionati a Gaza e di consentire alle navi di continuare il loro cammino.
 
L'attacco è avvenuto in acque internazionali, a 75 miglia al largo della costa di Israele, in violazione del diritto internazionale.
 
(traduzione Forum Palestina)
 
 


Stampa la notizia: FreeGaza comunicato ufficiale
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 31 Maggio 2010 - 14:19

 

 

Quello che accade è pazzesco!
Di seguito alcuni dei primissimi comunicati stampa a me pervenuti.


In Italia sono previste proteste a Roma, piazza San Marco ore 17.00, a Torino zona Palazzo Nuovo ore 12:30 a Milano alle 18:00 in Piazza San Babila.

ATTENZIONE: il presidio a Torino è stato anticipato alle ore 12:30

All'estero sono previsti presidi di protesta a Parigi, a Manchester, a Londra, ad Annecy, a Montpellier, a Bordeaux, ecc..



Terrorismo di Stato!
La Marina israeliana attacca la Freedom Flotilla:
19 morti e vari feriti tra i partecipanti

All'alba di quest'oggi, 31 maggio, nelle acqua internazionali Israele ha aggredito con navi da guerra della Marina militare appoggiata da elicotteri la Freedom Flotilla, che trasporta tonnellate di aiuti per la popolazione della Striscia di Gaza, sotto embargo da circa quattro anni.

Vi sarebbero almeno 19 morti e vari feriti soprattutto sulla nave turca della Flotilla contro cui si sono accanite le truppe speciali israeliane.

L'aggressione - che è ancora in corso - è avvenuta in acque internazionali, pertanto si tratta a tutti gli effetti di pirateria.

I partecipanti alla Freedom Flotilla sono attivisti pacifisti internazionli e disarmati, il cui unico scopo dichiarata è quello di portare gli aiuti alla popolazione di Gaza.

Forum Palestina

***

Intervenga l’ONU sulla 
strage dei volontari sulle navi umanitarie


In merito all’uccisione e al ferimento di esponenti di ONG che recavano aiuti umanitari per le popolazioni  di Gaza il Responsabile dell’Osservatorio per la Tutela dei Diritti dell’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Sviluppo e Tutela dei Diritti” (www.dossetti.it), Corrado Stillo, ha dichiarato:
<
<
Riteniamo  che scagliare le forze militari di uno dei più potenti eserciti del mondo verso attivisti pacifisti che recavano cibo, case prefabbricate, medicinali a donne e bambini  palestinesi, sia un atto di barbarie  inaudita  che, oltre ad una condanna morale, merita una  riprovazione da parte dell’ONU.
Israele, da poco entrato nell’OCSE, deve uniformarsi alle leggi internazionali e alle regole umanitarie  condivise dalla comunità umana. L’esempio di macelleria offerto dai soldati israeliani non  aiuta di certo la causa della pace nella zona, né aiuta il mondo arabo ad una visione di Israele come Stato con cui costruire il futuro.
Auspichiamo che l’UE, l’ONU e gli Enti Internazionali levino alta la voce di condanna e l’esortazione ad Israele a moderare l’uso delle armi e a far ricorso all’uso  del dialogo e della trattativa>>.


Associazione Giuseppe Dossetti


***

PALESTINA: ATTACCO A NAVI PACIFISTE E’ ATTO DI PIRATERIA.
MILANO, ORE 18.00, PIAZZA S. BABILA, PRESIDIO DI RIPUDIO

dichiarazione di Luciano Muhlbauer - Coordinatore Cittadino Prc Milano

Il violento intervento delle forze armate israeliane, per giunta in acque internazionali, contro le navi della Freedom Flotilla, è un atto di pirateria, che non può trovare giustificazione alcuna, né giuridica, né morale.
Esprimiamo la nostra solidarietà con gli attivisti delle Ong che hanno tentato di forzare pacificamente il blocco israeliano della striscia di Gaza, “armati” soltanto di aiuti umanitari, e che per questo hanno pagato un prezzo altissimo in termini di vite umane.
L’uso deliberato e ingiustificato della violenza da parte delle forze armate israeliane è la conseguenza diretta della politica dei due pesi e delle due misure che pratica la cosiddetta comunità internazionale, compreso il Governo italiano, e che provoca nel governo israeliano quel senso di impunità, che ha portato al massacro di oggi.
Invitiamo tutti i cittadini e le cittadine milanesi che hanno a cuore la causa della pace e dei diritti del popolo palestinese, a mobilitarsi per ripudiare l’azione criminale da parte delle forze di sicurezza di Israele, partecipando al presidio in piazza San Babila, alle ore 18.00 di oggi.
 
Milano, 31 maggio 2010

***

Flottille de la liberté : la France doit agir !
Rassemblements partout en France !!!


AFPS

Le gouvernement Netanyahou a commis l’irréparable : ses commandos ont donné l’assaut contre la fltotille de la liberté, faisant plusieurs morts.

Cet acte de guerre est une véritable provocation contre la communauté internationale : il s’est déroulé dans les eaux internationales et visait des bateaux civils transportant plusieurs centaines de personnes, dont des députés européens et français, venus tenter de briser pacifiquement un blocus dont les Nations unies exigent la levée.

Jamais les dirigeants israéliens n’auraient déployé cette violence s’ils n’avaient bénéficié, depuis des mois, de la complaisance de nombreux responsables occidentaux, à commencer par Nicolas Sarkozy et Bernard Kouchner. Après la tragédie, cette complaisance doit cesser. Le ministre des Affaires étrangères doit immédiatement :

 convoquer l’ambassadeur d’Israël et le menacer de mesures de rétorsion ;

 exiger la levée sans délai du blocus de Gaza ;

 agir, à Bruxelles, pour la suspension de l’accord d’association Union européenne-Israël ;

 intervenir, à New York, pour une réunion rapide du Conseil de sécurité destinée à condamner l’action israélienne et à prendre des mesures pour la sanctionner.

Voilà les exigences que l’Association France-Palestine Solidarité (AFPS) appelle ses militants à faire entendre dans toute la France, et notamment

à Paris, ce lundi 31 mai, à 18h30, aux abords de l’ambassade d’Israël. Métro Franklin-Roosevelt

Paris, le 31 mai 2010.

à Annecy : Rassemblement ce lundi soir à 18h DEVANT LA PREFECTURE A ANNECY

à Montpellier : LUNDI 31 MAI 18H PLACE DE LA COMEDIE

à Lille : Rassemblement ce soir partir de 18 h 30 Grand’Place

à Bordeaux : Ce lundi 31 mai, 18h30 rassemblement Place de la Victoire

A Lyon, Marseille, Poitiers...


Consultez notre site pour les dernières infos :
http://www.france-palestine.org/article14794.html

--
Association France-Palestine Solidarité (AFPS)
21 ter Rue Voltaire
75011 Paris

 
***

Protest Israel's Gaza Aid Ship Murders

- 5pm BBC Manchester -

In Manchester there is a protest at 5pm today, Bank Holiday Monday, at the BBC on Oxford Road called by Manchester Palestine Solidarity Campaign (PSC) and backed by Greater Manchester Stop the War Coalition

Deaths as Israeli forces storm Gaza aid ship

http://gazafreedommarch.org/cms/en/news/View/10-05-31

More than 10 people have been killed after Israeli commandos stormed a convoy of ships carrying aid to the Gaza Strip, the Israeli army says.

(There is also a protest today at 2pm at Downing Street)

updates on our website

http://www.manchesterstopwar.org/

 



Stampa la notizia: La Marina Israeliana attacca la Freedom Flotilla: 19 morti, pi¨ di 30 i feriti
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 18 Febbraio 2010 - 11:48

 

PALESTINA LE PROTESTE "AVATAR"

 

In Italia il simbolismo contenuto in Avatar, il capolavoro di James Cameron, è stato ripreso dalle "proteste" della Associazione Nazionale Magistrati, che come il popolo Na'vi abitante di Pandora subisce l'ingiuria dei bulldozer della politica.

In terra di Palestina i bulldozer sono sempre al lavoro ed hanno ucciso.

 

 

palestinaavatarpandora1_600
 

 

 Vedi la Gallery su Virgilio:

http://notizie.virgilio.it/gallery/avatar-pandora-palestina-proteste.html,zoom=390633.html



Stampa la notizia: Palestina: le proteste "Avatar"
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 16 Luglio 2009 - 13:55

 

 

arcipelago_palestina_600

 

giovedì, luglio 09, 2009


Il muro dell'illegalità e della vergogna


Esattamente cinque anni fa, il nove luglio del 2004, la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja (ICJ) rilasciava il proprio parere consultivo (successivamente fatto proprio da un voto dell’Assemblea generale dell’Onu) sulle “Conseguenze legali della Costruzione di un Muro nel Territorio Palestinese Occupato”.

Il pronunciamento dell’Icj, in particolare, si articolava in cinque punti salienti:

1) la costruzione del muro da parte di Israele all’interno dei Territori occupati (e cioè non seguendo la linea armistiziale del 1949, la cd. green line) – ivi inclusa Gerusalemme est – e il regime amministrativo associato a detto muro sono da considerarsi contrari al diritto internazionale;

2) Israele conseguentemente ha l’obbligo di porre fine a tali violazioni, cessando immediatamente la costruzione del muro all’interno dei Territori occupati (e di Gerusalemme est) e smantellando le porzioni di muro già costruite che oltrepassano la green line, nonché abrogando o rendendo ineffettivi tutti gli atti legislativi e amministrativi connessi;

3) Israele ha l’obbligo, inoltre, di risarcire i Palestinesi rimasti danneggiati dalla costruzione del muro nei Territori Occupati;

4) tutti gli Stati sono obbligati a non riconoscere la situazione di illegalità venutasi a creare con la costruzione del muro e di non fornire in alcun modo aiuto o assistenza ad Israele nel mantenere in essere detta situazione; gli Stati firmatari della IV Convenzione di Ginevra del 12 agosto 1949 hanno, altresì, l’ulteriore obbligo di far sì che Israele si conformi alle norme di diritto umanitario internazionale contenute nella IV Convenzione;

5) le Nazioni Unite, e in special modo l’Assemblea Generale e il Consiglio di Sicurezza, dovrebbero considerare quali azioni intraprendere per porre fine alla situazione di illegalità determinata dalla costruzione del muro e dal regime ad esso associato.

Cinque anni sono passati da questa importante pronuncia dell’Icj, eppure nulla è cambiato, Israele continua a costruire il muro dell’apartheid in aperta violazione della legalità internazionale, e gli Stati parti contraenti della IV Convenzione di Ginevra permangono in uno stato di incredibile e ingiustificata inerzia, omettendo di adempiere al preciso obbligo loro imposto di non riconoscere il tracciato illegale del muro e di far rispettare il diritto internazionale umanitario e i diritti umani dei Palestinesi.

Israele si è sempre giustificato asserendo la temporaneità dei confini delineati dal muro, e la necessità della sua costruzione per motivi di sicurezza, ma la ICJ ha correttamente rilevato che lo specifico percorso scelto da Israele per la costruzione del muro non era affatto necessitato dai pretesi “motivi di sicurezza”.

La stragrande maggioranza del percorso del muro – esattamente l’86% del totale – è situata, infatti, all’interno della West Bank e non lungo la green line; ciò mostra, di tutta evidenza, come il percorso del muro sia stato ideato e pianificato con il fine preciso di includere al suo interno la gran parte degli insediamenti colonici costruiti in Cisgiordania, insediamenti che sono da considerarsi illegali alla luce del diritto internazionale.

Ad oggi, il percorso del muro è stato completato per circa 413 km. (58,3% del totale), mentre risultano in corso di costruzione ulteriori 73 km. del tracciato (cfr. OCHA, West Bank Barrier Route Projections, luglio 2009); quando il muro sarà stato completato, esso servirà ad annettere ad Israele un ulteriore 9,5% della Cisgiordania, ovvero quelle porzioni di territorio comprese tra la green line ed il muro stesso.

Il numero totale dei Palestinesi che resterà confinato tra il muro e la green line è pari a circa 267.000; di questi, 125.000 saranno circondati dal muro da tre lati (28 comunità, tra cui le aree di Biddya, Biddu e la città di Qalqilya), mentre 28.000 si troveranno a dover vivere in enclavi circondate dal muro da quattro lari (8 comunità, tra cui Az Zawiya e Bir Nabala).

Ma il caso più eclatante della violazione dei diritti umani dei Palestinesi operata dal muro è probabilmente quello relativo a Gerusalemme est.

L’accesso a Gerusalemme est è di primaria importanza per gli abitanti dell’intera Cisgiordania, vuoi per motivi religiosi, per la necessità di cure mediche, per il lavoro, l’istruzione, i rapporti familiari, etc. Eppure, per la maggior parte dei Palestinesi, questo accesso è proibito, a meno che non si possieda uno speciale permesso, molto difficile da ottenere, rilasciato dalle autorità israeliane. Da quando il muro è stato completato in quest’area, i possessori di permessi possono entrare a Gerusalemme solo da 4 dei 16 check point esistenti, e solo a piedi! Questo senza considerare che i permessi perdono validità in caso di chiusura generale, usualmente in occasione delle festività ebraiche o di allarmi per la sicurezza.

Ma il muro è soltanto uno degli elementi di un più esteso sistema di restrizioni della libertà di movimento dei Palestinesi che vivono in Cisgiordania. Accanto ad esso, infatti, convivono ben 613 check point ed ostacoli vari situati lungo le principali strade ed accessi, a cui vanno aggiunti gli ulteriori 84 ostacoli presenti nella zona di Hebron controllata da Israele (cfr. OCHA, West Bank Movement and Access Update, giugno 2009).

In aggiunta, il sistema delle strade è sempre più caratterizzato dalla segregazione e dalla discriminazione su base razziale: centinaia di chilometri delle strade della West Bank (le migliori…) sono ristrette o del tutto vietate ai Palestinesi, mentre gli Israeliani possono percorrerle liberamente. Si calcola che circa un terzo dell’intera Cisgiordania – inclusa Gerusalemme est – sia vietata ai Palestinesi sprovvisti di speciale permesso rilasciato dalle autorità militari israeliane.

Queste inaudite restrizioni, che non a caso per molti configurano un vero e proprio regime di apartheid, non violano soltanto la libertà di movimento dei Palestinesi, ma impediscono loro di esercitare pienamente tutta un’ampia gamma di diritti umani fondamentali quali il diritto al lavoro, alla salute, all’educazione, ad un adeguato standard di vita.

Nonostante la decisione dell’ICJ, dunque, la costruzione del muro dell’illegalità continua, e Israele continua ad annettersi terra palestinese e a vessare in ogni modo la vita dei residenti della West Bank. Ma questo muro è anche il muro della vergogna, quella rappresentata dalla inaudita e complice inerzia della comunità internazionale di fronte ai crimini e ai misfatti posti in essere da Israele.

Nonostante l’art.1 della IV Convenzione di Ginevra imponga agli Stati che l’hanno sottoscritta l’impegno a farne rispettare le previsioni, Israele non solo non viene chiamata a rispondere delle sue sistematiche e spudorate violazioni del diritto umanitario, ma gli aiuti internazionali continuano ad affluire, come se niente fosse, nelle casse dello Stato ebraico.

Così, per esempio, gli Stati Uniti continuano a fornire ingenti aiuti economici e militari allo Stato di Israele, senza condizionarli in alcun modo al rispetto dei diritti umani; così, ad esempio, l’Unione Europea ancor oggi non ha la voglia o il coraggio di far valere quella clausola del rispetto dei diritti umani, all’interno e all’esterno di Israele, contenuta all’art.2 dell’accordo di associazione Eu-Israele.

E il permanere del sostegno internazionale ad Israele non solo significa venir meno all’obbligo degli Stati di assicurare il rispetto del diritto internazionale, ma rappresenta una vera e propria complicità nei crimini commessi a danno del popolo palestinese, contribuendo a creare un clima di sostanziale impunità per lo Stato ebraico.

Finché permarrà questo discutibile atteggiamento della comunità internazionale e finché verrà adottato il solito doppio standard di giudizio, consentendo se non giustificando ogni crimine, per quanto efferato, se commesso da Israele, la pace in medio oriente sarà soltanto un traguardo irraggiungibile.

E non è detto che a pagarne il prezzo saranno sempre e solo i Palestinesi.

 

Palestina News

 



Stampa la notizia: Palestina: il muro dell'illegalitÓ e della vergogna
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 14 Maggio 2009 - 19:46

 

pchr_gaza

PCHRPalestinian Centre for Human Rights

 

Ref: 07/2009

Date: 14 May 2009

 

 

 

War Crimes Against Children: new report on the 313 children killed during Gaza offensive

 

 

 

pchr_child_table1

 

 

 

A new report released today reveals the true extent of child killings by Israeli forces in the Gaza Strip during its 23 day offensive on Gaza between 27 December 2008 and 18 January 2009.

The Palestinian Centre for Human Rights (PCHR) is publishing War Crimes Against Children in response to the unprecedented number of children killed by Israeli forces in its latest operation; a total of 313 children under the age of eighteen. Containing numerous eye witness testimonies, the report brings to light Israel’s widespread targeting of unarmed civilians, including children, throughout the offensive.

 

‘Operation Cast Lead’ was the biggest Israeli military operation in the Gaza Strip in nearly 42 years of occupation. 1,414 Palestinians were killed, and PCHR investigations have found the overwhelming majority, 83 per cent, were civilians. One of the cases in the report is that of 18 month old Farah al-Helu, who was killed on 4 January. The al-Helu family had been told to evacuate their house in Zaytoun, eastern Gaza, but while they were attempting to flee, Israeli soldiers opened fire on them. Farah was shot in the stomach and bled to death two hours later.

 

 

 

pchr_child_table2

War Crimes Against Children exposes the abject failure of Israeli authorities to uphold international humanitarian law, which provides protection for children in armed conflict and the lack of adequate precautions taken to distinguish between civilians and military targets. The report also details indiscriminate shelling of homes and schools where internally displaced people were sheltering, the psychological impact of the offensive, and the alarming scale of physical injuries inflicted on young people.

 

“We are calling for an independent full-scale investigation into all documented attacks on civilians during the offensive,” said Raji Sourani, director of PCHR. “Israel must be held fully accountable for the crimes it has perpetrated against Gaza’s civilian population, including alleged war crimes against children. We cannot allow the lives of these children to just be statistics in the history books of the Middle East.”

 

PCHR is calling on the international community to urge Israel to respect and uphold the human rights of Palestinians in the Occupied Palestinian Territory. “Urgent measures are needed in order to prevent further deaths,” added Mr Sourani.

 

The Centre is also recommending the urgent establishment of an independent committee to investigate the child killings. The committee must meet international standards of independence and transparency and publish its findings publicly.

Read the report in English.

For more information or to arrange an interview with eye witnesses included in this report, please contact PCHR’s press officer on 00972-5988-27697 or pchr@pchrgaza.org

 

Editor’s notes:

 

1. War Crimes Against Children is released 14 May 2009.

 

2. PCHR uses the Convention on the Rights of the Child (CRC) definition of a ‘child’ as a boy or girl under the age of eighteen.

 

3. In addition to the 313 children who lost their lives at the hands of Israeli forces, seven Palestinian child combatants were also killed.

 

4. A list of the names of all 313 children killed is included as an appendix to the report.

 

5. PCHR was established in 1995 and is a non-governmental organisation based in Gaza City, dedicated to protecting human rights, promoting the rule of law and upholding democratic principles in the Occupied Palestinian Territory. It holds Special Consultative Status with the Economic and Social Council of the United Nations, is an affiliate of the International Commission of Jurists-Geneva, the Euro-Mediterranean Human Rights Network and the Arab Organization for Human Rights. PCHR received the 1996 French Republic Award on Human Rights and the 2002 Bruno Kreisky Award for Outstanding Achievements in the Area of Human Rights.

 



Stampa la notizia: War Crimes Against Children: 313 child killed during Gaza offensive
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 13 Maggio 2009 - 19:11

Io ci sarò ... 

 

ismitalia_torino_sfinge_1_600

 

 

ISM Italia: La Sfinge e Noi!

La Sfinge, quella gentile signora costretta a vivere tra i gas di scarico al centro della immensa rotonda all’uscita dell’autostrada Milano Torino, questa mattina, dopo aver letto il lirico peana su La Stampa, “Fiera scaccia crisi”, esageruma nèn, (di parere esattamente contrario sempre su La Stampa e sulla crisi Franco Bruni che titola “Economia, non bastano le aspirine” e la fiera non è nemmeno una aspirina), a firma di Ernesto Ferrero, ci ha chiamato: fate qualcosa in modo che io possa manifestare la mia indignazione per l’invito del mio paese come ospite d’onore e anche per il paragrafo finale del liricissimo peana:

“L’Egitto, Paese ospite d'onore, ci lascia due memento. La progettualità illuminata dei Tolomei, che nell’Alessandria ellenistica crearono un centro di studi avanzati per scienziati d'ogni disciplina, chiamati a fare ricerca. Il cosmopolitismo dei primi decenni del ‘900, modello di felice convivenza di culture e fedi diverse, cantato con accenti d’amoroso rimpianto dal greco Kavafis, dall’inglese Durrell e ora all’americano Aciman. Ricerca, dialogo: il Lingotto non è un’isola felice, ma un ponte gettato verso gli altri, soprattutto quelli che conosciamo meno. Perché il nostro destino è e sarà sempre di più intimamente legato al loro.”

ISM-Italia e il Circolo internazionalista di Torino si sono precipitati e hanno fatto il possibile per esprimere i sentimenti della Sfinge o meglio i suoi memento.

Passata per caso nei dintorni la Digos ha preso con sé i due pericolosissimi striscioni.

La Sfinge ci ha sussurrato all’orecchio: in Egitto il rispetto per i diritti umani è annegato nel Nilo, ma anche da voi le cose non devono andare benissimo se qualcuno sequestra i miei sentimenti-memento: Egitto go home! e Free Gaza!, senza parlare dei provvedimenti a dir poco razzisti in corso di approvazione nel vostro parlamento.

ISM- Italia

info@ism-italia.it

www.ism-italia.it under construction

“Verrà il tempo in cui i responsabili dei crimini contro l’umanità che hanno accompagnato il conflitto israelo-palestinese e altri conflitti in questo passaggio d’epoca, saranno chiamati a rispondere davanti ai tribunali degli uomini o della storia, accompagnati dai loro complici e da quanti in Occidente hanno scelto il silenzio, la viltà e l’opportunismo.”

 

*****

 

Torino/1. Comincia la Fiera del Libro. Contestazioni e meeting per denunciare la complicità dell'Egitto con l'assedio dei palestinesi a Gaza
 

Alla vigilia dall'inizio della ventiduesima edizione della Fiera del Libro, in programma a Torino dal 14 al 18 maggio, si animano le polemiche per la presenza dell'Egitto quale ospite d'onore. L'anno scorso sotto tiro era stata la decisione di avere come ospite d'onore Israele proprio nel sessantesima anniversario della Nakba (la pulizia etnica della Palestina) che portò alla nascita dello stato di Israele. Il Forum Palestina e l'assemblea Free Palestine di Torino hanno spiegato che intendono contestare con iniziative, banchetti in piazza, assemblee e presentazioni di libri alternative o interne alla Fiera, la decisione di dedicare questa edizione all'Egitto, un regime arabo ritenuto arbitrariamente "moderato" che collabora attivamente con Israele allo strangolamento dei palestinesi nella Striscia di Gaza tenendo chiuso il valico di Rafah e reprimendo ferocemente ogni opposizione interna.
 
Il Forum Palestina ha convocato una riunione nazionale a Torino proprio sabato 16 maggio per discutere il programma d'azione dei prossimi mesi e un Sit in davanti al Lingotto per ricordare a tutti la Nakba palestinese e il perdurante assedio di Gaza. Tra i primi a contestare la presenza dell'Egitto come paese ospite è stato Gianni Vattimo, già attivo lo scorso anno nella campagna di boicottaggio nei confronti della Fiera del Libro dedicata a Israele. Secondo il filosofo torinese è una vergogna."Sono scandalizzato e mi vergogno sempre di più di chi non ha il minimo di coscienza e organizza le manifestazioni a costo dei diritti umani, e di chi ci si riempie sempre la bocca" è il commento del filosofo torinese, che sostiene le motivazioni della campagna di boicottaggio-contestazione alla presenza dell'Egitto come paese ospite d'onore della Fiera internazionale del libro di Torino.

 

ismitalia_torino_sfinge_2_600

 
Torino/2. "Egitto go home!" e "Free Gaza!"
Due striscioni avvolgono la Sfinge all'entrata della città

Domani a Torino si inaugura l'annuale edizione della Fiera del Libro quest'anno dedicata all'Egitto. Ma nel capoluogo torinese sono già cominciate le contestazioni verso il paese ospite di questa edizione - l'Egitto - colpevole di complicità con Israele nell'assedio di un milione e mezzo di palestinesi nella Striscia di Gaza. La chiusura del valico di Rafah ha impedito e impedisce agli aiuti raccolti dalla solidarietà internazionale di arrivare alla popolazione palestinese ormai devastata da tre anni di embargo e di blocco totale sia sul versante israeliano che su quello egiziano.
 
Questa mattina la Sfinge che accoglie gli automobilisti in arrivo a Torino, ha gridato la sua protesta attraverso due striscioni che l'hanno avvolta: "Egitto go home" e "Free Gaza" campeggiavano sui due striscioni realizzati da International Solidariety Movement e Circoli internazionalisti chiarendo il senso delle iniziative di contestazione che si ripeteranno a Torino per tutta la durata della Fiera del Libro. Il grido di protesta della Sfinge è terminato quando l'arrivo degli agenti della Digos ha tolto i due striscioni.

info: www.forumpalestina.org

 



Stampa la notizia: Torino Fiera del Libro: La Sfinge Parla Per Gaza
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 10 Maggio 2009 - 18:29

 

 

http://www.pchrgaza.org/files/PressR/English/2008/gaza.pdf

Central Magistrates Court no. Four

National High Court

Madrid

Preliminary Proceedings no.: 157/2008

RULING

Madrid, on the fourth of May of the year two thousand nine

BACKGROUND FACTS

ONE - The Public Prosecutor’s Office presented a writ, on occasion of the transfer of documents sent by the authorities of Israel, in which it requests that the competence of the facts subject matter of the suit giving rise to these proceedings be declared without effect, together with all formalities ordered, and that action be temporarily stayed, on the basis of the facts and legal grounds submitted in its writ, which are deemed reproduced herein.

TWO – The Prosecutor’s request was served to the complainant and personal accusations, who responded with respective writs in which they object to the request made by the Public Prosecutor’s Office, giving the facts and legal grounds on which they base their objections, which are also considered reproduced herein.

LEGAL ARGUMENTS

ONE – The Public Prosecutor presented a writ requesting that “that the competence to judge the facts subject matter of the suit giving rise to these proceedings be declared without effect, due to the preferential character of the jurisdiction of the State where the facts were committed, together with all formalities ordered”, and consequent “provisional stay of action.”

This request is made by virtue of review of the documents submitted by the State of Israel and received in this Court after this Court had issued a Ruling allowing the suit, dated 21/01/2009.

The Public Prosecutor argues that the documents submitted by Israel report the existence of two proceedings:

“1. Review by the Military Advocate General and the Attorney General of Israel: the Shehadeh incident was the subject matter of a military investigation reviewed by the Military Advocate General; it was also the subject matter of an investigation by the Attorney General following several suits filed directly before it.

2. Judicial review by the Supreme Court of Israel. Several petitions were submitted to the Supreme Court of Israel in connection with the plan for the selection of terrorist targets by Israel.”

After referring to jurisprudential doctrine which it believes is applicable to the case, it points out that “As a corollary, note should be made that the investigation carried out the competent Authorities of Israel, irrespective of its final result, responds to the minimum norms required by the rule of law: the judicial authorities, at different levels, particularly through the system of resources provided in its legal system, have adopted decisions that fully satisfy –from a constitutional perspective- the requirements arising from the application of the right to effective court protection by an independent and impartial justice.

TWO – Before examining and assessing the documents submitted in this case, referred to by the Public Prosecutor’s Office in its writ, two matters must be clarified in respect to response to the request made:

First of all, the Prosecutor believes that the competence must be declared without effect “due to the preferential character of the jurisdiction of the State where the acts were committed.” Let us recall that the acts occurred in the City of Gaza, and that the entire international community accepts, without any discussion, that said territory is not part of the State of Israel.

In respect to this matter it suffices to read paragraph 2 of page 3 of appendix A-2 of the documents submitted by the authorities of Israel, in which the State Attorney of Israel points out: “Regarding acts committed in the territory of the Gaza Strip, they are currently acts committed on foreign territory, outside the territory of the State, in which the State of Israel does not exercise a military occupation, and which initially is similar to the territory of a foreign country in which acts of war are committed against the state of Israel.”

The second matter has to do with consistency of its final petition, because “declaring competence to judge the facts subject matter of this suit to be without effect” is hardly compatible with ordering the provisional stay of action, as requested. If Spanish jurisdiction is not competent to judge the facts subject matter of the suit, there is no other procedural solution other than the definite stay of the proceedings and dismissal of the suit.

THREE- In respect to the analysis of the actions carried out by the authorities of Israel in connection with the events under consideration, and in view of the documents submitted, the facts that we have established are the following:

 



Leggi tutto... (48622 byte rimanenti) Stampa la notizia: Audiencia Nacional Spagna: il Procedimento Prosegue!
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro