Iraq

Di seguito c'Ŕ la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome Soggetto: Iraq

Vedi tutti gli articolo di questo soggetto.

Inviato da : edvino.ugolini - Sabato, 15 Ottobre 2011 - 14:57

 

 

 

 

maratona_iraq_600

 

 

 Maratona Iraq

 

1300 atleti hanno partecipato alla prima maratona dell'Iraq che si è svolta a margine della terza conferenza dell'Iniziativa di Solidarietà con la società civile irachena dal 8 al 9 ottobre a Erbil (Kurdistan iracheno).

 

 



Stampa la notizia: Maratona dell'Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 02 Marzo 2009 - 16:28

Exclusive:

The Iraqi Resistance Responds to President Obama

Rafidan
The Political Committee
Baghdad The Republic of Iraq

Statement in Response to President Obama’s Remarks made on the 27th or February 2009 regarding the proclaimed ending to the occupation of The Republic of Iraq.

Official English Transcript Release No: 57

March 02, 2009 "Information Clearing House" --

Good Evening,

In Respect to the remarks of President Barak Hussain Obama, The president of the United States of America. The Political Committee of a number of factions in the Iraqi Resistance, mainly the factions present in our front, respond with our point of view on the contents of his speech.

Over the last four months, as the battle of our people continues to free Iraq of all foreign occupation. We have been studying the movements on the ground as well as analyzing the intelligence in order to assess the next strategy that the US administration will take under the leadership of the new presidency.

We had formulated our own plan of action based on the above mentioned, but have chosen to give the new president enough time to gather his thoughts and have a suitable amount of reports & briefings that would give him also a good picture of the daily developments on the ground.

President Obama, After listening to your speech on the 27th of February 2009, in which you declared your general and public understanding of the ongoing war against our people, and gave your military and the honorable people of the United States brief points on your intentions in our country, we felt the spirit of the speech that your predecessor President JFK gave on the 20<sup>th</sup> of January 1961, on his inaugural address. In this speech, he offered a turbulent world, a way out of tensions and paid with his own blood for challenging the interests of those in your consecutive governments who hold the true keys to power. Those who would do anything to preserve their interests, wealth, & power to create wars & conflict.

We mention this with great honesty in hope to spread awareness and remembrance that a new Caesar may be betrayed, by his own, if he chooses to follow a different path. We do believe, on the other hand, that the spirit of the speech was well chosen.

We have listened well to your economic plans for your country released before this speech as well, and as ambitious as it may seem, we believe that if intentions are genuine within your congress, a considerable number of what you seek will eventually be fulfilled, but in case of failure, the republicans will be looking for a scapegoat to relate all their failures to. In this case it would be your administration. This will guarantee them a fast comeback.

You have inherited a nation at war, a failed economy, and a desperate people who are bearing the full brunt of an economic crisis that was not of their making. As well as thousands of young men dead and handicapped.

We have inherited a foreign occupation, endless counts of innocent dead, injured, and handicapped, millions of refugees, in essence, Mr. President, the complete and planned disintegration of our nation and people.

We believe that the funds wasted in this war would have been more useful if it were spent on research to develop alternative energy, which no doubt would have reduced energy conflicts, cures for cancer, agricultural solutions to prevent worldwide poverty, advancements to develop Africa, where people still die of starvation and intentional neglect. Endless causes, all in need of immediate attention.

By the will of God almighty, the resilience of our men, and the patience of our humble people, we have so far managed to halt and render useless all imperialist agendas set for Iraq and the region in whole. Simply by choosing to resist occupation, a right guaranteed by God first and then by international conventions to all men. A right your country’s policies continue to disrespect and dishonor, in clear example to state sponsored Terrorism.

You have spoken to our people in part of your speech, and we thank you for these words, you have displayed a far better understanding our nation, than your predecessor, who preferred to dive deep into the oceans of illiteracy and ignorance. Despite the fact that you did not mention the Iraqi resistance in your speech, and chose to label us as terrorists along with those who arrived with your troops, we will set that aside for now, and mention a few facts for the record.

1- The people of Iraq whom you addressed, in all their sects colors and religions, refuse your occupation, and those who accept it, are those who benefit from it.

2- The Iraqis you addressed, as we truly hope, are not the ones who bathe in the riches of treason, behind your walls of the green zone, nor are they the likes of Ahmed Al Chalabi, whom your previous government conspired with and his likes from the dark alleys of 5 star hotels in the US and Europe prior to your occupation.

3- The Iraqi people you talked to, are those who never invited your occupation, and were trying their best to survive on what was possible, under the criminal sanctions that went on for 13 years only to be crowned with a foreign occupation, unmatched in criminal acts, in today’s modern world.

President Obama, The suffering, that our people had to go through is beyond comprehension. And the endless crimes of your troops as well as that of neighboring countries, cannot simply be undone or dismissed, nor can they be brushed under the carpet. Your troops still occupy the land and kill the innocent, that is why we can only address you as the president of an occupying nation.

The Iraqi People are disappointed in your plan. They expect your troops to leave our country in full and not in part. Our people, seek a complete end of occupation and not the fulfillment of a strategic treaty that was rushed against the will of our people, in the last few days of your predecessor.

Our people, as well as the majority of people around the world, and in your country, want to see the last president be presented to an international war crime tribunal for all the crimes he has committed in the name of your country, only to benefit those who brought him to power in the first place.

We have never invited your occupation, nor have we asked your country to steal our country’s resources to benefit your corporations and to those neighboring states which historically fall under your influence. We have never asked you for your precious blood or ours, to us, all blood is precious even that of the your soldiers sent by your government to die not knowing what they were truly fighting for. This has to be addressed to the man who started this war, and is hiding now in Texas, while you try to undo his damage.

We the Iraqi People and their resistance demand the following:

see also ... 



Leggi tutto... (26551 byte rimanenti) Stampa la notizia: La Resistenza Irachena risponde al Presidente Obama
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 01 Febbraio 2009 - 23:28

 

irismovL'ipotesi è verosimile, meno fantascientifica di quanto sembri, e gli israeliani passerebbero per le case dei kurdi iraniani per andare in Iraq, assorbendo prima un bel pezzetto di Iran. Ovviamente tutto ciò sottintende, che Israele farebbe inoltre completa piazza pulita dei Palestinesi iracheni. (La nuova bandiera irachena la ricordate? Per rispolverare la memoria: clicca qui!)

Israele, infatti, ha visto bene con il Libano nel 2006, che il suo allargamento non potrà coinvolgere paesi come Siria e Giordania, idem per il Libano stesso. Ma ricordiamo che Israele è un prodotto americano e comunque lavora al progetto di sfondamento della "striscia petrolifera commerciale", o meglio Israele lavora all'apertura del fronte commerciale aperto contro le statalizzazioni petrolifere locali. Questa era la colpa di Saddam: aver statalizzato l'Oro Nero.

 

more_accurate_flag_by_benheine_th

 

Israel hopes to colonize parts of Iraq

as ‘Greater Israel’

By Wayne Madsen Online Journal Contributing Writer

Jan 30, 2009, 00:20

 

(WMR) -- Israeli expansionists, their intentions to take full control of the West Bank and the Gaza Strip and permanently keep the Golan Heights of Syria and expand into southern Lebanon already well known, also have their eyes on parts of Iraq considered part of a biblical “Greater Israel.”

Israel reportedly has plans to relocate thousands of Kurdish Jews from Israel, including expatriates from Kurdish Iran, to the Iraqi cities of Mosul and Nineveh under the guise of religious pilgrimages to ancient Jewish religious shrines. According to Kurdish sources, the Israelis are secretly working with the Kurdistan Regional Government (KRG) to carry out the integration of Kurdish and other Jews into areas of Iraq under control of the KRG.

Kurdish, Iraqi Sunni Muslims, and Turkmen have noted that Kurdish Israelis began to buy land in Iraqi Kurdistan, after the U.S. invasion in 2003, that is considered historical Jewish “property.”

The Israelis are particularly interested in the shrine of the Jewish prophet Nahum in al Qush, the prophet Jonah in Mosul, and the tomb of the prophet Daniel in Kirkuk. Israelis are also trying to claim Jewish “properties” outside of the Kurdish region, including the shrine of Ezekiel in the village of al-Kifl in Babel Province near Najaf and the tomb of Ezra in al-Uzayr in Misan Province, near Basra, both in southern Iraq’s Shi’a-dominated territory. Israeli expansionists consider these shrines and tombs as much a part of “Greater Israel” as Jerusalem and the West Bank, which they call “Judea and Samaria.”

Kurdish and Iraqi sources report that Israel’s Mossad is working hand-in-hand with Israeli companies and “tourists” to stake a claim to the Jewish “properties” of Israel in Iraq. The Mossad has already been heavily involved in training the Kurdish Pesha Merga military forces.

Reportedly assisting the Israelis are foreign mercenaries paid for by U.S. Christian evangelical circles that support the concept of “Christian Zionism.”

Iraqi nationalists charge that the Israeli expansion into Iraq is supported by both major Kurdish factions, including the Patriotic Union of Kurdistan headed by Iraq’s nominal President Jalal Talabani. Talabani’s son, Qubad Talabani, serves as the KRG’s representative in Washington, where he lives with his wife Sherri Kraham, who is Jewish.

Also supporting the Israeli land acquisition activities is the Kurdistan Democratic Party, headed by Massoud Barzani, the president of the KRG. One of Barzani’s five sons, Binjirfan Barzani, is reportedly heavily involved with the Israelis.

The Israelis and their Christian Zionist supporters enter Iraq not through Baghdad but through Turkey. In order to depopulate residents of lands the Israelis claim, Mossad operatives and Christian Zionist mercenaries are staging terrorist attacks against Chaldean Christians, particularly in Nineveh, Irbil, al-Hamdaniya, Bartalah, Talasqaf, Batnayah, Bashiqah, Elkosheven, Uqrah, and Mosul.

These attacks by the Israelis and their allies are usually reported as being the responsibility of “Al Qaeda” and other Islamic “jihadists.”

The ultimate aim of the Israelis is to depopulate the Christian population in and around Mosul and claim the land as biblical Jewish land that is part of “Greater Israel.” The Israeli/Christian Zionist operation is a replay of the depopulation of the Palestinians in the British mandate of Palestine after World War II.

In June 2003, a delegation of Israelis visited Mosul and said that it was Israel’s intentions, with the assistance of Barzani, to establish Israeli control of the shrine of Jonah in Mosul and the shrine of Nahum in the Mosul plains. The Israelis said Israeli and Iranian Jewish pilgrims would travel via Turkey to the area of Mosul and take over lands where Iraqi Christians lived.

Previously published in the Wayne Madsen Report.

Copyright © 2008 WayneMadenReport.com

Wayne Madsen is a Washington, DC-based investigative journalist and nationally-distributed columnist. He is the editor and publisher of the

Wayne Madsen Report (subscription required).

Online Journal

 



Stampa la notizia: Israel hopes to colonize parts of Iraq as "Greater Israel"
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 31 Gennaio 2009 - 20:46

Copio e incollo, come memoria storica, perché questa vicenda la conoscevo ma trovo ora il servizio di rainews 24. Per una volta sono io in ritardo, ma è capitato che sia io, che Uruknet, ed anche altri come Kelebekler, si abbia avuto quanto a pubblicazioni di fatti e dati, un anticipo di anche un anno intero sui servizi del pur ottimo Torrealta.

Ho deciso che, non appena Andrea mi sistema i vari tag, il primo video che pubblicherò sarà l'appello per Gaza rifiutato da BBC, perché dentro c'è una parte importante del web italiano... A proposito, la bbc è stata occupata pacificamente dai ragazzi del collettivo Stop War di Manchester, li potete vedere a questo link: http://www.manchesterstopwar.org/

 

8 Ottobre 2008
 
L’ACCUSA DEL VETERANO LA TERZA BOMBA NUCLEARE
 
 
di Maurizio Torrealta con la collaborazione di Alessandro Rampietti

 

Nell’inchiesta un veterano americano che ha partecipato a “Desert Storm”, accusa l’Amministrazione americana di aver utilizzato una piccola bomba nucleare a penetrazione di 5 chilotoni di potenza nella zona tra la città irachena di Basra ed il confine con l’Iran.

 

Jim BrownPer controllare queste dichiarazioni Rainews24 ha cercato di verificare se durante la prima guerra del Golfo era stato registrato un evento sismico pari a 5 chilotoni. Consultando l’archivio "on line" del "Sismological International Center" ha trovato che proprio nella zona descritta dal veterano, era stato registrato un evento sismico di potenza corrispondente a 5 chilotoni, l’ ultimo giorno del conflitto.

Si tratta dunque di un indizio che richiede lo sviluppo di un vasto lavoro di verifiche che noi di Rainews24 vogliamo svolgere coinvolgendo giornalisti di altri paesi, i centri sismici che hanno registrato l'evento ai quali richiediamo ulteriori dati sulle onde sismiche, e le organizzazioni internazionali preposte al monitoraggio nucleare.

La redazione ha deciso di trasmettere questa intervista perché la situazione sanitaria a Basra ha raggiunto livelli di pericolosità davvero critici: i decessi annuali per tumore, secondo il responsabile del reparto oncologico dell’ ospedale di Basra , Dott Jawad Al Ali , sono aumentati da 32 nel 1989 (prima della guerra del Golfo) a più di 600 nel 2002. Il Dipartimento della Difesa statunitense chiamato ad esprimersi sulle accuse del veterano ha dichiarato che durante “Desert Storm” sono state utilizzate solo armi convenzionali.
 
Documenti:
 
- Note su Jim Brown
- Il testo della nostra inchiesta in italiano ed inglese
- Il video (in italiano e in inglese)
- I dati sulla situazione sanitaria a Basra (immagini, anche molto crude e realistiche, raccolta dal Dr. Jawad al Ali, oncologo dell'ospedale di Bassora) (PowerPoint file - 1,33 MB)
- I dati sugli eventi sismici nell area nel mese di Febbraio 1991 rilevati sul sito dell'ISC - Il dato sismico di magnitudo 4.2 che abbiamo individuato durante desert storm
- La tavola di confronto tra Chilotoni e Scala Richter [file doc]
- I dati simici rintracciati nel sito della rete di monitoraggio sismico NORSAR relativi ai giorni 1, 2 e 3 marzo 2002 In Afghanistan

 



Stampa la notizia: La terza bomba atomica a Basrah
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 01 Marzo 2006 - 12:35

 

 

T r e   a n n i   I r a q

 Carissimi tutti,

il 20 marzo prossimo ricorre il 3 anno consecutivo di occupazione dello stato sovrano chiamato Iraq, luogo a tutti conosciuto fin dall'infanzia come la "culla della civilt?" sorta tra le sponde dei fiumi Tigri e Eufrate. Era proprio nella notte del 20 marzo che l'Impero dava il via ai pesanti bombardamenti di Baghdad, la citt? delle mille e una notte ...

Tre lunghissimi anni, nel corso dei quali la gente irachena ha vissuto ogni sorta di orrore dovuto alla crudelt? ed alla vile idiozia dell'esercito americano occupante.

Dove prima c'era uno Stato sovrano ora sopravvive un enorme cumulo di macerie reali e politiche, perch? le politiche imperialiste americane hanno voluto determinare anche lo scontro fratricida tra le differenti fazioni dell'Islam.

Centinaia di migliaia i morti.

Quasi cento i giornalisti uccisi provenienti da tutte le nazioni del pianeta

Citt?, Moschee, Musei ed opere dell'arte pi? antica della Terra sono stati distrutti, danneggiati e/o rubati.

Dobbiamo dire basta.

Ancora una volta dobbiamo impegnarci in prima persona per dire basta allo scempio di una guerra razzista dell'impero americano contro gli uomini mediorientali dalla pelle scura.

Gli americani, rappresentati dalle loro amministrazioni, sono il popolo cui sono direttamente attribuibili milioni e milioni di morti per gli scoppi delle bombe, per le atomiche giapponesi ed ora per gli armamenti all'uranio impoverito usati per far strage delle popolazioni inermi in Iraq, in Afghanistan e in Kosovo.

Chi vi scrive ha la piena consapevolezza di vivere in un paese occupato dagli americani da pi? di 60 anni, ovvero dalla fine della seconda guerra mondiale, che attualmente viene utilizzato come avamposto armato e deposito di ogni sorta di altra attrezzatura bellica stipata nelle oltre 100 basi nato.

L'Italia ? un paese occupato da organizzazioni economico necrofaghe, come l'americana C.A.R.E., che da 60 anni ha le mani infilate nel portafoglio dei nostri governo e con estrema presunzione assume anche personale italiano per le proprie iniziative economiche di sfruttamento dei molteplici casus bellii planetari.

Vi invito quindi ad avere il coraggio morale e civile di affermare insieme a tutti noi quelle verit? della storia, che conducono immancabilmente alle verit? di oggi. Cio? che le politiche dell'impero commerciale americano mirano al monopolio delle principali risorse: anche a costo di strapparle ai popoli uccidendo donne, vecchi e bambini.

Per un 18 marzo che sia davvero indignato dagli orrori iracheni.

Loredana Morandi

 



Stampa la notizia: IRAQ 3 ANNI - INVITO AL 18 MARZO 2006
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 23 Febbraio 2006 - 17:38

 

 

la Moschea di Samarra dopo l'ingresso degli Americani in Iraq ...

la Moschea prima degli Americani...

No, non sono stati loro. Non questa volta. Ma sono loro da 3 anni che invadono un paese per sfruttarlo per il petrolio. Qui in Italia alcuni amministratori e politici di sinistra hanno preso una grossa sbandata cara gente del movimento. Spiegate come mai vi ritrovate a pendere dalle labbra di gente al soldo Nato e stipendio milionario, quando nulla essi sanno della pace e godono dello stato di occupazione americana in Italia.

 



Stampa la notizia: Samarra ...
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 23 Febbraio 2006 - 16:24

 

 

  L?intervista ad Al Kaisi andr? in onda oggi,
su RaiNews24 alle 7.40 e poi alle 17.45 su RaiTre.
E' disponibile anche sul sito di RaiNews24.



Leggi tutto... (8465 byte rimanenti) Stampa la notizia: Parla l'incappucciato di Abu Ghraib: da non perdere in Tv
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 21 Dicembre 2005 - 13:53

 

 

iraq e ...

bulgari, rumeni, ucraini, kazakistani & co

... con tutte le bandierine

bulgari, dalla bulgaria, di stanza a diwaniya all'arrivo in aereoporto

kazakistani a kut, sud di baghdad, iraq

ucraini, dall' Ucraina, sempre a kut

rumeni dalla Romania

australiani, dall' australia, a samawa

RITIRO DELLE TRUPPE ITALIANE: SUBITO !

 



Stampa la notizia: Iraq e ... bulgari, rumeni, ucraini, kazakistani & co ..
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 10 Dicembre 2005 - 08:55

 
Fare le scarpe a Najaf.
Allawi, la Shia e la Resistenza Irachena

a76

di Antiamericanista 
 
Per tutti quelli che, come me, sono inorriditi dalle saccenti sintesi giornalistiche sulla composizione etnico-religiosa dell?Iraq; per chi legge con sconforto notizie assemblate con i piedi, ? stata una gioia ed un gustoso paradosso sentire che i fedeli in preghiera a Najaf (citt? santa per la Shia) le scarpe le abbiano utilizzate per colpire la capoccia di quel criminale fantoccio che ? Allawi.
Immagino il cortocircuito che si sar? creato nella testa di molti: ?ma come, ma se sono sciiti? Perch? mai contestare (anzi, tentare addirittura di uccidere) il rappresentante di quel governo che gli sciiti hanno eletto rischiando la vita??. Ebbene, la situazione, grazie a Dio, non ? affatto cos?, per quanto questo possa sembrare strano a chi ? abituato all?associazione sciita-moderato e sunnita-guerrigliero/terrorista, in nome della propaganda occidentale secondo la quale la Resistenza ? sunnita, ed il governo sciita e curdo, e quindi i cattivi sono i terroristi sunniti mentre gli sciiti sono bravi e moderati, mentre i curdi, che quando lottano nella Turchia sionista e filoamericana sono pericolosi terroristi, in Iraq sono ?martiri della libert??; per quanto ? strano agli occhi dell?occidentale tutto ci? che ricada al di fuori degli schemi attraverso i quali viceversa pretende di inglobare e spiegare la realt?, schemi preconfezionati e funzionali alle logiche di irregimentazione mediatica imperialista, fedeli alla Maest? imperialista pi? che alla Realt?.
 
segue ...


Leggi tutto... (18866 byte rimanenti) Stampa la notizia: Fare le scarpe a Najaf. Allawi, la Shia e la Resistenza Irachena
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 09 Dicembre 2005 - 10:19

 

Abu Qatada
appello per il rilascio degli ostaggi in Iraq

fonte: The Guardian - www.guardian.co.uk
tradotto aqidah - www.islamitalia.co.nr
mercoledi' , 7 dicembre, 2005

Sheikh Abu Qatada, considerato uno dei religiosi piu' influenti in Europa, ha richiesto al gruppo militante "Le Spade della Verita', che tiene  in ostaggio un gruppo di pacifisti, di rilasciare gli ostaggi.
Nel video mostrato da Al-Jazeera e al-Arabya, Abu Qatada richiama i rapitori di non uccidere gli ostaggi e di rilasciarli in accordo a causa di ragioni politiche.
" Io, il vostro fratello Abu Qatada.. chiedo ai miei fratelli delle Spade della Verita' in Iraq, che tengono prigionieri i quattro attivisti pacifisti cristiani, di rilasciarli in accordo al principio fondamentale di misericordia presente nella nostra fede".
" Il nostro Profeta disse che deve essere mostrata misericordia, a meno che vi sia una ragione nella Shariah che lo inmpedisca." Ha aggiunto Abu Qatada.
Il video e le dichiarazioni sono un'iniziativa di Abu Qatada stesso, realizzate con la collaborazione delle autorita' britanniche, in quanto Qatada sta scontando una condanna nel carcere di Full Sutton, nei pressi di York, per links in associazione con al-Qaida.
Abu Qatada ha sempre smentito qualsiasi associazione con tale organizzazione o di aver mai incontrato Osama Bin Laden.
Abu Qatada, il quale ottenne asilo politico nel Regno Unito nel 1993, e' considerato uno dei religiosi piu' influenti d'Europa.
Come lui, altri religiosi hanno fatto appello per il rilascio degli ostaggi sin dal 26 di novembre.
Il Ministro britannico per gli Affari Esteri ha dichiarato che l'appello e' un'iniziativa di Qatada e che nessuna riduzione di pena o nessun accordo e' mai stato stipulato, e che questa azione non avra' alcuna influenza in un futuro processo.

 



Stampa la notizia: Abu Qatada - appello per il rilascio degli ostaggi in Iraq
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro