Iraq

Di seguito c'Ŕ la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome Soggetto: Iraq

Inviato da : edvino.ugolini - Sabato, 15 Ottobre 2011 - 14:57

 

 

 

 

maratona_iraq_600

 

 

 Maratona Iraq

 

1300 atleti hanno partecipato alla prima maratona dell'Iraq che si è svolta a margine della terza conferenza dell'Iniziativa di Solidarietà con la società civile irachena dal 8 al 9 ottobre a Erbil (Kurdistan iracheno).

 

 



Stampa la notizia: Maratona dell'Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 02 Marzo 2009 - 16:28

Exclusive:

The Iraqi Resistance Responds to President Obama

Rafidan
The Political Committee
Baghdad The Republic of Iraq

Statement in Response to President Obama’s Remarks made on the 27th or February 2009 regarding the proclaimed ending to the occupation of The Republic of Iraq.

Official English Transcript Release No: 57

March 02, 2009 "Information Clearing House" --

Good Evening,

In Respect to the remarks of President Barak Hussain Obama, The president of the United States of America. The Political Committee of a number of factions in the Iraqi Resistance, mainly the factions present in our front, respond with our point of view on the contents of his speech.

Over the last four months, as the battle of our people continues to free Iraq of all foreign occupation. We have been studying the movements on the ground as well as analyzing the intelligence in order to assess the next strategy that the US administration will take under the leadership of the new presidency.

We had formulated our own plan of action based on the above mentioned, but have chosen to give the new president enough time to gather his thoughts and have a suitable amount of reports & briefings that would give him also a good picture of the daily developments on the ground.

President Obama, After listening to your speech on the 27th of February 2009, in which you declared your general and public understanding of the ongoing war against our people, and gave your military and the honorable people of the United States brief points on your intentions in our country, we felt the spirit of the speech that your predecessor President JFK gave on the 20<sup>th</sup> of January 1961, on his inaugural address. In this speech, he offered a turbulent world, a way out of tensions and paid with his own blood for challenging the interests of those in your consecutive governments who hold the true keys to power. Those who would do anything to preserve their interests, wealth, & power to create wars & conflict.

We mention this with great honesty in hope to spread awareness and remembrance that a new Caesar may be betrayed, by his own, if he chooses to follow a different path. We do believe, on the other hand, that the spirit of the speech was well chosen.

We have listened well to your economic plans for your country released before this speech as well, and as ambitious as it may seem, we believe that if intentions are genuine within your congress, a considerable number of what you seek will eventually be fulfilled, but in case of failure, the republicans will be looking for a scapegoat to relate all their failures to. In this case it would be your administration. This will guarantee them a fast comeback.

You have inherited a nation at war, a failed economy, and a desperate people who are bearing the full brunt of an economic crisis that was not of their making. As well as thousands of young men dead and handicapped.

We have inherited a foreign occupation, endless counts of innocent dead, injured, and handicapped, millions of refugees, in essence, Mr. President, the complete and planned disintegration of our nation and people.

We believe that the funds wasted in this war would have been more useful if it were spent on research to develop alternative energy, which no doubt would have reduced energy conflicts, cures for cancer, agricultural solutions to prevent worldwide poverty, advancements to develop Africa, where people still die of starvation and intentional neglect. Endless causes, all in need of immediate attention.

By the will of God almighty, the resilience of our men, and the patience of our humble people, we have so far managed to halt and render useless all imperialist agendas set for Iraq and the region in whole. Simply by choosing to resist occupation, a right guaranteed by God first and then by international conventions to all men. A right your country’s policies continue to disrespect and dishonor, in clear example to state sponsored Terrorism.

You have spoken to our people in part of your speech, and we thank you for these words, you have displayed a far better understanding our nation, than your predecessor, who preferred to dive deep into the oceans of illiteracy and ignorance. Despite the fact that you did not mention the Iraqi resistance in your speech, and chose to label us as terrorists along with those who arrived with your troops, we will set that aside for now, and mention a few facts for the record.

1- The people of Iraq whom you addressed, in all their sects colors and religions, refuse your occupation, and those who accept it, are those who benefit from it.

2- The Iraqis you addressed, as we truly hope, are not the ones who bathe in the riches of treason, behind your walls of the green zone, nor are they the likes of Ahmed Al Chalabi, whom your previous government conspired with and his likes from the dark alleys of 5 star hotels in the US and Europe prior to your occupation.

3- The Iraqi people you talked to, are those who never invited your occupation, and were trying their best to survive on what was possible, under the criminal sanctions that went on for 13 years only to be crowned with a foreign occupation, unmatched in criminal acts, in today’s modern world.

President Obama, The suffering, that our people had to go through is beyond comprehension. And the endless crimes of your troops as well as that of neighboring countries, cannot simply be undone or dismissed, nor can they be brushed under the carpet. Your troops still occupy the land and kill the innocent, that is why we can only address you as the president of an occupying nation.

The Iraqi People are disappointed in your plan. They expect your troops to leave our country in full and not in part. Our people, seek a complete end of occupation and not the fulfillment of a strategic treaty that was rushed against the will of our people, in the last few days of your predecessor.

Our people, as well as the majority of people around the world, and in your country, want to see the last president be presented to an international war crime tribunal for all the crimes he has committed in the name of your country, only to benefit those who brought him to power in the first place.

We have never invited your occupation, nor have we asked your country to steal our country’s resources to benefit your corporations and to those neighboring states which historically fall under your influence. We have never asked you for your precious blood or ours, to us, all blood is precious even that of the your soldiers sent by your government to die not knowing what they were truly fighting for. This has to be addressed to the man who started this war, and is hiding now in Texas, while you try to undo his damage.

We the Iraqi People and their resistance demand the following:

see also ... 



Leggi tutto... (26551 byte rimanenti) Stampa la notizia: La Resistenza Irachena risponde al Presidente Obama
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 01 Febbraio 2009 - 23:28

 

irismovL'ipotesi è verosimile, meno fantascientifica di quanto sembri, e gli israeliani passerebbero per le case dei kurdi iraniani per andare in Iraq, assorbendo prima un bel pezzetto di Iran. Ovviamente tutto ciò sottintende, che Israele farebbe inoltre completa piazza pulita dei Palestinesi iracheni. (La nuova bandiera irachena la ricordate? Per rispolverare la memoria: clicca qui!)

Israele, infatti, ha visto bene con il Libano nel 2006, che il suo allargamento non potrà coinvolgere paesi come Siria e Giordania, idem per il Libano stesso. Ma ricordiamo che Israele è un prodotto americano e comunque lavora al progetto di sfondamento della "striscia petrolifera commerciale", o meglio Israele lavora all'apertura del fronte commerciale aperto contro le statalizzazioni petrolifere locali. Questa era la colpa di Saddam: aver statalizzato l'Oro Nero.

 

more_accurate_flag_by_benheine_th

 

Israel hopes to colonize parts of Iraq

as ‘Greater Israel’

By Wayne Madsen Online Journal Contributing Writer

Jan 30, 2009, 00:20

 

(WMR) -- Israeli expansionists, their intentions to take full control of the West Bank and the Gaza Strip and permanently keep the Golan Heights of Syria and expand into southern Lebanon already well known, also have their eyes on parts of Iraq considered part of a biblical “Greater Israel.”

Israel reportedly has plans to relocate thousands of Kurdish Jews from Israel, including expatriates from Kurdish Iran, to the Iraqi cities of Mosul and Nineveh under the guise of religious pilgrimages to ancient Jewish religious shrines. According to Kurdish sources, the Israelis are secretly working with the Kurdistan Regional Government (KRG) to carry out the integration of Kurdish and other Jews into areas of Iraq under control of the KRG.

Kurdish, Iraqi Sunni Muslims, and Turkmen have noted that Kurdish Israelis began to buy land in Iraqi Kurdistan, after the U.S. invasion in 2003, that is considered historical Jewish “property.”

The Israelis are particularly interested in the shrine of the Jewish prophet Nahum in al Qush, the prophet Jonah in Mosul, and the tomb of the prophet Daniel in Kirkuk. Israelis are also trying to claim Jewish “properties” outside of the Kurdish region, including the shrine of Ezekiel in the village of al-Kifl in Babel Province near Najaf and the tomb of Ezra in al-Uzayr in Misan Province, near Basra, both in southern Iraq’s Shi’a-dominated territory. Israeli expansionists consider these shrines and tombs as much a part of “Greater Israel” as Jerusalem and the West Bank, which they call “Judea and Samaria.”

Kurdish and Iraqi sources report that Israel’s Mossad is working hand-in-hand with Israeli companies and “tourists” to stake a claim to the Jewish “properties” of Israel in Iraq. The Mossad has already been heavily involved in training the Kurdish Pesha Merga military forces.

Reportedly assisting the Israelis are foreign mercenaries paid for by U.S. Christian evangelical circles that support the concept of “Christian Zionism.”

Iraqi nationalists charge that the Israeli expansion into Iraq is supported by both major Kurdish factions, including the Patriotic Union of Kurdistan headed by Iraq’s nominal President Jalal Talabani. Talabani’s son, Qubad Talabani, serves as the KRG’s representative in Washington, where he lives with his wife Sherri Kraham, who is Jewish.

Also supporting the Israeli land acquisition activities is the Kurdistan Democratic Party, headed by Massoud Barzani, the president of the KRG. One of Barzani’s five sons, Binjirfan Barzani, is reportedly heavily involved with the Israelis.

The Israelis and their Christian Zionist supporters enter Iraq not through Baghdad but through Turkey. In order to depopulate residents of lands the Israelis claim, Mossad operatives and Christian Zionist mercenaries are staging terrorist attacks against Chaldean Christians, particularly in Nineveh, Irbil, al-Hamdaniya, Bartalah, Talasqaf, Batnayah, Bashiqah, Elkosheven, Uqrah, and Mosul.

These attacks by the Israelis and their allies are usually reported as being the responsibility of “Al Qaeda” and other Islamic “jihadists.”

The ultimate aim of the Israelis is to depopulate the Christian population in and around Mosul and claim the land as biblical Jewish land that is part of “Greater Israel.” The Israeli/Christian Zionist operation is a replay of the depopulation of the Palestinians in the British mandate of Palestine after World War II.

In June 2003, a delegation of Israelis visited Mosul and said that it was Israel’s intentions, with the assistance of Barzani, to establish Israeli control of the shrine of Jonah in Mosul and the shrine of Nahum in the Mosul plains. The Israelis said Israeli and Iranian Jewish pilgrims would travel via Turkey to the area of Mosul and take over lands where Iraqi Christians lived.

Previously published in the Wayne Madsen Report.

Copyright © 2008 WayneMadenReport.com

Wayne Madsen is a Washington, DC-based investigative journalist and nationally-distributed columnist. He is the editor and publisher of the

Wayne Madsen Report (subscription required).

Online Journal

 



Stampa la notizia: Israel hopes to colonize parts of Iraq as "Greater Israel"
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 31 Gennaio 2009 - 20:46

Copio e incollo, come memoria storica, perché questa vicenda la conoscevo ma trovo ora il servizio di rainews 24. Per una volta sono io in ritardo, ma è capitato che sia io, che Uruknet, ed anche altri come Kelebekler, si abbia avuto quanto a pubblicazioni di fatti e dati, un anticipo di anche un anno intero sui servizi del pur ottimo Torrealta.

Ho deciso che, non appena Andrea mi sistema i vari tag, il primo video che pubblicherò sarà l'appello per Gaza rifiutato da BBC, perché dentro c'è una parte importante del web italiano... A proposito, la bbc è stata occupata pacificamente dai ragazzi del collettivo Stop War di Manchester, li potete vedere a questo link: http://www.manchesterstopwar.org/

 

8 Ottobre 2008
 
L’ACCUSA DEL VETERANO LA TERZA BOMBA NUCLEARE
 
 
di Maurizio Torrealta con la collaborazione di Alessandro Rampietti

 

Nell’inchiesta un veterano americano che ha partecipato a “Desert Storm”, accusa l’Amministrazione americana di aver utilizzato una piccola bomba nucleare a penetrazione di 5 chilotoni di potenza nella zona tra la città irachena di Basra ed il confine con l’Iran.

 

Jim BrownPer controllare queste dichiarazioni Rainews24 ha cercato di verificare se durante la prima guerra del Golfo era stato registrato un evento sismico pari a 5 chilotoni. Consultando l’archivio "on line" del "Sismological International Center" ha trovato che proprio nella zona descritta dal veterano, era stato registrato un evento sismico di potenza corrispondente a 5 chilotoni, l’ ultimo giorno del conflitto.

Si tratta dunque di un indizio che richiede lo sviluppo di un vasto lavoro di verifiche che noi di Rainews24 vogliamo svolgere coinvolgendo giornalisti di altri paesi, i centri sismici che hanno registrato l'evento ai quali richiediamo ulteriori dati sulle onde sismiche, e le organizzazioni internazionali preposte al monitoraggio nucleare.

La redazione ha deciso di trasmettere questa intervista perché la situazione sanitaria a Basra ha raggiunto livelli di pericolosità davvero critici: i decessi annuali per tumore, secondo il responsabile del reparto oncologico dell’ ospedale di Basra , Dott Jawad Al Ali , sono aumentati da 32 nel 1989 (prima della guerra del Golfo) a più di 600 nel 2002. Il Dipartimento della Difesa statunitense chiamato ad esprimersi sulle accuse del veterano ha dichiarato che durante “Desert Storm” sono state utilizzate solo armi convenzionali.
 
Documenti:
 
- Note su Jim Brown
- Il testo della nostra inchiesta in italiano ed inglese
- Il video (in italiano e in inglese)
- I dati sulla situazione sanitaria a Basra (immagini, anche molto crude e realistiche, raccolta dal Dr. Jawad al Ali, oncologo dell'ospedale di Bassora) (PowerPoint file - 1,33 MB)
- I dati sugli eventi sismici nell area nel mese di Febbraio 1991 rilevati sul sito dell'ISC - Il dato sismico di magnitudo 4.2 che abbiamo individuato durante desert storm
- La tavola di confronto tra Chilotoni e Scala Richter [file doc]
- I dati simici rintracciati nel sito della rete di monitoraggio sismico NORSAR relativi ai giorni 1, 2 e 3 marzo 2002 In Afghanistan

 



Stampa la notizia: La terza bomba atomica a Basrah
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 01 Marzo 2006 - 12:35

 

 

T r e   a n n i   I r a q

 Carissimi tutti,

il 20 marzo prossimo ricorre il 3 anno consecutivo di occupazione dello stato sovrano chiamato Iraq, luogo a tutti conosciuto fin dall'infanzia come la "culla della civilt?" sorta tra le sponde dei fiumi Tigri e Eufrate. Era proprio nella notte del 20 marzo che l'Impero dava il via ai pesanti bombardamenti di Baghdad, la citt? delle mille e una notte ...

Tre lunghissimi anni, nel corso dei quali la gente irachena ha vissuto ogni sorta di orrore dovuto alla crudelt? ed alla vile idiozia dell'esercito americano occupante.

Dove prima c'era uno Stato sovrano ora sopravvive un enorme cumulo di macerie reali e politiche, perch? le politiche imperialiste americane hanno voluto determinare anche lo scontro fratricida tra le differenti fazioni dell'Islam.

Centinaia di migliaia i morti.

Quasi cento i giornalisti uccisi provenienti da tutte le nazioni del pianeta

Citt?, Moschee, Musei ed opere dell'arte pi? antica della Terra sono stati distrutti, danneggiati e/o rubati.

Dobbiamo dire basta.

Ancora una volta dobbiamo impegnarci in prima persona per dire basta allo scempio di una guerra razzista dell'impero americano contro gli uomini mediorientali dalla pelle scura.

Gli americani, rappresentati dalle loro amministrazioni, sono il popolo cui sono direttamente attribuibili milioni e milioni di morti per gli scoppi delle bombe, per le atomiche giapponesi ed ora per gli armamenti all'uranio impoverito usati per far strage delle popolazioni inermi in Iraq, in Afghanistan e in Kosovo.

Chi vi scrive ha la piena consapevolezza di vivere in un paese occupato dagli americani da pi? di 60 anni, ovvero dalla fine della seconda guerra mondiale, che attualmente viene utilizzato come avamposto armato e deposito di ogni sorta di altra attrezzatura bellica stipata nelle oltre 100 basi nato.

L'Italia ? un paese occupato da organizzazioni economico necrofaghe, come l'americana C.A.R.E., che da 60 anni ha le mani infilate nel portafoglio dei nostri governo e con estrema presunzione assume anche personale italiano per le proprie iniziative economiche di sfruttamento dei molteplici casus bellii planetari.

Vi invito quindi ad avere il coraggio morale e civile di affermare insieme a tutti noi quelle verit? della storia, che conducono immancabilmente alle verit? di oggi. Cio? che le politiche dell'impero commerciale americano mirano al monopolio delle principali risorse: anche a costo di strapparle ai popoli uccidendo donne, vecchi e bambini.

Per un 18 marzo che sia davvero indignato dagli orrori iracheni.

Loredana Morandi

 



Stampa la notizia: IRAQ 3 ANNI - INVITO AL 18 MARZO 2006
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 23 Febbraio 2006 - 17:38

 

 

la Moschea di Samarra dopo l'ingresso degli Americani in Iraq ...

la Moschea prima degli Americani...

No, non sono stati loro. Non questa volta. Ma sono loro da 3 anni che invadono un paese per sfruttarlo per il petrolio. Qui in Italia alcuni amministratori e politici di sinistra hanno preso una grossa sbandata cara gente del movimento. Spiegate come mai vi ritrovate a pendere dalle labbra di gente al soldo Nato e stipendio milionario, quando nulla essi sanno della pace e godono dello stato di occupazione americana in Italia.

 



Stampa la notizia: Samarra ...
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 23 Febbraio 2006 - 16:24

 

 

  L?intervista ad Al Kaisi andr? in onda oggi,
su RaiNews24 alle 7.40 e poi alle 17.45 su RaiTre.
E' disponibile anche sul sito di RaiNews24.



Leggi tutto... (8465 byte rimanenti) Stampa la notizia: Parla l'incappucciato di Abu Ghraib: da non perdere in Tv
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 21 Dicembre 2005 - 13:53

 

 

iraq e ...

bulgari, rumeni, ucraini, kazakistani & co

... con tutte le bandierine

bulgari, dalla bulgaria, di stanza a diwaniya all'arrivo in aereoporto

kazakistani a kut, sud di baghdad, iraq

ucraini, dall' Ucraina, sempre a kut

rumeni dalla Romania

australiani, dall' australia, a samawa

RITIRO DELLE TRUPPE ITALIANE: SUBITO !

 



Stampa la notizia: Iraq e ... bulgari, rumeni, ucraini, kazakistani & co ..
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 10 Dicembre 2005 - 08:55

 
Fare le scarpe a Najaf.
Allawi, la Shia e la Resistenza Irachena

a76

di Antiamericanista 
 
Per tutti quelli che, come me, sono inorriditi dalle saccenti sintesi giornalistiche sulla composizione etnico-religiosa dell?Iraq; per chi legge con sconforto notizie assemblate con i piedi, ? stata una gioia ed un gustoso paradosso sentire che i fedeli in preghiera a Najaf (citt? santa per la Shia) le scarpe le abbiano utilizzate per colpire la capoccia di quel criminale fantoccio che ? Allawi.
Immagino il cortocircuito che si sar? creato nella testa di molti: ?ma come, ma se sono sciiti? Perch? mai contestare (anzi, tentare addirittura di uccidere) il rappresentante di quel governo che gli sciiti hanno eletto rischiando la vita??. Ebbene, la situazione, grazie a Dio, non ? affatto cos?, per quanto questo possa sembrare strano a chi ? abituato all?associazione sciita-moderato e sunnita-guerrigliero/terrorista, in nome della propaganda occidentale secondo la quale la Resistenza ? sunnita, ed il governo sciita e curdo, e quindi i cattivi sono i terroristi sunniti mentre gli sciiti sono bravi e moderati, mentre i curdi, che quando lottano nella Turchia sionista e filoamericana sono pericolosi terroristi, in Iraq sono ?martiri della libert??; per quanto ? strano agli occhi dell?occidentale tutto ci? che ricada al di fuori degli schemi attraverso i quali viceversa pretende di inglobare e spiegare la realt?, schemi preconfezionati e funzionali alle logiche di irregimentazione mediatica imperialista, fedeli alla Maest? imperialista pi? che alla Realt?.
 
segue ...


Leggi tutto... (18866 byte rimanenti) Stampa la notizia: Fare le scarpe a Najaf. Allawi, la Shia e la Resistenza Irachena
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 09 Dicembre 2005 - 10:19

 

Abu Qatada
appello per il rilascio degli ostaggi in Iraq

fonte: The Guardian - www.guardian.co.uk
tradotto aqidah - www.islamitalia.co.nr
mercoledi' , 7 dicembre, 2005

Sheikh Abu Qatada, considerato uno dei religiosi piu' influenti in Europa, ha richiesto al gruppo militante "Le Spade della Verita', che tiene  in ostaggio un gruppo di pacifisti, di rilasciare gli ostaggi.
Nel video mostrato da Al-Jazeera e al-Arabya, Abu Qatada richiama i rapitori di non uccidere gli ostaggi e di rilasciarli in accordo a causa di ragioni politiche.
" Io, il vostro fratello Abu Qatada.. chiedo ai miei fratelli delle Spade della Verita' in Iraq, che tengono prigionieri i quattro attivisti pacifisti cristiani, di rilasciarli in accordo al principio fondamentale di misericordia presente nella nostra fede".
" Il nostro Profeta disse che deve essere mostrata misericordia, a meno che vi sia una ragione nella Shariah che lo inmpedisca." Ha aggiunto Abu Qatada.
Il video e le dichiarazioni sono un'iniziativa di Abu Qatada stesso, realizzate con la collaborazione delle autorita' britanniche, in quanto Qatada sta scontando una condanna nel carcere di Full Sutton, nei pressi di York, per links in associazione con al-Qaida.
Abu Qatada ha sempre smentito qualsiasi associazione con tale organizzazione o di aver mai incontrato Osama Bin Laden.
Abu Qatada, il quale ottenne asilo politico nel Regno Unito nel 1993, e' considerato uno dei religiosi piu' influenti d'Europa.
Come lui, altri religiosi hanno fatto appello per il rilascio degli ostaggi sin dal 26 di novembre.
Il Ministro britannico per gli Affari Esteri ha dichiarato che l'appello e' un'iniziativa di Qatada e che nessuna riduzione di pena o nessun accordo e' mai stato stipulato, e che questa azione non avra' alcuna influenza in un futuro processo.

 



Stampa la notizia: Abu Qatada - appello per il rilascio degli ostaggi in Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 07 Dicembre 2005 - 16:30

 

Passage to the South "Aiutiamoli a Vivere"
Con il Patrocinio del Comune di Chieti

AUDITORIUM ?CIANFARANI? CHIETI
Mercoled? 14 dicembre ? Ore 17.00


?La Verit? difficile?
quando le menzogne diventano Verit??

IRAQ : LA GUERRA INGIUSTA

15? di immagini per PENSARE - per spezzare il BlackOut dell?informazione

Proiezione:

Il Video originale dell?uso delle armi di sterminio a FALLUJA
(per concessione dell?Associazione di Amicizia Italia-Iraq ? don Franzoni)

Video-intervista al Dr. BADIE ARIEF IZZAT, Avvocato di TAREQ AZIZ
Esclusiva nazionale a cura di padre J. M. Benjamin ? 11?)

Relatori:

padre J. M. BENJAMIN

Jamal JADALLAH Direttore e Corrispondente in Italia Agenzia Stampa Palestinese Wafa

Roberto Di NUNZIO Direttore di Reporter Associati, ex Com. Parlamentare ?I. Alpi?

Stefano CHIARINI Giornalista de? Il Manifesto 

Alex MEZZENGA Fotografo di guerra

Remo Di MARTINO Collegio di Difesa T. Aziz

Pepi Katona Reporter Associati
 
INTERVERRANNO: Pres. della Provincia di Chieti Sen. T. Coletti - On. G. Di Fonzo - Vice Sindaco A. Catena ? M. Marchioli segr. gen. CGIL ? D. D?Arcangelo Seg. PRC Chieti - R. Di Gregorio capo gr. PRC? M. Meomartino portavoce Retenonviolenta 

Provare a ragionare per difendere il giornalismo di inchiesta e la possibilit? di effettuare indagini giudiziarie durante le crisi e la guerra, calda/fredda, che si scontrano da una parte con la Propaganda e l'occultamento delle notizie, e dall'altra con gli insabbiamenti e i depistaggi.  Perch? solo se esiste la possibilit? di Verit? e la Libert? di diffonderla, si pu? sconfiggere la guerra e consolidare la Cultura della Pace e della Giustizia.   

ADERISCONO: Rete Studentesca SEMPRE RIBELLI ? Giovani Comuniste/i ? Abruzzo Crocevia ? Antonio Geniola (Emergency) ? Partito della Rifondazione Comunista ? Abruzzo SocialForum ? MILA ? Abruzzo Friendly ? Ass. Korogocho

A CURA dell?Associazione ?Aiutiamoli a Vivere ?  (Passage to the South) di Pescara



Stampa la notizia: Iraq la guerra ingiusta - Chieti con Tusio De Iuliis
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 05 Dicembre 2005 - 23:07

 

 

They are for Iraqi and for Palestinian People

Freedom for Cristian Peacemaker Team !

Dec 2, 2005, Tuwani; CPT freedom in Iraq, Palestinian women hold pictures of their friends Tom Fox and other kidnapped members of the Christian Peacemakers Teams (CPT) in Iraq, during a demonstration, adjuration to release them, in the West Bank village of Litwanyah south of al-Khalil (Hebron) on December 2, 2005. Photo by/Nayef Hashlamoun
http://www.palestinetoday.org

see also

 



Leggi tutto... (4303 byte rimanenti) Stampa la notizia: Freedom for Cristian Peacemaker Team
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 29 Novembre 2005 - 13:50

Signori della Cia: perch? tanto accanimento contro la Germania e contro l'Iran?

Iraq: Germania, tedesca scomparsa da venerd? scorso
 
29/11/2005 - 09:10 - WASHINGTON - Mancano notizia da venerd?, in Iraq, di una cittadina tedesca, scomparsa col suo autista. Lo ha annunciato, secondo quanto riferiscono fonti di stampa, un portavoce del ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, che si trova attualmente in visita a Washington.
Secondo il portavoce, una cellula di crisi ? stata istituita a Berlino, presso il ministero degli esteri: "La Germania sta facendo di tutto per garantire l'integrit? fisica della nostra concittadina".
Secondo la tv pubblica tedesca Ard, la donna - di cui non ? qui nota, al momento, l'identit? - ? stata rapita. L'ufficio di Baghdad della Ard ha ricevuto una cassetta in cui presunti rapitori della donna chiedono la fine della cooperazione tedesca con l'attuale governo iracheno, in cambio della liberazione della donna.
Nel video fatto pervenire all'ufficio di Baghdad della Ard, i presunti rapitori minacciano di uccidere la donna e il suo autista se la Germania non cesser? la cooperazione con il governo iracheno. Brani del video diffusi sul sito Internet della televisione pubblica tedesca mostrano due persone sedute per terra, con gli occhi coperti da qualcosa di bianco. Esse sono attorniate da tre figure, armate e mascherate, una delle quali sembra leggere un foglio di carta.
Se il rapimento venisse confermato, sarebbe il primo di un cittadino tedesco in Iraq.
La Germania, che con il precedente governo del cancelliere socialdemocratico Gerhard Schoreder si era opposta all'intervento militare in Iraq, si ? sempre rifiutata di inviare truppe nel Paese, anche nell'ambito della missione di addestramento lanciata dalla Nato, ma partecipa alla formazione di ufficiali e personale di polizia iracheno nei Paesi vicini.
In visita alla Nato la settimana scorsa, il neocancelliere Angela Merkel, cristiano-democratica, ha ribadito che il governo continuer? la politica finora seguita e non parteciper? alla missione di addestramento in territorio iracheno.
Merkel ha sottolineato comunque che intende migliorare le relazioni con gli Stati Uniti.
La Germania, che con il precedente governo del cancelliere socialdemocratico Gerhard Schoreder si era opposta all'intervento militare in Iraq, si ? sempre rifiutata di inviare truppe nel Paese, anche nell'ambito della missione di addestramento lanciata dalla Nato, ma partecipa alla formazione di ufficiali e personale di polizia iracheno nei Paesi vicini.
In visita alla Nato la settimana scorsa, il neocancelliere Angela Merkel, cristiano-democratica, ha ribadito che il governo continuer? la politica finora seguita e non parteciper? alla missione di addestramento in territorio iracheno.
Merkel ha sottolineato comunque che intende migliorare le relazioni con gli Stati Uniti.
ATS 
 
*****
 
Iraq: sei iraniani rapiti ieri a nord di Baghdad
 
29/11/2005 - 10:40 - Tikrit - Sei pellegrini iraniani sono stati rapiti ieri sera verso le 19 nei pressi di Balad, citt? situata 70 chilometri a nord di Baghdad.
"Quattro uomini e due donne, pellegrini sciiti iraniani sono stati rapiti ieri sera nella citt? di Balad da uomini armati non identificati che hanno aperto il fuoco contro il veicolo a bordo del quale viaggiavano costringendoli a scendere", ha riferito una fonte dell'ufficio di coordinamento americano-iracheno a Tikrit. La guida, una donna irachena, ? stata rapita con il resto del gruppo e l'autista del veicolo ? rimasto ferito.
Balad ? vicina alla citt? di Samarra dove si trova un importante mausoleo sciita. Da dopo la fine del regime di Saddam Hussein, sotto il quale gli sciiti erano duramente repressi, migliaia di pellegrini iraniani visitano i luoghi sacri alla loro fede, che sono numerosi in Iraq.
Ieri due pellegrini sciiti indiani, di nazionalit? britannica, sono stati uccisi e altri tre feriti in un attacco della guerriglia contro il loro bus nella zona meridionale di Baghdad, secondo le autorit? britanniche.
Da domenica quattro operatori umanitari occidentali - un americano, un britannico e due canadesi - sono dati per dispersi a Baghdad; secondo l'organizzazione per cui lavoravano e secondo fonti ufficiali canadesi, sono stati rapiti.
Oggi si ? saputo che da venerd? mancano notizie di una cittadina tedesca, scomparsa col suo autista. L'ufficio di Baghdad della tv tedesca ARD ha ricevuto una cassetta video in cui presunti rapitori chiedono la fine della cooperazione tedesca con l'attuale governo iracheno, in cambio della sua liberazione della donna, probabilmente un'archeologa.
ATS 



Leggi tutto... (14261 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq: Rapiti 1 Archeologa tedesca e 6 Sciiti Iraniani
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 28 Novembre 2005 - 02:27

 

 

Iraq: American Checkpoint

Iraq: un giorno qualunque

raffiche all'impazzata contro un mini bus

senza controllo

ne esce un uomo: ? l'autista e la gragnuola di colpi prosegue

l'uomo trova il suo riparo, l'ultimo. 

vedi tutte le foto e scarica il video 

 



Leggi tutto... (6374 byte rimanenti) Stampa la notizia: Amerikan Checkpoint Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 17 Novembre 2005 - 10:48

 

 

IRAQ: TORTURE NEL CARCERE DEL MINISTERO DELL'INTERNO

Altro giro, altra giostra. Altro scandalo, altre torture. Questa volta nei sotterranei del ministero dell'interno iracheno, dove erano rinchiusi pi? di 170 prigionieri sunniti. Il primo ministro Ibrahim Jaafari ha ordinato una inchiesta sui maltrattamenti perpetrati sui prigionieri, avvenuti in clandestinit?. Domanda: ma vi pare verosimile che si possano torturare persone dentro un ministero, senza che il ministro lo sappia?
No, come giustamente rilevano molti opinionisti in Iraq non c'? una vera volont? di interrompere la devastante catena di reati contro l'uomo, che ha avuto inizio ad Abu Ghraib. N? da parte del governo fantoccio, n? da parte degli americani. Gli inglesi, poi, meno che mai dopo l'assalto militare al carcere per liberare i loro due contractor e il rifiuto all'estradizione del governo londinese impartito alla magistratura inquirente irachena.

Le organizzazioni politiche e religiose della minoranza sunnita sono sul piede di guerra, politica, si intende. Le operazioni della guerriglia non sembrano affatto scemare e, proprio questo ultimo evento, potrebbe reincrudire tutte le antiche rivalit? di gi? risvegliatesi con l'occupazione americana.

Attenzione: dentro questo scandalo si deve guardare in profondit?, perch? si tratta di un fatto vero, realmente accaduto utilizzato per ottenere anche un ritorno di distrazione mediatica. Il principio ?: "quanto sono cattivi gli iracheni". La realt? vera ? che l'esercito statunitense non solo ha punito troppo lievemente i suoi aguzzini, ma in seguito ha cessato ogni altra attivit? giudiziaria per rilevare le responsabilit? civili e penali della dirigenza militare del carcere di Abu Ghraib, limitandosi a gettare nel fango le sole facce dei singoli carcerieri. Lo stesso fotografo di Abu Ghraib ebbe una pena lieve, un solo anno, che ormai ? forse gi? scontato.

Nell'amministrazione Bush la pensano tutti nello stesso modo e far leva su tutto il marciume fin da allora, giunsero le dichiarazioni del Ministro americano della giustizia, l'ispanico yankee, per il quale la Convenzione di Ginevra ? un vecchio pezzo di carta. E' di questi giorni la notizia del braccio di ferro tra l'amministrazione Bush, il Senato e la Suprema Corte, per l'attribuzione dei poteri "di guerra". Il timore ? che un impetuoso fiotto di petrol dollari possa arginare tutti i dissapori, e questo pur giusto scandalo, se utilizzato con il dare un volto incivile alla popolazione irachena, potrebbe far risalire le quotazioni del bovaro violento alla guida della nazione statunitense. L.M. 

 



Leggi tutto... (31028 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq: Torture al Ministero dell'Interno
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 15 Novembre 2005 - 11:39

 

Iraq: Bombe al Fosforo

Proteste a Roma

segue ...



Leggi tutto... (1118 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq Bombe al Fosforo: Proteste a Roma
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 12 Novembre 2005 - 12:41

 

 

BOMBE AL FOSFORO IN IRAQ:
SIT-IN LUNEDI 14 E MARTEDI 15  NOVEMBRE A ROMA E MILANO

VI RICORDATE LA GUERRA?
LA GUERRA E' UN CRIMINE
LE IMMAGINI PROIETTATE DA RAINEWS24 NE SONO UN' ALTRA TRAGICA PROVA

Quante altre immagini dovremo vedere prima che ci si ricordi cosa ? la guerra?
Qualcuno seriamente ha pensato che fosse qualcosa di diverso da quello che abbiamo visto in questi giorni?
Come per le torture nel carcere di Abu Ghraib nessuno credeva alle organizzazioni irachene per la difesa dei diritti umani che denunciavano il comportamento dell'esercito Usa, cos? per l'uso di armi chimiche negli
assalti alle citt? le denunce pi? volte fatte dai cittadini di Falluja hanno avuto bisogno di essere avvalorate dalla parola di un soldato statunitense e mostrate in Tv.
Allora ci fu un sussulto di indignazione, poi tutto ? ripreso come prima.
I responsabili sono ancora a piede libero, le torture sono ricominciate, l'occupazione continua.
Quante denunce dovremo fare prima che si separi la responsabilit? del nostro paese da coloro che non disdegnano di bruciare bambini a fuoco lento?

Via subito le truppe italiane dall'Iraq
Via subito le truppe Usa dall'Iraq
Via subito tutte le truppe dell'Iraq

Luned? 14 novembre ore 16.00
Sit-in presso Ambasciata Usa in via Veneto a Roma

Marted? 15 novembre ore 18.00
Sit-in di fronte al Consolato Usa in via Turati-Largo Stati Uniti d?America a Milano

Firmatari:

Associazione Argon; Arci; Attac; Bastaguerra; Beati i Costruttori Di Pace; Carta; Comitato Verit? e Giustizia per Genova; Confederazione Cobas; Ctm ? Altromercato; Donne in Nero; Fiom ? Cgil; Forum Per La Democrazia Costituzionale; Giovani Comunisti; Guerra&Pace; Il Manifesto; Legambiente; Libera; Liberazione; Marcia Mondiale delle Donne; Rete Lilliput - Nodo di Roma-; Rifondazione Comunista; Sincobas; Terres Des Hommes; Un Ponte Per; Us Citizens For Peace And Justice; Federazione dei Verdi; Tavola della Pace (di cui fanno parte: Cisl, Agesci, Acli, Pax Christi, Arci, Cgil, Emmaus Italia, Cipsi, Coord, naz. Enti locali per la pace, Focsiv, Mani Tese, Legambiente, Lega per i diritti dei popoli, Francescani del Sacro Convento di Assisi, Centro per la pace, Fivol, Ics, Banca Etica, Ass. per la pace, Peacelink, Sdebitarsi, Forum del Terzo Settore, Beati i costruttori di pace, Mfe, Cnca); Uds; Transform! Italia; Associazione per la pace; Associazione TamTam Village; Associazione Giuristi Democratici di Roma; Sud Pontino Social Forum; Giovani Verdi; Partito Umanista; Rete dei movimenti di Roma; Roma Nord-Est social Forum; Rete artisti contro le guerre; Traduttori per la pace; Ics; Aprile per la Sinistra ? Roma; Sinistra Ds ? Roma, Circolo Arci Agor? ? Pisa; Coordinamento Roma Citt? per la pace; Spazio Radio; Ambiente web; Forum Ambientalista Lazio; Forum Donne PRC; WILPF Italia; Direzione Nazionale Comunisti Italiani; Associazione Giuristi Democratici Giorgio Ambrosoli ? Padova;  Associazione Donne in Genere; Centro Donna L.I.S.A

I link di informazione di Bloggersperlapace.org:

Gli effetti devastanti del fosforo bianco sono conosciuti dal 1927
http://www.navsource.org/archives/01/08.htm

History of Chemical and Biological Warfare: An American Perspective
http://www.vnh.org/MedAspChemBioWar/chapters/chapter_2.htm

M34 White Phosphorus Grenade
http://www.replicagrenades.com/m34_white_phosphorus_grenade.htm



Stampa la notizia: Iraq Bombe al Fosforo: Sit in lunedi 14 e marted? 15 a Roma e Milano
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 08 Novembre 2005 - 18:19

 

 

FLASHBACK
Weapons of Mass Destruction Employed by US to Imolate Falluja:  White Phosphorus is a Chemical Weapon

www.Albasrah.net - www.Uruknet.info

March 7, 2005


The use of white phosphorus "violates the Geneva Protocol for the Prohibition of the Use in War of Asphyxiating, Poisonous or Other Gases, and of Bacteriological Methods of Warfare. Incendiary agents such as napalm and phosphorus are not considered to be CW agents since they achieve their effect mainly through thermal energy. [Ref. http://www.reachingcriticalwill.org/legal/cw/cwindex.html ]

However, a report by the Agency for Toxic Substances and Disease Registry concludes that White Phosphorus achieves its effects mainly through non-thermal energy. It must be concluded that White Phosphorus is considered a CW [chemical weapon] agent, and would violate the Geneva Protocol since its use causes indiscriminate and extreme injuries especially when deployed in an Urban area such as Falluja, Iraq.

Pictures of the dead of Falluja have been published by reporter Dahr Jamal of the Electronic Iraq project, and several commentators have suggested that their injuries are consistent with the use of White Phosphorus by US forces in Falluja.
 
[Ref
http://dahrjamailiraq.com/gallery/view_album.php?set_albumName=album32 ]
[Ref
http://electroniciraq.net/news/ ]

:: Article nr. 12676 sent on 08-mar-2005 01:52 ECT
:: The address of this page is :
www.uruknet.info?p=12676
:: The incoming address of this article is :
  
www.albasrah.net/maqalat/english/0305/us_used_chemical_weapons_in_iraq.pdf

FLASHBACK segue ...

Bloggersperlapace vedi anche "Notte a Falluja" photo news novembre 2004

">Kelebekler Il cecchino americano: articolo del gennaio 2004

Il Video del cecchino americano - 9 gennaio 2004

 



Leggi tutto... (44874 byte rimanenti) Stampa la notizia: FLASHBACK Weapons of Mass Destruction Employed by US to Imolate Falluja: White Phosphorus is a Chemical Weapon
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 08 Novembre 2005 - 10:48

 

 

Fallujah : Genocidio al Fosforo Bianco

E' stato esattamente cos?. Certo. Ma il video di Rai News 24, che pur ha suscitato un vespaio di dichiarazioni e l'interrogazione parlamentare di Elettra Deiana di Rifondazione, non contiene reali novit?.
Bravo il collega giornalista, Sigfrido Ranucci, ma l'inchiesta su Falluja poteva essere realizzata da 6 a 10 mesi fa, trattando il video di documenti e fatti sostanzialmente noti fin dalla prima ora dei due bombardamenti di aprile e novembre 2004, su Fallujah. Perch? mai oggi, considerato che, per la prima volta in Italia il video dei cecchini sul campo lo ha messo in rete Miguel Martinez del Campo Imperialista, sul suo sito Kelebekler, e tutto il web pacifista ne possiede una copia io compresa? (vedi www.kelebekler.com)
E le fotografie dei bombardamenti al Fosforo Bianco non erano forse reperibili in Rete sulle Photo News di Yahoo, in tempo reale ad aprile e novembre 2004? (vedi http://news.yahoo.com)
E i cadaveri mummificati per gli effetti devastanti del fosforo bianco, l' MK 77 che distrugge le molecole contenenti acqua e non intacca gli abiti e le cose, non erano gi? molti mesi orsono sul sito di Dahr Jamal? (vedi
http://dahrjamailiraq.com)
Sono io che sono sbagliata se affermo, che di questo interessamento potevamo essere graziati dalla Rai molti mesi fa? Forse si tratta delle scuse per il NO alla diretta televisiva ai 3 milioni di pacifisti a Roma del "15 febbraio" contro la guerra all'Iraq, per ripagarli del Si alla diretta per 500 persone pro Israele la sanguinaria? Peccato che, gente per bene come Marescotti abbia fatto addirittura la corsa credulona pur di pubblicare un articoletto sullo scoop fasullo per l'editoriale di Peacelink. (vedi www.peacelink.it)
Jeff Englehart e Garett Reppenhagen hanno ampiamente dichiarato di aver gestito un sito web chiuso dai governativi mesi orsono ma, a parte la loro testimonianza, sono proprio i documenti a scarseggiare, come american volevasi dimostrare. Fare dopo o fare solo quando la notizia assume un taglio istituzionale non solleva affatto le coscienze, ma contribuisce a quello status che consente a Londra di coprire per 20 anni l'omicidio Calvi e coprire chi ha "suicidato" il povero Kelly.
L'imbroglio c'? e si vede: probabilmente il falso scoop d'autore ? l'ennesimo tentativo deterrente di aggirare il problema. Come lo fu la lettera ai "nostri fratelli Mussulmani", pubblicata da Il Manifesto nel giorno stesso delle oltre 200 perquisizioni ad extracomunitari in tutta Italia, e dei "fermati" come se piovesse del post Londra italiano.
Invito i colleghi e i compagni di movimento a non mentire: la prossima bomba siamo noi. E sar? a Roma, quando il Mossad e la Cia vorranno. Ne ? indice la genuflessione bipartisan vista in questi giorni, ma fino ad allora non mentite, perch? questi sono proprio mezzucci a far da deterrente al Pentagono e ai servizi del Dipartimento Difesa americano.
Qui su web la bomba ? scoppiata con la crackatura del sito delle news irachene www.Uruknet.info, oggetto da lunghe settimane del consumo sfrenato della banda ad opera di computer puntati sulle pagine del dominio. Da loro hanno distrutto interi computers ...
Forse la novit? pi? vivace dell'inchiesta sono proprio i filmati veri dell'esercito americano sui bombardamenti in Vietnam, acquistati forse per l'occasione presso le agenzie televisive internazionali, dove l'esercito statunitense finalmente confessa i suoi reati e crimini di guerra. Misera appare la figura politica della parlamentare laburista inglese, che si dimise dal governo; abbandonando cos? di ogni strumento politico e mediatico di lotta per la verit?. Anche la concomitanza con le nuove minacce all'Italia dei mediattivisti imitatori di Al Qaeda induce a riflettere. Per l'Italia e le sue colonie brava solo la Paola Gasperoli, che ha detto e ripetuto quel che le abbiamo sempre sentito dire, perch? la parte concernente l'intervista a Giuliana Sgrena registra solo l'ennesimo fallimento politico: "quanto sono stati cattivi i miei rapitori iracheni, che mi hanno impedito di parlare di Fallujah"; quando la Resistenza Intellettuale planetaria alle occupazioni violente americane si ? inventata, addirittura, il "notiziario web" della Resistenza irachena. Ne verr? fuori un bel libro ...
Si, ma non vi aspettate che io lo compri.

Loredana Morandi



Stampa la notizia: Fallujah Genocidio al Fosforo Bianco
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 29 Ottobre 2005 - 12:30

IL COMBATTENTE E I TERRORISTI


Postato il Wednesday, 26 October @ 07:45:00 CDT di davide  
DI ROBERTO BARDINI

Un'agenzia stampa araba ha dato notizia, attraverso internet, sabato 15, che cittadini iracheni hanno fermato lo scorso marted? 11 due soldati statunitensi vestiti con abiti arabi. Li hanno sorpresi mentre cercavano di collocare un'auto piena d?esplosivo, nel distretto di Al-Ghazaliyah, un'area residenziale ad ovest di Baghdad.

Quando la polizia "collaborazionista" irachena ?come la qualifica l'agenzia- li prelevava per interrogarli, sono arrivate immediatamente delle truppe statunitensi, che hanno liberato i due prigionieri. Questo episodio ne ricorda un altro, dalle caratteristiche simili. Il 19 settembre, due soldati inglesi-anch'essi vestiti come arabi e con esplosivi nascosti in un veicolo civile- furono catturati dalla polizia irachena a Bassora, 450 km al sud di Baghdad .
Truppe britanniche appoggiate da carri armati ed elicotteri li liberarono il giorno stesso. Dopo si seppe che i due militari appartenevano alle Special Air Service (SAS), una forza addestrata "per attraversare le linee nemiche in terra, acqua e cielo in ambienti ostili".

Le azioni di soldati inglesi e nordamericani, con vestiti arabi e bombe, non sono una casualt?. E' evidente che non costituiscono casi isolati, ma evidenzia invece un modus operandi. La domanda quindi ?: a chi beneficia il terrorismo in Iraq?

Leggi tutto ...



Leggi tutto... (41232 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq: fra gli attentatori anche soldati americani e inglesi?
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 19 Ottobre 2005 - 18:28

... invitate ancora americani a rubare in Italia ...

 

il Grande Spettacolo Americano
il Processo a Saddam

 

di Loredana Morandi

E' cominciata la grande farsa dell'occupazione americana in Iraq. L'ex dittatore Saddam Hussein ? infine a processo accusato di crimini contro l'umanit? e rischia la pena di morte. Egualmente questo processo consentir? la parola a tutti quei giuristi, che riconoscono l'illegalit? nell'intero processo della colonizzazione americana dell'Iraq, voluta per il possesso dell'oro nero. Grida alla "sentenza gi? scritta" l'avvocato della difesa, Khali Al Dulaimi, accettato dal leader prigioniero nel corso di questo primo atto del processo. E questo, consentitemi, ? l'unico dato certo dell'intero procedimento giudiziario, perch? interrogando alla maniera del Menone un uomo completamente analfabeta, sarebbe per lui facile dedurre che sono morti sicuramente pi? sciiti, sunniti, kurdi e turcomanni sotto gli americani, che sotto la dittatura di Saddam. Tanto per dirne una, i testimoni non si sono affatto presentati all'udienza.

Il giudice ? kurdo e, a monte di una accusa di strage nei confronti della medesima sua popolazione, le ragioni per ribadire una legittima suspicione si raccolglierebbero a palate sugli scranni del tribunale. Egualmente il volto del giudice, il presidente della Corte Rizgar Mohammed Amin ripreso dalle fotografie, sembra quello di una persona normale in un luogo davvero poco invidiabile. La sua intera categoria professionale ? appena stata poco tempo fa svilita dall'esercito britannico, con l'attacco al carcere di Bassora per la liberazione dei due delinquenti inglesi. Sono convinta che anche lui avrebbe delle rivendicazioni da mettere sul piatto della bilancia e, comunque, ? cosa certa che rischi la propria pelle durante l'intero corso del processo.

Leggi tutto ...

 



Leggi tutto... (5099 byte rimanenti) Stampa la notizia: Il Grande Spettacolo Americano: Il Processo a Saddam
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 19 Ottobre 2005 - 12:20

Quello che segue ? un documento redatto dagli intellettuali arabi del web. Ritenendolo di interesse generale ne ho fatto una rapida traduzione (non corretta) e lo pubblico per la lettura. Di seguito il testo originale in inglese. English follow...

Dichiarazione della Democrazia Araba sull'Iraq Occupato ed il Referendum sulla Costituzione

16 Ottobre 2005

E' questo il tempo, quando i movimenti della resistenza irachena eroica intensificano in termini di quantit?, qualit? e loro azioni,

E' questo il tempo, quando i segni prevedono una imminente sconfitta americana in Iraq e, mentre l'aggressione continua, viene a mancare la realizzazione dei relativi obiettivi politici sulla roccia dello sfaldamento degli Iracheni di fronte ai programmi imperialisti per spezzettare e disgregare l'Iraq,

E' questo il tempo, quando George W. Bush comincia ad esitare sotto il peso dei fatti e calcola, i suoi morti, danneggiato nei suoi programmi ed esitante per la cospirazione, cos? tanto in modo da cominciare a sostenere di conversare con il Signore!

E' questo il tempo, quando tutto questo sta avvenendo, un referendum ? stato tenuto su una costituzione inventata per l'Iraq occupato dai soldati Americani.

Quindi, noi firmatari, sulla conferma della nostra aderenza ai precetti fondamentali della nostra lotta contro il nemico americano d'occupazione e sulla conferma del diritto inalienabile della gente araba nell'esercitarsi nella lotta armata finch? l'occupante ? sconfitto e l'Iraq ? liberato, vogliamo affermare quanto segue:

L'occupazione dell'Iraq dall'America, dalla Gran-Bretagna e dai loro alleati, senza riguardo a come poco controllo possa essere esercitato su questa terra, ? intrinsecamente nulla e senza effetto.  Di conseguenza, tutte le strutture stabilite sulla forza di quell'occupazione sono anche nulle e senza effetto, senza riguardo alla loro natura, limite, o giustificazione.

leggi tutto - english follow



Leggi tutto... (18332 byte rimanenti) Stampa la notizia: Gli Intellettuali Arabi sull'Iraq Occupato e sul Referendum Costituzionale
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 18 Ottobre 2005 - 11:02

 

Iraq Costituzione, Seggi e Bombardamenti

Il risultato delle urne irachene del referendum costituzionale cade tristo e silente nel sangue dei nuovi bombardamenti a Ramadi e degli spargimenti di sangue dei giorni passati. Chi pu? aver vinto se non gli americani? Sembra che la popolazione abbia partecipato per il 63-64 per cento, ma per cosa? La fretta americana e i numerosi ultimatum pro costituzione hanno sicuramente indotto ad un testo contenente sbagli madornali.

Il problema cosmico degli americani ? la loro ignoranza, basti pensare a Roma e ad una sola vecchia americana arrivata in vacanza per vedere i Musei Vaticani, che ha tentato di colonizzare la Rete Artisti. Qui, cara lei, ci sono 2000 anni di storia, non 150 come a casa sua. Questo ? il microcosmo romano e, mentre la Nasa bombarda una cometa per vedere l'effetto che fa, l'ignoranza planetaria americana e la smania di possesso petrolifero compiono tutti gli altri misfatti.

La Costituzione Irachena ? nata sotto la cattiva stella dell'assenza giuridica del Diritto Internazionale, nel bel mezzo di una occupazione militare e con un leader legittimo imprigionato e destituito da un soggetto terzo, gli Stati Uniti. La Pantomima: l'assise costituente ha avuto per tutto il tempo il fucile puntato alla tempia. S?, lo avevano anche gli uomini della assise costituente della Repubblica Romana (9 feb.1868), rinchiusi in una villa al Gianicolo in Roma, ma si trattava di quello dell'arrivo dei nemici, non del fucile dell'usurpatore del proprio paese. E' per queste ragioni storico morali "planetarie", che la Resistenza irachena prosegue la sua guerriglia. Dall'Iraq con una nuova costituzione c'? una sola notizia veritiera oggi: sciiti, sunniti, kurdi e turcomanni continueranno a morire. E come Dio vuole, ? scritto che continueranno a morire anche gli americani. Di seguito una rassegna dai quotidiani online nazionali; ed ancora una rassegna internazionale a cura dell'amico Massimiliano Caruso. L.M.



Leggi tutto... (22628 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq, Costituzione, Seggi e Bombardamenti
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 05 Ottobre 2005 - 14:48

 


NEGATO VISTO DI INGRESSO AL CITTADINO IRACHENO HAJ ALI:

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE E IL LIBERO CONFRONTO IN ITALIA E' POSSIBILE SOLO SE E' GRADITO AGLI  STATI UNITI

Iniziativa di un gruppo di Senatori dell'Unione: Malabarba - PRC; Pagliarulo - PdCI, De Zulueta - Verdi; Iovene - DS, Falomi - Il Cantiere; Boco - Verdi, Ripamonti - Verdi, Cortiana - Verdi; T. Sodano - PRC; Martone - PRC.


IL  TESTO  DELL'INTERROGAZIONE  URGENTE  AL  MINISTRO  DEGLI  ESTERI

"Al Ministro degli affari esteri

Premesso che:

agli inizi di settembre il Ministro degli affari esteri decideva di negare il visto per l'ingresso in Italia ad alcuni esponenti dell'opposizione irachena, fra cui Jawad al Khalesi, Ahmed al Baghdadi e Ibrahim al Kubaysi, opponendo ragioni di pubblica sicurezza in base a informazioni prodotte dai servizi segreti italiani;

nei giorni precedenti da ambienti politici statunitensi, attraverso un appello sottoscritto da 44 congressisti, erano giunte forti pressioni sul Governo italiano perch? fosse vietato l'ingresso in Italia ad esponenti iracheni e mediorientali in quanto sostenitori del terrorismo, anche se la Farnesina ha sempre negato di aver preso in considerazione tali avvertimenti, riferendosi per le proprie determinazioni esclusivamente alle informative della nostra intelligence;

recentemente il Ministro degli affari esteri ha nuovamente negato il visto di ingresso al signor Haj Ali, cittadino iracheno divenuto il simbolo dei prigionieri di Abu Ghraib torturati dai militari statunitensi che gestiscono quel carcere, anch'egli invitato in Italia per testimoniare sulla sua drammatica esperienza da parte dei 'Comitati Iraq libero';

le motivazioni di quest'ultimo diniego sarebbero di origine burocratica (si veda il quotidiano "Il Manifesto", 1?/10/2005, pag. 6), avendo il signor Haj Ali richiesto il visto ai primi di settembre non all'ambasciata italiana di Baghdad, ossia del paese in cui risiede, ma presso quella della capitale giordana Amman, presso la quale si trovava;

? fuori dubbio che la mancata concessione dei visti riguardi esponenti iracheni invisi agli Stati Uniti, tutti invitati in Italia dagli stessi organizzatori nel medesimo periodo, anche se respinti, secondo la stampa, con motivazioni differenti,

si chiede di sapere:

sulla base di quale informativa e da parte di quale servizio segreto siano stati negati i visti di ingresso agli esponenti iracheni, posto che in analoghe occasioni il comportamento dei servizi tendeva a limitarsi a seguire gli spostamenti degli stranieri e non certo a impedirne la presenza in Italia;

di fronte a una vittima della violazione dei diritti umani, diventata suo malgrado l'emblema degli orrori della guerra e come tale testimone itinerante in vari paesi, come il signor Haj Ali, se l'ambasciata italiana ad Amman e il Ministro degli affari esteri abbiano comunicato immediatamente al richiedente le modalit? di concessione del visto per l'Italia e si siano adoperati per agevolarne la venuta;

se non si ritenga che sia stata impedita nelle circostanze indicate la libera circolazione delle persone e il libero confronto delle idee nel nostro paese, sanciti dalla Costituzione, manifestando una grave subalternit? nei confronti degli Stati Uniti d'America e alla dottrina neocon della cosiddetta guerra preventiva. (3-02294) "

Roma 5-10-2005
L'Ufficio Stampa PRC al Senato

 



Stampa la notizia: Interrogazione al Ministro degli Esteri sul Rifiuto del Visto al Torturato Iracheno Haj Ali
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 04 Ottobre 2005 - 12:30

IRAQ LIBERO ? COMITATI PER LA RESISTENZA DEL POPOLO IRACHENO
Bollettino del 3 ottobre 2005
http://www.iraqiresistance.info

A Roma Pieno successo dell?incontro internazionale

L?incontro internazionale che si ? tenuto ieri a Roma ha avuto pieno successo. Alla sala stracolma, con tantissime persone in piedi, ha fatto riscontro la grande partecipazione di tutti i presenti e l?ottimo livello dei numerosissimi interventi che si sono succeduti per 6 ore senza alcuna interruzione. Grande ? stato il sentimento di rabbia e di protesta per i visti negati, per le angherie che si aggiungono alle torture, grande la determinazione ad andare avanti. Il senso di questa manifestazione, gli impegni assunti da tutte le forze presenti, il programma di lavoro che ne ? scaturito sono riassunti nel documento conclusivo dell?assemblea che pubblichiamo in questo bollettino. Ma ? doveroso sottolineare due cose. In primo luogo la volont? di lotta che si respirava non solo negli interventi ufficiali, ma in ogni frase e commento che si poteva ascoltare dentro e fuori dalla sala. In secondo luogo la grande unit? che si ? registrata a livello internazionale (con la presenza di delegazioni provenienti da 15 paesi), frutto del lavoro in comune intrapreso e della consapevolezza dell?importanza della lotta che unitariamente stiamo conducendo. La manifestazione di Roma ? stata dunque un passaggio importante, una tappa per andare avanti con pi? forza. Era questo l?obiettivo ed ? stato raggiunto.

Seguono il comunicato stampa sull'Ambasciata italiana ad Amman e il
Documento conclusivo dell'incontro internazionale sull'Iraq del 2 ottobre

 



Leggi tutto... (13123 byte rimanenti) Stampa la notizia: A Roma Pieno Successo dell'Incontro Internazionale Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 03 Ottobre 2005 - 18:51

 

Conferenza Iraq a Roma

alcune foto

 



Leggi tutto... (2111 byte rimanenti) Stampa la notizia: Conferenza Iraq a Roma - alcune foto
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 03 Ottobre 2005 - 15:39

 

Lo Stato Iracheno e la Resistenza

Intervento del Prof Aldo Bernardini
Conferenza Iraq - 2 ottobre 2005

Al momento della cattura, il Presidente Saddam Hussein, secondo quel che pi? tardi ha riportato la stampa, ha detto: "La guerra non ? finita. Non avete ancora vinto la guerra.". Qui la chiave per comprendere dal punto di vista giuridico quanto avviene in Iraq. Che si sia trattato di una aggressione vergognosa, coperta da spudorate menzogne ? riconosciuto da vaste cerchie. Cos? pure, genericamente, che un popolo che subisce un'invasione abbia un diritto di resistenza. Ma qui finisce la comprensione della parte "democratica" o "progressista" delle forze politiche e dell'opinione pubblica.
A fronte dell'indicibile gravit? della violazione dei diritti di un popolo e di uno Stato sovrani, di uno degli episodi pi? gravi della storia contemporanea sotto il profilo etico, si ergono i feticci mentali che annebbiano una corretta lettura di quanto avvenuto in Iraq e delle conseguenze da trarne. Il proclamato carattere "tirannico" di quello che viene chiamato il regime di Saddam Hussein, gli auspici dell'avvento di una societ? "democratica" di tipo occidentale in Iraq pur sotto la guida dell'invasore finiscono per capovolgere la valutazione etica e giuridica dell'aggressione e, con un tipico rovesciamento di fatti e di principi, come gi? per la Jugoslavia, sfociano in una sorta di giustificazione della situazione di fatto, o asserita tale, provocata dall'occupazione e del c.d. processo politico istituito dalle forze occupanti insieme a collaborazionisti iracheni. (segue)

 



Leggi tutto... (14830 byte rimanenti) Stampa la notizia: Aldo Bernardini - Roma 2 ottobre 2005 Conferenza Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 03 Ottobre 2005 - 13:36

 

A.T.I.K.
ILPS - Turkie

Volantino - Intervento alla Conferenza Irachena di Roma

Il popolo Iracheno grida sotto la occupazione della guerra imperialista. Ma la resistenza va avanti, senza pensare al grande dolore e senza smarrimento. Il regime disumano ? entrato in una situazione senza una via d'uscita.
Il regime imperialista nella cooperazione con Talabani si trova ora in un governo turbato ogni giorno da problemi come: Ruberie, Corruzione e Scandali.
Alla popolazione manca l'energia elettrica. L'Acqua, salute dell'uomo, non ? garantita. Per questo il governo perde ogni giorno la fiducia della popolazione.
Ci troviamo di fronte a due gruppi. Il primo ? il regime occupante, che massacra e che lavora su cose sbagliate. Dall'altra parte ci sono persone che vogliono lottare per la vita.
Non esiste soltanto la storia del grande Rapinatore. C'? anche la storia di popoli che hanno pagato con la propria vita. Ci sono persone del popolo iracheno, che pagano con la vita e molto altro e che noi non dobbiamo dimenticare o disperdere. I media non ci mostrano ci? che c'? da guardare.
Un esempio "la contro guerriglia inglese", che ha ucciso molti uomini e che quando il governo del regime ha arrestato due uomini colpevoli, li ha liberati con una operazione speciale. Qui si vede come guardare ai fatti che accadono.
Le torture nel carcere di Abu Ghraib, che tutti i popoli del mondo hanno visto attraverso i media, lascia intravedere il quadro di questo regime imperialista. Lo stesso ? per il massacro di Falluja e quello di Telafer.
Gli uomini hanno speso molto tempo e molto lavoro per cambiare la geografia democratica del mondo, ma questo regime di cose ha represso tutto il loro lavoro e non si occupa di ci? che ? storia.
L'esercito americano e il "presidente del regime giocattolo", Ibrahim Cafer, hanno iniziato le operazioni il nove settembre. Punto primo: ci sono gi? centinaia di uomini morti. Ad oggi forse sono pi? di mille, mentre 100.000 uomini sono fuggiti ed hanno lasciato l'Iraq, specialmente fra il popolo turkmeno. Le citt? sono "senza case", senza infrastrutture e senza uomini.
Il ministro della difesa, Sadun Duleymi, ha avvertita l'opposizione come Romadi, Samara, Ravae Kaimha. Sadun ha detto di fare attenzione, affinch? tutto questo non diventi il massacro gi? avvenuto in altre citt?. Per questo dobbiamo sostenere le ragioni di questi uomini, che devono vivere in queste zone. Nessuno pu? prendere il diritto della popolazione irachena di decidere il proprio futuro.
Per questo motivo, noi come "ATIK", vogliamo salutare la lotta democratica per la libert? della resistenza irachena. Noi sosteniamo questa lotta per la Libert?. Non dobbiamo lasciare che l'ostilit? crei disegualianze per questo popolo in conflitto.

No all'occupazione imperialista
No alla collaborazione con gli imperialisti
Viva il diritto di decidere il proprio futuro
Viva la Resistenza
Viva la Fratellanza



Stampa la notizia: A.T.I.K. Volantino alla Conferenza Iraq di Roma
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 01 Ottobre 2005 - 16:36

 

 

 Iraq: la mia voce contro la Guerra e la Tortura

di Loredana Morandi

I ragazzi del Comitato Iraq Libero chiedono, che tutte le voci libere prendano una posizione in merito al rifiuto governativo ai visti per gli ospiti iracheni. La mia voce sui fatti di Abu Ghraib, in qualit? di fondatrice della comunity attivista Bloggersperlapace, oggi Rete Artisti - Associazione Argon, di certo vi ? nota. Qualcuno di voi ricorder? come tutti i siti della comunit? furono crackati, a seguito dell'aver dato la notizia degli orrori e dello scandalo. La foto qui di fianco, ne ? una piccola prova. Non tutti per? sanno, che quei blog le cui password furono recuperate subirono una seconda crackatura, in occasione del sequestro delle volontarie di Un Ponte per ... Tanto che informai di ci? la Procura. Storia passata.
L'occasione odierna per riprendere il discorso ? determinata dal rifiuto dei visti agli ospiti iracheni per la conferenza che si terr? domani , ed io ritengo che sia giusto e doveroso scrivere con la propria penna sul "muro" della storia del Movimento dei Movimenti italiani per la Pace, ed a ci? mi accingo ripromettendomi d'essere monito profetico, nella consapevolezza che in Iraq si combatte e si muore ogni giorno ... (segue)

 



Leggi tutto... (6822 byte rimanenti) Stampa la notizia: La Mia Voce Contro la Guerra e la Tortura - Loredana Morandi
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 01 Ottobre 2005 - 11:03

 

CONFEDERAZIONE COBAS

 

ABU GHRAIB: SILENZIO SULLE TORTURE

Questo ? l'ordine del governo Berlusconi/Fini, che, dopo aver negato in estate il visto d'ingresso in Italia ad esponenti della resistenza irachena, ora ha reiterato il divieto nei confronti di Haj Ali, l'uomo incappucciato e con gli elettrodi attaccati agli arti, simbolo delle torture perpetrate dall 'esercito Usa contro gli irakeni nel carcere di Abu Ghraib.

Haj Ali era stato invitato in Italia dal Comitato Iraq Libero per raccontare in un giro di conferenze ed assemblee la propria esperienza delle torture subite nelle carceri controllate dai militari Usa.

Ad Haj Ali ? stato negato il visto, regolarmente richiesto, dall'ambasciata italiana ad Amman, citt? ove si ? rifugiato dopo il terribile "soggiorno" nel carcere di Abu Grhaib, con il risibile e falso pretesto secondo cui, per ottenere il visto, ? necessaria la residenza nel paese ove avviene la richiesta.

In realt? per il governo Berlusconi/Fini, sempre pi? servo degli occupanti Usa e sempre pi? invischiato nella guerra d'aggressione al popolo iracheno, la popolazione italiana non ha il diritto di ascoltare l'agghiacciante testimonianza di chi ha dovuto sopportare sulla propria pelle le peculiari caratteristiche della "democrazia" Usa.

E' vero che le foto delle torture ampiamente praticate nel carcere di Abu Grhaib (e non solo) hanno fatto il giro del mondo, ma permettere  a chi ne ? stato vittima di rendere diretta testimonianza di tutto questo ? veramente troppo per il nostro "democratico" governo. Ora ? meglio che cali il silenzio sulle nefandenzze di cui ? capace l'imperialismo Usa, difensore, in nome della civilt? occidentale, della libert? e dei diritti umani.

Quanto poi alla stragrande maggioranza dell'"opposizione" di centrosinistra, che, pure, proprio se ? costretta, dichiara che ? necessario porre fine alla guerra in Iraq e ritirare le truppe italiane, anche in questo caso il silenzio ? d'oro; d'altra parte ? troppo impegnata nelle primarie e guai ad incrinare i nostri rapporti di fedele alleanza/sudditanza con gli Usa.

I signori della guerra, i signori della tortura, i loro portaborse, adesso gongolano e s'illudono di aver tappato la bocca ad Haj Ali e aver ridotto al silenzio un popolo martoriato e il movimento contro la guerra.

Per? si sbagliano di grosso.

Deve partire immediata la mobilitazione perch? la voce di Haj Ali arrivi direttamente anche al popolo italiano, perch?  dobbiamo riprenderci collettivamente la parola e rilanciare la lotta contro la guerra e per il ritiro immediato delle truppe dall'Iraq.

ROMPIAMO IL SILENZIO!
DIRITTO DI INGRESSO E DI PAROLA IN ITALIA PER HAJ ALI !

CONFEDERAZIONE COBAS

 



Stampa la notizia: Cobas - Abu Ghraib: Silenzio Sulle Torture!
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 30 Settembre 2005 - 12:49

 

"Civilt? Italiana"

vignetta di Lunadicarta



Stampa la notizia: Abu Ghraib Italia
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 30 Settembre 2005 - 10:19

 

NEGATO IL VISTO ANCHE AD HAJ ALI!

PER FINI E BERLUSCONI AI TORTURATI VA TOLTA ANCHE LA PAROLA

DALL'INCONTRO INTERNAZIONALE DI DOMENICA
UNA FORTE RISPOSTA AL DISPOTISMO IMPERANTE IN ITALIA
CHE OGNI DEMOCRATICO FACCIA SENTIRE SUBITO LA PROPRIA VOCE!

GLI HANNO RIMESSO IL CAPPUCCIO!

Il governo Belusconi-Fini nega il visto anche ad Haj Ali, il torturato di Abu Ghraib

Comunicato stampa dei Comitati Iraq Libero

Questa mattina, venerd? 29 settembre, Haj Ali,  simbolo dei torturarti di Abu Ghraib, si ? recato presso l'ambasciata italiana di Amman (Haj Ali, dopo la sua drammatica esperienza, vive infatti in Giordania) a ritirare il visto promesso e quindi partire per l'Europa. Gli ? stato invece comunicato, dopo tre settimane di pellegrinaggi in ambasciata, che il visto non poteva essergli  concesso.

L'ambasciata si  ? aggrappata al ridicolo pretesto che risiedendo Haj Ali in Giordania, essa non avrebbe la potest? di concedere il visto dato per concesso. Assurdo! Tutti sanno che il requisito della residenza nel paese di stanza dell'ambasciata (escogitato infatti all'ultimo momento) non ? affatto necessario per il rilascio del visto. La decisione, esclusivamente politica, viene direttamente dai palazzi del governo di Roma, si spiega senz'altro con la volont? di rispettare l'ormai famigerato diktat americano, ma in questo caso c'? un surplus: si vuole umiliare Haj per ci? che suo malgrado rappresenta (la pi? umana denuncia della terribile occupazione del suo paese) e con lui il vasto movimento di solidariet? con la resistenza del popolo iracheno.

Secondo il responsabile dell'ambasciata, Haj Ali dovrebbe "semplicemente" recarsi alla rappresentanza diplomatica italiana a Bagdad, all'interno cio? della Green Zone, la fortezza americana nel cuore di Bagdad. In sostanza si arriva a chiedere  al torturato di andare dai torturatori, naturalmente per ricevere un altro no o magari qualcosa di peggio.

Il governo Berlusconi-Fini ha dunque superato se stesso, impedendo ad un simbolo della brutalit? dell'occupazione militare dell'Iraq di venire in Europa, dove ? richiesto in decine e decine di citt? e da numerosi ed importanti organi dell'informazione radiotelevisiva.

E' questa una conferma clamorosa tanto dell'arroganza del governo, quanto della sua sudditanza agli USA.

Questa vergognosa decisione, che il governo non ha avuto questa volta neppure il coraggio di assumersi politicamente, ? stata resa possibile dall'altrettanto squallido silenzio sull'intera vicenda dei visti (Conferenza di Chianciano) da parte dei dirigenti del centrosinistra che non hanno mosso un dito davanti alla violazione dei diritti democratici, davanti alla negazione del diritto all'espressione del pensiero, davanti al bavaglio che oggi viene messo sulla bocca dell'uomo incappucciato ad Abu Ghraib.

Dobbiamo dunque lanciare un forte allarme democratico. Dopo aver impedito la Conferenza Internazionale per "Una pace giusta, con la Resistenza", si vuole impedire ora che la barbarie della tortura venga denunciata in prima persona da chi l'ha subita.

A questo punto siamo arrivati, a questo non dobbiamo e non vogliamo rassegnarci.

E' questa una battaglia non solo nostra; sempre di pi? ? una lotta che riguarda tutti i sinceri democratici, perch? qui ? in gioco lo stesso diritto ad affermare la verit?. La lotta dunque continua. Gi? oggi stiamo avviando le procedure per richiedere il visto ad Haj Ali da altri paese europei.

Haj Ali non potr? essere in ogni caso presente all'incontro internazionale di domenica 2 ottobre a Roma, ma certo non rinunciamo al progetto del suo tour europeo, per portare in ogni angolo del continente la denuncia della mostruosa violazione dei diritti umani frutto dell'occupazione americana dell'Iraq.

Il meeting di domenica prossima a Roma sar? dunque un'occasione per una denuncia ancora pi? forte del dispotismo imperante in Italia, un momento di protesta contro l'attacco ai diritti costituzionali, un punto di partenza per il rilancio della lotta per avere Haj Ali in Europa,  ed i visti ai legittimi rappresentanti del popolo iracheno per poter tenere quanto prima la Conferenza internazionale.

Comitati IRAQ LIBERO
29 settembre 2005



Stampa la notizia: Vergogna Italia: Hai rimesso il Cappuccio al Torturato di Abu Ghraib
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 25 Settembre 2005 - 20:48

 

Poesia Per Un Giudice Iracheno

Resistente e Democratico
scagli il tuo giusto maglietto
contro l'astioso potere
che ha distrutto cose
che ha distrutto case
che ha distrutto vite

Diritto, e Senza Timore
scagli il tuo giusto maglietto
contro l'efferato omicida
che ha ucciso fanciulli
che ha ucciso anziani
che ha ucciso intere famiglie

La Legge di Mestiere
scagli il tuo giusto maglietto
contro l'armato osceno
che ha ferito
che ha segregato
che ha torturato

Giustizia come Fede
scagli il tuo giusto maglietto
contro l'immondo politico
che ha stracciato i Trattati
che ha stracciato le Leggi
che ha stracciato la Dignit?

Timido Segno di Civilt?
scagli il tuo giusto maglietto
contro l'agghiacciante brama
che non ha coscienza
che non ha cultura
che non ha storia

Tu, Figlio di Hammurabi
scagli il tuo giusto maglietto
contro l'orrendo usurpatore
della tua terra
della tua casa
della tua storia

Per l'Antico e Orgoglioso Tuo Popolo

Loredana Morandi
25 settembre 2005

leggi l'articolo cui si ispira la poesia



Leggi tutto... (2880 byte rimanenti) Stampa la notizia: Un Giudice Iracheno ...
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 20 Settembre 2005 - 20:20

 

 

Iraq, usa e pazzia violenta inglese

Mentre Rita si trasforma da semplice tempesta in uragano e si dirige lesta verso il Texas, accingendosi ad attraversare la Florida e la Luisiana gi? in ginocchio, la Dod (department of defence) ha informato la stampa planetaria che le perdite usa in Iraq sono arrivate alla quota di 1902 soldati morti, con i cinque deceduti in giornata a Mosul in un attentato kamikaze. Sembra evidente che qualcuno di lass? ascolti la preghiera dei 3804 genitori, che hanno dato i figli alla patria in Iraq, insieme a quelle dei 468, che han perduto i 234 figli in Afghanistan. Se i servizi meteo pacifisti la tirano, fronte allo scempio iracheno continuato, sono certamente in molti quelli che augurano una microscopica eruzione dello Yellowstone, con la sua graziosa bocca eruttiva di 40 chilometri quadrati. Pi? grande di microscopica no, perch? oscurerebbe il cielo del pianeta per mesi.
L'evento saliente della giornata ? la prosecuzione britannica violenta, e politicamente maldestra, all'arresto di due soldati inglesi dalle forze di polizia irachene a Bassora. L'accusa infamante, e sicuramente vera, che ne ha determinato l'arresto ? che i due uomini sparavano contro la folla inerme. La versione ufficiale irachena narra che i due uomini avrebbero sparato ai poliziotti di un posto di blocco. Purtroppo a questo mondo nessuna bomba esplode a caso. Vi rammento infatti che le prime foto di violazioni ai diritti umani, contro prigionieri iracheni, furono proprio quelle dei "souvenir" anglosassoni, ed i soldati erano soliti immortalarsi con lo scarpone sulla schiena dell'iracheno incaprettato, muto e cieco per i bavagli. Non stupisce dopo ci?, ed inoltre dopo gli attentati di Londra del luglio scorso, il comportamento delinquente e razzista dello sparare sugli inermi, o contro le forze di polizia irachene dei soldati inglesi.
Tant'? ed oggi, l'esercito di Sua Maest? "serenissima" la Regina Elisabetta ha assaltato la prigione dove i due uomini erano detenuti, con almeno 6 carri armati, elicotteri e quant'altro; radendo al suolo la prigione e l'adiacente comando di polizia. Sembra che 150 detenuti abbian preso il volo durante l'attacco. Buon per loro, perch? non sapremo mai se ci sono stati morti, oppure no. Le forze di polizia irachene si sono difese, provocando la perdita di un blindato inglese, come da esauriente  testimonianza fotografica. Concludendo: la bomba per il "Ministro Mentitore del Giorno" ? stata vinta dal ministro per la guerra londinese che, naturalmente, nega tutto (pure le foto scattate dai giornalisti); affermando di aver ottenuto la liberazione dei suoi uomini con una trattativa. Gi?, perch? lui la chiama trattativa ...



Stampa la notizia: Iraq, Usa e Pazzia Violenta Inglese
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 18 Settembre 2005 - 18:28

IRAQ LIBERO - COMITATI PER LA RESISTENZA DEL POPOLO IRACHENO
http://www.iraqiresistance.info

Verso la Conferenza Internazionale
 
MANIFESTAZIONE
 
ROMA, domenica 2 ottobre,
ore 10,00 - Aula magna universit? valdese
via Pietro Cossa 40 (zona P.zza Cavour)

GUARDIAMO IN FACCIA LA VERIT?
 
Il governo italiano, negando ad alti esponenti della societ? civile  irachena di venire in Italia col pretesto che essi sarebbero "seminatori d'odio" e una "minaccia per la sicurezza nazionale", ha impedito che si svolgesse la prevista Conferenza di Chianciano.
In verit? gli iracheni sarebbero venuti non solo a spiegare le ragioni della Resistenza contro l'occupazione, ma ad invitare l'Italia a cambiare strada seguendo una politica di pace.
Il fatto ? che Berlusconi, Fini e C. obbediscono a Sua Maest? Bush il quale,  attraverso un'ultimatum firmato da 44 parlamentari del Congresso USA, intim? a Roma, gi? a fine giugno, di proibire la prevista Conferenza.
In un colpo solo sono stati cos? calpestati la sovranit? italiana, la Costituzione, la libert? di pensare diversamente da chi vuole trascinarci nell'abisso della "guerra di civilt?".
Non gli italiani sono infatti terrorizzati, ma solo il governo, poich? non vuole far loro conoscere la verit? su quanto sta accadendo in Iraq: che non c'e' alcuna pacificazione; nessuna stabilizzazione democratica; che i crimini compiuti dalle truppe occupanti e dai loro squadroni della morte (che cinicamente si cerca di addossare alla Resistenza) continuano pi? efferati di prima.

MANIFESTAZIONE
ROMA, domenica 2 ottobre, ore 10,00

Aula magna universit? valdese
via Pietro Cossa 40 (zona P.zza Cavour)

Verso la Conferenza Internazionale - Per i visti ai fratelli iracheni - Per il ritiro delle truppe d?occupazione -Con la Resistenza popolare - Per una pace giusta nel rispetto della sovranit? nazionale

Presiedono:

Leonardo MAZZEI, portavoce dei Comitati Iraq Libero - John CATALINOTTO, International Action Centre, USA - Manolis ARKOLAKIS, Lega Internazionale dei Popoli in Lotta ILPS - Wilhelm LANGTHALER, Campo Antimperialista

Intervengono tra gli altri:

Haj ALI, vittima delle torture di Abu Ghraib - Awni al KALEMJI, portavoce dell?Alleanza Patriottica Irachena - Kawthar al KUBAYSI, moglie di Abduljabbar, segretario dell?Alleanza Patriottica Irachena, sequestrato dall?esercito USA il 4 settembre 2004 - Abdulhaleem KANDIL, rappresentante di Kifaya, Egitto ? Roberto GABRIELE, per i sette scioperanti della fame - Gianni VATTIMO, Filosofo - Giovanni FRANZONI, Comunit? Cristiana di Base di S. Paolo - Hamza PICCARDO, Segretario nazionale dell?Unione delle Comunit? Islamiche ? UCOII - Domenico LOSURDO, Filosofo - Marina BIGGERO, Confederazione Cobas - Vainer BURANI, Avvocato difensore di attivisti islamici - Aldo BERNARDINI, Professore di diritto internazionale - Georges LABICA, Filosofo, Francia  - Jan MYRDAL, Scrittore, Svezia.

Comitati IRAQ LIBERO ? 17 settembre 2005



Stampa la notizia: IRAQ: Verso la Conferenza Internazionale - Roma Manifestazione 2 Ottobre
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 06 Settembre 2005 - 14:19




SE CI SIETE BATTETE UN COLPO!

Sette di noi sono gia? al sesto giorno di sciopero della fame affinche? il Ministro degli Esteri G. Fini acconsenta a concedere i visti agli esponenti dell?opposizione popolare irachena -in vista della Conferenza di Chianciano "Per una pace giusta, con la resistenza irachena".
L?ampia e sincera solidarieta? giunta loro da ogni parte rafforza il loro morale e da respiro alla loro lotta.
Ma per vincere la tracotanza di Fini e del "partito americano" CI VUOLE DI PIU?. Cosa ci vuole? Che altri compagni si aggiungano al drappello in sciopero della fame.
Ci rivolgiamo anzitutto ai vari organismi che pur non facendo parte di Iraq Libero stanno con noi preparando la Conferenza. Inviate almeno uno dei vostri!
Ci rivolgiamo infine a tutti coloro che hanno a cuore la nostra lotta e comprendono la sua grande portata politica,  non solo ad apporre la loro firma all?appello "Vogliamo vedere i visti" (e a farlo circolare quanto piu?), ma a compiere un gesto generoso e coraggioso, ad aggiungersi quanto prima ai sette della farnesina.
Questo a noi pare il modo piu? chiaro e netto di aiutare gli scioperanti, affinche? non restino soli, affinche? non siano sconfitti loro, ma un Ministro che, per eccesso di zelo, non esita a fare il Gaulaiter al servizio dell?imperatore Bush.
Chi, tra coloro in ascolto, voglia correre in aiuto al gruppo dei sette, li contatti subito: 347.7815904 (Leonardo)

I SETTE COMPAGNI IN SCIOPERO DELLA FAME

Anika Persiani, 31 anni, studentessa di Agraria Tropicale di Firenze, impegnata in numerose attivit? di volontariato - Leonardo Mazzei, 49 anni, impiegato Enel di Castelnuovo Garfagnana (LU), portavoce dei Comitati Iraq Libero - Ilia Montani, 20 anni, studentessa di Filosofia, attivista del movimento studentesco umbro - Lara Wintzer, 21 anni, studentessa di Duisburg (Germania) - J?rg Ulrich, 38 anni, studente, gi? militante del Pkk, risiede a Duisburg - Emanuele Fanesi, 29 anni, studente-operaio di Perugia, impegnato da anni nella militanza antimperialista - Roberto Gabriele, 66 anni, della Fondazione internazionale ?Nino Pasti?, romano, figura storica del movimento antimperialista.



Leggi tutto... (21648 byte rimanenti) Stampa la notizia: VISTI IRAQ: SE CI SIETE BATTETE UN COLPO!
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 02 Settembre 2005 - 22:40



VISTI IRAQ: HUNGER STRIKE, Ultim'ora e Due Appelli

Ultim'ora:
Ho appena parlato al telefono con Leonardo Mazzei, ed ho appreso che, nonostante egli sia al suo terzo giorno di sciopero della fame, il suo morale ? tanto alto da potermi rispondere al "e tu come stai" rituale con un "io sto bene, grazie".
 La sua voce mi sembra stanca e sono sinceramente preoccupata.
Oggi, alcune associazioni hanno redatto un nuovo appello per questi visti negati, che impegnano ben 7 persone allo sforzo estremo dello sciopero della fame, fra gli aderenti al Campo Imperialista. La sottoscritta, la comunity Argon e la Rete Artisti, hanno aderito anche a questo appello con l'esplicito richiamo ad una azione unitaria del movimento pacifista italiano, di fronte ad una azione tanto grave del governo. Seguono il testo, le firme (1) e il documento del Comitato Italiano per il ritiro dei militari dall'Iraq (2).



Leggi tutto... (7193 byte rimanenti) Stampa la notizia: IRAQ: Hunger Strike Ultimora e due appelli
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 31 Agosto 2005 - 18:07

Al-Kadhimiya: Potrebbero essere pi? di 1000 i morti

La fuga precipitosa uccide centinaia di Iracheni

IslamOnline.net
Traduzione Lunadicarta
 
BAGHDAD, 31 agosto 2005 - Pi? di 600 iracheni Sciiti ? rimasto ucciso oggi, mercoled? il 31 agosto, in una fuga precipitosa per il crollo di un ponticello sul fiume Tigri a Baghdad. "Circa 637 morti sono state rapportati e 238 feriti, secondo le informazioni ottenute da cinque ospedali," ha detto un funzionario iracheno di sicurezza all'Agenzia France Presse (AFP).
Molti dei morti sono annegati dopo essere caduti da uno stretto ponticello, in un impulso di panico innescato dalle esplosioni da mortaio e dalle voci di un kamikaze suicida tra la folla, mentre stavano marciando verso la moschea di Al-Kadhimiya, nel distretto di Al-Kadhimiya di Bagdad, per commemorare e pregare in onore della morte del settimo imam, Musa Al-Kadhim, importante figura religiosa per gli sciiti.
La fuga precipitosa ? accaduta circa tre ore dopo, che la moschea di Kadhimiya fosse fatta oggetto del fuoco di un mortaio, che ha causato almeno sette morti e dozzine di persone ferite.
Una fonte della polizia ha detto, che le centinaia dei migliaia di pellegrini sciiti si stavano dirigendo al mosque di Kadhimiya, quando qualcuno ha urlato che c'era un kamikaze suicida fra loro. "A centinaia la gente ha iniziato la fuga e qualcuno si ? gettato fuori sul fiume dal ponticello", ha detto la stessa fonte. "Molti fra i pi? anziani sono morti immediatamente, come conseguenza della fuga precipitosa, ma delle dozzine annegate molti corpi sono ancora nel fiume e le barche stanno lavorando per recuperarle."

Tragedia

Un ospedale ha detto che aveva ricevuto almeno 100 corpi da 12:30 (GMT 0830), Reuters. I corpi erano talmente numerosi, ha detto la fonte dell'ospedale, che stavano dirottandoli pure ad altri a due a ospedali vicini. "Abbiamo perso il conteggio, noi curiamo le centinaia di feriti e altre centinaia di feriti sono in arrivo", ha dichiarato alla Reuters un funzionario del ministero della salute. "Non possiamo dire a quanti sono i feriti. Molti corpi sono ancora nel fiume, " ha aggiunto il funzionario. La polizia e altri fonti ospedaliere hanno dichiarato, che circa 255 persone sono rimaste ferite nella fuga precipitosa.
Le riprese di Al-Jazeera, stanziata presso la Doha, hanno mostrato metri e metri coperti di corpi, parzialmente coperti da fogli bianchi sul pavimento d'ospedale. I medici e gli infermieri che stavano trattando molti dei feriti direttamente sul pavimento o sui lettini nei corridoi. Un bambino in stato di incoscienza su di una barella, con una flebo endovenosa pendente dal braccio.
Una fonte interna di ministero ha dichiarato all'Agenzia France -Presse (AFP), che ci sono probabilmente pi? delle vittime tra bambini e donne.

I Sunniti si offrono di aiutare

Sunniti, gli osservatori ed i funzionari Sciiti, intervistati su Al-Jazeera, hanno ribadito che la colpa in gran parte ? delle forze di occupazione, ed il governo iracheno non riesce a fare abbastanza per organizzare ed assicurare tali folle enormi di gente.
Lo sceicco Harith Al-Dari, presidente dell'associazione degli Studiosi musulmani, il pi? alto corpo religioso sunnita in Iraq, ha offerto le condoglianze alla popolazione Sciita, insistendo che la tragedia ha avuto un lato positivo nel mostrare i legami forti fra gli Iracheni di tutti i culti religiosi nel trattare un colpo cos? pesante. Molti Sunniti iracheni nelle vicinanze della moschea di Al-Hadhimiya sono accorsi velocemente per offrire l'aiuto ai feriti.
Moayed Al-Aadami, imam della moschea di Abu Hanifa, ad esempio ha offerto in aiuto i locali della moschea per, in collaborazione con i residenti iracheni nella zona, accogliere i feriti e poi instradarli verso gli ospedali dove potranno ricevere le cure.
Abbas Al-Rabbi di Abbas, dell'ufficio di Martyr Sadr, ha incolpato il governo iracheno e delle forze di occupazione degli Stati Uniti della fuga precipitosa. Ha aggiunto che le forze degli Stati Uniti non potevano mantenere l'ordine in tali occasioni religiose di Sciite, per la loro ignoranza delle tradizioni della gente irachena.
Il primo ministro iracheno, Ibrahim Jaafari, ha annunciato tre giorni di lutto nazionale a seguito di questo enorme e mortale incidente, come ha segnalato la televisione. "Il primo ministro ha annunciato tre giorni di lutto per le vittime di questa tragedia", ha detto un presentatore della televisione leggendo la dichiarazione di Jaafari.
La tragedia avviene soltanto un giorno dopo, che almeno 56 Iracheni siano stati uccisi dai bombardamenti aerei multipli degli Stati Uniti nella citt? irachena occidentale di Qaim, vicino ai confini siriani.



Stampa la notizia: Al-Kadhimiya strage di Sciiti
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 27 Agosto 2005 - 21:31







Campo Antimperialista e Comitati Iraq Libero
Conferenza Iraq di Chianciano


PRIME PAGINE

All'interno: i comunicati stampa del Campo Antimperialista, dei Comitati Iraq Libero, del Comitato Organizzatore del Convegno Iraq di Chianciano e la rassegna stampa dal web...

Nota del Capo Redattore

Abbiamo pi? volte notato, che taluni personaggi di Al Qaeda compaiono quasi a "comando" quando si devono tacitare i media sui possibili scandali, che coinvolgono il presidente Usa. Quindi, perch? mai tanto impegno dal Ministro degli Esteri Gianfranco Fini?
E' il caso delle dichiarazioni di Scelli, portavoce della Croce Rossa italiana, da soffocare? Oppure le vergogne pubbliche nazionali in quel della Banca d'Italia?
Il mio "se ho ragione", ve lo rimando a quando avr? letto i media internazionali ...



Leggi tutto... (34289 byte rimanenti) Stampa la notizia: Campo Imperialista - Comitati Iraq Libero le Prime Pagine
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 22 Agosto 2005 - 14:12

Qualche pregio questi conosciutissimi personaggi del web l'hanno avuto. Hanno genialmente trattato i ben noti personaggi per quello che sono, idioti armati fino ai denti, ed il compenso che ne hanno ricevuto ha consentito a tutti i siti di controinformazione di avere immagini e notizie vere dall'Iraq per mesi. Ma non tutto ci? che riluce ? oro. Infatti, nel materiale video ci sono anche pezzi di bravura prodotti direttamente dall'esercito e parecchie foto prese da yahoo news. Sotto le foto di come l'eroismo americano ha fatto il bagno nella piscina della villa di Udai Hussein, segue rassegna. Lu'







Leggi tutto... (4748 byte rimanenti) Stampa la notizia: Scambio di foto con l'US Army
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 11 Agosto 2005 - 01:37

Riconosciuti dalle analisi del dna i resti di Enzo Baldoni.

Iraq: Vita e Morte Solo Una Casualit?


In Iraq si muore ogni giorno. Resta comunque una peculiare coincidenza, che noi italiani si debba ritrovare Enzo Baldoni proprio nel giorno in cui Abdul-Qadir al-Badrani (neanche a farlo apposta il cognome ? simile), giornalista di una agenzia stampa irachena, viene colpito a morte da un attacco sferrato sulla strada principale per Falluja.
Il conflitto Iraq ? stato il calvario senza ritorno per tanti giornalisti, di ogni nazionalit?. Uno vale l'altro.
Lo ? stato anche per Enzo Baldoni.

Leggi tutto ...



Leggi tutto... (7032 byte rimanenti) Stampa la notizia: Enzo Baldoni, Iraq: Vita e Morte Solo Una Casualit
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 09 Agosto 2005 - 14:00






LASCIAMO IN PACE L?IRAQ
SOSTENIAMO LA LEGITTIMA RESISTENZA
DEL POPOLO IRACHENO

Chianciano Terme (Siena) 1-2 ottobre

 Conferenza Internazionale

La Conferenza Internazionale, a sostegno della Resistenza irachena, che si terr? a Chianciano Terme sabato 1 e domenica 2 ottobre 2005, sar? un'importante occasione per rilanciare il movimento contro la guerra, per affermare un'idea di pace fondata sull'autodeterminazione ed i diritti dei popoli, per rivendicare il ritiro immediato delle truppe di occupazione, per sostenere politicamente chi si batte per liberare il proprio paese dagli eserciti occupanti.

La tenuta della Resistenza dopo le elezioni farsa del 30 gennaio, il fallimento del progetto di stabilizzazione portato avanti dagli americani, il largo consenso di cui godono le formazioni che combattono contro gli occupanti, confermano la centralit? della lotta del popolo iracheno e la necessit? di allargare l'area di appoggio a questa lotta in tutto il mondo.

Gi? la guerra della Nato alla Jugoslavia ha riportato nel 1999 i bombardamenti in Europa; ora le criminali aggressioni all'Afghanistan ed all'Iraq, cos? come la perdurante oppressione sionista del popolo palestinese, hanno catapultato sull'Europa un nuovo tipo di bombardamento: quello messo in atto nel marzo 2004 a Madrid, ed il 7 luglio scorso a Londra.

E' questa una delle conseguenze del progetto imperialista di Washington, della sua politica aggressiva, guerrafondaia e totalitaria che vorrebbe trascinare il mondo in una vera e propria "guerra di civilt?".

Ed ? proprio la retorica dello "scontro di civilt?" e della "guerra al terrorismo" il cuneo che le potenze imperialiste, guidate dagli Usa, cercano di inserire tra il popolo iracheno e mediorientale da una parte, e il movimento contro la guerra e la globalizzazione in occidente dall'altra.

Per isolare la Resistenza all'occupazione, l'apparato mediatico occidentale cerca di demonizzare la lotta del popolo iracheno chiamandola "terrorismo".

In realt?, ? la guerra d'aggressione e di occupazione ad essere illegale e criminale. La Resistenza armata del popolo iracheno contro questa guerra illegale e criminale ? giusta e legittima.

La Conferenza Internazionale ha dunque lo scopo far sentire in Europa e nel mondo la voce di chi soffre l?oppressione, di chi si batte per la libert? del proprio popolo, ha l?obiettivo di riunire rappresentanti della Resistenza irachena e dei popoli del Medio oriente in lotta, assieme alle forze del movimento contro la guerra e la globalizzazione.

Speriamo cos? di rafforzare l'unit? tra i popoli che lottano per l'autodeterminazione nazionale ed i lavoratori dell'occidente che soffrono sotto il giogo dei propri governi, impegnati in avventure di guerra e saccheggio all'estero e in un?azione di repressione e sfruttamento all?interno.

Facciamo perci? appello alla pi? larga partecipazione alla conferenza, che vuole essere un luogo aperto ed inclusivo, un'occasione per costruire la pi? ampia unit? e per rilanciare l'azione di un forte movimento contro la guerra.

per adesioni scrivere a iraqlibero@email.it 

Per le altre lingue vedi al link:
http://www.antiimperialista.org/iraq_conference_2005/

Leggi di seguito il Programma
E inoltre: il comunicato del Comitato Organizzatore dal titolo
"Vogliono chiuderci la bocca: Non ci riusciranno!"



Leggi tutto... (12797 byte rimanenti) Stampa la notizia: 1-2 ottobre: Conferenza Internazionale Iraq - Chianciano Terme
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 08 Agosto 2005 - 12:49

Wake up people! The Al Qaeda has you...

Res - esistenza...

Knok, knok ... sveglia! Dopo la propaganda di Rumsfeld e della DoD (Department of Defence of USA) in merito alle trattative in corso con alcune frange della resistenza, subito smentita da alcuni personaggi che animano lo scenario iracheno, gli stessi che, per l'aver compiuto atti davvero indegni, sono universalmente iscritti all'albo nero dei collaborazionisti dell'intelligence americana. Tipo quelli che hanno ucciso il povero Baldoni, per esempio. Ieri le agenzie hanno battuto la notizia che "un gruppo, collegato ad Al Qaeda", ha pubblicato e sta divulgando volantini contenenti un numero telefonico per "denunciare i collaborazionisti" a Mosul.
Tutti titolano con una sorta di dalli "al numero verde" mentre, dall'altro capo del globo, la donna pi? potente degli states, Condoleeza Rice, dichiara alla stampa, che la Resistenza irachena si ? indebolita.
Anche questa notizia deve essere letta attraverso una translitterazione dei bites, che la compongono.

Leggi Tutto ..



Leggi tutto... (4394 byte rimanenti) Stampa la notizia: Res - esistenza ...
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 01 Agosto 2005 - 18:39

LETTERA APERTA FROM TUSIO DE IULIIS



Al Signor Sindaco di Pescara
Al Presidente Consiglio Comunale
Al Signor Vice Sindaco
Ai Signori della Giunta
Ai Signori Consiglieri
Ai Capi gruppo in Consiglio Comunale
Agli Illustri Rappresentanti
il Comitato tecnico organizzativo
Alla Rete Non Violenta Abruzzo
Al Social Forum Abruzzo
Ai Signori rappresentanti dell?informazione

Signor Sindaco, Signor Presidente del Consiglio, Illustrissimi Signori in indirizzo,

i tempi che la nostra societ? sta attraversando sono molti difficili e per alcuni versi colmi di orrori e nefandezze da renderne quasi impossibile un riscontro con la memoria storica delle barbarie della nostra umanit?.
Solo molto casualmente, ho letto, dell?intenzione dell?amministrazione comunale della citt? di Pescara di erigere un monumento alla pace, senza per? poter fare a meno di riflettere con grande preoccupazione alle dichiarazioni espresse sulle motivazioni e sulla intitolazione.

Leggo testualmente sul documento ufficiale dell?ufficio di presidenza:

?? presentazione del Monumento per gli Operatori di Pace nel Mondo ed a ricordo della Vittime di Nassiriya e contro ogni forma di terrorismo?.

Ed ancora oltre: ??Dopo la tragedia di Nassiriya, il Consiglio Comunale ha approvato alla unanimit? un ordine del giorno affinch?, oltre ad intitolare un?importante arteria cittadina, a ricordo di questo doloroso avvenimento, venisse realizzato anche un monumento che potesse meglio rappresentare la partecipazione ed il dolore di tutta la cittadinanza pescarese nei confronti dei familiari delle vittime (militari e civili), ma anche delle Istituzioni che i nostri sfortunati italiani rappresentavano in Iraq.

Il Monumento ? anche dedicato a tutti gli Operatori di Pace nel Mondo per testimoniare??

Una confusione evidente, incongruenze pesanti come macigni, sospettosi compromessi inapplicabili, volont? che voglio credere oneste ma che nella realt? confondono ancora di pi? una opinione pubblica ?bombardata? da una disinformazione scientificamente calcolata e tragicamente falsa.
La ?Pace? non ? un oggetto plasmabile, ? un bene prezioso tanto e come l?acqua, pulita e trasparente; ? una parola chiara scritta nei testi fondanti delle Nazioni Unite (o di quel che ne rimane).

Senza dubbio i  ?ragazzi? di Nassiriya meritano un monumento.
Le vittime di quel tragico gesto meritano un ricordo per molti motivi:

Leggi tutto ...



Leggi tutto... (9438 byte rimanenti) Stampa la notizia: Pescara: Lettera Aperta di Tusio De Iuliis
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 28 Luglio 2005 - 17:22

Articolo segnalato da Massimiliano Caruso da Azzaman.com


Il ritorno delle donne irachene
ai primi anni Cinquanta
 

Le donne irachene hanno conosciuto i loro giorni migliori in un'altra epoca: all'inizio degli anni Cinquanta. Da allora la loro condizione non ha fatto altro che deteriorarsi, per poi peggiorare in maniera allarmante dopo l'occupazione americana. Gli anni Cinquanta sono stati per le donne irachene davvero un'et? dell'oro. Nessuno avrebbe potuto sospettare che la loro condizione potesse peggiorare, semmai ci si poteva attendere un miglioramento graduale. In quei giorni non esistevano restrizioni sull'abbigliamento e le donne irachene potevano guidare, votavano, raggiungevano importanti posizioni all'interno del governo e godevano degli stessi diritti civili degli uomini, secondo una legislazione laica. Queste questioni erano, allora e ancora oggi, guardate con sospetto da molti altri paesi della regione. In quei giorni abbiamo avuto donne irachene alla guida di gruppi politici, abbiamo sentito le loro voci per le strade, le abbiamo viste resistere alle regole e alle tradizioni che avrebbero limitato la loro libert?.

Le scrittrici irachene sono state l'avanguardia della rinascita letteraria araba. Due delle nostre poetesse, Nazek Al-Malaika e Lamiya Abbas Amara, trionfarono negli anni Cinquanta e ancora oggi sono considerate come due fiori all'occhiello della rinascita letteraria araba. Nel campo dell'arte, in particolare nella pittura, le artiste sono state tra le avanguardie della Scuola Irachena. Le opere di Naziha Saleem e Suaad Al-Attar, epoca anni Cinquanta, fanno ancora parte delle opere maggiormente quotate dell'arte araba e islamica contemporanea. La legge civile dell'Iraq dei primi anni Cinquanta avvicinava il paese mediorientale ai paesi europei.

Ma le libert? di quella legislazione non piacquero alle forze reazionarie e fu modificata nel 1963: i diritti delle donne subirono molte restrizioni. Tale regressione ebbe inizio con l'arrivo dei colpi di stato militari e continu? per tutto il periodo del regime di Saddam Hussein. Ma, ahim?, le attuali condizioni delle donne irachene non sono affatto migliori di quelle dei tempi di Saddam. Ci sono molte persone oggi in Iraq che vorrebbero ritornare all'et? buia per le donne, persone che vorrebbero riportarle a essere cittadine di serie B. Ora ? dunque questa la sfida: debellare queste forze oscure e l'ignoranza che le guida.

http://www.azzaman.com/english/index.asp?fname=opinion\2005-06-16\10409.htm



Stampa la notizia: Il ritorno delle donne irachene ai primi anni cinquanta
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 19 Luglio 2005 - 10:15




UN WEB MUSEO d'ORO
PER L'IRAQ SACCHEGGIATO

I fondi sono quelli della missione militare iliatana
800.000 euro l'anno

Se non siete stati a visitare il museo archeologico di Baghdad sembra che, presto, potrete rifarvi gli occhi con un tour virtuale creato qui da noi, in Italia. Puzza di imbroglio, ma stante il saccheggio di oltre 10.000 oggetti gli autori rassicurano: "ci saranno anche i pezzi andati irreparabilmente perduti."
Opera nobile, certamente, che utilizzer? parte dei fondi della missione militare Antica Babilonia e che, in fondo, divertir? un bel po' gli attuali proprietari dei pezzi venduti su ebay e quelli dei pezzi pi? pregiati smerciati dalla malavita americana sul mercato nero.
Incrociamo le dita: avere online l'intero vetusto catalogo delle archeologie irachene (datato 1975 - 1976) potrebbe voler dire il non veder mai battuto alla vendita, in una delle prestigiose e miliardarie aste d'arte, uno dei moltissimi pezzi rubati.
Probabilmente ? anche per questo che le attuali autorit? irachene nicchiano e non hanno ancora deciso "il titolo del dominio", trattenendo impunemente il progetto in un larvale "virtuale", anche se ci dicono che il progetto ? gi? partito. Il loro problema ? comprensibile: qualche pezzo archeologico potrebbe tranquillamente trovarsi anche a casa di Negroponte o di Donald Rumsfeld, a mo' di trofeo d'arredamento. Un possibile ritrovamento in quelle case cagionerebbe ai governativi iracheni tutti i sintomi di un brutto mal di pancia internazionale, visto che sono alcuni milioni le persone al lavoro per l'impeachment dei principali guerrafondai al seguito di Bush.
Di contro, l'esposizione online pubblica di tutto quanto ? sopravvissuto al saccheggio e si trova ancora conservato nei sotterranei del Museo potrebbe indurre all'organizzazione di nuovi furti mirati, perch? i ladri si recherebbero a rubare il pezzo desiderato con tanto di scheda e numero di cartellino.
Peccato quindi che il tutto avvenga in un clima di selvaggia falsit? e di sognante protezionismo, solo per propugnare il ricatto dell'occupazione italiana. Meraviglia... al Cnr s? che potrebbero mettere un cartello curriculare con su scritto "noi piangiamo per tutti". Lacrime d'oro. Sarebbe davvero un miracolo vedere pezzi nascosti agli occhi dei visitatori dalla prima guerra del Golfo. Ora a Voi: indovinate perch? questo progetto viene pubblicizzato proprio oggi, a pochi giorni dal voto per il rifinanziamento della missione Antica Babilonia? Ah, come sono brava gente gli italiani! Disgraziati noi che ci preoccupiamo della vendita del patrimonio artistico e archeologico nostrano...

L.M.



Leggi tutto... (20978 byte rimanenti) Stampa la notizia: UN WEB MUSEO PER L'IRAQ SACCHEGGIATO
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 18 Luglio 2005 - 14:57







Leggi tutto... (3438 byte rimanenti) Stampa la notizia: VOGLIO ANDARE IN IRAQ !
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 26 Giugno 2005 - 19:38

U.S.A. : DOPO LA SCONFITTA
SI TRATTA CON LA GUERRIGLIA


Mahjoob del 1 giugno 2005Lo scrive in un lungo articolo il Sunday Times e gli Usa confermano: Rumsfeld sta trattando con la "guerriglia" irachena. Bush intanto afferma che non prevede date per il ritorno a casa dei soldati americani. Raccontata cos? la notizia puzza di imbroglio propagandistico lontano mille miglia, ma non possiamo affatto escludere che i "terroristi internazionali" stiano effettivamente trattando con quelli stessi da loro assoldati per la strategia dell'orrore. Intanto Al Zarqawi si libra come al solito onnipresente in ogni luogo dell'Iraq, mentre uno dei gruppi pi? sanguinari sul quale avrei giurato una appartenenza ai servizi, Ansar Al Sunna, NO, non tratter? con gli americani. Tutto regolare: Voi avete mai sentito che i Servizi trattino le proprie condizioni con la popolazione americana? Segue l'articolo dal Sunday Times.



Leggi tutto... (15337 byte rimanenti) Stampa la notizia: USA: DOPO LA SCONFITTA SI TRATTA CON LA GUERRIGLIA
Inviato da : sidnapoorsocapo - Lunedý, 30 Maggio 2005 - 11:05

Accusato ingiustamente, viene caricato sul volo che, con scalo a Roma, lo trasferisce in Giordania. Quel crimine contro Maher Arar, esule siriano in Canada

come lui chiss? quanti altri

Quel 26 settembre 2002, alle due del pomeriggio, Maher Arar, esule siriano in Canada dal 1987 e cittadino canadese dal 1991, un master in telecomunicazioni e titolare di una societ? di consulenza, atterrava a New York con un volo proveniente da Zurigo, sulla via del ritorno a casa via Montreal, dopo aver lasciato - per un lavoro urgente - una vacanza con moglie, Monia Mazigh, e figli in Tunisia. Al posto di controllo passaporti, il suo nome non sembra gradito. Viene messo da parte e fatto aspettare per due ore sino a quando qualcuno arriva a fotografarlo e a prendergli le impronte digitali. Nessuno risponde alle sue richieste di spiegazione e gli impediscono di telefonare ad un avvocato ?perch? non ? un cittadino americano?. N? gli dicono che cosa ha determinato quel trattamento. Arriva l'Fbi, gli chiedono dei suoi rapporti con un certo Abdullah Almalki, che Arar conosceva occasionalmente in quanto fratello di un collega nella ditta high-tech in cui lavorava ad Ottawa. Arar spiega nei dettagli la sua vicenda e i rapporti del tutto casuali con Almalki, ma non capisce perch? vi sia tanto interesse su questi particolari. Il 27 lo portano al Centro di Detenzione Metropolitano di New York. Lo tengono in cella per giorni e vorrebbero fargli firmare un documento in cui egli accetta volontariamente di essere deportato in Siria. Il 2 ottobre, finalmente gli permettono di fare una telefonata di 2 minuti alla madre di sua moglie a Ottawa. Arar chiede disperatamente aiuto.

LEGGI TUTTO ...



Leggi tutto... (8594 byte rimanenti) Stampa la notizia: come lui altri non dimentichiamo
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 09 Aprile 2005 - 12:29




Baghdad: Sciiti & Sunniti
contro l'occupazione usa


Blair, Saddam, Bush



Oggi ricorre il secondo anno dalla caduta della citt? irachena di Baghdad. I Sunniti e il gruppo Sciita del leader Al-Sadr scenderanno in piazza. Sono attese un milione di persone.



Stampa la notizia: IRAQ: 2 ANNI DALLA CADUTA DI SADDAM
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 08 Aprile 2005 - 01:13

Queste sono le cose che mi fanno odiare il capitalismo ...

Il Museo internazionale di Bagdad denuncia il commercio illegale su internet di oggetti preziosi trafugati da scavi archeologici

Il patrimonio artistico dell'Iraq
in vendita all'asta su eBay

Un portavoce del sito: "E' possibile che ci? avvenga ma non possiamo controllare ogni singolo articolo" di CRISTINA NADOTTI

 

ROMA - La rapina delle ricchezze artistiche irachene avviene anche via internet. E si parla di oggetti che testimoniano la nascita della civilt? mediorientale: sigilli di oltre 3000 anni fa, il periodo accadico, sculture babilonesi del 1700 avanti Cristo, tavolette con incisioni cuneiformi del 1900 avanti Cristo. Tutto venduto a prezzi, pi? o meno stracciati, su eBay, il sito leader di compravendita online, dove ogni giorno i predatori del museo di Bagdad e dei siti archeologici iracheni (ma non solo di questi) offrono i loro bottini.

La denuncia ? partita dal sito del
Museo internazionale di Bagdad, creato dal progetto omonimo per aiutare il recupero e la salvaguardia del patrimonio culturale del paese. Vi si legge che sono innumerevoli i reperti rubati dal museo della capitale durante i giorni della caduta del regime di Saddam Hussein, e ancora oggi i siti archeologici di tutto il paese vengono sistematicamente spogliati. Parte del bottino di queste ruberie, secondo i collaboratori del "Progetto museo", ? poi venduta all'asta su eBay.

Leggi tutto ...



Leggi tutto... (3698 byte rimanenti) Stampa la notizia: Il Patrimonio Archeologico dell'Iraq in vendita su eBay
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 30 Marzo 2005 - 09:54

Prove dei mezzi di propaganda 
per interrompere albasrah.net!

Tramite la Rete di Al-Basrah.
28 marzo 2005

Ancora una volta i mezzi di propaganda hanno cominciato a partorire stupide accuse contro Al-Basrah, il loro scopo ? di allineare e soffocare la voce della gente irachena e far tacere una delle poche fonti di informazione sui massacri senza precedenti che sono l'Irak occupato, in nome di una legge internationale.

La rete americana di MSNBC ha accusato Al-Basrah di propagandare il terrorismo di al-Zarqawi e di predicare l'anti-Semitismo e l'avversione verso l'ovest. L'obiettivo dietro questa calunnia ? di smantellare il Web site di albasrah.net.

Da parte nostra rifiutiamo questo reclamo errato per un motivo semplice: la rete di Al-Basrah non ? presa dentro al racconto delle fate voluto dagli invasori americani e britannici sul fantasma che denominano az-Zarqawi e il suo librarsi  sopra ogni luogo dell'Irak e che ? lui solo che resiste agli invasori. Promuovono tale assurdit? per giustificare gli attacchi che lanciano dappertutto in Irak, commettendo nuovi massacri dopo il massacro di Al-Fallujah a Samarra e di nuovo ad ar-Ramadi, sostenendo che questo al-Zarqawi del fantasma si ? mosso da qui verso l? o altrimenti verso qualche altro luogo. Molta gente potrebbe essere imbrogliata da queste assurdit?, ma, ringraziando Dio, la gente irachena non ? sciocca.

Il Web site di albasrah.net non ha pubblicato alcun rapporto circa al-Zarqawi perch?, come tutti gli Iracheni, non crediamo che questa figura mitologica esista sul terreno puro dell'Irak. In Irak il terrorismo ? Anglo-Americano, il nativo movimento di resistenza iracheno, che si offre in sacrificio di combattimento per la liberazione del paese ? determinato a continuare il combattimento fino alla liberazione dell'ultimo pollice di terreno iracheno dalle orde dei barbari di oggi.

Sostenere che noi odiamo l'ovest ? una discussione pietosa e zoppa. Gli Iracheni stimano altamente i loro amici nell'ovest, che ha rifiutato il terrorismo americano e che hanno preso alle vie della protesta a milioni per ostacolare l'aggressione degli Stati Uniti. Molti nell'ovest continuano a contribuire e con i loro rapporti a fornire la dura prova delle atrocit? che sono state commesse dagli invasori, mentre continuano a calpestare i diritti dell'uomo e della gente irachena.

www.albasrah.net

original in english



Leggi tutto... (2854 byte rimanenti) Stampa la notizia: Prove dei mezzi di propaganda per interrompere Albasrah.net
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 13 Marzo 2005 - 19:38

MONDO: alcune ragioni per partecipare alla marcia del 19 marzo contro la guerra! 





pisa - italia



manila - filippine



(prete cattolico) manila - filippine



usa - cimitero degli stivali



Stampa la notizia: IN PREPARAZIONE DEL 19 MARZO
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 18 Febbraio 2005 - 17:19

LE MONDE, Francia    
http://www.lemonde.fr

L'Iraq aderisce alla Corte penale internazionale 

La commissione elettorale irachena ha ufficializzato ieri la composizione del nuovo parlamento di Baghdad, a maggioranza sciita. Subito dopo il primo ministro iracheno ad interim Iyad Allawi con un decreto legge ha deciso di far aderire il paese allo statuto di Roma che, nel 1998, istitu? la Corte penale internazionale (Cpi). La Cpi ? il primo tribunale permanente incaricato di perseguire crimini di guerra, crimini contro l'umanit? e genocidi in tutto il mondo. 

http://www.lemonde.fr/web/article/0,1-0@2-3218,36-398573,0.html

Iyad Allaoui fait adh?rer l'Irak au statut de Rome,
instituant la CPI

LEMONDE.FR | 18.02.05 | 10h14

Alors que la commission ?lectorale a officialis?, jeudi 17 f?vrier, l'avantage de l'alliance chiite dans le nouveau Parlement irakien, le premier ministre du gouvernement sortant, Iyad Allaoui, adh?re au statut de Rome instituant la CPI. L'Irak pourrait donc, en son nom, soumettre des faits ? la Cour p?nale internationale. Les autorit?s irakiennes pr?parent le proc?s pour crimes contre l'humanit? de l'ancien pr?sident Saddam Hussein.
L'Irak a d?cid? d'adh?rer au statut de Rome portant cr?ation de la Cour p?nale internationale (CPI), selon un d?cret-loi du gouvernement sortant du premier ministre, Iyad Allaoui, publi? jeudi 17 f?vrier.

"La R?publique d'Irak a adh?r? au statut de Rome cr?ant la Cour p?nale internationale sign? le 17 juillet 1998", indique le texte du d?cret-loi, soulignant que les dispositions de ce statut "repr?sentent des valeurs communes ? l'ensemble de l'humanit?". 



Leggi tutto... (5591 byte rimanenti) Stampa la notizia: L'IRAQ ADERISCE ALLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 09 Febbraio 2005 - 23:31

Gli Stati Uniti distruggono reperti archeologici a Babilonia
(Islamonline.net  - Aljazira.it)

Un rapporto del British Museum ha affermato che le forze d?occupazione americane, utilizzando la citt? monumentale di Babilonia come loro base militare, hanno arrecato ?ingenti danni? a uno dei pi? famosi tesori archeologici nel mondo, utilizzando la citt? monumentale di Babilonia come loro base militare...
http://uruknet.info?s1=1&p=9049&s2=23

***

Distruggendo Babilonia
(Dahr Jamail, ZNet)

...Tim Shcadla Hall, assitente in pubblica archeologia all'Istituto di Archeologia dello University College a Londra, ha dichiarato: "Quello a cui stiamo assistendo ? un conflitto internazionale nel quale gli Stati Uniti non hanno rispettato i termini della convenzione dell'Aia... per la protezione dei pi? importanti siti archeologici-- l'ennesima convenzione che sembrano felici di ignorare." Cos? Babilonia viene distrutta. E con essa popolo iracheno...
http://uruknet.info?s1=1&p=9109&s2=24

***

Archeological sites in Iraq fall victim to chaos of war
Jack Chang, CONTRA COSTA TIMES

The U.S.-led invasion of Iraq has triggered an unprecedented wave of looting at archeological sites in the country, resulting in the destruction of relics holding secrets to the roots of human civilization, an authority on the subject said. Lebanese archaeologist and journalist Joanne Farchakh Bajjaly detailed her findings Monday on a stop at UC Berkeley. She is touring the United States with stories and photos of the destructi! on to raise awareness of what she said is an ongoing crisis that threatens our understanding of Sumerian, Assyrian and Babylonian societies that thrived thousands of years ago. Having toured archaeological sites throughout Iraq just after the 2003 invasion and again in April, Bajjaly said looters have irreparably destroyed ancient cities, temples, carvings, pottery and other relics. U.S. and other coalition troops have also damaged sites by using some of them as military bases, she said. (...) Deposed dictator Saddam Hussein placed great value on protecting the nation's archaeological sites...
http://www.uruknet.info?p=9550

***

US occupation damages ancient sites at Babylon.
Imperialism and cultural vandalism in Iraq
(Harvey Thompson, WSWS)

...The irreparable damage done to the ancient sites of Babylon is a criminal act whose historical precedent is to be found in the Nazis? looting of art treasures and destruction of famous monuments throughout Europe during World War II. The decision to base a military depot in one of the most important archaeological sites in the world can only have been issued from a deeply reactionary and reckless power that is utterly hostile to the cultural achievements of mankind...
http://uruknet.info?s1=1&p=9199&s2=27

***

segue ....



Stampa la notizia: Ancient Babylon ...
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 09 Febbraio 2005 - 10:06





video streaming italiano


video streaming arabic text

"IL MANIFESTO" VIDEO STREAMING
ARABIC AND ITALIAN TEXT



Stampa la notizia: Video per Giuliana
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 08 Febbraio 2005 - 17:01

Article receive from our friend Ahmed Al-Habbabi
 
A purported Iraqi group claiming to hold an Italian journalist prisoner in Iraq has said it would release her soon because she was not a spy, a statement on a website says.

"Since it has become absolutely clear that the Italian prisoner is not involved in espionage for the infidels in Iraq, and in response to the call from the [Association of Muslim Scholars (AMS)], we in the Jihad Organisation will release the Italian prisoner in the coming days," the statement on Monday said.

It mentioned by name Giuliana Sgrena, a journalist with left-leaning newspaper Il Manifesto, who was seized as she conducted interviews near Baghdad University on Friday.

The influential AMS had earlier called for her release.

It was not possible to verify the internet statement.

The claim was not accompanied by a picture or video of the captive or any identification papers.

The group, which also uses the name Islamic Jihad Organisation, on Friday set a 72-hour deadline for Italy to remove its troops to secure Sgrena's release.

On Sunday, it said it would kill her after 48 hours if its demands were not met.

Aljazeera urges release

From Qatar, Aljazeera issued a statement on Monday calling on armed groups in Iraq to free Italian and French journalists Giuliana Sgrena and Florence Aubenas.

The channel also expressed its support for the two reporters, saying that taking journalists hostage while they were performing their professional duties was a clear violation of human rights.

Italian Prime Minister Silvio Berlusconi's government has been an ally of the US in the Iraq war. But Il Manifesto was strongly opposed to the US-led invasion in 2003 and is an opponent of Berlusconi and US President George Bush.

The statement promising Sgrena's release repeated threats against Italy over its troop presence in Iraq.

Aljazeera + Agencies
Tuesday 08 February 2005, 6:14 Makka Time, 3:14 GMT
  
http://english.aljazeera.net/NR/exeres/4705B7F9-AB22-448F-95B1-51E2D2E1FF0D.htm

Related
 
Italians hopeful of journalist's release
http://english.aljazeera.net/NR/exeres/EDB60BCE-E2AD-48D1-AF1A-90A39AE90C3B.htm
Italy works for hostage's release
http://english.aljazeera.net/NR/exeres/1F1DAE95-0D8B-4C82-B2FC-818C7FF9CA5F.htm
Italian journalist kidnapped in Iraq
http://english.aljazeera.net/NR/exeres/1DFE0216-03F4-49B1-9B19-B5BE4FF46BE4.htm



Stampa la notizia: Aljazeera support two journalist: Sgrena & Aubenas
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 07 Febbraio 2005 - 13:20

U.S. uses Iraqi election to justify invasion

Friday, February 4, 2005
ADRIAN HAMILTON
BRITISH COLUMNIST

What now for democracy in the Middle East following the elections in Iraq? To listen to President Bush in his State of the Union address Wednesday, you would think that the elections were a triumph of American arms that would now shine as a beacon throughout the region. Today Iraq. Tomorrow the world, or at least the Arab part of it.
Some exaggeration is understandable from a president whose support for the war among his own electorate is sliding fast. And no one should gainsay either the real enthusiasm for the vote among Iraqis or the courage of those in Baghdad and the Sunni areas who did turn out to vote.
But what bedevils all discussion of Iraq and its role in the Middle East is the dogged determination of Western politicians and commentators to see it only in their own terms. A successful vote has to be acclaimed as a justification for invasion, just as continued violence has to be seen as the proof against it.
It's as if Iraqis must be happy to prove the case of one side -- or be dying to prove the other. "Are you for or against democracy in Iraq?" was the particularly fatuous question posed by the columnist in one newspaper.
If the elections last Sunday achieved anything outside the country, it should have been to stop this patronizing egocentricity that sees the Middle East only though the prism of its own obsessions. It won't, of course, because politicians in the West have too much invested in their original policy toward the invasion to see it in any other terms.
Yet they must, at least if they want Iraq to develop successfully from this point on. Sunday's vote was not a full and fair election. How could it be, considering the violence, the lack of observers, the absence of live campaigning and the way in which it was skewed to those with access to the media or the mosque?
What it did express -- inspiringly so in parts -- was a profound desire for self-determination among ordinary Iraqis. Whether it was in reaction to the occupation, Saddam Hussein, British imperialism in the past or American self-interest in the present doesn't really matter. Iraqis now want to determine their own future.
What we cannot know at this stage is whether they will pursue it through Iraqi nationalism or ethnic separatism; whether they want the continuation of the occupying forces; whether they can balance the competing pulls of different interests or end up in division. The Iraqis themselves don't know. These are things that have to be worked out in the power play of politics, democratically or otherwise.
The job of the outside world is to be as supportive as possible while interfering least. But it is here that the pronouncements coming out of Washington, D.C., and in some quarters here, worry most. The United States, and with it Britain, did not invade Iraq to give the Iraqis self-determination. They invaded for a whole host of reasons to do with U.S. interests: from oil to security to Israel and Washington's view on the need to reshape the Middle East. Democracy was seen the means to reform the region, not as an end in itself. Elections this year were not even part of the original plan. They were forced on the occupying powers by the pressure of the Shiah.
None of that thinking has gone away, not if you read Bush's lips or listen to his new secretary of state, Condoleezza Rice. Iraq is seen -- just as the two-state solution in Palestine -- not as the objective but the route to other things. Democracy in Iraq will set off a chain reaction through Iraq, Syria and even the United States' allies in the Gulf that will remove Washington's (and Israel's) enemies, pump out the oil and wipe out support for international terrorism.
Maybe. It's a perfectly logical scenario viewed from afar. It's also true that the Middle East is ripe for change at the moment. All over the region regimes are at odds with their people. Any stone dropped in the pond will create large ripples. But it's also true that it's a view that takes almost no account of conditions as actually seen on the ground -- that the majority of Iranians may actually want their government to have nuclear weapons, whether they want a change in regime or not; that most Egyptians would be as happy to end all relations with Israel as continue them; that the Syrian population is behind its government in its refusal to compromise on water rights and the Golan Heights; and that Saudi Arabians want to see the United States out of its oil as well as its bases.
Most Arab populations see themselves humiliated in their relations with the West. Self-determination for them means self-assertion. And Iraq, for them, is not some great experiment in democracy or any other abstract constitutional precept. It is about whether a Middle Eastern state will be allowed to develop without interference from the outside, treating with its neighbors according to its own interests and not the strategic plans of others, handling its oil development and its revenues as it sees fit and producing the constitution and administrations that reflect its majority view.
 
Adrian Hamilton writes for The Independent in Britain.
? 1998-2005 Seattle Post-Intelligencer
SEATTLE POST-INTELLIGENCER
http://seattlepi.nwsource.com/opinion/210622_iraq04.html

**********



Stampa la notizia: U.S. uses Iraqi election to justify invasion
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 07 Febbraio 2005 - 12:34

Abu-Ghraib Trials: 
Means to Legitimize the Real War Crimes


Yamin Zakaria

London, UK

?Kill a man, you are a murderer. Kill millions, you are a conqueror.? (Adolf Hitler)

If one were to substitute the word ?conqueror? with ?democrat? and the word ?murderer? with ?terrorist? that would render Adolf Hitler?s statements relevant to the current political situation (i.e. Kill a man, you are a terrorist. Kill millions, you are a democrat). The 100,000 or more Iraqis murdered have been written off as ?collateral damages? and this price, paid in blood was for the ?privilege? of having the US forces dictating ?democracy? also known as ?liberation?. The bloodbath is not described as murder or genocide or terrorism (state terrorism) but the non evocative term of ?collateral damages?. Such technical terms helps to lighten the guilt making it more palatable for the masses to accept it as a by-product of the US foreign policy. 

The recent media focus on the trial of Charles Garner for his role in the Abu-Ghraib ?abuse? has also contributed towards that process of lightening the guilt as the focus on the trial means everything else concerning Iraq is marginalized. But more importantly the trial implies that the only illegal actions committed by the US forces was inside those horror chambers but everything else that has happened outside was and is somehow legal!
In fact, Abu-Ghraib and the likes are a direct consequence of the initial and the central crime of attacking Iraq.

The media manipulations with the words employed to describe the entire episode of Abu-Ghraib are obvious. It has been described as ?abuse? but not torture or terrorism; reports describe ?soldiers had sex with prisoners? implying consensual sex as opposed to the reality of rape; there was the reference to the abuse of the dead bodies instead of admitting that the freedom loving US soldiers committed necrophilia! So many other things that have not been revealed and we will never know the full story as many of the victims are dead and not all the patriotic soldiers will speak out. 
But who makes the decision in selecting the appropriate words in the media? Is it the objective and fair-minded reporters of Fox, CNN and BBC or the spin-doctors? What about the opinion of the victims those that are still alive? Has anybody asked the victims? Do they have a voice in this matter? Do they feel compensated by the flimsy punishment given out by the US show trials? What happened to the so-called empowering the Iraqi citizens with a voice in ?free? Iraq?
Whatever the US may think, the rest of the world sees this as another attempt by the US to erase its tarnished image, often exemplified by its trigger-happy and brutal soldiers caught many a times on camera committing all sorts of atrocities not just the ones from Abu-Ghraib. So, imagine what has not been caught on camera.
Similarly, this is exactly what the US soldiers are doing in Ache delivering food and medicine as they pose for pictures in Hollywood style. The very thought of exploiting poverty for self-propaganda brings about revulsion. Then it makes you want to vomit as the US claims of bringing ?democracy?, in reality this is an after thought and used as an excuse by the strongest nation on earth attacking one of the weakest, then pillage its resources.
If the trial of Charles Garner was meant to show the world that the US is addressing injustice then surely the right thing would have been to do, is to hand over the soldiers to the Iraqis. And let the Iraqis decide the fate of those soldiers in accordance to their laws and values, since the crime was committed on their soil. Had the situation been reverse this is exactly what the US would have demanded.
These types of show trials are all a charade and used to score political points. Just like congressional grilling of Donald Rumsfeld was used by the US media and the Senators to brag about its democratic credential. The actual violation was trivial as compared to the subsequent charade of accounting or holding a trial. In reality, the trial of these few soldiers are simply to protect the real culprits at the top.
In the mean time as the election approaches in Iraq, some of the Iraqis have jumped on the US-led elections, allegedly the first step to transform Iraq into a democracy. In reality, the US candidates are sure to win and there are already signs of another Florida style election as ?Iraqis? from Israel, US and Europe will be voting. Who will be monitoring them? But, in any case, why democracy?  Was it not democracy that has just destroyed the country in the first place and created Abu-Ghraib and the likes throughout Iraq?
It is amazing that people have not yet grasped the simple fact: that the West is propelled not by any principles but exclusively by satisfying its selfish materialistic interests. The interests are largely in the guise of company profit, expected from the ruling capitalist elites. As Lord Palmerstone, the former British Prime Minister once said no nation has permanent enemies or friends except its interests. Yet many continue to be fooled by the US claims of its benevolence. Company profits and charitable institutions are on the opposite poles of the same stick. Democracy, human rights, freedom are simply a mask to cover its real motive. By incarcerating people, torturing, executing, invading and pillaging the US is in fact showing its true face, which is to further its causes by any means necessary as the interest is the only thing that matters to its ruling class. 
As for democracy, in the absence of a holy book of democracy recognized by everyone how else can we measure democracy other than examine the actions of the leading democracies. Since democracy states that it is rule of the majority and the recent re-election of Bush surely confirms that the US citizens democratically endorsed the actions of Camp-X-ray, Abu-Ghraib to the genocide in Iraq as being right therefore they are all part and parcel of this democracy!

Copyright ? 2005 by Yamin Zakaria



Stampa la notizia: Abu Ghraib Trials: Means to Legitimize the Real War Crimes
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 06 Febbraio 2005 - 19:54

Articolo segnalato da Paola Manduca. Questo articolo non datato  ? un buon indizio per avvalorare ci? che ? molto pi? che una ipotesi in merito al focolaio di tensioni interetniche del martoriato Iraq. Non abbiamo alcun dubbio che vi siano state delle irregolarit?: la stessa situazione nella quale si sono svolte le elezioni ? irregolari, perch? gli iracheni sono andati al seggio con la pistola puntata alla fronte dalle lunghe mani petrolifere degli americani. Basta la sola presenza di forze di occupazione illegali, come lo sono tutti gli americani in Iraq, per delegittimare qualsiasi contenitore di schede. Voi italiani credereste ad elezioni libere incontrando ai seggi il presidio dei soldati americani al posto dei soliti carabinieri? Qualunque cosa sia ...

PRESS RELEASE ON THE IRAQI NATIONAL ELECTIONS

Iraqi Turkmen Front ( ITF ) issued an official protest to the High Commission for the Elections in Iraq on 31st January 2005 complaining about widespread  irregularities committed  by the Kurds in the Turkmen region. The following is the English translation of ITF's letter of protest to the High Commission for the Elections in Iraq.

To the High Commission for the Elections in Iraq
C/O The Kerkuk Bureau of the High Commission for the Elections in Iraq.
 
Ref : Contestation of  irregularities during the voting process.

According to the legal rights that were granted to the political parties and organizations in order  to  contest any irregularity during the election process of  30th January 2005 which began in the morning  and ended by closing the voting centers at 5 p.m, and in accordance with our conviction and belief  that these elections must be clean and fair in order to establish a true democracy in Iraq, we are sorry and deeply concerned to inform you that too many irregularities have been committed during these elections which no doubt will affect its results.

Despite your declarations to the the press and to the television news networks that the elections have been `almost' clean and fair, we have encountered  numerous problems to vote,  have observed multiple irregularities in voting centers and have been subjected to illegal behaviour and unfair treatments in polling centers in our region, in the provinces of Kerkuk, Mosul, Salahaddin and Erbil. These voting problems, voting irregularities, illegal behaviour from election officials, and unfair treatment of Turkmen voters in voting centers are intolerable and are contrary to the rules and regulations issued by your Commission,  they are also against the basic laws of the country and must be denounced and the perpetrators must be condemned.



Leggi tutto... (20104 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraqi Turcmen Front to the High Commission for the Election in Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 05 Febbraio 2005 - 11:39

Six months for Abu Ghraib abuser
Sgt Javal Davis (left) arrives for sentencing with his lawyer, 4 February 2005
Davis (left) said he was deeply sorry
A US soldier who stomped on Iraqi prisoners at Baghdad's Abu Ghraib prison has been sentenced to six months in jail and discharged from the army.

Sgt Javal Davis earlier this week admitted stepping on the hands and feet of handcuffed prisoners and falling with his full weight on top of them.

The military jury at Fort Hood, Texas, deliberated for nearly six hours.

Davis, 27, had faced up to eight-and-a-half years in prison but he made a plea deal with prosecutors.

He also pleaded guilty to making a false statement to the army after photographs of naked and abused prisoners at Abu Ghraib were made public last year.

"I am deeply sorry," he told the jury on Thursday night. "I'm not the perfect soldier."

Prosecutor Maj Michael Holley had asked the jury to sentence Davis to 12 to 24 months in prison.

"These assaults are best characterised by two words: brutal and cowardly," he said during his closing arguments.

ABU GHRAIB SCANDAL
Sentenced:
Spc Charles Graner
Pte Jeremy Sivits
Sgt Ivan Frederick
Spc Megan Ambuhl
Spc Armin Cruz
Spc Roman Krol
Sgt Javal Davies
Facing trial:
Pte Lynndie England
Spc Sabrina Harman

Davis, from New Jersey, was a guard at the Abu Ghraib prison for three months in late 2003. He is the seventh person to be sentenced over the abuses - six of them admitted their guilt and one, Charles Graner, was convicted in a court martial.

Two other US soldiers face trial.

Graner - regarded as the ringleader of the abuse scandal - was sentenced to 10 years in jail last month.

The abuse at Abu Ghraib - highlighted in photographs showing naked and injured inmates alongside smiling US troops - sparked international outrage.

bbc


Stampa la notizia: Six months for Abu Graib abuser
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 04 Febbraio 2005 - 21:24

Vote for Food: Confession and More Links 

I mentioned the fact that there were very strong rumors in Iraq that were putting people under pressure to go and vote. Khalid, my brother living in Baghdad, told me about this a week ago, and I found an article on the Washington Post mentioning it too.

The Washington Post published another piece containing a confession from an Iraqi official saying: "Even though we spread a rumor in the city saying anyone who doesn't vote will be deprived of their food ration, only 10 people voted . . . mostly old men." said Khalaf Muhammed, 43, the electoral commission official in charge of a polling station in the city's center -- who acknowledged spreading the false rumor to try to lure voters.

I found the rumor itself mentioned in many news sites and blogs,
The Christian Science Monitor mentioned this in a pro-election story, The family has heard a rumor that those who do not vote will not receive a new food ration card, the document held by every Iraqi family that is being used to form the voter lists.

In
The Sunday Times, Unlike Suhar, Suheila now lives in penury on a pension equal to about ?12 a month. Like many impoverished Iraqis, she says she has been threatened that unless she votes she will not receive her monthly food ration. She said: "We are all due to die [someday]. I am not afraid of being killed by a bomb or a shell, but I would hate to die of hunger. But if I do not go out and vote they will take my ration [book] away.

My friend,
Dahr Jamail, said the same too. But some Iraqis still say they will vote. "I'll vote because I can't afford to have my food ration cut," said Amin Hajar, 52, who owns a small auto garage in Baghdad. "There is a rumour that if we don't vote our ration will be stopped. And if that happened, I and my family would starve to death". He said that when he picked up his monthly food ration recently, he was forced to sign a form saying he had picked up his voter registration. He believes that the government may use this to track whether he votes or not. This rumor has circulated broadly around Baghdad even though there appears to be no truth in it.

Riverbend mentioned this a couple of weeks ago too, People in many areas are being told that if they don't vote- Sunnis and Shia alike- the food and supply rations we are supposed to get monthly will be cut off. We've been getting these rations since the beginning of the nineties and for many families, it's their main source of sustenance. What sort of democracy is it when you FORCE people to go vote for someone or another they don't want?

Khalid mentioned this on his blog too, it seems he actually believes the rumor himself.
Here is one new information for you!
Did you know that the "ration" card of year 2005, that allows you to take sugar, flower and few other things too, which have been the main resource for Iraqi families' food since early nineties, will not be given except for those who will vote?
When you go to the voting center they give you a paper that allows you to take the card from the ratio shop in your neighbor!
Freedom… democracy…yahhhhoooooo! cheer up Iraqis and live happy!


many other sources can be found easily on line.

posted Friday, 4 February 2005
http://mparent7777.blog-city.com/read/1052033.htm



Stampa la notizia: Vote for Food: confession and More Link
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 02 Febbraio 2005 - 13:54

?CLAMOROSO AL CIBALI?:
IN IRAQ HA VOTATO MENO DEL 30% DEI COSIDDETTI AVENTI DIRITTO AL VOTO!!!

 Si da oramai per certo, da parte di tutti gli schieramenti, che la stragrande maggioranza del popolo irakeno ? andata a votare. Anche giornali come il Manifesto e Liberazione lo danno per certo, quindi ? da qui che bisognerebbe ripartire. A tal punto, non ci sar? da meravigliarsi che anche i militanti della sinistra antagonista, sia pure sconcertati, daranno per certo quanto sopra, e che sostenere una percentuale ?poniamo del 30%- di votanti ? pura follia, prevenzione ideologica, desiderio che vuole inventarsi la realt?. Pura follia nonostante il clamoroso precedente mediatico sulle armi di distruzione di massa?e sul popolo che rovesciava le statue di Saddam acclamando i ?liberatori?.

Il ritornello sar? sempre il solito, per dare un minimo di credibilit? alla tesi di chi non vorr? credere al 30% dei votanti: ? vero che gli Usa hanno sempre costruito gigantesche bugie e le hanno fatto credere in un primo momento, ? vero che poi ci siamo sempre dovuto ricredere, ma ?questa volta? ?purtroppo? dicono la verit???anche se leggermente esagerata?. Le parole chiavi sono ?questa volta? e ?purtroppo?. Fate mente locale per un attimo e vi accorgerete che sempre di fronte alle goebbelsiate degli Usa, i San Pietro della sinistra hanno sempre utilizzate quelle parole chiavi: ?questa volta?, ?purtroppo??.siamo costretti a crederci.

Questa volta per? ? stata aggiunta una raffinatezza per occultare in un primo tempo lo scopo dell?operazione (utilizzare l?evento del voto ?maggioritario? per moderare ancora di pi? la propria politica): si fa finta comunque di criticare il fatto che le elezioni siano state tenute nel bel mezzo di un?occupazione militare. Il lettore di sinistra ? invitato a guardare il dito: le elezioni non sono state democratiche, non risolvono il problema, tutte le organizzazioni in lizza elettorale vogliono il ritiro delle truppe. E a non badare troppo ALLA LUNA, cio? al desiderio del vero incasso anche da parte di una certa sinistra: comunque il popolo iracheno sarebbe andato in maggioranza a votare e quindi non approverebbe la resistenza armata.

Perch? si tratta del vero incasso e perch? si tratta di un artefatto? Come tutti i lettori attenti hanno potuto constatare, Liberazione e gran parte del Manifesto non hanno mai criticato in radice le elezioni in Iraq; Liberazione non ha mai criticato il sedicente partito comunista che era presente nel governo fantoccio Allawi e che si ? presentato alle elezioni. Per questi giornali il loro desiderio di una resistenza minoritaria (reazionaria a straniera) era realt?.  Esattamente come lo era il sondaggio pre-elettorale di Bush secondo cui?il 72% degli iracheni vuole votare?: fateci caso, prima ancora che si arrivasse a mezzogiorno del 31 gennaio, tutti i massa media (con Al Jazeera opportunamente occultata) hanno dichiarato trionfalmente che il 72% degli iracheni era andato a votare.

Pi? ampiamente, vi chiediamo di notare che tutti gli schieramenti hanno annunciato a chiusura delle urne quanto avevano gi? desiderato nei giorni precedenti le elezioni. 72% per i bushisti, un po? meno per la sinistra moderata, un po? meno ancora per la sinistra critica: tutti hanno visto trionfare il popolo contro la resistenza armata  esattamente -e con le diverse percentuali- come avevano ?previsto?. Quasi magico!

Noi invece avevamo previsto che perfino il buon Stefano Chiarini del Manifesto sarebbe stato quasi silenziato per la ghiotta occasione. La svolta era di un?enorme importanza e con un sistema a rete ?dialettica? doveva coinvolgere anche i pi? critici.

Sospettiamo che anche noi siamo motivati da reazioni ?ideologiche?. Tuttavia, vorremmo far valere per l?occasione anche un po? di buon senso a commento di quel poco che il grande circo mediatico ha voluto farci vedere.

Intanto, nessuna televisione critica ? stata tollerata durante le riprese dell?avvenimento. Non si insister? mai abbastanza nel far notare la coincidenza di un Al Jazeera oscurata prima delle elezioni. Non ? solo un ?problemino? di democrazia, come cercava di minimizzare Gad Lerner e c.. Una decisione del genere pu? solo far pensare che le riprese delle ?libere? tv siano state effettuate prima del 31 gennaio e magari anche in un paese diverso dall?Iraq. Ammetterete che le riprese a Hollywood sono perfino pi? realistiche della realt?. Dateci un buon motivo per escludere la messa in scena.

In secondo luogo, nessun osservatore internazionale ? stato ammesso durante le operazioni. Neanche questo ? un altro dettaglio su cui rapidamente sorvolare, per passare alla ?vera sostanza?, se pensate che per le lezioni in Ucraina e in Palestina erano presenti centinaia di osservatori. Se si arriva a fare una scelta cos? grave (nessun osservatore!!!), vuol dire una sola cosa: si vogliono favorire non solo brogli (come ? noto, i brogli si possono fare anche in presenza di osservatori ?neutrali?), ma per consentire ogni sorta di esagerazione, perfino per far girare a C. B. De Mille la traversata del Mar Rosso che apre le sue acque ai figli del Signore.

Infine, vogliamo attirare l?attenzione su quel poco che abbiamo visto. In un servizio su canale 5 (peraltro oggi uno dei peggiori canali), veniva mostrata una Bagdad che a mezzogiorno del 31 gennaio era quasi deserta o attraversata da sparuti passanti che andavano a votare. Uno di questi ampiamente ripreso diceva che stata andando a votare, anzi che era felice di farlo, e aveva gi? il dito macchiato di inchiostro: chi ha potuto registrare la trasmissione ? pregato di verificare. Le riprese davanti a qualche seggio mostravano s? delle code, ma facendo chiaramente capire che esse erano dovute agli esagerati intoppi burocratici. Verso la fine del servizio, venivano intervistati due giornalisti: uno del Giornale e l?altro dell?Avvenire. Il primo, sovrapponendo la sua enfatica voce alla evidente realt? delle strade quasi deserte, annunciava trionfalmente a mezzogiorno che la stragrande maggioranza degli iracheni era andata votare; il secondo faceva constatare con rammarico che la gente vista ai seggi era davvero molto poca e che quindi bisognava sperare nelle ore successive.

A questo punto veniamo al buon senso. Come grandi esperti ?quali siamo tutti- di elezioni, noi sappiamo che, quando raggiungiamo le percentuali di votanti fantasticate dai mass media per l?Iraq, in un paese come l?Italia si vede davvero tanta gente ai seggi elettorali e se ne vede tanta sebbene le operazioni di identificazione siano abbastanza rapide. Inoltre, a tale risultato concorre il fatto che le operazioni di voto si svolgono anche nella mezza giornata del luned?. Infine, quando in Italia si raggiunge una certa percentuale di votanti, le votazioni si sono svolte omogeneamente su tutto il territorio nazionale. Immaginate se in Italia non andassero a votare tutti i ?padani? di Bossi e venissero pure meno importanti citt? come Firenze o Taranto e tanti altri piccoli centri. Molto presumibilmente, gi? questo ultimo dato porterebbe la percentuale dei votanti al di sotto del 50%. Se poi si considera che comunque anche in una citt? come Bagdad (e non crediamo che Capuozzo ci abbia mostrato quella sunnita) di gente che si recava al voto ne appariva davvero poca, e che il tutto si ? svolto in un solo giorno in un clima militarizzato, ci sembra molto plausibile ritenere che al voto si ? recato il 30% (forse anche meno) degli iracheni. Ma tutti parlano quanto meno del doppio. Tutti chi e su quali basi? Noi non sappiamo assolutamente niente di niente, nada de nada, rien de rien, absolutely nothing, di quanti effettivamente siano stati i votanti  Gli unici dati vengono ammanniti dall?apparato del governo fantoccio, senza che nessuno (ripetiamo nessuno) abbia (avuto) la possibilit? di verificarne almeno la verosimiglianza. A ci? si aggiunge una martellante campagna goebbelsiana di giubilo, che tenta di azzerare qualsiasi dubbio: abbiamo vinto, la gente balla (tre persone con il mitra in mano) per la felicit?, abbiamo sconfitto la resistenza, abbiamo vinto, abbiamo vinto, abbiamo vinto; lo dice anche Chirac (che ha avuto il permesso di andare ad invadere Haiti insieme agli americani, di restare in Sierra Leone e in Ruanda), lo dice anche Putin e poi lo conferma anche Berlusconi. Abbiamo vinto, si vede per televisione, ? scritto nero su bianco sui giornali, lo dicono anche i partiti di sinistra. Dunque, ? vero. Quindi, come minimo, non pu? essere falso.

Torniamo per? al nostro buon senso. I votanti all?estero sono stati il 66%. Diamo per verissimo: una volta tanto, ci vogliamo fidare. Il trucco sta in quella piccola e neutrale aggiunta: ?dei registrati al voto?. Cosa significa? I registrati al voto, pur essendo liberi di registrarsi non essendo terrorizzati dalla resistenza e comunque dal clima insicuro nelle strade, oscillavano dal 10% al 20%. Tradotto per intero, all?estero ? andato a votare mediamente il 10% degli iracheni aventi diritto al voto. Ora due pi? due fa quattro, e speriamo che non ci rompa l?anima qualche filosofastro: per quale motivo all?estero ? andato a votare il 10% degli iracheni e in Iraq ? andato a votare dal 50% al (a secondo dei desideri) il 72% degli iracheni?

Morale della favola: il nostro dato, secondo cui ? andato a votare il 30% degli iracheni, ? esagerato per eccesso. Non potendo vedere ?le carte?, ? il pi? plausibile di tutti! Lo opporremo a tutti quelli che nelle prossime assemblee, fingendo di essere critici, comunque vorrebbero farci credere che la maggioranza degli iracheni sarebbe ostile alla resistenza armata e favorevole ad una soluzione negoziata?magari con l?ausilio dei faccendieri dell?Onu

Red Link

vedi anche
QUELLO CHE NON CI DICONO SULLE ELEZIONI IRACHENE
(Iraq Dispaches del 01 Feb 2005, che reca pi? o meno i medesimi dati)



Stampa la notizia: IN IRAQ HA VOTATO IL 30% DEGLI AVENTI DIRITTO AL VOTO
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 01 Febbraio 2005 - 21:54

What They're Not Telling You About the "Election"

February 01, 2005
Dahr Jamail's Iraq Dispatches
http://dahrjamailiraq.com

The day of blood and elections has passed, and the blaring trumpets of corporate media hailing it as a successful show of ?democracy? have subsided to a dull roar.

After a day which left 50 people dead in Iraq, both civilians and soldiers, the death toll was hailed as a figure that was ?lower than expected.? Thus?acceptable, by Bush Administration/corporate media standards. After all, only of them was an American, the rest were Iraqis civilians and British soldiers.

The gamble of using the polling day in Iraq to justify the ongoing failed occupation of Iraq has apparently paid off, if you watch only mainstream media.

?Higher than expected turnout,? US mainstream television media blared, some citing a figure of 72%, others 60%.

What they didn?t tell you was that this figure was provided by Farid Ayar, the spokesman for the Independent Electoral Commission for Iraq (IECI) before the polls had even closed.

When asked about the accuracy of the estimate of voter turnout during a press conference, Ayar backtracked on his earlier figure, saying that a closer estimate was lower than his initial estimate and would be more like 60% of registered voters.

The IECI spokesman said his previous figure of 72% was ?only guessing? and ?was just an estimate,? which was based on ?very rough, word-of mouth estimates gathered informally from the field. It will take some time for the IECI to issue accurate figures on turnout.?

Referencing both figures, Ayar then added, ?Percentages and numbers come only after counting and will be announced when it's over ... It's too soon to say that those were the official numbers.?

But this isn?t the most important misrepresentation the mainstream media committed.

What they also didn?t tell you was that of those who voted, whether they be 35% or even 60% of registered voters, were not voting in support of an ongoing US occupation of their country.



Leggi tutto... (7560 byte rimanenti) Stampa la notizia: QUELLO CHE NON CI DICONO SULLE ELEZIONI IRACHENE
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 31 Gennaio 2005 - 15:35

Liberazione Nazionale e delle Donne:
La resistenza irachena e la campagna ricattatoria delle nuove "Organizzazioni Irachene Delle Donne"

Il comitato editoriale di Free Arab Voice
www.freearabvoice.org
Traduzione
www.bloggersperlapace.org
------------------------------

Al-Rubaiee Di Nada
Membro del comitato centrale dell'Alleanza Patriotica Irachena (IPA)

Durante la campagna di Bush per invadere l'Iraq, le questioni riguardo alle donne irachene sono state sollevate in parecchie occasioni. La parte di questo hoopla "femminista " ? stato effettuato da alcune donne irachene, che hanno promosso l'invasione come mezzo "di liberazione" delle donne irachene dalla repressione della condizione femminile e del maschio. Dopo che "la liberazione" voluta dell'Iraq si ? compiuta, alcune di queste stesse donne sono state nominate in posizioni di prestigio nelle istituzioni del "nuovo Iraq" occupato, come il Consiglio di governo iracheno (IGC) ed il governo ad interim di Ayad Allawy (primo Ministro).

Altre hanno cominciato a lavorare apertamente in Iraq sotto la bandiera di cosiddetti NGO's straniero-finanziati, cos? come i diritti dell'uomo e le organizzazioni delle donne.

Nel mese di novembre del 2003, una delegazione delle donne irachene ha visitato Casa Bianca per ringraziare personalmente Bush per l'assistenza all'Iraq e per chiedergli di non ritirare le sue truppe, presumendo il perch? "l'Iraq ne avr? ancora bisogno". Parecchi mesi pi? tardi, in occasione del giorno speciale dedicato alle donne internazionali dell'ottavo marzo 2004, Colin Powell ha inaugurato due iniziative: Iniziativa Democratica delle donne irachene e la Rete delle donne U.S.-Iraq. Powell, da quel momento in poi, ha assegnato $10 milioni di dollari alla prima associazione e pi? di $27 milioni alla seconda!

Molte domande fondamentali si pongono qui per difetto: perch? ? la gestione degli Stati Uniti a spargere milioni per promuovere la democrazia delle donne nell'Iraq occupato, mentre altri bisogni di base ed essenziali per l'essere umano, come acqua ed elettricit?, non sono ancora soddisfatti per un minimo? Perch? ci? che fanno le donne ? cos? importante per gli occupanti? Come possiamo capire i soldi spesi in nome della democrazia per le donne, mentre umiliano, torturano ed uccideno i migliaia degli uomini e di donne, sempre in nome della democrazia? Per concludere, che ruolo hanno stabilito di giocare queste nuove organizzazioni delle donne irachene in questo schema?



Leggi tutto... (25766 byte rimanenti) Stampa la notizia: Campagna contro le organizzazioni filostatunitensi delle donne irachene
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 30 Gennaio 2005 - 17:30



In aggiornamento al link sotto...

Summary of attacks on election day

Sunday 30 January 2005,
14:55 Makka Time, 11:55 GMT   
 
A number of attacks have struck polling stations in Iraq
 
The Independent Iraqi Election Commission has set up 5500 polling centres around the country to offer Iraqi people the chance to vote, but election day has been marred by bombs and mortar attacks.

The latest figures indicate at least 34 people have died in attacks throughout Iraq.

Baghdad
At least eight bombs exploded outside Baghdad polling stations, killing at least 28 people. Seven of the bombers walked up to the voting stations on foot and one used a car bomb.
Another car bomb exploded outside the justice minister's house; one security guard was killed and four others injured.

Balad
A mortar attack on a polling station killed one woman, and wounded another and her child.

Basra
A mortar shell landed near a polling station in al-Dhubbat neighbourhood, killing and injuring some people.

Baquba
A US military base north of Baquba city came under Katyusha rocket attack.

Hilla
A mortar attack killed one person.

Kirkuk
Three mortars were fired into the main airport, which is now a US army base. There were no reported casualties.

Latifiya
Mortars struck two voting stations. US troops killed one attacker and arrested 15 others.

Mosul
Six explosions, but no reported casualties.

Tal Afar, west of Mosul
One man was wounded in fighting between Iraqis and US forces.

Al-Duluiya, 70km north of Baghdad 
Attacks were reported from voting stations in the city, no reported casualties.

Al-Mahawil, 80km south of Baghdad
One Iraqi civilian killed and three policemen injured in mortar attack.

Al-Muqtadiya, 100km north of Baghdad
Two attackers blew themselves up in front of voter stations

Samarra
No citizens have voted because of poor security conditions.

Aljazeera
http://english.aljazeera.net/NR/exeres/15F23DED-17B3-4F3F-A1DA-A1E502E1DB74.htm



Leggi tutto... (22755 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq: summary of attacks on election day
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 30 Gennaio 2005 - 12:05



Iraq: al voto
gli anziani e le donne




Volti di donne, vecchi e bambini in lunghe file.
La maggioranza sono i pi? anziani fra gli iracheni.



Hanno trasportarto questi anziani in tutti i modi



e se, per taluni ? per giustizia un momento di onore,



come per l'uomo e per questa donna anziana,
cui tributiamo tutto il nostro rispetto...

pure non possiamo non vedere, che la propaganda strumentalizza l'immagine degli anziani del popolo iracheno, per consentire alla audience del pubblico di piangere sui vecchietti uccisi dai patrioti della resistenza, coloro che anche oggi combatteranno per le loro case e per l'ideale di un loro Iraq libero. 



Nel pieno rispetto delle persone di ogni sesso ed et? del popolo iracheno,
condanniamo anche questa strumentalizzazione.



Leggi tutto... (33113 byte rimanenti) Stampa la notizia: IRAQ AL VOTO GLI ANZIANI E LE DONNE
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 29 Gennaio 2005 - 21:46

Sottoscrivono idealmente questo documento proveniente dal Novara Social Forum i bloggers dell'Associazione Argon e la Rete degli Artisti contro le guerre, ribadisco solo che nessun governo di guerra pu? salvarsi la faccia nel conflitto iracheno. Anche se incessantemente ci provano.


30 GENNAIO 2005:
PERCHE' SIAMO ANCORA IN IRAQ ?

"Non siamo in guerra"
Quindi i soldati italiani in Iraq pattugliano con elicotteri inadeguati: cos? il Governo Berlusconi si salva la faccia, ma i soldati rischiano la vita.
Cos? ora si ? aggiunta una nuova vittima italiana.
Si aggiunge alle oltre 100.000 vittime irachene (non contate): uno tsunami ad opera degli umani e per ragioni "preventive". Lo tsunami naturale del Sudest asiatico, invece, ha fatto tante vittime per mancanza di prevenzione.
Quando muore un militare ? sempre un eroe, dovunque, comunque.
Gli elicotteristi italiani che un anno fa denunciarono la mancanza di sicurezza degli elicotteri in missione e rifiutarono di volare non erano eroi, anzi, furono trattati da codardi.
Noi siamo codardi e sentimentali: non ci esce dalla mente la notizia (oscurata dal patriottismo obbligatorio) che il maresciallo morto da eroe non voleva pi? partire per l'Iraq dopo la nascita della sua bambina. E vorremmo per lui che fosse riuscito a scegliere "eroicamente" il mestiere di padre.
Perch? il Governo italiano deve continuare a provare la sua fedelt? ai piani di Bush, al suo interventismo dichiarato?

Qual ? il prossimo paese
da occupare per "liberarlo"?


Perch? il Governo italiano non opera come molte altre nazioni,
che hanno gi? ritirato i loro soldati dall'Iraq, come Spagna Norvegia Filippine ecco che hanno programmato il ritiro in tempi certi, come Bulgaria, Portogallo, Polonia, Ucraina e Olanda?
Perch? il Governo italiano non si confronta a livello europeo, scegliendo cos? l'isolamento dall'Europa in politica estera,  e non pone un termine alla presenza militare in Iraq, che ci ? gi? costata 21 morti e pi? di 600 milioni di euro?
Perch? si schiera in armi "dietro l'ultimo imperatore del bene contro il male" e dietro un governo fantoccio?
Perch? non dice che le elezioni in Iraq di questi giorni sono una tragica farsa che alimenter? altri scontri violenze e sofferenze?
Perch? i portavoce del Governo italiano stanno dicendo che non ci si immaginava uno sviluppo cos? violento della situazione irachena?
Noi ce l'eravamo immaginato e abbiamo ancora una volta l'amara soddisfazione del "noi l'avevamo detto", quando in tanti nel mondo abbiamo espresso la volont? di fermare l'invasione dell'Iraq.
Proprio al Capo del Governo italiano ? scappato detto (dopo le parole democrazia libert? dolore eroe.): che la presenza di soldati italiani "ci d? peso e prestigio rilevanti nel mondo ed ? un vantaggio per le nostre imprese e la nostra economia".

NO GRAZIE

Preferiamo fare a meno di acquisire meriti agli occhi dell'attuale Governo degli Stati Uniti (non dell'Europa, non dell'ONU, non della maggioranza del popolo italiano).
Anzi, chiediamo all'Italia di dare con il ritiro dei militari italiani dall'Iraq un chiaro segnale di presa di distanza dalle politiche di guerra statunitensi, un NO alla prevenzione armata e all'ideologia dello scontro di civilt?.



Stampa la notizia: 30 gennaio 2005: PERCHE' SIAMO ANCORA IN IRAQ
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 29 Gennaio 2005 - 14:56





IRAQ LIBERO !

L'Iraq ? un paese ormai martoriato. Le elezioni, volute dall'ignoranza e dalla prepotenza degli stati uniti per legittimare la propria presenza in Iraq, porteranno ulteriori divisioni del popolo e l'accentuarsi dei conflitti. In questi giorni si sono moltiplicati gli appelli al voto e al non voto, ogni singola associazione o movimento del pianeta ha espresso la propria posizione politica e morale su questo voto. Ma la verit? ? una sola: l'Iraq ? degli iracheni e gli americani devono togliere le loro sporche, mani lorde di sangue, dal petrolio.  
Questo ? stato ampiamente ribadito dall'International Action Center, in nome di tutti i pacifisti americani nella lunga lettera indirizzata al World Social Forum:
Via le Truppe Americane dall'Iraq.
La comunit? dei bloggersperlapace, l'associazione Argon, gli Artisti contro le guerre, le mailing list e tutti gli amici, che collaborano alla redazione di questo sito si uniscono oggi al coro generale
che grida:

PACE
LIBERTA'
GIUSTIZIA

per il 
CORAGGIOSO
POPOLO IRACHENO

STOP
ALLA PREPOTENZA DEL DENARO
E AI LADRI DEL PETROLIO

VIA
LE TUTTE LE TRUPPE
DALL'IRAQ



Leggi tutto... (15895 byte rimanenti) Stampa la notizia: IRAQ AL VOTO
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 25 Gennaio 2005 - 22:09

Con la dichiarazione del Pentagono sulle nuove SS B le associazioni americane dei diritti umani riaccendono la giustissima polemica sulle torture, La denuncia di Human Rights Watch (all'interno il comunicato e altri articoli)

Guantanamo, The United States' Auschwitz

by Timothy Bancroft-Hinchey
01/25/2005

SS B patented brand - Nazi Scotch Nobody should grandstage or try to score cheap points from Auschwitz. Neither should Guantanamo exist in this day and age.

Before the hail of criticism is unleashed, together with hacking attacks and threatening messages on the author's personal and secret e-mail accounts, let it be said that Auschwitz, together with the other concentration camps, showed the depths of depravity and evil to which the human being can descend.

For those of us who have visited such a camp, we can only start to imagine the sheer horror of what took place, the studied concentration of cruelty and hatred against innocent human beings, defenceless men, women and children whose only crime was to have been born.

Nobody who has not lived through such an experience has the right to consider he or she knows anything about how the victims felt. The stench of hundreds of human beings huddled together in cramped conditions permeates the mist around these places to this day. The screams and cries can still be heard, the desperate, questioning look in the eyes of the six-year-old boy about to be gassed can still be seen and the trusting grip of the three-year-old's hand in his mother's as she was led away can still be felt.

Today, sixty years after the liberation of Auschwitz by the Soviet Army, we continue to see human injustice on a scale which is shocking, given the times we live in. The horrors at the concentration camps of Abu Ghraib and Guantanamo Bay are today's Auschwitz, Belsen, Treblinka, Dachau.

Torture. In the third millennium. Holding prisoners for three years without a legal process, without a formal accusation, without the right to a defence lawyer.

Is this US law? Is this the freedom and democracy and the human rights the United States of America is speaking about all the time? Is this the civilization towards which we have striven?

Do the citizens of the United States not have the right to a proper legal process, which is the norm and not the exception in each and every state apart from a few tin-pot dictatorships? Are US citizens so fundamentally superior to all other human beings?

Why then does the Bush regime insist on stretching the fibres of human decency to the extreme with practically every action it takes? And how could America's decent citizens even consider voting back such an evil regime which is an insult to the victims of human degradation throughout history and which will go down in the annals of the same as a serious hiccup in the progress of human civilization?

Bush, Rumsfeld and Cheney do not belong in the Ark. They belong on another planet where they may feel more at home with species of their ilk - the Alien.

http://english.pravda.ru/mailbox/22/101/399/14868_Guantanamo.html



Leggi tutto... (29134 byte rimanenti) Stampa la notizia: LE TORTURE PROSEGUONO: LA DENUNCIA DI HUMAN RIGHTS WATCH
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 25 Gennaio 2005 - 17:26

Iraqi Patriotic Alliance on the ?election? 
 
Almost two years have now passed since the brutal imperialist war against Iraq was waged and the subsequent occupation of the country began.

Both the administrations of Bush and Blair started this war by using the false pretexts that Iraq possessed weapons of mass destruction and had terrorist links with Al-Qaida.

This aggression has resulted in hundred of thousands of martyrs and wounded civilians and the total destruction of the infrastructure. It has resulted in the demolishment of the old and new civilization of Iraq, where national museums were looted and destroyed; libraries were burned and scientific institutions destroyed.

The thirteen years of sanctions and the more than one and a half million dead Iraqis were not enough to satisfy their blood thirst.

Today, the whole world is witnessing the fall of the US pretexts of the aggression and occupation of the Iraq. All their lies about the so-called freedom, democracy and human rights are being exposed around the world with all the massacres and destruction they are causing in Iraq, where Fallujah is not the last example.  

Now, the illegitimacy of the Anglo-American war is obvious to the international community and world opinion, which pushed the Secretary General of the United Nation to declare: ?The war is illegal, and it is a clear breach of international law and against the UN Charter.?

The failure of the political process of US-imperialism in Iraq and its attempt to create an Iraqi instrument, in order to sell the imperialist project to the Iraqi people, is due primarily to the revolutionary strategy of some of the Iraqi resistance, which targets the occupation force and its political institutions.

The Iraqi resistance has, by its revolutionary strategy, succeeded to establish two clear fronts: That of the Iraqi resistance, backed by its people and many sincere people of the world, and the front of imperialism and its Iraqi and international tools.

The military and security dilemma, which is facing the occupation in Iraq, is a result of the growing resistance that has pushed the occupying power to political maneuvering and escape by calling for the farce, which they call an  ?election? scheduled for January 30.

The Iraqi Patriotic Alliance emphasizes that it is impossible to hold democratic and free elections under imperialist occupation. At the same time, we condemn the American-Iranian-Kurdish connivance which materializes in the occupation, the attempts to divide Iraq, and in the preparation of civil war.

We underline the following:

-  The war and the subsequent occupation are illegitimate, and therefore every political process, including the election, is illegitimate too.

-  The election is meant to legalize the occupation by bringing on an Iraqi parliament and government with one clear goal: to prolong the occupation.

-  This election aims to legalize and institutionalize the religious and ethnic quota system in Iraq, which will promote ethnic and religious divisions of Iraq.

-  The armed Iraqi resistance is the only legitimate representative of the Iraqi people. 

For all these reasons, we call upon our Iraqi people with all its ethnic, religious and political diversities to boycott this illegal election.
And we call upon the peace and anti-war movements and all forces opposing the occupation to condemn this political farce. 

Before the election, there is an illegal occupation and illegal government in Iraq; they will remain so after the election.

Long live the Iraqi resistance!
The occupiers will leave, and Iraq will remain!
 
January 18, 2005
Iraqi Patriotic Alliance



Leggi tutto... (4633 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraqi Patriotic Alliance on election
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 25 Gennaio 2005 - 16:57

ARRESTI, ESECUZIONI SOMMARIE
E UNA SENTENZA ESEMPLARE


La resistenza all'occupazione non ? terrorismo, questo il succo della sentenza milanese in giudizio, che pure condanna per altri reati la cellula milanese del gruppo della resistenza islamica, in Italia per reclutare uomini per la guerriglia irachena. Non si pu? che applaudire al coraggio e alla rettitudine della magistrata milanese, che ha ribadito con giustizia al diritto del popolo iracheno all'autodeterminazione. In Italia l'atto del reclutamento ? reato, io auspico lo sia anche per coloro che hanno reclutato il contractor italiano, ucciso come il collega Baldoni dal gruppo denominato Islamic Army in Iraq. Anche considerando che solo in data 18 gennaio scorso, sette giorni fa, un fotografo registrava l'evento dell'arresto e dell'esecuzione sommaria sul posto, di un civile iracheno ad opera dei soldati americani. Come dichiara la sequenza di queste fotografie.
Abbiamo visto a dicembre nella vicinissima Francia un altro episodio da ritenersi in violazione alle norme del diritto internazionale nello stesso modo che il reclutamento di milizie private o di guerriglieri: il Gal? per le forze armate israeliane e la raccolta fondi per un esercito straniero su territorio francese. Firma o non firma della costituzione europea, l'antico continente vive una trista partogenesi di un secondo nuovo se stesso, smidollato e senza valori, ma ancor vecchio e fin troppo sbilanciato sull'interesse del commercio per parlare di reale unit?. E' in questi episodi apparentemente comuni del vivere civile, che lo si pu? registrare con chiarezza.
Quanto all'Italia basta un libro, "Code Names: Deciphering U.S. Military Plans, Programs and Operations in the 9-11 World" di William Arkin appena uscito negli states e gi? best seller fra gli addetti del settore, per dichiararne i contenuti politici e morali governativi e, a quanto pare, gi? oggetto di interrogazione in Parlamento.
50 anni di occupazione americana, fra militari, basi e trasporto su mezzi di terra di materiale bellico anche radioattivo (campagna train stopping), per non parlare dei territori che albergano poligoni di tiro irrimediabilmente inquinati dall'uranio impoverito e al transito di sottomarini nucleari in sardegna, evidentemente non sono bastati ai governatorati italiani. Il libro infatti disvela il progetto "Ascia di Pietra", per impiantare su suolo italiano strumenti della tecnologia missilistica nucleare prodotti dagli Stati Uniti, in previsione, diciamolo pure chiaramente, di un nuovo conflitto mediorientale. Questa volta contro l'Iran, paese che indiscutibilmente rappresenta nel mediterraneo una realt? militarmente meglio organizzata del povero pantano iracheno, ricco s? di petrolio e di armi leggere, ma soprattutto di tanto umile coraggio. Leggendo questi piani nella mente delle Amministrazioni guerrafondaie Usa, possiamo iniziare a credere, che un tempo sia esistito realmente un gruppo chiamato Al Qaeda e che abbia pensato in un infausto giorno di un lontano settembre ad esportare, anche negli states, la guerra. Quella guerra che ogni giorno vive a casa nostra e nella casa di centinaia di famiglie, migliaia di persone in buona parte del medioriente.

Le foto sono di Albasrah.net



Leggi tutto... (14043 byte rimanenti) Stampa la notizia: ARRESTI, ESECUZIONI SOMMARIE E UNA SENTENZA ITALIANA ESEMPLARE
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 20 Gennaio 2005 - 18:40




ORIGINALE DATO ALLA STAMPA GENNAIO 2005


Immagini shock al processo per la
''Abu Ghraib britannica''


*Ricordate? Qualcuno lo aveva detto quasi due anni fa 

Sono state mostrate ieri, davanti la corte marziale in Germania, le immagini scioccanti degli abusi che i soldati britannici del 1? battaglione del Reggimento di Fucilieri Reali avrebbero commesso nei confronti dei prigionieri iracheni. Le foto shock - scrive il Guardian - ritraggono i militari britannici mentre obbligano i detenuti a denudarsi e a simulare atti sessuali, oppure documentano le altre violenze fisiche inflitte a prigionieri legati e rannicchiati a terra. La corte militare di Osnabruck in Germania ha iniziato cos? a raccogliere le prove d'accusa contro il caporale Daniel Kenyon e gli appuntati Darren Larkin e Mark Cooley, che devono rispondere di un totale di 9 accuse relative a torture inflitte ai detenuti iracheni. Larkin ha ammesso la propria colpevolezza per quanto riguarda le percosse, ma ha respinto altre accuse di ''condotta vergognosa ed indecente'', come quella della denudazione dei prigionieri. Il caso, subito battezzato la ''Abu Ghraib britannica'', giunge appena una settimana dopo che la corte marziale Usa ha condannato a 10 anni di reclusione uno dei suoi soldati per la torture commesse in Iraq.

http://www.guardian.co.uk/military/story/0,11816,1393589,00.html
(Traduzione CaLmBiG)

Leggi l'articolo che ha narrato questo disegno su albasrah.net

DISEGNO - GENNAIO 2003



Leggi tutto... (13904 byte rimanenti) Stampa la notizia: E' la volta degli inglesi!
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 18 Gennaio 2005 - 08:47

L'altro Tsunami

John Pilger
10 Gennaio 2005
The New Statesman

Le crociate dell'Occidente, Stati Uniti e Gran Bretagna, stanno portando alle vittime dello tsunami, aiuti inferiori al costo di un singolo bombardiere Stealth o di un mese di sanguinosa occupazione dell'Iraq. Il conto della festa di incoronazione di Gorge Bush, pagherebbe la ricostruzione di gran parte della costa dello Sri Lanka. Bush e Blair hanno incrementato la loro prima offerta d'aiuto solo quando ? apparso chiaro che gente in ogni angolo del mondo stava spontaneamente offrendo milioni e che si sarebbe sollevato un problema di pubbliche relazioni. L'attuale "generoso" contributo del governo Blair corrisponde ad un sedicesimo degli 800 milioni di sterline spesi per bombardare l'Iraq prima dell'invasione ed appena ad un dodicesimo del bilione di sterline donate all'esercito indonesiano affinch? potesse acquistare bombardieri Hawk.

Il 24 di novembre, un mese prima che lo tsunami colpisse, il governo Blair dava il proprio appoggio a una fiera delle armi a Jakarta, "volta ad incontrare l'urgente esigenza per le forze armate indonesiane di rinnovare le proprie capacit? di difesa" - riportava il Jakarta Post. L'esercito indonesiano, responsabile per il genocidio di Timor Est, ha sterminato pi? di 20 mila civili e "insorgenti" ad Aceh. Tra gli espositori alla fiera spiccava la Rolls-Royce, che produce i motori degli Hawks, i quali, insieme ai veicoli Scorpion, alle mitragliatrici ed alle munizioni, fornite dai britannici, uccidevano e terrorizzavano la gente di Aceh, fino al giorno in cui lo tsunami ha devastato la provincia.



Leggi tutto... (12252 byte rimanenti) Stampa la notizia: L'altro Tsunami
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 13 Gennaio 2005 - 00:00

Nuovi terribili video sugli abusi in Iraq

articolo da Jihad Unspun
traduzione di Mohammed

L'avvocato di Charles Graner, accusato degli scandali delle torture sui prigionieri iracheni, ha detto che l'esposizione dei prigionieri nudi sulle piramidi ? un sistema accettabile per controllare il prigioniero.
L'avvocato di Graner ha detto che mettere i prigionieri nudi sulle piramidi dandogli la scossa elettrica ? un sistema accettabile per controllare il prigioniero.
Ha paragonato le piramidi dei prigionieri a quelli delle cheerleaders.
"Le cheerleader di tutta America fanno piramidi da sei ad otto volte all'anno, questa ? tortura"?
Womack, l'avvocato di Graner, ha fatto questa dichiarazione ai 10 membri della giuria militare americana della corte marziale per i riservisti.
Il riservista Graner e la riservista Lynndie England, con la quale ha avuto un bambino e che sta affrontando anch'essa la corte marziale, avevano la faccia sorridente ed indicavano i prigionieri degradati e nudi.
I procuratori inoltre hanno presentato nuovi video e foto scioccanti della prigione di Abu Ghraib, compresa la masturbazione forzata di gruppo.
Womack ha detto che legare i prigionieri era un metodo giusto per tenere sotto controllo i detenuti.
"State mantenendoli sotto controllo, legare i prigionieri ? un metodo giusto nelle carceri"ha detto.
La testimonianza pi? drammatica di luned? ? stata quella di Ivan Frederick, condannato l'anno scorso ad otto anni, che ha discusso riguardo gli episodi ritratti nelle fotografie che hanno scandalizzato il mondo dopo la loro pubblicazione.
"Graner ha detto qualcosa circa un compleanno"ha dichiarato Frederick, che come Graner era nella prigione.
Frederick ha raccontato di parecchie occasioni in cui Graner ha colpito i prigionieri, anche una volta di quando ha buttato gi? un uomo prima di urinarci sopra, ed altri li ha messi in una piramide umana ed ha detto: "Maledetti"ha dichiarato Frederick.
Jeremy Sivits, che sta scontando un anno di prigione per il suo ruolo negli abusi, ha ricordato lo stesso avvenimento.
"Io ho detto a Graner, "penso che lo abbiate buttato gi? signore" ha detto Sivits, che si ? dichiarato colpevole l'anno scorso davanti alla corte marziale.
"Ha dovuto colpirlo pesantemente per farlo cadere".
Le immagini del trattamento dei prigionieri nella prigione vicino a Baghdad hanno danneggiato ulteriormente la credibilit? degli Stati Uniti, gi? danneggiata duramente in molti paesi dopo l'invasione dell'Iraq nel 2003.
Oltre a dichiarare che i metodi non erano illegali, il difensore di Graner ha detto: "Stava facendo il suo lavoro. Ha eseguito gli ordini e deve essere elogiato per questo"ha detto Womack alla corte chiedendo inoltre che Graner testimoniasse nel caso.
Il procuratore principale, il maggiore Michael Holley, ha chiesto con retorica: "Pu? l'accusato credere onestamente che questo era un ordine legale"?
Womack ha provato a sostenere che ufficiali dell'intelligence civile maltrattano i prigionieri per ottenere le informazioni.
L'amministrazione Bush ha incolpato dell'abuso un piccolo gruppo e ha detto che l'abuso non era parte della politica e non veniva ammesso da funzionari di grado elevato.
Ma le indagini hanno dimostrato che molti prigionieri in Iraq, Afghanistan,
ed anche nella base americana di Guantanamo hanno subito abusi dopo che il governo ha considerato questa strada per ottenere informazioni nella lotta contro il "terrorismo".
Graner, 36 anni, dovr? scontare fino a 17 anni e mezzo di prigione.
Si ? dichiarato non colpevole.



Leggi tutto... (54984 byte rimanenti) Stampa la notizia: Nuovi video delle torture in Iraq - rassegna articoli sulla questione irachena
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 11 Gennaio 2005 - 00:57

Call for Co-ordination

Against the so called elections
Against the legalization of occupation

Solidarity and support until the final victory of the Iraqi Resistance
 
The operation "general elections" organized by American and British forces of occupation on Sunday 30 January in Iraq, using their puppet representative Alawi but mainly using barbarous means of extermination as we sow recently in Falluja is another attempt to legalize the imperialist invasion and occupation of Iraq.

At this critical moment, the anti-war movement in Europe and all over the world, which flooded the planet with millions demonstrating against the invasion, must stand overtly beside the Iraqi resistance. All anti-war activists have to condemn the farce of elections, the supposedly democratic experiment imposed with fire and unspeakable tortures on Iraqi people. They have to demand the expulsion of all troops of occupation from Iraq.

In workplaces and youth centres, in towns and cities, we must organize campaigns of solidarity and support of Iraqi Resistance, against the American and British occupation as well as against the proposals for compromise suggesting by European imperialists.

Let?s go out in the streets on 28-30 January organizing public meetings and demonstrations in order to promote the unity and solidarity with the heroic Iraqi people that are in the front-lines of the struggle against war and imperialism.

With coordination, massively and actively, let us raise the banners of the antiwar and anti-imperialist struggle together with the Iraqi people and all peoples in the Middle East and the world that fight against imperialism.

Initiative for Solidarity for Iraqi Resistance
Ilps Greece



Stampa la notizia: Call for Co-ordination
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 05 Gennaio 2005 - 12:34

Free Dr. Huda Ammash
and all the Iraqi Detainees NOW!

Petition

http://www.petitiononline.com/freehuda/petition.html

To: UN Secretary General, International Action Center, Islamic Scientific Society, Southend Press, Environmentalist Against War, Peace and Resistance

Name: Huda Saleh Mahdi Ammash

Birth: Baghdad ? September 26, 1953

Social Status: Married with a son and a daughter

Academic Status:

1. She received her B.Sc. from the College of Science, Baghdad University in 1974.
2. She received her MS in microbiology from the University of Texas/Dunton.
3. She received her Ph.D. in microbiology from the University of Missouri/Columbia in 1983.
4. She received the Award for Young Scientists from the Shoman Academy in Jordan in 1994.
5. She was chosen as a member of the Iraqi Scientific Society in 1996.
6. She was elected a member of the Islamic Scientific Society in 2001.
7. She is a member of several Arab and international biological associations.

Scientific and Administrative Positions:

1. After graduation, she worked as an assistant researcher in Baghdad University from 1975 ? 1976.
2. She worked as an assistant researcher at the University of Missouri in America from 1981 ? 1983 while studying for her Ph.D.
3. Teacher at the College of Science/ Baghdad University from 1983 ? 1991during which she earned the title Assistant Professor.
4. Teacher at the College of Medicine/ Saddam University from 1991- 1994 during which she earned the title of Professor.
5. Dean of the Women's Educational College in Baghdad University from 1993 ? 1995.
6. Dean of the College of Science/ Baghdad University from 1995 ? 1997.
7. A member dedicated to the Iraqi Scientific Society from 1996 until now.

The American Occupation Forces detained Dr. Huda Ammash on April 25, 2003. During this very time, the American Occupation Forces were claiming that Dr. Huda Ammash had fled to Syria. Their blatant lies were exposed after some international news networks spread reports of her detention which forced the Occupation Forces, on May 5, 2003, to admit that they had her under detention.

Under the pressure of international humanitarian and academic societies, the American Forces in Baghdad claimed that she had been released. This lie was uncovered when news networks went to her home for an interview. The American Occupation Forces were forced to admit that they had lied once again and that Dr. Huda was still under detention.

Dr. Huda Saleh Mahdi Ammash never did research, at any stage, on weapons of any type and none of her research papers were ever put to such a use. All her scientific research is published and she was promoted due to this published research. She attended many international and Arabic scientific conferences with her research.

Scientific and academic societies all over Iraq, the Arab world, and internationally know that the reason behind Dr. Huda Ammash's detention was that she exposed the criminal use of weapons by the Americans during the 1991 war on Iraq up until now. These weapons include Depleted Uranium (DU), biological, chemical and other electro-radioactive weapons. She published a book which proved that the weapons used by the Americans during the 1991 Gulf War were responsible for the rise in cancer rates in the south of Iraq and that is why her detention is simply retaliation for exposing them.

Dr. Huda Saleh Mahdi Ammash is currently detained under inhumane conditions in spite of the fact that she has cancer and was under medical treatment during the time of her detention.

The Occupation Forces have detained more than 15,000 Iraqis without accusation, and they are subjected to the ugliest forms of torture under almost unbelievable, inhumane conditions.

We cry out to every Muslim, Arab and live conscience to stand by Dr. Huda Ammash and the other detainees and ask international organizations to step in immediately and stop these horrible crimes and to call for the detainees to be freed. Silence on this issue means that every researcher or scientist, Arab or Muslim, and every person who defends their freedom, will be exposed to the same fate as the Iraqis should they attempt to defend their people, and their families, under occupation.

Sincerely,

The Undersigned
http://www.petitiononline.com/mod_perl/signed.cgi?freehuda

Sign the Petition
http://www.petitiononline.com/freehuda/petition-sign.html?



Leggi tutto... (14194 byte rimanenti) Stampa la notizia: Free Dr Huda Ammash and all the Iraqi detainees
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 22 Dicembre 2004 - 09:55


Les otages fran?ais en Irak ont ?t? lib?r?s
Christian Chesnot et Georges Malbrunot ont ?t? lib?r?s mardi / AFP |
Un avion est charg? mercredi de les rapatrier, avec ? bord Michel Barnier, des proches des deux journalistes et sans doute un m?decin.
? Forum : La lib?ration des otages fran?ais

Sono finalmente liberi i due giornalisti francesi. Questa ? una notizia che non pu? non rallegrarci. No, non erano spie dei servizi americani. Non lo era neppure il nostro Enzo Baldoni, ma gli uomini dell'Islamic Army non lo hanno capito. Da persona attenta a quel che succede in Iraq devo dire che in pi? occasioni abbiamo potuto notare segni di distensione nei confronti dei giornalisti in genere. Se non ci fossero i giornalisti, e ancor di pi? i foto giornalisti, probabilmente dell'Iraq occupato sapremmo solo ci? che diffonde la stampa di regime. I titoli sopra sono quelli del quotidiano francese Le Monde, che potete leggere per gli approfondimenti. I due colleghi saranno a casa fra poche ore. Segue l'articolo di Al Jazeera.

Giornata di sangue e di protesta a Mosul dove la base Usa ? stata attaccata a colpi di mortaio. I caduti sono circa 22 durante l'attacco che ha colpito la mensa della base all'ora di pranzo, ma potrebbero aggiungersi altre vite dal numeroso gruppo dei feriti. Nella zona nord di Mosul si ? tenuta una marcia di protesta anti-usa contro le violenze e gli atti di guerra.


Leggi tutto... (2854 byte rimanenti) Stampa la notizia: LIBERI I DUE FRANCESI
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 21 Dicembre 2004 - 15:25

E' opera dell'Aclu, seguono gli auguri di buone feste all'FBI e al Dod dalla stampa del pianeta. Lu'

Pestati a sangue e torturati con sigarette accese nelle orecchie

Iraq, nuovi abusi sui detenuti

A scriverne ? il 'New York Times' sul suo sito, precisando che i documenti contengono resoconti di agenti Fbi anche su Guantanamo.           
Washington, 21 dic. (Adnkronos) - Pestati a sangue e torturati con sigarette accese nelle orecchie. Questi alcuni degli abusi subiti dai detenuti rinchiusi nelle carceri gestite dalle forze americane in Iraq e descritti in alcune note del Federal Bureau of Investigation, stando a quanto emerge da documenti il cui contenuto ? stato appena reso pubblico negli Stati Uniti. A scriverne ? il 'New York Times' sul suo sito, precisando che i documenti contengono resoconti di agenti Fbi anche su Guantanamo, dove - si legge - ci sono stati prigionieri bloccati in catene per un giorno intero in posizioni scomode.
Un Memorandum reso pubblico ieri e indirizzato a Robert Mueller, direttore Fbi, e ad altri alti funzionari del Bureau, contiene il resoconto (datato 24 giugno 2004 e targato 'Rapporto urgente') di un non precisato testimone, ''che ha constatato gravi abusi fisici sui detenuti civili'' in Iraq e ha descritto ''strangolamenti, pestaggi, torture con sigarette nelle orecchie''.
I documenti dimostrano che degli abusi era a conoscenza un'ampia cerchia di funzionari del governo, come osserva il 'New York Times', e che alcuni dei soldati che interrogavano i prigionieri si spacciavano con le loro vittime per ufficiali del Fbi.
Quelli appena divulgati sono gli ultimi consegnati dal governo nel quadro di una denuncia presentata dalla 'American Civil Liberties Union' (A.C.L.U.) per appurare proprio l'eventualit? di un coinvolgimento americano nello scandalo degli abusi. Il loro contenuto contrasta con la difesa da sempre opposta dai militari statunitensi, secondo i quali i maltrattamenti si sono limitati a pochi casi isolati.

http://www.adnkronos.com/Esteri/2004/Settimana52da20-12a26-12/abusi_iraq211204.html



Leggi tutto... (40451 byte rimanenti) Stampa la notizia: TORTURE: NUOVO RAPPORTO FBI
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 17 Dicembre 2004 - 10:22

Alle volte anche i soldati americani la pensano nello stesso modo degli iracheni e l'Iraq gli va davvero stretto. Come questo blogger per esempio..

December 14, 2004


CARTOONS FROM IRAQ

Today we have a collection of cartoons from Dan Brokaw, a cartoonist sargeant from the Illinois National Guard who is busy fighting daily battles against insurgents in Iraq. Dan writes to us about his daily routine and his cartoons. E-mail Dan in Iraq at claw_design@hotmail.com

My name is Dan Brokaw. It was October of 2003. I should have been finishing my final two classes needed to complete my BFA in Design at Northern Illinois University. I should have been entertaining job offers and going to interviews. I should have been starting the new life that my wife, my daughter, and I had sacrificed so much to realize. Instead, I was on my way to Iraq.

I am a Sergeant in the Illinois Army National Guard currently serving in Iraq. My Unit is Foxtrot 202nd Air Defense Artillery. We are attached to the 1st Cavalry Division in the Baghdad area of operations.



Leggi tutto... (3844 byte rimanenti) Stampa la notizia: Cartoon from Iraq - un blogger soldato
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 16 Dicembre 2004 - 19:03

Il documento che segue ? stato pubblicato da Information Clearing House, giorno 13 dicembre scorso. Si tratta del testo di un video messaggio della Resistenza Irachena. Ritenendolo interessante per i contenuti anche rivolti all'Europa ne ho tradotto il testo e ne do una pubblicazione a titolo di documentazione. 

Messaggio della Resistenza Irachena

"Siamo gente semplice,
che ha scelto i principi al di sopra del timore."

Originale: http://207.44.245.159/article7468.htm
Video del 10 dicembre 2004
http://207.44.245.159/video1/message-from-resistance.wmv 



Comunicato numero 6:

Ai media dal plotone dell'Esercito Islamico dello Jihad. Nel 27 giorno del mese di Shawal anno 1425. 10 dicembre 2004.

Popoli del mondo! Queste parole vengono a voi da coloro che, fino al giorno dell'invasione, stavano lottando per sopravvivere sotto le sanzioni applicate dai regimi criminali degli Stati Uniti e della Gran Bretagna.

Siamo gente semplice, che ha scelto i principi al di sopra del timore.

Abbiamo sofferto i crimini e le sanzioni, che consideriamo armi da equiparare a quelle di distruzione di massa.

Anni ed anni di agonia e di disperazione, mentre condannati le Nazioni Unite  hanno commerciato con nostri redditi dell'olio in nome della stabilit? e della pace del mondo.

Oltre due milioni di innocenti sono morti aspettando di vedere una luce all'estremit? di un tunnel, che si ? concluso soltanto con l'occupazione del nostro paese ed il furto delle nostre risorse.

Leggi tutto



Leggi tutto... (5567 byte rimanenti) Stampa la notizia: Video messaggio della Resistenza Irachena
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 09 Dicembre 2004 - 10:52

20,802 US Soldiers Heavily Wounded  

11/25/4 -- Can anyone believe how dirty and dishonourable the US administration is?

The official number of US soldiers wounded in Iraq that was announced by the US DOD (department of defense) is 8458 in Iraq and 423 in Afghanistan.

Can anyone believe that the US military hospital at Germany (alone), the Landstuhl Regional Medical Center, announced that
20,802 troops have been treated at Landstuhl from injuries received in "Operations Iraqi Freedom" (occupying Iraq) and "Enduring Freedom" (occupying Afghanistan).

The interesting part of the news that I didn't find these numbers on Al-Jazeera (the No.1 enemy of Rumy and other little bush supporters). These Numbers were published by the well-known, Department of Defense-authorized daily newspaper distributed overseas for the U.S. military community, "
Stars and Stripes".

more than
17,200 from these soldiers were injured in Iraq, and more than 3,000 were injured in Afghanistan as I read in a local newspaper.

These numbers are just for the US soldiers that were moved to Germany. There are other thousands that were injured inside Iraq and Afghanistan and treated in small local military clinics and hospitals, or moved to other US military hospitals.

The official number of Us soldiers killed in Iraq and Afghanistan is
1375 and 144. I wonder what the real numbers are.

*******

The Washington
Post


The Costs of Staying the Course


Conditions in
Iraq
and in Past Wars Cast Casualty Tolls in a Different Light


By Brian Gifford,
Monday, November 29, 2004
; Page A19

The writer is a research fellow with the Robert Wood Johnson Foundation at the University of California at Berkeley.


http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/articles/A18882-2004Nov28.html


More than 1,200
U.S. military personnel have died in Iraq so far. In the face of rising casualties, polls taken throughout the election season revealed the public's discomfort with our progress in Iraq but gave little indication of weakening support for the mission. This ambivalence about the war's human costs reflects perhaps both a belief in the cause for which our troops are fighting and a perception that in the aggregate their sacrifices -- while always tragic on an individual level -- are historically light. A glance at earlier wars seemingly confirms this latter sentiment. Compared with the more than 405,000 American personnel killed in World War II and the 58,000 killed in Vietnam, Iraq hardly seems like a war at all. But focusing on how few military deaths we've suffered conceals the difficulty of the mission and the determination of the forces arrayed against the American presence in Iraq. A closer look at these deaths -- 1,232 as I write -- reveals a real rate of manpower attrition that raises questions about our ability to sustain our presence there in the long run.


To better understand the difficulty of the fighting in
Iraq, consider not just the current body count but the combat intensity of previous wars. During World War II, the United States lost an average of 300 military personnel per day. The daily figure in Vietnam was about 15. Compared with two per day so far in , the daily grinds of those earlier conflicts were worse than what our forces are currently experiencing. On the other hand, improved body armor, field medical procedures and medevac capabilities are allowing wounded soldiers to survive injuries that would have killed them in earlier wars. In World War II there were 1.7 wounded for every fatality, and 2.6 in Vietnam; in Iraq the ratio of wounded to killed is 7.6. This means that if our wounded today had the same chances of survival as their fathers did in Vietnam, we would probably now have more than 3,500 deaths in the Iraq war. Moreover, we fought those wars with much larger militaries than we currently field. The United States had 12 million active-duty personnel at the end of World War II and 3.5 million at the height of the Vietnam War, compared with just 1.4 million today. Adjusted for the size of the armed forces, the average daily number of killed and wounded was 4.8 times as many in World War II than in Iraq, but it was only 0.25 times greater in Vietnam -- or one-fourth more.

<o:p>


These figures suggest that our forces in Iraq face a far more serious threat than the public, the media and the political establishment typically acknowledge or understand
. Man for man, a soldier or Marine in Iraq faces a mission nearly as difficult as that in Vietnam a generation earlier. This is in spite of the fact that his contemporary enemies do not field heavy armored vehicles or aircraft and do not enjoy the support and patronage of a superpower such as the Soviet Union. Our better-prepared troops are taking casualties at a real rate not tremendously lower than their predecessors in World War II, a bloodier, costlier, longer war that was fought on three continents and across three oceans and one that relied heavily on face-to-face combat rather than precision-guided munitions. The focus on how "light" casualties have been so far rather than on what those casualties signify serves to rationalize the continued conduct of the war and prevents us as a nation from confronting the realities of conditions in Iraq. Even more troubling, daily casualties have almost tripled since before the first attack on Fallujah in April. Conditions are getting worse, not improving. To be sure, American forces are winning the body count. That the insurgency is nonetheless growing more effective in the face of heavier losses makes it difficult to imagine an exit strategy that any reasonable person would recognize as a "victory."


Some will charge that this analysis amounts to defeatism. I disagree. Understanding the battlefield as the men and women of our armed forces experience it acknowledges the sacrifices they are making in our name. Taking false comfort in the fact that earlier wars claimed a greater number of lives trivializes those sacrifices. We owe them and our nation a realistic discussion about the potential benefits of staying the course in
Iraq vs. the probable costs. If history is any guide, those costs will be heavy.


Handy URL to evaluate US casualties.
Though based on their statistics!

(For greater accuracy multiply by 3-5 !!)
http://icasualties.org/oif/

</o:p>


Stampa la notizia: 20.802 soldati americani feriti
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 05 Dicembre 2004 - 10:48






TROFEI DI GUERRA!

E' la volta della Marina militare statunitense a vedere svelate le rivoltanti operazioni del propri uomini. Inequivocabilmente gli abusi, fin dalle primissime foto ricordo dei soldati inglesi, sono un fenomeno generalizzato, sollecitato e di fatto permesso dagli ufficiali superiori.
Non si tratta di ragazzate o della logica del branco, ma di qualcosa di ancor pi? malato ed insito nella stessa societ? americana, che partorisce uomini e donne capaci di compiere tali atti. Porto ad esempio una foto, arrivatami via email e distribuita fra gli amici: un marine americano con il bambolotto soldato. Roba da analisi psichiatrica, che fa come minimo esclamare una persona normale di una indignazione affranta. Non parliamo dei pacifisti, quelli veri, da non confondere con quelli che fanno i movimentisti per mestiere o per soldi.
E' stata la moglie di un soldato a mettere in rete le fotografie e cos? a far prendere quota alla vicenda giudiziaria. Ancora non trovo il sito e non so molto di lei, salvo che forse avr? visto l'ultimo video di Eminem, quello che invita a votare il popolo dei bassifondi e tutti coloro, che si sentono presi in trappola da questo stato di cose. Le foto sono rappresentazione diretta delle incursioni nelle abitazioni irachene e ritraggono il trasporto dei prigionieri. Quale la sorte di quegli stessi prigionieri non lo sappiamo: forse proprio Abu Ghraib ove possono aver subito ancora altre torture.
Tutti i media statunitensi ora si attiveranno per rilevare lo stato confusionale, i problemi familiari e/o psichiatrici, le ex tossicodipendenze di quegli uomini, che hanno compiuto gli atti di tortura ai danni di altri uomini prigionieri. Tristo lavoro di insabbiamento sulle prove reali costituite dalle fotografie, come per Abu Ghraib.  Opinionisti migliori di me lo sostengono da sempre, ma il fenomeno ? talmente diffuso da mostrarne l'ampiezza planetaria. Guantanamo, Abu Ghraib, Afghanistan: il fenomeno ? tanto diffuso da essere un concetto direttamente attribuibile al Presidente degli Stati Uniti, come nel telefilm in prima serata, il sabato alle 21 su nota rete italiana, sia pur nella fantascientifica versione del presidente nero.
Ma il lavoro a copertura degli eventi contro l'umanit? ? gestito come un gioco di squadra e non lascia mai il campo.
Non ? un caso, che l'ultimo numero de "Le Scienze" rechi una traduzione all'articolo e le opinioni di Susan Fiske e del suo staff, Universit? di Princeton. Gli scienziati hanno analizzato 25.000 studi su un campione di 8 milioni di partecipanti: "Chiunque pu? commettere atti efferati o di tortura", questo il ferale verdetto.
FOTO: Loredana Morandi con una museruola da cane, l'immagine le fu recapitata a titolo di MINACCIA per aver detto la VERITA.Quindi quel qualcosa di profondamente marcio ? nella radice stessa della societ?. Lo stesso marcio, che consente in Italia ad un esponente del movimento nonviolento, di spacciarsi per pacifista e contestualmente di compiere azioni di truffa e mobbing ai danni dei compagni.
Perdono cristiano, si certo: ma solo dove ci sia un sincero atto di pentita contrizione. Poi la strada ? quella giudiziaria, perch? l? dove sia truffa, reato ideologico, trofeo ingiustificato, comportamento violento, egoismo o altra materialistica e sporca umanit? non pu? esserci perdono dalla societ? civile.
Che ne dite, cercheranno di farmi tacere per cancellare la VERITA' ?
Loredana Morandi





Leggi tutto... (19733 byte rimanenti) Stampa la notizia: TORTURE: LE FOTO DELL' US NAVY
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 02 Dicembre 2004 - 22:35

Ritenendo questo documento originale, attualmente distribuito in rete, di grande interesse politico a carattere documentale, ne rendo ulteriore pubblicazione. Inoltre per sopperire al silenzio planetario cui ? stata ridotta l'intera popolazione irachena.

Open Letter from Iraqi Patriotic Alliance
addressed to our brothers all around the world


The Iraqi resistance is confronting the illegitimate and brutal Zionist Imperialist occupation of Iraq. Our resistance is legitimate according to international law and the UN Charter, including the right to resort to armed means. We are claiming our right to national self-determination and a real sovereignty

The different resisting groups in Iraq have developed a network between each other in order to achieve their ultimate goal. This goal was clearly addressed in their political program released after the liberation of Fallujah in April this year (2004). The program of the Iraqi resistance is as follows:

    1. End the occupation and liberate the country
    2. Transition period of 2 years
    3. Iraqi united- National government for all
    4. Iraqi constitution written by Iraqis themselves
    5. Democratic rules
    6. Free election and full participation of the different political parties

 
To implement the strategy of liberation, the Iraqi resistance is attacking occupying forces and their institutions and those who serve them with food, oil and other supplies. On the other hand, the Iraqi resistance is preventing the occupiers from using Oil as a political means.

Schools, churches, mosques and other civilian places have never been the target of the Iraqi resistance. Besides, we have to be very critical and careful about any kidnapping or killing process of a foreigner-worker in Iraq. The resistance has no benefit in attacking people like Margaret Hassan, two Simona?s or others. These actions are meant to discredit the legal resistance of our people.

See also
 



Leggi tutto... (4396 byte rimanenti) Stampa la notizia: Lettera aperta dell'Iraqi Patriotic Alliance
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 02 Dicembre 2004 - 14:19



Leggi tutto... (4931 byte rimanenti) Stampa la notizia: Abu Ghraib: denunciati nuovi abusi
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 23 Novembre 2004 - 19:41



Diretta dalla Conferenza per l'Iraq



      



 



I testi non sono pervenuti.



Stampa la notizia: DIRETTA DALLA CONFERENZA PER L'IRAQ
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 22 Novembre 2004 - 12:48

Grand Hotel per l'Iraq


Grand Hotel Jolie VilleTutto pronto a Sharm el Sheik per la conferenza irachena. Gli studenti egiziani hanno anche iniziato a protestare, perch? l'unica cosa certa di questo vertice ? che si tratta della ennesima "sola". L'unica mossa positiva sembra venire dal cd Club di Parigi, i cui membri hanno deliberato di ridurre il debito iracheno dell'ottanta per cento. Si tratta ovviamente di un modo per ammansire Bush, l'uomo dal talento inverso a quello di Mida. Nonostante l'impegno della repubblica araba d'Egitto, che ha proposto un documento nel quale l'Onu riprenderebbe il ruolo centrale nelle sorti dell'Iraq l'aria che tira ? e rimane irrespirabile per il sapore filo usanazionalsionista.
Grand Hotel Jolie Ville di Mosul - IraqSi sa fin d'ora che la conferenza avr? soprattutto il ruolo di legittimare i poteri del governo Allawi, ormai sempre meno provvisorio, nonostante la dichiarazione della data delle fantomatiche, quanto insanguinate, elezioni: 30 gennaio 2005.
Fra morti sparati in strada, case e intere famiglie distrutte nei bombardamenti, con le fasce deboli della popolazione gettate nella malnutrizione generale e nella cattivit? di un ambiente radioattivo, si tratter? di passare da un dittatore decaduto ad uno issato su al posto di comando con la forza delle armi. Tutto qui. Non sono certo le chiacchiere dei potenti a lavare le strade di Falluja e quelle di Mosul dal sangue iracheno. Anzi, uno degli argomenti sar? proprio quello di un indurimento dei controlli sui confini, onde non consentire il passaggio al cd "terrorismo", nuovo conio lessicale per descrivere la Resistenza. Il terrorismo ? come la mafia e il cucchiaio di Matrix: non esiste. O meglio esiste come nel caso della azienda Al Qaeda, specializzata in spettacolarizzazioni, marketing e immagine. La gente ci lascia la pelle, ma si tratta di casualities, in fondo... cosa non si farebbe per denaro? L.M.

Segue rassegna ...



Leggi tutto... (42478 byte rimanenti) Stampa la notizia: CONFERENZA IRAQ
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 21 Novembre 2004 - 12:34

Sabato 20 novembre, 2004

Terrore per coloro che pregano...

Fonte: ICH
Dahr Jamail
Information Clearing House


19/11/04 "ICH" -- Abu Talat mi chiama, frenetico. Sento l'assordante boato di centinaia di persone che in uno spazio confinato che proclamano "Allahu Akbar" (Dio e' il piu' grande) dietro la sua voce in panico. "Dhar, Sono tenuto sotto tiro da soldari americani all'interno della moschea Abu Hanifah" - balbetta - " Tutti stanno pregando a Dio, perche' gli americani compiono raid nella nostra moschea durante la preghiera del venerdi'!". Abu Talat compie telefonate brevi per informarmi sulle atrocita'. Dopo poche frasi di informazione attacca la cornetta, poiche' e' intrappolato dentro la moschea e al contempo cerca di informarmi su che cosa sta accadendo. Essendo venerdi', giorno di preghiera e riposo per i musulmani, questo dovrebbe essere un giorno non-lavorativo.

Moschea a Falluja, foto reuters del 19 nov.Ho appena finito di battere le ultime righe, prima di ricevere un'altra telefonata di Abu Talal. "I soldati hanno sparato e ucciso almeno quattro persone che stavano pregando, e vi sono almeno venti feriti adesso! Non riesco a crederci! Non posso farmi vedere mentre ti chiamo. Sono sdraiato a terra adesso e hanno le loro armi puntate su di noi, vi sono almeno 1500 persone all'interno della moschea che e' stata sigillata. Siamo sul pavimento e in una brutta situazione."
"Vi sono diversi mezzi Humvees e veicoli della Guardia Nazionale Irachena (ING) e circa cinquanta soldati e cinquanta ING hanno sigillato la moschea con l'intenzione di detenere l'Imam, Sheikh Muayid al-Adhami." - disse.
Abu Talat richiama: " Stavamo pregando e adesso vi sono piu' di conquanta soldati con le armi puntate su di noi. Ci forzano a tenere il capo a terra e la gente e' in panico.
Questa e' la peggior situazione possibile. Non riescono a vedermi mentre ti parlo. Stanno maltrattando un uomo cieco adesso."

I soldati eventualmente hanno rilasciato donne e bambini e uomini che erano loro familiari. Abu Talat venne rilasciato solamente perche' un ragazzo lo ha approcciato suggerendogli di far finta di essere suo padre.

Poco dopo mi ha richiamato dal telefono di casa sua. "Dhar, non riesco a credere a cio' che e' accaduto", fermandosi per riprendere fiato, "Torno indietro per vedere che cosa sta accadendo". Gli dissi di no andare, ma insisteva. "Questa e' la mia moschea e la mia gente. Devo andare a vedere che cosa sta succedendo loro".

Sono le 14.15 e la mosche ae' ancora sigillata. Iniziamo a intervistare la gente e lui descrive le scene per mezzo del cellulare.

" La gente stava pregando e fli americani hanno invaso la moschea" ha dichiarato Abdullah Ra'ad Aziz, che e' stato rilasciato insieme alla moglie e ai bambini.
" Perche' uccidono la gente solo perche' prega? Dopo che le truppe sono entrate dalla porta del retro abbia udito cosi' tanti soari. Vi erano morti e feriti, li ho visto io stesso."

Alcuni dei fedeli che erano in moschea sono stati ordinati dagli americani di trasportare fuori dalla moschea i cadaveri.

"Una della Guardie Nazionali Irachene ha puntato la sua arma contro la gente, gridando: " Se non state zitti vi ammazzo! " - ha dichiarato Rana Aziz, una madre che e' stata intrappolata nella moschea. E' riuscita ad uscire, ma non il fratello. Continua dicendo che qualcuno ha chiesto ai soldati se si dovevano considerare ostaggi, e il soldato ha risposto: "Shut the ***** up" .
Rana inprovvisamente sorride con un'amara ironia, tra le lascrime dicendo: " Gli americani hanno imparato a dire "stai zitto" in arabo, "Inchev". "

Hammad Mohammed, un ragazzo di vent'anni disse: " La bara di mio zio era stata portata all'interno della moschea cosi' che la gente potesse pregare per lui, quando gli americano hanno compiuto un raid nella moschea, dirigendosi verso la stanza dell'Imam. Poi si recarono alla porta sul retro e udimmo molti spari di un'arma piu' grande di un Lakashnikov. Vi erano morti e feriti, gli ho visti io stesso. Ho visto quattro morti e nove feriti".

Abu Talat poi interrompe le interviste e mi dice: " I dottori e i volontari sono qui fuori, ma gli americani non li lasciano entrare. Non possono fare nulla, e gli americani non li lasciano antreare mentre vi sono feriti dentro la moschea. "

Cosi' come in Fallujah, i soldati americani hano negato l'ingresso alle ambulanze della Mezza Luna Rossa irachena e del team dei medici. Quando i dottori iniziarono a negoziare con i soldati statunitensi fuori dalla moschea, si sono uditi altri spari provenienti dall'interno.

Almeno trenta uomini furono condotti fuori incappucciati e con le mani legate dietro la testa. I soldati gli hanno fatti salire su un veicolo militare e portati via alle 15.15.

Un medico della Mezza Luna Rossa ha confermato quattro morti e nove feriti tra i fedeli in preghiera. Parti di cervello erano sparsi sui muri della moschea e larghe macchie di sangue coprivano i tappeti in diversi posti.

Piu' tardi Abu Talat mi ha visitato qui in hotel. E' distrutto, piange mentre ricorda cio' che e' accaduto. Dopo aver ascoltato la cassetta che ha registrato all'interno della moschea durante le atrocita', disse... " Sono molto triste. Non veddo ne' liberta', ne' democrazia. Se questo e' quello che puo' portare alla liberta', e' una liberta' col sangue. E' una liberta' di emozioni e tristezza.
E' una liberta' di uccisioni. Non si puo' ottenere la democrazia attraverso il sangue o l'uccisione. Non si raggiunge la liberta' in questo modo. La gente si reca a pregare a Dio ed e' uccisa e ferita.
Vi erano 1500 persone che pregavano a Dio durante il giorno dacro del venerdi'. Ed essi sono stati feriti e uccisi. Vi erano cosi' tante donne e bambini stesi per terra.
Questa non e' democrazia, ne' liberta'."

Dopo diverse settimane di calma relativa in Adhamiya, la detenzione dell'Imam della moschea Abu Hanifah e l'uccisione dei fedeli dentro la moschea, portera' solamente vendetta in quest'area gia' conosciuta come la Fallujah di Baghdad.

Articolo segnalato da Samiha
http://it.groups.yahoo.com/group/Islam_Italia



Stampa la notizia: Terrore per coloro che pregano ...
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 18 Novembre 2004 - 21:40

Falluja resisti

     
di Abdel Bari 'Atwan
tratto da: al-Quds al-Arabi, 10.11.04

Mentre le telecamere di Aljazeera vengono tenute fuori da Falluja, per il terzo mese consecutivo, dentro si consuma l'ennesima tragedia targata Usa. Il mondo tace, rassicurato dai "liberatori" che parlano di 1200 combattenti morti, mentre gli ospedali si affollano e le strade di Falluja diventano tappeti di cadaveri. Oramai non resta che una citt? fantasma...

L?esercito americano, rinforzato da carriarmati, aerei ed artiglieria pesante prosegue l?attacco contro Falluja, in mezzo ad un totale oscuramento mediatico e ad un sospetto silenzio degli arabi e del mondo intero. Gli abitanti di Falluja chiedono alla comunit? internazionale di fermare i missili e le bombe che stanno distruggendo la loro citt? e uccidendo i loro bambini. Ma non c?? anima che li aiuti.

Le truppe statunitensi riusciranno, senza ombra di dubbio, a recuperare Falluja e a riportarla sotto l?autorit? dell?esercito d?occupazione. Ma ci? non rappresenta una vittoria sulla resistenza irachena e sulla guerra che quest?ultima combatte per liberare il proprio paese.

La domanda che bisogna porsi non ? se l?esercito Usa riuscir? o meno ad entrare in citt?, ma quanto sar? difficile questa operazione e a quanto ammonteranno le perdite degli abitanti di Falluja, in primo luogo, e poi dell?esercito Usa aggressore.

I difensori di Falluja cercheranno, con tutte le armi leggere a loro disposizione, di ritardare l?avanzata Usa per il maggior tempo possibile e di combattere strada per strada. Ma ci? non vuol dire che la citt? si inginocchier? ai piedi di Iyyad Allawi, del suo governo e delle forze d?occupazione che lo sostengono. Cos? come l?arresto del presidente iracheno Saddam Hussein non ha fermato la resistenza irachena, come vagheggiavano gli americani, allo stesso modo l?occupazione di Falluja non diminuir? gli attacchi contro le forze Usa, la polizia e la Guardia Nazionale che con essa collabora. Anzi forse ad accadere sar? proprio il contrario. Gli uomini della resistenza sanno bene che con questo attacco si vuole mettere fine alla loro resistenza. Perci? ? da escludere che resteranno ad aspettare l?esercito Usa perch? li arresti o li uccida. Probabilmente si sono divisi i ruoli: alcuni sono rimasti nel cuore della citt? per difenderla, altri sono andati all?esterno per attaccare o per ritornare in citt? ad attacco compiuto, proprio come ? gi? successo a Baghdad, Samara e a Ramadi.

Una regola ferrea, rispettata dal mondo intero, consiste nel rifiuto dei popoli dell?occupazione straniera e dei governi collaborazionisti. Gli iracheni non possono rappresentare un?eccezione a questa regola e lo dimostra la resistenza che aumenta in un tempo record che neanche il pi? ottimista si sarebbe mai aspettato.

La resistenza in Iraq non ? circoscritta ai volontari stranieri come afferma Allawi e come ripetono gli americani. Si tratta di una resistenza chiaramente irachena, i suoi uomini chiave sono figli di questa terra. Se esistono mujahidin arabi che combattono l?occupazione Usa, questi rappresentano una percentuale risibile e godono comunque della guida e della protezione degli iracheni. I mujahidin arabi in Iraq non sono n? terroristi n? stranieri: fanno parte di quegli arabi che ritengono loro dovere vincere per i loro fratelli e partecipare al loro jihad per liberare la propria terra dall?occupazione. Terroristi sono coloro che giungono dall?altro capo del mondo per occupare una terra che non ? loro uccidendone decine di migliaia di abitanti in una guerra illegale che si fonda sulla menzogna.

La peggiore motivazione addotta a giustificazione della strage in corso a Falluja ? che i bombardamenti e la distruzione della citt? renderanno possibili le elezioni. Ma che elezioni sono queste che si svolgeranno sui cadaveri di donne e bambini e sulle macerie di una citt? fiera del suo carattere arabo e islamico?

Gli abitanti di Falluja boicotteranno le elezioni. Se qualcuno titubava, ora spinger? per il boicottaggio dopo aver visto la sua citt? tramutata in un cumulo di macerie.

Gli americani non sanno imparare dalle occupazioni passate e cos? Iyyad Allawi, che fornisce loro le giustificazioni e la copertura necessarie a che proseguano le stragi contro i suoi concittadini. La lezione pi? importante che dovrebbero fare propria ? che i movimenti di resistenza hanno sempre trionfato e gli eserciti occupanti si sono sempre ritirati sconfitti. E con essi i governi collaborazionisti.

tratto da http://www.aljazira.it/ 
tradotto da: M.H.

Articolo segnalato da Samiha
http://it.groups.yahoo.com/group/Islam_Italia



Stampa la notizia: Falluja resisti - articolo segnalato da Samiha
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 15 Novembre 2004 - 20:37

His Excellency
Mr. Kofi Annan
The Secretary General of the United Nations
New York

Iraq-Fallujah 10-November-2004

Excellency

The people of Fallujah, who are living under tremendous dangerous situation, would like first of all to appreciate your appeal to solve the situation in their city in peaceful means. It is unfortunate that those who became interesting in the killing of civilians and demolishing their houses are not listening to such kind of appeal, they prefer to continue their crimes since there is no punishment and the whole world is silent.
On the 7th of November-2004, and after weeks of heavy bombardments in all kind of destructive weapons, the American forces with participation and (approval) of their puppet government of Ayad Allawi started a wide-scale offensive against the innocents? people of Fallujah.
It is very clear to every Iraqi that Allawi, is just lying when he said that his act came in response to a demand by the people of Fallujah? This totally not true but he is trying to sell this pretext abroad.  It is the same way of his leaders in Washington when they used falls pretexts to destroy the country, but he forget to add that also to find WMD.

Fallujah, was the only city in Iraq that didn?t witness acts of looting, or terrorist attack simply because no American solder were allowed to enter the city, and that it is why no one of the terrorist organization can operate inside the city. No one from its citizen participate in any terrorist attack, which targeted the civilians. It is well known now, that some members of the government and ex member of so-called Governing Council were behind this kind of attack with the cooperation and coordination of the American forces as what happened to the UN headquarter and Najaf.

Excellency,

Although thousand of its inhabitants have left the city there are almost hundred thousands civilian chose to stay in, they are living in a dangerous situation. The casualties among them are increasing so rapidly especially because the American and the governmental forces preventing any kind of medical treatment..

As you may aware from the news reports and from the American forces spokesman himself, the first target in this fresh offensive (o7-Novembar) was the destruction and looting of the main and the only hospital in the city, even though it is the official hospital belonging to the Ministry of Health. They killed many of its medical staff as well as many patients, arrest the others, looting their personnel things, and preventing them from conducting their human job. They prevent any ambulance to leave the hospital in order not to rescue any injured person.
Moreover, They forced all the medical staff to leave the city to insure the prevention of any medical care inside the city.
On the 8th of November, they destroyed a small medical unit used by local doctors for the minimum care to the severe cases of the injured civilians.
Prior to these two criminal acts, the American forces destroyed a new established hospital, which built by International humanitarian aid. Their explanation is not surprising to any body (the dual use)? The American said that there was equipment may be used against their warplane.

On the 8t, 9th and 10th of November, the result of the sever bombardment of the American forces were the burning of a whole residential areas of the city leaving its residents with no means for minimum needs of life.  They attack in all direction without any care to the civilians and neglecting any level of proportional manner by using all kind of bombs against the people who defending their homes and their families with their very simple weapon.

As usual the American are using their pretext (war against terrorist), and saying that they do their best to minimize the civilian causalities. Actually the offensive is purely against the civilians, since there is no military positions, no army personnel. It is a collective punishment to the people of Fallujah. The only reason for all that is their resistance to the American occupation.
So from now on, any group exercise their legitimate right according to the Charter and International law, will be regarded as a terrorist? That is a new Charter, a new international law created by Bush, Blair and Allawi. All the efforts of the humanity during the past 50 years in this field should be discarded.

Excellency,

What happening now in Fallujah, by the American administration and their puppet government of Ayad Allawi, are Crimes against humanity, Genocide, and a continuation of a clear violation of Human Rights Convention, the Hague convention and the UN Charter. In this regard, we appeal to you and to the members of the Security Council not to wait to the end of this tragedy. Since they  in charge of peace and security to all human been, regardless of who is violating the peace and security, members of Security Council should raise their voices now against these crimes. They should act in a speed manner to convene an urgent session to the Security Council to discuss the situation resulted from the American attacks on Fallujah, so as to take the following measures:

1.  Demand the American administration to withdraw its forces far from the city, and
2.  Allowed all humanitarian needs and medical supply to enter the city.
3. Announce their clear condemnations, individually if it became imposable through a Security Council resolution, to the crimes committed now in Fallujah by the American Administration and their puppet government of Ayad Allawi,
4. Hold the American administration and their puppet government of Ayad Allawi responsible for all the series of crimes committed by them in Fallujah and the responsibility for all damages inflicted by them to the individual and public properties and the responsibility of adequate reparation.

Regards

For  the people of Fallujah.

The Local Council of Fallujah   
The Civil Society Organizations    
Centre Studies of Human Rights and Democracy     
Fallujah Bar Association



Leggi tutto... (6345 byte rimanenti) Stampa la notizia: Lettera della Societ? civile irachena a Kofi Annan
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 09 Novembre 2004 - 10:18



notte a Falluja

la notte di Falluja







segue ...



Leggi tutto... (12160 byte rimanenti) Stampa la notizia: Notte a Falluja
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 29 Ottobre 2004 - 11:52

100.000 CIVILI IRACHENI UCCISI NEL CONFLITTO

Questa mattina tutti i siti di controinformazione intitolano ai 100.000 morti presunti fra i civili nel conflitto iracheno. Lo facciamo anche Noi, in attesa della marcia del 30 ottobre e mentre i potenti europei firmano la carta costituzionale, che non convince affatto il popolo della pace. Patricia Reaney, giornalista della Reuters britannica, raccoglie per prima le dichiarazioni Les Roberts della Johns Hopkins Bloomberg School con le quali reca la ferale notizia: 100.000 persone, in larga parte donne, vecchi e bambini sono stati vittime della furia omicida e inquinante dell'ultimo conflitto. Quando? Ma sotto i bombardamenti, naturalmente. Ricordate quando parlavamo delle bombe all'uranio impoverito lanciate sul Kossovo? Bene, quelle lanciate in Afganistan e in Iraq erano di gran lunga superiori ed i loro effetti sono in tutto simili a quelli del "gran sole di Hiroshima". Solo, agiscono con un raggio circoscritto territorialmente. Le persone scompaiono in un tripudio di fiamme e vapori, come se fossero state colpite da una nube piroplastica vulcanica, lasciando di se solo poca polvere. Quante intere famiglie sono scomparse, comprese quelle trucidate nelle stragi "matrimoniali"? La sete di potere non ha limiti e non ha piet? e colpisce inclemente. L'articolo da anche il conto, aggiornato a ieri, dei caduti militari: 849 in combattimento, 258 uccisi in attentati. Oggi, mentre gli elicotteri sorvolano il tetto di casa mia per invigilare alla sicurezza dei potenti regalandomi un feroce mal di testa, mi interrogo sui fragili equilibri economici che uniscono questa nostra Europa priva di valori.

Segue l'articolo della Reuters e i commenti di Answer, che chiama nuovamente per il 20 gennaio prossimo ad una marcia mondiale il popolo della Pace.



Leggi tutto... (11910 byte rimanenti) Stampa la notizia: 100.000 iracheni civili morti in guerra
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 03 Ottobre 2004 - 08:42

In Iraq non accade solo che un delinquente armato fino ai denti attiri una creatura innocente vicino ad uno strumento di morte ...


IRAQ ... MOMENTI D'INFANZIA




2 ottobre Qurna - Basra. Il bambino nella foto ha 11 anni.




E non ? solo ....




Bambini in posa su richiesta del "turista" armato fino ai denti...





Le scuole ormai semi deserte ...



Stampa la notizia: IRAQ: MOMENTI D'INFANZIA ...
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 28 Settembre 2004 - 11:06




















Gif di Pino De Lucia

E' un interessante interrogativo quello che ci suggerisce Pino questa mattina... Fra servizi segreti, bande armate, autobombe e bombardamenti usa le condizioni della popolazione civile irachena sono e restano gravissime. Ancor prima del ritiro delle truppe la comunit? Europea dovrebbe chiedere il cessate il fuoco, perch? le bombe saranno anche intelligenti ma ? ormai chiaro di quanto non lo siano coloro, che le sganciano dagli aerei...



Stampa la notizia: Iraq: Abbandonati a se stessi?
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 26 Settembre 2004 - 13:03

Simona e Simona stanno bene e con loro Ra'ad e Mahnaz.

** Sono attendibili le fonti del Q8 ?

Simona Pari, Simona Torretta, Ra'ad e Mahnaz, stanno bene. Lo dice oggi il quotidiano Al-Ray Al-Aam, dopo aver aperto ieri un primo spiraglio di luce sulla sorte dei nostri amici sequestrati in Iraq. Certo sono provati e sembra che Ra'ad e Mahnaz siano trattenuti anche come interpreti. Il quotidiano prosegue con la spiegazione dei contenuti "morali" del rapimento, sembrerebbe infatti che essi "non desiderino far pagare alle italiane qualcosa di cui non hanno alcun rapporto, ma che il rapimento ? un atto della "guerra santa" per liberare l'Iraq dagli oppressori. Molto onorevole, almeno fin qui.

Sempre secondo le fonti del giornale q8tiano non serviranno gli interventi delle autorit? religiose: "anche se i rapitori rispettano e stimano gli uomini della religione islamica, le mediazioni saranno respinte, a meno che il governo di Silvio Berlusconi non rispetti la richiesta di ritiro totale delle forze italiane dal territorio iracheno", cita l'articolo. Nulla da eccepire perch? formalmente ? la sostanza del ricatto sul sequestro, ma trovo preoccupante la contestuale dichiarazione di "stima e indipendenza" dalle autorit? religiose. Alta diplomazia?

Saranno attendibili queste fonti? Certa ? la negazione della loro identit? da parte del quotidiano, che non divulgher? i nomi perch? in questo momento ?non c'? interesse a farlo?. In questo modo la testata assume l'onere morale della "assistenza al ricatto". Che sul metr? di Baghdad qualcuno abbia lanciato una nuova offerta?

E qui scusatemi, io sono stata da sempre contro la guerra in Iraq e fin dall'inizio contraria alla partecipazione italiana, ma che questi giornalisti del Kuwait commercino con la vita dei nostri amici non mi piace. Mi si accendono tutte le antennine e lo ritengo un atto indegno proprio perch?, fin dall'inizio, nel sequestro si intuisce la matrice filo sion/usa e non islamica dell'atto. Tanto pi? che lo stesso direttore si pronuncia con un fifty-fifty sull'esistenza in vita delle nostre compagne. Altra cosa che non mi piace di intuire, da cittadina italiana schiacciata come sono dalla volont? usa, ? essere anche pilotata dai "rubinetti" dell'oro nero. L'informatore ? buono, dice in un intervista a Corsera il direttore della testata, loro hanno gi? ottenuto informazioni utili in precedenza, ma stiamo sempre a forse che si, forse che no.

?Dove sta la "fabbricheetta" dei camici arancioni, indossati dai condannati al taglio della testa??, vorrei domandare ai miei colleghi q8tiani ...

Anche qui si deve distinguere fra buoni e cattivi, perch? la letteratura medievale pullula di decapitazioni e di esposizioni pubbliche delle teste. Innegabile che anche la resistenza irachena abbia eseguito tale tipo di esecuzione, anche se  il mondo dovrebbe aver superato questa orribile fase da almeno mille anni. Si tratta di una logica conseguenza alle dichiarazioni "massonico filo crociate*" di Bush, nei mesi scorsi. Che che ne dica quella strana razza di giornalista che ? Ferrara, uomo di stazza tale da nascondere due persone dietro di se, e per il quale ? assolutamente applicabile la regola mediatica del "ti mostro la testa del decapitato cos? ti spaventi e dimentichi le centinaia di persone morte nei bombardamenti in Iraq".

Cio nonostante ? pure vero che esiste in rete tutta una sorta di "pubblicistica" inneggiante alle grandi sciabole insanguinate. Secondo me una soluzione possibilistica ? che il gruppo armato, che ha rapito i nostri amici, sia organizzato e al comando us army e/o da loro delegato, nel caso in cui non lo fosse, si tratterebbe di una banda indipendente e organizzata di ex membri dell'esercito di Saddam, che non trova come vendere il "bottino" e tenta con gli Emirati.

Loredana Morandi
fonti: W.W.W. - Agenzie e Quotidiani

*non un solo presidente degli Stati Uniti ? stato eletto senza aver prima militato nelle organizzazioni para e/o massoniche statunitensi (Grande Oriente, Gran Loggia, Rito Scozzese o De Molay, gruppo giovanile nel quale ha militato Clinton)
**si lo so ho corretto la svista, i concetti non sono cambiati, mi dichiaro in buona fede !!



Stampa la notizia: LE NUOVE FONTI ...
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 25 Settembre 2004 - 04:27

Lo ha detto il ministro della difesa Donald Rumsfeld
Ritiro delle truppe Usa prima della pacificazione

?L'inizio del disimpegno in Iraq potrebbe avvenire anche prima della pacificazione del paese?

ECCO COSA DICE IL VILE !!!

Donald Rumsfeld (Reuters)
WASHINGTON - Il ministro della Difesa statunitense, Donald Rumsfeld, non ha escluso un ritiro delle truppe americane dall'Iraq anche prima della pacificazione del Paese. Lo ha detto al termine di un incontro al Pentagono con il premier iracheno Iyad Allawi che ieri era stato ricevuto alla Casa Bianca dal presidente George W. Bush. ?Qualsiasi ipotesi che quel Paese debba essere pacificato e perfetto prima che si possa procedere a una riduzione delle forze della coalizione e statunitensi sarebbe ovviamente, io credo, poco saggia perch? quel Paese non ? mai stato pacificato e perfetto ed ? improbabile che lo sia?, ha detto il capo del Pentagono.
Le dichiarazioni di Rumsfeld arrivano il giorno dopo che il segretario alla Difesa ha ipotizzato lo svolgimento, nel gennaio 2005, di elezioni irachene parziali, cio? solo nelle aree del Paese sotto controllo delle forze di sicurezza irachene e della coalizione, e l'invio di rinforzi americani per garantire la sicurezza del voto. Da Corriere Sera.


Stampa la notizia: VILE !!!
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 23 Settembre 2004 - 12:21

Update: Solo un commento. Non decade affatto l'ipotesi dell'attacco mediattivista provocatorio. Firma il secondo scritto un gruppo denominato i seguaci di Al Zawahri. Il medesimo gruppo, che ha in mano l'ultimo ostaggio inglese, aveva affermato di non aver "acquistato" le due prigioniere italiane e/o i loro colleghi iracheni.

   Sit-in davanti a Palazzo Chigi alle 20

Update 2: Si prepara un presidio a Palazzo Chigi per le 20 di oggi. Rendo pubblica testimonianza che assolutamente nulla ? passato sulle liste di movimento (nessuna lista da Bastaguerra a Peacelink). Andreina Albano e Nella Ginatempo con la loro superbia hanno colpito ancora...

Update 3: riporto un articolo de L'Unit? per completezza sulle rivendicazioni odierne, leggi a seguire ...

Update 4: Vedi dopo l'articolo sull' Allah Akhbar del web (un archivio di link) un commento personale. 

SECONDA RIVENDICAZIONE



Da l'Unit?. A meno di 24 ore dal primo annuncio ? arrivata una seconda rivendicazione dell'uccisione delle due Simone. Un messaggio agghiacciante: i rapitori annunciano di avere un video. La firma stavolta ? di Ansar Al Zawahri. Palazzo Chigi esattamente come aveva fatto nella notte ha invitato alla cautela. Casini: "Per il governo anche questo secondo messaggio ? inattendibile". Il primo annuncio era arrivato poco dopo la mezzanotte, apparso su un forum . Il messaggio era firmato dall? "Organizzazione Jihad": le due pacifiste volontarie italiane ?sono state uccise perch? il governo italiano non ha accolto la richiesta di ritirare le truppe dall'Iraq?. Un ponte per in un comunicato sul loro sito sosteneva di avere molti dubbi sulla sua veridicit?. Leggi tutto su L'Unit?.

   Subito sui balconi le bandiere della pace

Ringrazio i compagni, che hanno promosso l'iniziativa di libera "sottoscrizione" per esprimere tutti congiuntamente la solidariet? ai compagni e alle compagne di Un Ponte per....  Segue ...



Leggi tutto... (20531 byte rimanenti) Stampa la notizia: LA NUOVA RIVENDICAZIONE ...
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 21 Settembre 2004 - 19:29

Perch? in questi momenti possa sentirsi ancora la voce di Dino Frisullo, che ? sempre qui con noi, per dirci che cercare la pace richiede pi? coraggio, pi? intelligenza e pi? sensibilit? che scatenare gli orrori di una qualsiasi guerra.
Edvino Ugolini

20 MARZO


Livide d'improvviso le luci di montagna.
Ferma e dolente la luce delle stelle.
Ammutoliti i richiami degli uccelli.
Alle quattro del mattino
la luna piena chiede silenzio al mondo.

Poggia l'orecchio al suolo e ascolta
Le prime bombe su Baghdad
vibrano dalla terra nelle viscere.

Dopo ogni scoppio la lunga eco
? un milione di cuori di madri all'unisono
? il loro respiro affannoso
che l'Eufrate porta al mare come un grido.

Dorme Khawla la principessina
sulla corona di plastica preme un cuscino sua madre
si chiede se dovr? premere pi? forte
quando giunger? l'onda d'urto della bomba.

Dopo gli scoppi il tuono immenso
non ? il Mar Rosso che s'innalza
a spezzare le portaerei una ad una,
non ? il deserto che si leva
a spazzare i blindati con fiato rovente di sabbia:
? il fragore di milioni di ruote
carri carretti motocicli in fuga
kurdi arabi povera gente stracci
danni collaterali.

Nelle basi sibilano i video.
Sono limitati i computer dei signori della guerra.
Non registrano il respiro il palpito il pianto.
Non avvertono il terrore e l'ira del mondo.
Non sentiranno aprirsi le acque del Mar Rosso.

Dino Frisullo



Stampa la notizia: 20 marzo - le parole di Dino Frisullo
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 19 Settembre 2004 - 17:50



INTERVISTA ALLA RESISTENZA IRACHENA

Oggi il quotidiano la Stampa ha pubblicato un eccezionale documento: l'intervista esclusiva ad Abu Moussa, leader della resistenza irachena. Ho avuto modo di leggere l'articolo in treno, di ritorno da Bologna. Per chi invece non lo avesse letto riporto l'intero articolo ... Lu'



Leggi tutto... (17118 byte rimanenti) Stampa la notizia: INTERVISTA ALLA RESISTENZA IRACHENA
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 17 Settembre 2004 - 23:30

Scusate ... per una volta non sono d'accordo...

Foto: cratere dopo il bombardamento usa di oggi 17 sett. a Falluja (sotto una foto di ieri nel medesimo luogo...)

RIPRENDE IL PROGRAMMA DI RIMPATRIO VOLONTARIO UNHCR PER I RIFUGIATI IRACHENI IN IRAN

Con la partenza dal campo di Ansar in Iran di 251 rifugiati iracheni, la mattina di marted? scorso, ? ripreso il programma di rimpatrio volontario dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) per gli iracheni rifugiati in Iran. Il gruppo ? poi giunto a Basra, nell'Iraq meridionale, la sera dello stesso giorno. Si ? trattato del primo convoglio UNHCR dopo oltre un mese, in seguito al blocco di tutte le operazioni di rimpatrio dello scorso 12 agosto, su richiesta delle autorit? irachene per motivi di sicurezza.

Sempre questa settimana, l'UNHCR ha potuto organizzare il primo convoglio di rimpatrio per i rifugiati iracheni in Iran che non risiedevano in campi, e che da mesi avevano chiesto assistenza per far ritorno nel proprio paese. Mercoled? scorso, 276 rifugiati hanno viaggiato a bordo di 9 autobus dalla citt? dell'Iran sud-occidentale di Ahwaz diretti a Basra. Se le condizioni di sicurezza in Iraq lo consentiranno, altri convogli di cosiddetti 'rifugiati urbani' partiranno da Ahwaz con cadenza settimanale.

L'UNHCR in questo momento non incoraggia gli iracheni all'estero a rimpatriare, poich? l'Iraq non ? ancora pronto ad assorbire un gran numero di rimpatri. L'agenzia ONU per i rifugiati fornisce comunque assistenza ai rifugiati nei paesi confinanti che, nonostante la difficile situazione nel paese, insistono nel voler tornare in Iraq.

Dallo scorso anno, circa 14mila iracheni hanno fatto ritorno nel proprio paese con l'assistenza dell'UNHCR da Iran (9mila rimpatri), Arabia Saudita e Libano. L'UNHCR sta collaborando strettamente con le autorit? irachene per facilitare la reintegrazione dei rimpatriati, realizzando programmi per la costruzione di alloggi, per la fornitura d'acqua e per la promozione di attivit? economiche (income generating initiatives), in collaborazione con agenzie partner. Ginevra, 17 settembre 2004


Segue l'aggiornamento su Burundi e Angola ...



Leggi tutto... (8038 byte rimanenti) Stampa la notizia: RIPRENDE IL PROGRAMMA DI RIMPATRIO VOLONTARIO UNHCR PER I RIFUGIATI IRACHENI IN IRAN
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 12 Settembre 2004 - 20:27

IRAQ: APPELLI, ULTIMATUM, GUERRIGLIA e MARKETING



Dopo le rivendicazione e l'ultimatum del sedicente gruppo Ansar al-Zawahri (sostenitori di braccio destro di Ben Laden in Iraq) tramite il forum del sito Islamic Minbar il cui moderatore tunisino si ? completamente dissociato in un intervista a L'Unit? (non riesco ad aprire il sito e non mi spiego perch?..), oggi nuove rivendicazioni e minacce sulla sorte delle due compagne Simona Pari e Simona Torretta provengono dalla sedicente quanto sconosciuta Organizzazione per la Jihad Islamica in Iraq.
Le ultime minacce sono state pubblicate dal sito
http://www.yaislah.org/ che, neppure i nostri quotidiani ci avvisano, ? una espressione dei media. Ovvero si tratta di una radio, che per la verit? ha un forum interessantissimo animato da blogger di lingua araba. In particolar modo vi segnalo come istruttivo il forum palestina (che ha circa 300 mila letture) e l'album fotografico che contiene tutto il dolore del medioriente.
Per tutte queste ragioni purtroppo ancora non ? possibile individuare una rivendicazione vera al sequestro dei quattro compagni, prelevati dalla sede di Un Ponte Per a Baghdad. Questa ? anche la posizione della NGO, che ? molto cauta nella valutazione di tutte le piste. Il forum nazionale Fermiamo La Guerra, impegnato nella due giorni romana, ha indetto una intera settimana di mobilitazione ed una piattaforma politica di estrema chiarezza: "LIBERATE LA PACE! Libert? per tutti gli ostaggi. Libert? per la popolazione irachena. Ritiro delle Truppe e Cessate il fuoco."
Scontro di civilt?: no, ancora no. L'intera popolazione islamica italiana ? scesa in piazza insieme al movimento. Guerriglia marketing, si, forse si. Perch? potrebbe tranquillamente trattarsi della lunga mano del marketing commerciale della rete, quel medesimo interesse economico, che oggi induce la GoDaddy.com a registrare il dominio
www.islamicarmyiniraq.com, la sigla del gruppo di militanti che ci ha strappato Enzo Baldoni, per ottenere da ci? un numero iperbolico di ingressi dall'intero pianeta. Ma tanto a questi commercianti americani della sorte delle nostre amiche italiane sequestrate in Iraq, della morte di un giornalista, che era in Iraq per dare la propria voce per il popolo iracheno o delle condizioni dei giornalisti francesi non interessa assolutamente nulla. Sono i figli del dio denaro, il volgare soldo sonante. A loro poco importa se l'infanzia di un bimbo, come quello che appare nella foto, trascorre fra le macerie e le carcasse di una guerra che non gli appartiene.
Abu Musab al Zarqawi minaccia ancora via internet il premier Allawi (uno degli uomini pi? discutibili del pianeta), mentre ? aperta guerriglia nel centro di Baghdad e dove un'autobomba uccide 25 persone e ne ferisce 100 fra i civili iracheni. E' morto anche un giornalista di nazionalit? Palestinese, inviato dalla tv araba Al Arabyia... L.M.

Update. Vi posto a seguire un articolo di D'Avanzo di Repubblica di oggi 13 settembre, di cui non condivido del tutto i contenuti, ma che da un ulteriore quadro di quanto agita il web ..



Leggi tutto... (9094 byte rimanenti) Stampa la notizia: IRAQ APPELLI, ULTIMATUM E GUERRIGLIA MARKETING
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 12 Settembre 2004 - 11:56


Pene lievi ai carcerieri di Abu Ghraib


Proseguono i processi ai "torturatori" del carcere degli orrori. E' il turno di Armin Cruz, del 352esimo battaglione militare dell'intelligence. Il suo ruolo lo portava ad avere rapporti con almeno 3 prigioni in Iraq, compresa Abu Ghraib dove egli si sarebbe macchiato degli orrori. L'uomo, divenuto soldato semplice, ha dichiarato la propria colpevolezza di fronte alla corte marziale di Baghdad nell'aver costretto prigionieri iracheni a strisciare a terra nudi, ammanettandoli l'un l'altro per simulare le pose orgiastiche che abbiamo visto nelle terribili foto dei mesi scorsi. Gli hanno dato "solo" otto mesi. TROPPO POCO. Troppo poco per essere ritenuti una corte marziale anche solo lontanamente onesta. Il primato di quest'uomo ? quello di essere il primo membro dell'intelligence a comparire di fronte alla corte marziale. Ma si tratta di primati "al ribasso", infatti al commilitone "fotografo", il primo fra i processati per gli orrori di Abu Ghraib e per l'eccellente produzione cinematografica, la condanna ? stata ad un solo anno di reclusione e alla radiazione dall'esercito. Questo qui lo hanno soltanto degradato, val forse la pena di perdere un po di denaro per un escamotage giuridico di tale rilevante portata. La condanna di un soldato semplice ? e deve essere, infatti, pi? lieve di quella di un militare graduato.
Per il carcere degli orrori sembra ci siano passati tutti i militari della coalizione ed ? della scorsa settimana la notizia in merito al "secondo" militare danese implicato. L'apparato burocratico corrotto ad ora ha prodotto uomini, che subiranno pene lievi e un carcerato in fasce, il figlio nascituro della ragazzotta violenta, Lindiie. Un innocente condannato alla pena inenarrabile del trauma dell'esistenza in vita con un simile fardello. No, la disonest? di questi processi c'? e si vede. Intanto si moltiplicano gli eventi del terrore, in una esasperante escalation di violenza, sul filo delle "elezioni presidenziali" e non: vittime a Beslan e a Giacarta. Ieri una auto bomba ? esplosa a Gedda, in Arabia Saudita e ancora nel centro di Baghdad. Oggi, mentre scrivo qui, il sito della testata Al Jazeera mostra un banner lampeggiante con la notizia dell'esplosione di un autobomba contro i recinti del super carcere degli orrori: Abu Ghraib. Il perch? lo potete leggere in rosso come titolo di questo pezzo...
Loredana Morandi
 
Rassegna su
Latimes e Al Jazeera

 ACCADE IN ITALIA ...


SCRIVETE CONTRO L'ABUSO COMMERCIALE ALL'INDIRIZZO:

Go Daddy Spam & Abuse Department:
abuse@godaddy.com



Leggi tutto... (5063 byte rimanenti) Stampa la notizia: TROPPO POCO ! Esito dei processi di Abu Ghraib - SCRIVETE A GODADDY
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 08 Settembre 2004 - 19:07



arabic


Appeal for the Liberation of Simona Pari, Simona Torretta, Ra'ad Ali Abdul-Aziz and Mahnaz Bassam from the Italian Peace Movement

in Arabic



LINK TO OPEN

TODAY SIT IN AT 19.00 O'CLOK

P.ZZA VITTORIO EMANUELE 113



Stampa la notizia: Appeal for the Liberation of Pari, Torretta, Abdul-Aziz and Bassam from the Italian Peace Movement
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 08 Settembre 2004 - 16:23






DOPO LE BOMBE INTELLIGENTI:

I SEQUESTRI MIRATI

PER LA LIBERAZIONE DI SIMONA PARI E SIMONA TORRETTA
PER IL RITIRO DEI MILITARI ITALIANI DALL'IRAQ

Il rapimento, a Baghdad, di due volontarie italiane dell'associazione "Un ponte per." conferma, dopo l'uccisione di un giornalista schierato contro la guerra come Baldoni e il rapimento di due reporter provenienti da un paese non belligerante come la Francia, il sospetto sempre pi? fondato che siamo di fronte ad una strategia della tensione in versione irachena, riconducibile agli interessi delle potenze occupanti e al governo iracheno "fantoccio".

Gli ultimi episodi ci ricordano uno scenario latinoamericano con squadroni della morte che conducono una guerra parallela a quella degli eserciti ufficiali, con l'obiettivo di colpire i testimoni, i giornalisti, i volontari non schierati con l'occupazione, con l'obiettivo di indebolire le ragioni della resistenza irachena.

Nell'esprimere tutta la nostra solidariet? ai familiari, agli amici di Simona Torretta e di Simona Pari e all'associazione "Un ponte per." chiediamo al Governo italiano di avviare una concreta trattativa per l'immediata liberazione delle due volontarie.

Chiediamo, con ancora pi? forza, il ritiro immediato dei militari italiani e di tutte le truppe straniere occupanti. Non ? un cedimento al "ricatto terrorista" ma l'unica via da una guerra criminale che espone tutti noi.

Le barbarie a cui stiamo assistendo in Iraq sono "conseguenza" dell'intervento anglo-americano-italiano e non possono diventare la "giustificazione" per restarci.

Aderiamo e invitiamo tutte le lavoratrici e lavoratori alle manifestazioni indetta per oggi in tutta Italia in contemporanea con la riunione del Governo.

VENERDI', SABATO E DOMENICA PROSSIMI CI SARA' IN ITALIA LA VISITA DEL "PRESIDENTE" DEL GOVERNO FANTOCCIO IRACHENO: INVITIAMO TUTTI AD ADERIRE ALLA

MANIFESTAZIONE

PER IL RITIRO DELLE TRUPPE DALL'IRAQ, IL RILASCIO IMMEDIATO DEGLI OSTAGGI ITALIANI E LA FINE DELLA COMPLICITA' CON IL GOVERNO IRACHENO

SABATO 11 SETTEMBRE
ALLE ORE 17.00
P.ZZA DELLA REPUBBLICA -ROMA

seguono articoli e comunicati pervenuti oggi



Leggi tutto... (26332 byte rimanenti) Stampa la notizia: UPDATE OSTAGGI IN IRAQ
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 07 Settembre 2004 - 18:04


Due pacifiste italiane
sono state rapite a Bagdad



PRESIDIO AL PARLAMENTO 
OGGI ORE 19.30 


Le due compagne rapite appartengono all'organizzazione non governativa Intersos, in forza allo staff di "Un Ponte per..." a Bagdad, l'associazione presente nella capitale irachena da molti anni ed impegnata per il trasporto dell'acqua a Falluja ed in progetti culturali per l'infanzia irachena.

Si chiamano Simona Torretta e Simona Pari, rispettivamente di 27 e 29 anni.

Con loro, nella sede dell'organizzazione non governativa, sono stati sequestrati anche due dei membri iracheni, un uomo e una donna, che lavoravano nell'ufficio. Un terzo sembra sia riuscito a sfuggire ai rapitori.

La notizia ? stata Al Jazeera. Il ministero degli Esteri ha fatto sapere di aver avviato accertamenti sulla notizia. Un ponte per ha confermato la notizia. Le due pacifiste sono state prelevate da uomini armati dalla sede.

UPDATE: in questo momento si sta raccogliendo un coordinamento spontaneo di persone presso la sede della associazione pacifista.

UPDATE 2: ALL'INTERNO I PRIMI COMUNICATI STAMPA (Pecoraro Scanio Verdi, Danieli Margherita, FNSI Serventi Longhi)

UPDATE 3: gli appelli e le denunce sulle illegalit? in Iraq pubblicate da Bloggersperlapace.



Leggi tutto... (8555 byte rimanenti) Stampa la notizia: IRAQ: RAPITE DUE PACIFISTE ITALIANE
Inviato da : compagnodiviaggi-uli - Mercoledý, 01 Settembre 2004 - 22:12

La Mezza Luna Rossa accusa:
"Enzo Baldoni ? stato abbandonato, nessun contatto mai avviato"

di Marco Mostallino
28 Aug 2004

Il sequestro di Enzo Baldoni e l'uccisione del suo interprete hanno avuto dei testimoni: l'autista iracheno del primo mezzo del convoglio di aiuti ha visto nello specchietto l'attacco all'auto del giornalista italiano. Subito dopo, il corpo del palestinese Gahreeb, traduttore del reporter inviato di Diario, ? stato raccolto da alcuni civili che si trovavano lungo la strada e portato alla polizia irachena. E' quanto risulta ai vertici della Mezza Luna Rossa irachena, interpellati oggi a Baghdad da Reporter Associati. Non solo: secondo l'organizzazione umanitaria irachena, Enzo Baldoni, una volta sequestrato sarebbe stato "abbandonato, e mai ? stata avviata alcuna trattativa o operazione per riuscire a risalire ai suoi sequestratori". Baldoni inoltre, secondo le informazioni in possesso di Reporter Associati, aveva ricevuto l'incarico dalla Croce Rossa Italiana di documentare fotograficamente tutte le attivit? svolte in Iraq dai volontari e dai funzionari della stessa Croce Rossa.



Leggi tutto... (4829 byte rimanenti) Stampa la notizia: Baldoni lasciato solo?
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 30 Agosto 2004 - 01:04



500 at 'War Crimes Tribunal' find Bush guilty

More than 500 people assembled in New York's Martin Luther King, Jr. Auditorium concluded the War Crimes Tribunal with a resounding unanimous vote of guilty, declaring the Bush administration guilty of war crimes, crimes against humanity, and crimes against peace.

Declaring the Bush administration a criminal regime, this meeting, which drew speakers and participants from around the world, defended the right of GIs to resist illegal orders to fight against the people of Iraq, expressed solidarity with the Iraqi resistance and declared itself in solidarity with the upcoming Week of Resistance in New York City against the Republican National Convention.

At the tribunal, eyewitnesses of events in Iraq, expert witnesses, organizers of tribunals in other countries, and GI resisters, veterans and their families testified to the facts regarding a series of 19 charges against the Bush administration in an indictment prepared by former U.S. Attorney General Ramsey Clark (see www.PeopleJudgeBush.org). Clark summarized the case and called for the guilty verdict. Tribunal organizers and political activists came from Japan, Germany, Turkey, Spain, India, Haiti and Palestine.

UPDATE ANSWER from NEW YORK

Report from New York
~ ~ ~ ~ ~
Permit obtained for September 2 demonstration

Today's huge demonstration in New York City revealed the depth of opposition both to Bush's criminal war in Iraq and its reactionary assault on civil rights and civil liberties at home. The Mayor and the police worked to stifle and limit dissent by restricting free speech rights and by creating a climate of fear and intimidation. They were assuming that people would capitulate without a struggle.


In the last few weeks in New York City, however, the opposite happened. People got mad, they spoke out, a political and legal challenge was undertaken. The political climate changed dramatically. Four days ago the Daily News reported that 71% of New Yorkers agreed that the demonstrators should have the right to have a permit in Central Park.



Leggi tutto... (5394 byte rimanenti) Stampa la notizia: War Crimes Tribunal: more 500 people
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 23 Agosto 2004 - 10:34




Iraq Giornalisti


Dai prescelti a seguire la carovana delle truppe di occupazione statunitensi all'Hotel Palestine ai lutti infiniti, mai in precedenza si ? potuta osservare opera s? capillare di censura dell'informazione. Basti pensare al numero di caduti, alla cacciata di Al Jazeera da Bagdad, all'arresto dei 4 giornalisti dell'Irna, all'arresto del giornalista della Tv Al-Alam e di quello della AFP a Tikrit per poter affermare, che i giornalisti subiscano maggiori pericoli dalle forze "governative", che dai ribelli ...

Ultimi rapiti:

Christian Chesnot di Radio France e il giornalista del Figaro Georges Malbrunot, nella foto, dei quali si ? persa traccia venerd?. Gi? da tempo in Iraq si trovavano a Najaf per ottenere una intervista con Al-Sadr. Certo la loro situazione desta preoccupazione, ma potrebbero trovarsi anche in un luogo sicuro in attesa di incontrare il leader sciita. Articoli su RFI, L'Express.fr , Nouvel Obs.com , RSF .

Anche di Enzo Baldoni, giornalista freelunch italiano (scrive anche per Diario), si sono perse le tracce. La sua scomparsa si tinge di sangue per il ritrovamento del suo autista ucciso, alcune fonti riferiscono potrebbe essere stato oggetto di una azione di banditaggio. Fonti sciite rassicurano: sta bene, (speriamo) . Leggi un articolo sul suo blog di Repubblica . Visita il suo blog: Bloghdad .

In queste ultime ore ? stato liberato il giornalista americano Micah Garen, che dalle mani dell'esercito italiano ? stato consegnato a quello statunitense. Sembra che la sua liberazione sia avvenuta a soli 7 giorni dal rapimento, perch? egli ha aiutato a fare luce sull'episodio dell'ambulanza colpita dalle milizie italiane durante gli scontri a Nassirya, nel quale sono morte 3 persone ed una donna incinta. Articoli su Repubblica. Fonte Al Jazeera .

UPDATE articolo da L'Unit?, appello dei familiari alla Croce Rossa



Leggi tutto... (4447 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq: giornalisti ...
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 22 Agosto 2004 - 22:43

giornalista ~  journalist


 Click For Small photo

non ho nulla da dire ...

 Click For Small photo

 Click For Small photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo


 Click for Large Photo

lo sto dicendo ...



Stampa la notizia: Iraq 22 agosto 2004
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 21 Agosto 2004 - 15:30

IRAQ. Un ponte per ... Rapporto da Najaf

Simona Torretta
Baghdad, 19 agosto 2004

Situazione generale

I combattimenti nella citt? di Najaf proseguono da giorni, sotto lo sguardo di tutti, incapaci di mettere freno a qualcosa che ? diventato per certi versi incontrollabile. La guerra che si sta compiendo a Najaf, ha sollevato disordini tra le varie comunit? sciite sparse sul territorio, che in un atteggiamento solidale si sono unite negli scontri contro le forze di occupazione. Molti iracheni sciiti, hanno percorso la strada per Najaf e raggiunto il Mausoleo dell'Imam Al?, per opporre resistenza in caso di una incursione militare esterna. I pellegrini si sono uniti all'Imam Al?, dichiarando apertamente che ? "meglio morire in questa moschea piuttosto che rimanere in vita a guardare la distruzione di questo luogo sacro!". Secondo le testimonianze dei volontari dell'associazione irachena "Al Noor" - che assieme ad Un ponte per., stanno distribuendo l'acqua potabile nel centro di Najaf - il sentimento di guerra ? ovunque, stimolato da una generale esasperazione per la presenza di truppe militari intorno alla citt? di Najaf.

Le condizioni della popolazione, rimasta dentro la citt?, ? drammatica a causa della mancanza di elettricit? e soprattutto di acqua potabile. Le preoccupazioni per un eventuale sabotaggio degli oleodotti in tutta l'area del sud, a seguito delle minacce provenienti dalle milizie di Moqtada Al Sadr, ha portato alla decisione di chiudere le raffinerie generando una notevole carenza di benzina in tutto il paese. La scarsit? di benzina sommata alla mancanza di elettricit? ha compromesso il regolare funzionamento delle centrali di potabilizzazione di acqua, peggiorando le condizioni igieniche e sanitarie degli abitanti di Najaf.

Inoltre, la presenza di cecchini, appostati vicino alle abitazioni civili, rendono difficili lo svolgimento delle operazioni di intervento delle organizzazioni umanitarie, e impediscono l'accesso dei feriti nelle strutture e negli ospedali circostanti. Secondo testimonianze dirette, e confermate anche da rapporti delle Nazioni Unite, e delle Organizzazioni Internazionali, l'ospedale Pediatrico e della Maternit? di Najaf, ? occupato dalla polizia irachena, che hanno costretto la chiusura dell'ospedale e il trasferimento dei pazienti negli ospedali della cittadina vicina Al-Kufa.

Come ci ? stato riportato da un uno dei volontari dell'associazione Al-Noor "nelle strade di Najaf tutti sparano a tutti", e vengono colpite anche autoambulanze, scuole e abitazioni di civili, indistintamente. Durante la distribuzione dell'acqua nel centro di Najaf, hanno incontrato diverse difficolt? logistiche, e per due volte, le autobotti sono state colpite dagli spari. Fortunatamente, i danni riportati alle autobotti non sono stati gravi e comunque nessuno dei volontari ? rimasto ferito. La distribuzione dell'acqua ? continuata regolarmente.

Segue il report sulla situazione umanitaria



Leggi tutto... (4225 byte rimanenti) Stampa la notizia: IRAQ Un Ponte per ... Rapporto da NAJAF
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 20 Agosto 2004 - 19:05

Medici Usa complici in torture
di  redazione 20 Aug 2004

Iraq, "The Lancet": medici Usa complici in abusi prigionieri

Londra - 20 Agosto 2004 -- Medici complici degli abusi subiti dai prigionieri iracheni nel carcere di Abu Ghraib a Baghdad. Su di loro, che hanno violato l'etica professionale medica e mancato il rispetto dei diritti umani, ha puntato il dito la rivista scientifica britannica 'The Lancet' in un articolo, pubblicato oggi, firmato dal dottor Steven Miles dell'universit? del Minnesota.
'Lancet' cita alcuni documenti ufficiali e le testimonianze di prigionieri e militari, sostenendo che "alcuni membri del personale medico hanno esaminato i prigionieri prima degli interrogatori, sono stati presenti agli stessi e hanno permesso a chi li conduceva di utilizzare informazioni mediche sui prigionieri per mettere a punto tecniche di interrogatorio".
Ma non ? tutto. Secondo il giornale britannico, i medici "hanno falsificato le cartelle cliniche e i certificati di morte (per nascondere le torture) e non hanno fornito ai feriti le cure necessarie".
Reporter Associati

Segue il servizio originale da CNN.com ed altri servizi in lingua inglese da altre testate ...



Leggi tutto... (47493 byte rimanenti) Stampa la notizia: Medici Usa complici in torture
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 19 Agosto 2004 - 14:17

L'assedio di Najaf

BAGHDAD - Il leader sciita Al Sadr ieri, con un suo scritto, ha accettato le richieste della delegazione della  Conferenza nazionale per mettere fine  alla crisi di Najaf, nonostante la delegazione non lo abbia mai raggiunto a causa della violenza degli scontri. Tre le condizioni di pace accettate: il ritiro da  Najaf, il disarmo della milizia e la sua trasformazione in gruppo politico. Al Sadr ha chiesto l'immediato allontanamento delle truppe americane dai luoghi santi dell'Islam e da Najaf. Ha chiesto che i militari Usa lascino subito  la Citt? Santa. E' nel rispetto di queste richieste, che potrebbe intravedersi una reale volont? di consentire l'autodeterminazione del Popolo Iracheno. Ma la violenta occupazione militare statunitense non si ferma: almeno 2000 marines tengono sotto assedio la tomba dell'imam Al?, ove sono i circa 2000 scudi umani (si tratta di persone civili, uomini e donne di tutte le et?, che offrono la loro vita per la fede), e quella parte del centro storico in cui si sono asserragliati i miliziani dell'esercito Mehdi. Immaginate il Vaticano presidiato da forze di occupazione con il Papa minacciato e la mobilitazione in massa umana, che ne conseguirebbe dei gruppi di Azione Cattolica, Agesci, Pax Christy e Comunione e Liberazione. Loro li chiamano miliziani, qualcun altro li definisce terroristi, per me si tratta di fedeli. Scontri con morti e feriti da entrambe le parti sono in corso a Sadr City, il sobborgo di Baghdad abitato dagli sciiti, che ? stato occupato da soldati Usa e mezzi corazzati fin dalle prime ore della mattina. Fonti locali riferiscono di 50 morti fra i militanti locali nella giornata di ieri e due fra le truppe Usa. L'Ansa da notizia, che l'intero quartiere ? in mano statunitense. I nazisti in Italia carpirono 10 vite per ogni tedesco ucciso, le medie tecnologiche del conflitto iracheno registrano una media di 25 iracheni, contro la perdita di due soldati americani. La giornata odierna mieter? altre vittime, infatti a Hilla due soldati polacchi sono stati uccisi durante l'assalto al camion su cui viaggiavano con altri commilitoni, mentre l'hanno scampata gli italiani di pattuglia attaccati a Nassiriya fortunatamente senza feriti da entrambe le parti per l'intervento di un elicottero a volo radente. Nella mattinata si sono udite cinque forti esplosioni a Najaf. Giungono quindi nuove e drammatiche notizie sul giornalista Michael Garen. Il video diffuso da Al Jazeera minaccia la sua esecuzione entro 48 ore se gli americani non lasceranno Najaf. I giornalisti sono l'unica vera tutela e difesa degli iracheni, lo possono affermare tutte le persone di pace ed in particolar modo coloro, che seguono l'altro drammatico fronte mediorientale, la Palestina dalla quale abbiamo tutti letto gli appelli accorati per avere un cineoperatore o un giornalista. Indurre questi miliziani al gesto dell'uccisione di un giornalista, equivale all'aver condotto tutta la popolazione alla disperazione, anche se per i guerrafondai la vita strappata di un giornalista potrebbe servire a copertura di centinaia di omicidi.

Update: ultimatum del Congresso ad Al Sadr, se non ti ritiri sarai attaccato. Dagli americani naturalmente, che comunque gli spareranno non appena metter? fuori un piede dal Mausoleo di Al?.
Update 2: articolo da CNN

L.M.



Leggi tutto... (9711 byte rimanenti) Stampa la notizia: L'ASSEDIO DI NAJAF
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 18 Agosto 2004 - 20:04

IRAQ: AL-SADR SCRIVE ALLA CONFERENZA E ACCETTA CONDIZIONI DI PACE  

Bagdad, 18 ago - Moqtada al-Sadr ha inviato una lettera alla Conferenza Nazionale irachena accettando ufficialmente le condizioni di pace poste dalla delegazione che ieri ha raggiunto Najaf. Lo ha detto Safia al-Suhair, uno degli organizzatori della Conferenza. ''Abbiamo appena ricevuto una lettera dall'ufficio di Moqtada al-Sadr a Bagdad - ha spiegato - che conferma 'nel nome di Dio'...l'accettazione da parte di al-Sadr delle condizioni imposte dalla Conferenza''. Il leader sciita, ha proseguito, ''ha accettato i tre punti dell'accordo per porre fine allo spargimento di sangue iracheno e ha mostrato la sua intezione di assumere un ruolo attivo nel nuovo Iraq''. La delegazione della Conferenza nazionale si e' recata ieri a Najaf, anche se non ha incontrato il leader sciita, per chiedere ad al-Sadr di trasformare la sua milizia in un partito politico, di lasciare i luoghi santi di Najaf e di partecipare al processo di trasformazione politica del Paese. L'annuncio giunge poche ore dopo l'ultimatum lanciato dal ministro della difesa Hazem al-Shaalan che aveva intimato all'esercito di Mahdi di arrendersi o di prepararsi ad essere distrutto. Fonte Asca - Afp



Stampa la notizia: IRAQ: AL-SADR SCRIVE ALLA CONFERENZA E ACCETTA CONDIZIONI DI PACE
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 17 Agosto 2004 - 11:09

Media in Najaf under siege

Tuesday 17 August 2004, 10:24 Makka Time, 7:24 GMT  

Al-Jazairi says expulsion order in force

Iraqi police have released an Arab journalist they arrested in Najaf while international organisations have criticised the expulsion order on reporters covering fighting in the city. Dubai-based Al Arabiya television said police on Monday had released its correspondent Ahmad al-Salih, who along with many other reporters has been covering fighting between US occupation forces and fighters loyal to Shia leader Muqtada al-Sadr. "We don't know yet why they arrested him, but they have released him," said editor Abd al-Sattar Ellazan, adding Salih would continue to cover events in Najaf. Witnesses said police who came to the hotel threatened the reporters. "We will kill you if you leave the hotel. I will put four snipers on the roof to shoot anyone who leaves," a police lieutenant said. Police then fired into the air and pointed their guns at the hotel, witnesses said.

Denial

On Sunday, Najaf's police chief told local and foreign media to leave the city, but government officials in Baghdad denied there would be a crackdown on the media covering the 12-days of fighting. Najaf police chief Ghalib al-Jazairi told foreign and Iraqi reporters at a hastily called late evening news conference they were not under threat, but added that an order calling on journalists to leave the city was still technically in place. "You are not under any kind of threat. We respect your job, we respect the press," he said. "The order is still technically valid but I have contacted the Ministry of Interior this morning and told them this sounds unreasonable to have a city with no media. This will turn against us." He said the press was presenting a positive image of the fighters of the al-Mahdi Army.

Media intervention

"We want to win the battle as soon as possible," the police chief said. The media were "intervening and bringing more support to this militia and encouraging them to keep fighting, and giving a false image that shows these criminals as heroes and nation builders," he said.

"The ban on press coverage raises concern that combatants could disregard their obligations to protect civilians": Sarah Lean Whitson, executive director, Middle East and North Africa division, Human Rights Watch

Earlier, Human Rights Watch warned the expulsion of journalists from Najaf raised serious concerns for civilians. The New York-based watchdog on Monday said combatants free from international press scrutiny might fail to protect Iraqi civilians. It also warned media coverage of the fighting might be confined to journalists "embedded" with US military units. "Forces fighting in built-up areas like Najaf must take all precautions to avoid harming civilians and not use weapons, whether sophisticated warplanes or common mortars - indiscriminately," said Sarah Leah Whitson, executive director of Human Rights Watch's Middle East and North Africa division. "The ban on press coverage raises concern that combatants could disregard their obligations to protect civilians," Whitson said. Human Rights Watch also rebuked the US military for claiming that 360 fighters were killed after heavy fighting in the city on 5 August without addressing "the question of civilian casualties". Press freedom watchdog Reporters Without Borders also demanded that the Iraqi government should immediately reverse the expulsion order on journalists. Aljazeera



Stampa la notizia: IRAQ repressione dei MEDIA
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 17 Agosto 2004 - 10:47


SOLDATI
ITALIANI

GO HOME !

ROMA - Tre carabinieri sono stati feriti a Nassiriya nel corso di un doppio attacco ad una pattuglia nella notte. Due hanno riportato ferite lievi e sono all'ospedale di Camp Mittica. Il terzo militare e' in prognosi riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita e le sue condizioni sono stabili. E' stato trasportato con un elicottero del VI reparto operativo autonomo dell'Aeronautica militare all'ospedale di Kuwait City per essere sottoposto ad accertamenti. Per tutti e tre le ferite sono state provocate da schegge di rpg. Al comando del contingente italiano, in mattinata hanno precisato meglio la dinamica degli attacchi, rispetto a quanto si sapeva stanotte. La pattuglia attaccata era composta soltanto da carabinieri. Il ferito piu' grave e' stato colpito nel corso del primo attacco, quando sono stati sparati cinque colpi di rpg e raffiche di kalashnikov. Nel secondo attacco, mentre il mezzo sul quale viaggiavano i carabinieri era in ripiegamento, ci sono stati altri due colpi di rpg, raffiche di kalashnikov ed anche l' esplosione di un ordigno. In questa occasione c' e' stato il ferimento degli altri due militari. Ora la situazione e' sotto controllo: i lagunari hanno pattugliato la zona nella notte e in mattinata ha sorvolato l' area anche un elicottero del VI reparto operativo autonomo dell' Aeronautica. 17/08/2004 fonte Ansa.



BERLUSCONI E BLAIR, immersi negli agi e nel lusso sfrenato della villa del Premier in Sardegna, stanno decidendo di usare il Vaticano per i loro interessi commerciali e petroliferi in Iraq.


Mamme dei Carabinieri:
ribellatevi!

O il governo si nasconder? sotto
le sottane dei preti!



Leggi tutto... (3624 byte rimanenti) Stampa la notizia: A CASA I SOLDATI ITALIANI - le due B in vacanza
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 17 Agosto 2004 - 10:07


Iraq: Clashes, Press Ban in Najaf Boost Civilian Risk
Iraqi National Conference Has Not Yet Begun Mediation Efforts

(Baghdad, August 17, 2004) - The resumption of armed clashes in Najaf and efforts by Iraq's interim government to restrict journalists from working in the southern Iraqi city raise serious concerns about the risk of harm to civilians, Human Rights Watch said today. The August 13 ceasefire between the Iraqi interim government and allied U.S. forces on one side, and the militia of Shi`a cleric Muqtada al-Sadr on the other, collapsed barely 48 hours later when clashes resumed on Sunday.

Also on Sunday, Iraqi police ordered all journalists to leave the city by midnight, threatening to arrest those who did not comply and seize their equipment. Police reportedly surrounded the Sea Hotel in Najaf, where journalists were staying, and many journalists reportedly left. If the media ban is enforced, coverage from Najaf would be limited to journalists embedded with U.S. military contingents.

"Forces fighting in built-up areas like Najaf must take all precautions to avoid harming civilians and not use weapons-whether sophisticated warplanes or common mortars--indiscriminately," said Sarah Leah Whitson, executive director of Human Rights Watch's Middle East and North Africa division. "The ban on press coverage raises concern that combatants could disregard their obligations to protect civilians."

Journalists had breached the cordon set up by U.S. and Iraqi interim government forces and reported that al-Sadr's Mahdi Army (Jaysh al-Mahdi) is operating out of the Imam Ali shrine. Under international humanitarian law, fighting forces must take into account harm to civilians and civilian objects in pursuing their objectives.

A Ministry of Interior official later on Sunday said that the police order banning journalists was "for their own safety" and that the authorities did not intend to enforce the order with arrests. "The interior minister decided that if the journalists want to stay, it will be at their peril and they will then have to bear the consequences," said interior ministry spokesman Adnan Abd al-Rahman.

Delegates meeting since Sunday at the Iraqi National Conference to elect a commission to organize national elections decided to send a delegation to Najaf for further mediation, but as of late Monday had not yet implemented this initiative.

U.S. military officials have claimed that more than 360 of al-Sadr's militiamen were killed in the first days after heavy fighting broke out on August 5, but they have not addressed the question of civilian casualties. Najaf's top health official, Falah al-Muhanna, told reporters that the fighting last week had prevented ambulances from reaching injured persons and staff from reaching hospitals. He characterized the situation there as "a real catastrophe."

"Forces fighting in Najaf must allow ambulances and medics to reach the wounded," said Whitson. "They also must facilitate access to hospitals."

On August 10, U.S. forces urged residents to evacuate the city, and hundreds of civilians have since fled to nearby towns. In Kut, a city 160 kilometers (100 miles) northeast of Najaf, a health official on Thursday said that 72 people were killed and another 148 injured in the previous 24 hours, women and children among them.

IRAQ: The tightrope in Najaf

by Greg Rollins
CPTnet
August 16, 2004

[Note: The following analysis of the situation in Najaf is from a letter that CPTer Greg Rollins wrote to his supporters.]

The U.S. is walking a tightrope in Najaf. It doesn't matter that many Iraqi Shi'a think Muktadr Al-Sadr is too young and hotheaded to lead people. It doesn't matter the U.S. fights along side the Iraqi National Guard (I.N.G). There is a lot more at stake than just a young Shi'a cleric and his armed followers.

It is hard to say what the biggest obstacle in Najaf is for the U.S. right now. Is it the city of Najaf, Sadr himself or Iran? Najaf holds the most holy Shi'a shrine in the world, that of , Ali who was a descendent of the prophet Mohammed. Were the U.S. to harm this shrine, it would anger the entire Shi'a world. That world includes most of Iraq, parts of Saudi Arabia and a large portion of Iran, which currently supports Sadr with weapons and people. Even if the U.S. were to damage the shrine by accident, most Iraqi Shi'a would blame the U.S. for not being careful.

Then there is the problem of how to handle Al-Sadr: the U.S. could kill him, arrest him, or ignore him. The worst thing they could do would be to kill him. Many Iraqis might not care about Al-Sadr but they want to see him subdued, not destroyed. To destroy him would make him a martyr. It would be less difficult to jail Al-Sadr, but it would still make him a hero. It is also not the job of the U.S. to arrest Al-Sadr; that is up to the Iraqi government. The most advantageous option for the U.S. would be to ignore him. If they did, he would continue to sporadically throw his people against the U.S. and I.N.G. The U.S. and I.N.G. would fight back, and with superior firepower and training, whittle Al Sadr's army down to nothing.

The third and most difficult obstacle for relative calm in Iraq is Iran. It is rumoured that Iran will be the next country the U.S. takes over. Iran is said to want the southern half of Iraq. The south is rich in oil and mercury and holds all the great Shi'a shrines. Iran knows they cannot fight the U.S. and its allies straight on, but they can fight them discretely through people like Al Sadr and achieve a heavy influence over the south.

All these things put the U.S. in a precarious position. If they attack the shrines of Najaf directly, they will lose a lot of support from the Shi'a community. If they arrest or harm Al-Sadr, they will make him a hero. If they implicate Iran, they will open a door to events they do not want yet. One wrong step for the U.S. and it will be a long drop to the bottom.



Stampa la notizia: Human Rights e Christian Peacemaker comunicati del 16 agosto
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 15 Agosto 2004 - 18:37

Cari amici,
? con grande piacere, che pubblichiamo oggi il primo contributo di Ukht Samiha. Samiha cura alcune liste di conversazione e studio islamico, ed io sono iscritta a quella che si occupa di educazione e di infanzia. La lista si chiama PiccoliMussulmani (http://yahoo.groups.com/group/piccolimussulmani) ed ? dedicata ai bambini, ma soprattutto ai loro genitori ed ? ricchissima di cultura, aneddoti e di racconti come, ad esempio, le fiabe di Esopo. Sono davvero contenta di potervi presentare una persona tanto speciale oggi.  Nei prossimi giorni trascriver? molto altro materiale, che mi ha gi? spedito... Buona lettura!

Loredana Morandi

Non dimentichiamo,
nel passato
le ragioni del presente

di Ukht Samiha

I commissari dell'UNICEF testimoniarono al tempo delle sanzioni poste contro l'Iraq di avere visto il seguente: " L'uccisione di bambini musulmani con bombe fuel-air".

" La pirateria della Albright nel boicottaggio delle provvigioni di cibo e di medicinali destinati agli iracheni".

" il risultato di questo e' ben piu' grande delle morti dei bambini musulmani solamente".


Baghdad - Le sanzioni economiche nelle Nazioni Unite imposte sull'Iraq a partire dal 1990 hanno sterminato piu' di 1.25 milioni di persone cosi' come e' stato pubbicato da diversi quotidiani britanninci. "La statistica delle morti di tutte le eta' dall'agosto del 1990 a oggi (senza contare le guerre in Iraq) ammonta ad una totale di 1.250.901 casi. 502.492 di questi sotto l'eta' di cinque anni. L'indice di mortalita' dei neonati e' di 108 su mille. Ogni 100.000 nascite 296 donne morte a causa di infiammazioni respiratorie, diarrea, infiammazione intestinale, malnutrizione, malattie cardiache, pressione alta e diabete.

Le Nazioni Unite, capitanate dagli USA imposero le sanzioni sull'Iraq dopo che Saddam Hussein invase il Kuwait nell'agosto del ' 90.

l'UNICEF, il fondo della Nazioni Unite destinato ai bambini descrisse che le morti dei bambini iracheni sotto i cinque raddoppiarono  negli ultimi dieci anni nella parte centrale e meridionale del paese controllata dal governo. L'Iraq incolpo' l'ONU, mentre l'ONU incolpo' Baghdad. Gli Stati Uniti nell'interesse di mantenere pressione sul Presidente Iracheno Saddam Hussein emisero un rapporto accusandolo di denutrire il suo popolo. Baghdad dismise tale accusa, dicendo che e' Washington a mentire.

Cari lettori, dopo aver letto tali informazioni, possiamo cercare delle risposte nelle cause di una resistenza da parte dei civili iracheni nell'attuale guerra in Iraq. Terroristi? Supportatori di Bin Ladin? No, poveri disgraziati che hanno subito piu' di 10 anni di sanzioni, bombardamenti, malnutrizione, malattie per mezzo del'ONU, e in particolare per mano degli USA e della Gran Bretagna che non esitava a bombradare le citta' Irachene, persino le campagne con bombe all'uranio.

Dopo tutto questo le forze alleate si aspettavano il benvenuto in Iraq, con ghirlande di fiori e tappetti rossi, mentre l'odio verso gli USA e i loro supportatori e' radicato nel cuore di questa popolazione. Dare la colpa a Saddam? Debellare gli Iracheni terroristi? Beh, questo e' lo stile degli USA. Come dice il presidente Bush, "Con noi o contro di noi".

La nuova era del Fascismo americano e' iniziata. I diritti umani non esistono piu': Qualunque individuo opponga l'immorale agenda politica americana e dei loro alleati e' un terrorista e non va solamente imprigionato, ma anche torturato con atti osceni. Bella civilta', bel progresso.

La reputazione di Saddam era ben nota tra gli Iracheni: massacratore, creatore di tombe di massa, torturatore. Questa e' la reputazione di Saddam tra gli iracheni. E gli americani con la loro retorica ipocrita vogliono far credere al mondo che gli iracheni che oggi formano la resistenza sono i supportatori di colui, che ha massacrato le loro famiglie?

Essi sono solamente uomini e donne che difendono la loro terra e le loro proprieta' dagli abusi e dell'intrusione degli stessi che li hanno ridotti alla fame e alla malattia per dieci anni e che ora intendono usurpare la poca dignita' che e' a loro rimasta e impossessarsi delle risorse del greggio di cui l'Iraq e' ricco.

Non combattereste anche voi al loro posto?

Seguono altri articoli, non pubblicati ancora in Italia, dalla traduzione di Samiha.



Leggi tutto... (7987 byte rimanenti) Stampa la notizia: Il contributo di Samiha per Bloggersperlapace
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 14 Agosto 2004 - 22:28


3 anni 3

Per seguire la stampa americana si lavora di notte. Non mi pesa ma, come per il fotografo degli orrori di Abu Ghraib, condannato ad un solo anno (1=uno) di reclusione. resto letteralmente scioccata dalle sentenze della Corte Marziale Usa. Da un articolo dell'Honolulu Star (quotidiano delle Hawai) il network Al Jazeera riporta l'efferata sentenza degli Stati Uniti d'America nei confronti di Richmond, colpevole di aver strappato delle vite umane. Prego il cielo, che non esista l'appello alla corte militare: "Tre anni tre". Tanto vale per la corte marziale statunitense la vita di un uomo iracheno. Questo il prezzolato comportamento a mediatica tutela della missione petrolifera armata........ segue articolo.



Leggi tutto... (666 byte rimanenti) Stampa la notizia: Tre anni tre
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 14 Agosto 2004 - 21:27

Dichiarazione dell'Assemblea Mondiale dell'Ahl al-Bayt (a.s.) e Denuncia delle Recenti Azioni delle Forze di Occupazione in Iraq

Nel Nome di Dio, il Clemente, il Misericordioso

Ancora una volta il popolo oppresso dell'Iraq ? testimone di azioni violente e di crimini commessi dalle forze armate Statunitensi nel proprio paese, specialmente nelle citt? sante di Najaf e Kufa.

Gli uomini di governo degli Stati Uniti stanno cercando di ripristinare la loro reputazione perduta attraverso queste futili azioni. Essi cercano con ogni tentativo di riguadagnarsi la dignit? davanti agli occhi degli osservatori politici, ma invano.

E' assai doloroso in questi giorni vedere come le fondamenta dell'inquietante struttura della "democrazia americana" siano fondate su un ammasso di corpi di martiri iracheni, su del sangue innocente e sulla distruzione delle case del popolo iracheno. I dirigenti della Casa Bianca hanno subito sfruttato l'atmosfera creatasi in Iraq per il proprio beneficio, viste le imminenti elezioni presidenziali americane, ignari del fatto che tali aggressioni non solo risveglieranno le coscienze di tutti i Musulmani e condanneranno gli Stati Uniti in tutto il globo, ma che instilleranno nei cuori dei cittadini Americani il seme del sospetto nei confronti della Casa Bianca.

L'Assemblea Mondiale dell'Ahl al-Bayt (as), condannando le recenti azioni brutali delle forze di occupazione Statunitense in Iraq, sottolinea i punti seguenti:

1- Ogni tumulto e tutte le difficolt? della nazione Irachena derivano dall'occupazione del paese da parte di forze militari straniere e l'unico modo di risolvere i problemi esistenti all'interno dell'Iraq ? una resa incondizionata degli invasori e aggressori.

2- La nuova ondata di violenza condotta dalla Casa Bianca in Iraq ? il risultato del vicolo cieco imboccato durante i processi politici correnti nel paese. Questo ? un evento promettente per la imminente vittoria della nazione Irachena nel prossimo futuro.

3- La dissacrazione dei Mausolei Santi ferisce il sentimento di tutto il popolo Musulmano nel mondo. Ammoniamo quindi gli invasori dall'evitare il prolungamento di tali azioni, altrimenti n? eserciti tradizionali n? forze alleate avranno il potere di controllare la furia dei Musulmani.

4- Esprimiamo tutta la nostra solidariet? al nobile popolo dell'Iraq, e preghiamo l'Onnipotente di elevare lo status delle vittime innocenti e dei martiri e di dare pazienza e ricompense divine ai membri viventi delle famiglie dei martiri. Sollecitiamo inoltre tutti i gruppi e le personalit? popolari e politiche a non essere ingannate dai complotti velenosi del Grande Satana e dagli intrighi di divisione dei suoi agenti-fantoccio. L'unico modo per rendere vane le cospirazioni di questi atroci occupanti ? la solidariet?, l'unit?, l'evitare il caos e il tumulto e riporre grande fiducia in Allah Onnipotente.

L'Assemblea Mondiale dell'Ahl al-Bayt (as) coglie l'occasione per esprimere la sua gratitudine ai grandi Sapienti Shiiti e al nobile popolo dell'Iraq per la loro presa di coscienza e per aver adempiuto le proprie responsabilit? Islamiche e nazionali mantenendo la propria unit? e seguendo le direttive dei Grandi Ulama. Preghiamo Allah, il Misericordioso, di concedere gloria e grandezza a tutte le comunit? Musulmane del mondo.

Assemblea Mondiale dell'Ahl al-Bayt (as) - Italia
Associazione Islamica "Imam Mahdi"

Tre filmati delle grandi manifestazioni tenutesi a Bagdad e a Teheran: video 1, 2 , 3 . A questo link le immagini della guerriglia e del bombardamento americano in pieno giorno.



Stampa la notizia: Sulle azioni delle forze di occupazione in Iraq
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 13 Agosto 2004 - 20:18

IRAQ: Iraqis conduct vigil for peace in Najef

CPTnet
August 13, 2004

On Friday, August 13, 2004, representatives from Iraqi Human Rights Watch and the offices of Grand Ayatollah Sustani and Muqtada al-Sadr in Kerbala will lead a vigil to Najef to ask for an end to the fighting there. Christian Peacemaker Teams and Iraqi Human Rights Watch have been working together on human rights issues in Iraq for the past year.

"We want to ask for a peaceful solution to this problem, and for the fighting to stop," said Mr. Hussein Ibrahimi, the director of Iraqi Human Rights Watch in Kerbala.  Joining him in leading the vigil will be Mr. Mohammed al-Awadi from Grand Ayatollah Sustani's office and Mr. Mohammed al-Musawi from the office of Muqtada al-Sadr.

The group plans to meet at 1:00 PM for prayer at the Al Hussein Holy Shrine in Kerbala, and will move from there with supporters to Najef where they will make their request for an end to the fighting.

Mr. Hussein can be reached at in Kerbala.

Christian Peacemaker Teams is an initiative of the historic peace churches (Mennonites, Church of the Brethren, and Quakers) with support and membership from a range of Catholic and Protestant denominations. Supporting violence-reduction efforts around the world is its mandate.



Stampa la notizia: IRAQ: vigilia di pace a Najef
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 12 Agosto 2004 - 22:33

Be part of a historic event in New York City on Thursday, August 26!
Iraq War Crimes Tribunal: The People will Judge George W. Bush



George W. Bush must be held accountable.  
He must answer to the people!

Thursday, August 26th
3:00pm to 9:30pm
Martin Luther King Auditorium
65th St. & Amsterdam

New York, NY


Help Build a Movement to Hold Bush Accountable for his Crimes
We need your help to cover the expenses of the August 26 War Crimes Tribunal ,
which will kick off a week of demonstrations against the RNC.  
You can help by donating, or by placing an ad in the Tribunal Journal.
(deadline for Journal ads is August 13)
Donations by check or credit card can be made out to
"IAC / People Judge Bush" and sent to: 39 W. 14th St., #206, NY, NY 10011


Statement From Former U.S. Attorney General Ramsey Clark:

It is not enough to vote a lawless President out of office. Lawlessness must be removed from office.

George W. Bush made his criminal intentions clear long before committing his war of aggression against Iraq, an act held to be the ?supreme international crime? by the Nuremberg Tribunal. The war has taken tens of thousands of lives.

In front page headlines in the New York Times on January 29, 2003 alone, the American people were told "Calling Iraq a Serious Threat, Bush Vows That He?ll Disarm It,? - ?President Says America is Not Afraid to Take Unilateral Action? - ?Bush Enlarges Case For War by Linking Iraq with Terrorists.?

He boasted of assassinations and summary executions in his State of the Union message in January 2003 making them official U.S. policy along with the direct targeting of civilians and civilian facilities.

President Bush has placed himself above all law. His lawyers in the Defense and Justice Departments have pronounced that the prohibition against torture ?must be construed as inapplicable to interrogations undertaken pursuant to his Commander in Chief authority,? (March 2003) and, ?Any effort to apply (the criminal law against torture) in a manner that interferes with the President's direction of such core matter as the detention and interrogation of enemy combatants thus would be unconstitutional.? (August 2002) We now know that such torture has led to scores of deaths.

The American people should not have needed the disclosures of the criminal conduct of President Bush by Michael Moore in Fahrenheit 9/11, or in books by former Bush Administration Secretary of the Treasury Paul O?Neill, former Chief Security Advisor on Counter Terrorism Richard Clarke, or preeminent investigative reporters Bob Woodward and Seymour Hersh, among many others, important as their contributions are.

President Bush told the world himself time and time again that the law is no obstacle to him, making our country the enemy of the people of the planet. Eternal vigilance is the price of liberty.

Any political party aspiring to nominate a person for President must renounce international crime and pledge accountability for its past commission.

The U.S. military occupation of Iraq remains a crime. The troops must be withdrawn and reparations paid for the death and destruction from U.S. Shock and Awe - terror Bush style. And ?The President, Vice President and all civil officers of the United States? responsible for such crimes ?shall be removed from office? now. Article II, Section 4. Constitution of the United States of America.

Impeachment of George W. Bush and other officials of the United States who participated in this criminal enterprise by the U.S. House of Representatives and their trial by the Senate for ?high Crimes and Misdemeanors" is essential to the integrity of the Constitution and the honor of the elected representatives whose duty it is.

Ramsey Clark (July 25, 2004)

We have a responsibility to hold this administration accountable for the past and continuing horrors of the war and occupation.

This is a decisive moment. Polls show that the vast majority in the U.S. are opposed to this occupation and want the troops brought home NOW. Now more than ever, people all over the world oppose the U.S. government.

Segue...



Leggi tutto... (879 byte rimanenti) Stampa la notizia: IWCT: the People will Judge George Bush
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 06 Agosto 2004 - 02:35




The People Will Judge George W. Bush

Thursday, August 26th
3:00pm to 9:30pm
Martin Luther King Auditorium
65th St. & Amsterdam
New York, NY



There are only three weeks left to prepare for the
War Crimes Tribunal.

As the billionaire war profiteers gather to nominate George W. Bush, the people of the world will gather to convict him of war crimes.  Over the past year,  sessions of the World Tribunal on Iraq have met in London, Mumbai, Copenhagen, Brussels, Hiroshima, Paris, Monterrey, Munich, Seul,  Barcelona, Istanbul, Rome, Berlin, San Jose, Stockholm, Lisbon, New York...Representatives from this international movement will  present their findings against the Bush Administration on August 26 in New York City, along with veterans, GIs, community organizers, labor leaders, clergy, and eyewitnesses.

The People must hold the Bush Administration accountable for its crimes.
We need your help to do this.



Leggi tutto... (653 byte rimanenti) Stampa la notizia: The People Will Judge George W. Bush
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 02 Agosto 2004 - 21:00






Iraq War Crimes Tribunal:
The People will Judge
George W. Bush

Thursday, August 26th
3:00pm to 9:30pm

Martin Luther King Auditorium
65th St. & Amsterdam
New York, NY

Every day that the war and occupation in Iraq continue, Iraqi civilians are killed, injured, denied civil liberties, jailed, abused and tortured by the occupation forces while their basic services and economy are deteriorating. Meanwhile, our sons and daughters are being killed and maimed.

Under the phony "transfer of power," business as usual will continues with U.S. troops occupying Iraq, the construction of 14 permanent U.S. military bases, the funneling of oil revenues to the occupiers, the continuing torture and abuse of innocent Iraqis, the denial of democratic rights, and a failing infrastructure and qualify of life for the women, men and children.

The people of the world know that it is those in the highest echelons of the U.S. government who are responsible for the atrocities, torture, deaths, and war crimes in Iraq.

We have a responsibility to hold this administration accountable for the past and continuing horrors of the war and occupation.

See also 26.08.2004 and Italian session programme



Leggi tutto... (655 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq war crimes Tribunal: People will Judge George Bush
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 01 Agosto 2004 - 19:42





i rapporti e i nuovi nomi sulle violenze ad

Abu Ghraib

Perch? ? stato Abu Ghraib? Ce lo siamo domandato pi? volte. Abbiamo visto le foto, abbiamo sentito le menzogne dei politici, abbiamo visto la crocefissione di intere testate giornalistiche, abbiamo letto blogger volgari parlarne come in un salotto, li abbiamo criticati e siamo stati crocefissi per questo; ma nonostante la guerriglia mediatica per soffocare le voci libere, ogni giorno di pi? si configura uno scenario di drammatica e violenta violazione ai diritti dell'uomo contro i prigionieri iracheni, quelli afgani e quelli del super carcere di Guantanamo e sembra ci sia stato chi ha richiesto indagini fin da gennaio. Le donne forse sono state le peggiori, anche qui in Italia ...

Seguono alcuni documenti e gli ultimi articoli sulle violenze...



Leggi tutto... (634 byte rimanenti) Stampa la notizia: Abu Ghraib: dentro il carcere degli orrori
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 28 Luglio 2004 - 22:47

DAILY MIRROR, SADDAM COLPITO DA UN ICTUS

Saddam Hussein ha avuto un leggero ictus e la sua salute sta deteriorandosi tanto che potrebbe non arrivare vivo al processo. Lo sostiene, secondo quanto riferisce oggi un'esclusiva del quotidiano britannico Daily Mirror, uno degli avvocati dell'ex leader iracheno, il giordano Mohammed al- Rashdan. In una lettera inviata ieri Salem Chalebi, il procuratore che sta istruendo il processo contro Saddam, il legale scrive: ''Secondo le informazioni che abbiamo, Saddam Hussein e' in cattive condizioni di salute. Dalla Croce Internazionale abbiamo appreso che il nostro cliente e' stato sottoposto a una tac cerebrale per verificare l'estensione dei danni provocati dall'ictus. Riteniamo che potrebbe morire a causa dei suoi problemi di salute''. (ansa)

GIORDANO (PRC): IRAQ, INSPIEGABILE MARCIA INDIETRO DI FASSINO E RUTELLI. NESSUNA ALTERNATIVA AL RITIRO DELLE TRUPPE

?Non si capiscono le ragioni per le quali la guerra cambia segno se a farla sia un democratico al posto di un conservatore: ? una guerra sbagliata, chiunque la conduca - ? il commento di Franco Giordano, presidente del Gruppo di Rifondazione Comunista alla Camera, in merito alle dichiarazioni dei leader dei Ds e della Margherita di  prendere in considerazione il mantenimento delle truppe italiane in Iraq nel caso di avvicendamento alla Casa Bianca ? Francamente ? inspiegabile questa marcia indietro di Rutelli e Fassino. La nostra contrariet? ? netta ? conclude Giordano ? non ci sono alternative al ritiro delle truppe dall?Iraq.? Roma,  28 luglio 2004

IRAQ. PECORARO SCANIO: FASSINO E RUTELLI CONTRADDICONO COALIZIONE

?No a guerra preventiva vale anche per Kerry?. ?Deve esserci qualche errore di traduzione dall?inglese, altrimenti si tratterebbe di una dichiarazione improvvida che danneggia il centrosinistra?. Lo ha detto il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio commentando le dichiarazioni di Francesco Rutelli e Piero Fassino rilasciate a Boston. ?Secondo quanto si legge ? aggiunge il leader del Sole che ride - invece di chiedere la fine della guerra. i rappresentanti del listone darebbero l?avallo alla guerra preventiva purch? portata avanti da Kerry. Se la dichiarazione non ? mal riportata, Fassino e Rutelli avrebbero espresso una posizione contrastante con quella della coalizione di centrosinistra. Il no alla guerra preventiva non cambia se a condurla ? Kerry invece che Bush. Queste dichiarazioni rendono sempre pi? urgente l?avvio del tavolo programmatico del centrosinistra?. Roma, 28 luglio 2004



Stampa la notizia: IRAQ: la salute di Saddam e le news dal Parlamento italiano
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 25 Luglio 2004 - 03:36


Iraq, una buona e una cattiva

Inizio dalla notizia cattiva: prosegue incessante la tecnica dei sequestri di persona. Ultimo rapito il direttore di una impresa edile statale. Solo ieri avevamo registrato il rapimento del diplomatico egiziano, Mohammad Mamduh Helmi Qotb. L'uomo, rapito nella periferia di Bagdad, si chiama Raad Adnan Mahmoud ed ? un funzionario della Al-Mansour Contracting, una delle maggiori imprese di costruzioni irachene, che sta curando i progetti di ricostruzione di un complesso abitativo a Baghdad e di alcune caserme per il nuovo esercito iracheno. Ok e qui mi fermo perch? non so molto altro, salvo che non condivido le scelte aziendali e che intuisco questi sia un uomo comune, magari padre di famiglia, e non il mecenate. Condanno profondamente questa tattica della minaccia di esecuzione dell'ostaggio, tanto da ritenerla incentivata addirittura dai soliti "poteri" noti. A parte la notizia di nuove minacce all'Italia e all'Australia, divulgata dai tg di mezzo mondo, continuo a credere che tutto sia pilotato.



Leggi tutto... (647 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq, una buona e una cattiva...
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 19 Luglio 2004 - 16:46


I guai di Al Barash

L'ultimo lo riporta in prima pagina www.albarash.net proprio in questi giorni: sono stati accusati dal Korean Herald di aver pubblicato un comunicato contenente le minacce di un gruppo terroristico e negano tutto doviziosamente. Ribadiscono per? la loro posizione sulla disinformazione, che ammanta le vicende irachene proprio ora, quando il conflitto e le corruzioni interne al paese hanno messo fuori dai confini tutte quelle associazioni in grado di dare un efficace Red Allert planetario al movimento. Francamente io credo loro ed alla loro buona fede. Il perch? ? presto detto: nonostante la buona volont? alle volte pasticciano. Nei giorni a cavallo dei fatti di Abu Ghraib hanno letteralmente svaliggiato il vecchio blog di Bloggersperlapace su Splinder delle nostre vignette, che ancor oggi campeggiano sul sito: Pino con la gif pi? famosa del pianeta alla pagina di INDEX e Broiolo alla pagina delle torture di Abu Ghraib insieme alle vignette di altri autori e ad un dettagliato elenco di foto e articoli sulle torture nelle carceri irachene, fino alle primissime foto del settembre/ottobre 2003 raffiguranti uomini "nudi" scortati dentro aree recintate. E' questa pagina, che mi indica la buona fede degli autori del sito: infatti il link ctdsaddam.i8.com con il quale gli emissari del marketing di guerra in Italia hanno tentato di crocefiggermi ? ancora sulle loro pagine. Ad imperitura dimostrazione di come non avessi pubblicato io il link perch?, come dalla voce della propaganda guerrafondaia , interessata alle basse e razziste abitudini americane. Allorch? tutti gli eventi, anche dannosi, hanno ben identificato in altro personaggio del web capace (a quanto afferma) di "chiacchierare su violenze e abusi contro esseri umani come in un salotto", il link della discordia ? ancora pubblicato sul sito insieme a tanti altri link compreso quello di Carmilla, il cui articolo ? moderato e seriamente critico, insieme ai link di rimando a testate giornalistiche e ad un articolo di Aztlan, probabilmente caduto nello stesso errore, ma pi? critico.

Che dire ai redattori di Albarash: in bocca al lupo, soprattutto (auguri).

E poi, per piacere, fate attenzione altrimenti prima o poi vi oscurano. Chi tenta di lavorare nell'informazione pulita e diretta ? pi? soggetto ai franchi tiratori e agli avvoltoi di mestiere, specialmente se si interroga sulle falsit? dell'informazione di regime.

Segue il documento in inglese e altri link...

(gif della pagina index di albarash)



Leggi tutto... (634 byte rimanenti) Stampa la notizia: I guai di Albarash
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 16 Luglio 2004 - 00:12

IRAQ: OSTAGGIO FILIPPINO IN VIDEO DICE PRESTO LIBERO, TV

 DUBAI - La televisione del Qatar al Jazira ha diffuso una videoregistrazione nella quale il filippino Angelo de la Cruz detenuto in ostaggio in Iraq annuncia alla sua famiglia che sara' presto liberato. ''Aspettatemi, tornero''', ha detto l'ostaggio, in camicia nera, le cui dichiarazioni sono state tradotte in arabo da al Jazira. Il gruppo iracheno che detiene l'ostaggio filippino ha detto in un comunicato che de la Cruz sara' rilasciato dopo il completamento del ritiro delle truppe delle Filippine dall'Iraq. Lo riferisce la stessa televisione al Jazira.

ATTACCHI IN DIVERSE CITTA' IRACHENE, SABOTATI OLEODOTTI

BAGHDAD - L'attentato compiuto ad Haditha, 250 chilometri a Nord Ovest di Baghdad, ha provocato 10 morti e 35 feriti. Lo ha detto all' Ansa una fonte del Ministero dell'Interno, aggiornando un precedente bilancio. Le fonti hanno precisato che l'esplosione e' stata provocata da un lancio di razzi contro un comando delle forze di sicurezza, e non da una autobomba come si era creduto in un primo momento. Gli ordigni hanno anche centrato la vicina sede di una banca.

Quattro membri della stessa famiglia, tra cui tre bambini, sono stati uccisi da una bomba lanciata con un razzo mentre dormivano sulla terrazza situata sul tetto della loro casa di Kirkuk. Secondo fonti della polizia, la famiglia era andata a dormire in terrazza per sfuggire al caldo. Scioccanti immagini riprese dalla televisione hanno mostrato i resti delle vittime e i loro vestiti insanguinati sparsi per la terrazza devastata. Sulla terrazza c'e' ora un buco di circa un metro e mezzo di diametro.

La polizia irachena ha sventato un nuovo attentato con autobomba nei pressi di Karbala, a sud di Baghdad: ''mentre inseguivamo il veicolo, e' avvenuta l'esplosione e i tre attentatori che si trovavano all' interno sono rimasti uccisi'', hanno riferito fonti della polizia. L'incidente si e' verificato in localita' Seif Saad, nell'immediata periferia della citta' santa.



Stampa la notizia: Iraq: ostaggio filippino in video dice presto libero
Inviato da : sidnapoorsocapo - Giovedý, 15 Luglio 2004 - 12:03

e quindi ci troviamo ad un bivio,se il dittatore il macellaio la persona che ha ammazzato un milione di irakeni era giusto eliminarlo, per tutte le ignobili cose che fatto al suo popolo,oppure  e'giusto che persone molto importanti sicuramente accompagnate da vezzose mulatte ed alcune  bottiglie del miglior scotch irlandese decidono da solo senza alcuna prova reale che per poter acquistare petrolio per loro molto importante si decida da fare una guerra,costosa ma sovvenzionata dalle famose 7 sorelle,lasciando per ora un popolo in lotta per la propria liberazione,un paese ora molto piu' povero di prima visto che hanno un embargo oramai piu' vecchio di un adolescente che nemmeno sa cosa stia succedendo,visto che crede sia un altro gioco del playstation,solo un po' piu' grande,qui la vera liberazione sembra sempre piu' lontana e che sarebbe opportuno ridare pace rispetto e dignita' ad un popolo non ferito ma quasi morto.Ma per ora non si cerca i veri colpevoli di questo sciempio (anche perche' il gioco famoso dello scarica barile non e' finito)si cerca solo qualche tubo invisibile adatto alla trivellazione.Mettete  il potere nelle mani del popolo irakeno,il paese e' loro


Leggi tutto... (170 byte rimanenti) Stampa la notizia: armi di distruzione di massa
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro