Iraq

Di seguito c'Ŕ la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome Soggetto: Iraq

Vedi tutti gli articolo di questo soggetto.

Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 12 Agosto 2004 - 22:33

Be part of a historic event in New York City on Thursday, August 26!
Iraq War Crimes Tribunal: The People will Judge George W. Bush



George W. Bush must be held accountable.  
He must answer to the people!

Thursday, August 26th
3:00pm to 9:30pm
Martin Luther King Auditorium
65th St. & Amsterdam

New York, NY


Help Build a Movement to Hold Bush Accountable for his Crimes
We need your help to cover the expenses of the August 26 War Crimes Tribunal ,
which will kick off a week of demonstrations against the RNC.  
You can help by donating, or by placing an ad in the Tribunal Journal.
(deadline for Journal ads is August 13)
Donations by check or credit card can be made out to
"IAC / People Judge Bush" and sent to: 39 W. 14th St., #206, NY, NY 10011


Statement From Former U.S. Attorney General Ramsey Clark:

It is not enough to vote a lawless President out of office. Lawlessness must be removed from office.

George W. Bush made his criminal intentions clear long before committing his war of aggression against Iraq, an act held to be the ?supreme international crime? by the Nuremberg Tribunal. The war has taken tens of thousands of lives.

In front page headlines in the New York Times on January 29, 2003 alone, the American people were told "Calling Iraq a Serious Threat, Bush Vows That He?ll Disarm It,? - ?President Says America is Not Afraid to Take Unilateral Action? - ?Bush Enlarges Case For War by Linking Iraq with Terrorists.?

He boasted of assassinations and summary executions in his State of the Union message in January 2003 making them official U.S. policy along with the direct targeting of civilians and civilian facilities.

President Bush has placed himself above all law. His lawyers in the Defense and Justice Departments have pronounced that the prohibition against torture ?must be construed as inapplicable to interrogations undertaken pursuant to his Commander in Chief authority,? (March 2003) and, ?Any effort to apply (the criminal law against torture) in a manner that interferes with the President's direction of such core matter as the detention and interrogation of enemy combatants thus would be unconstitutional.? (August 2002) We now know that such torture has led to scores of deaths.

The American people should not have needed the disclosures of the criminal conduct of President Bush by Michael Moore in Fahrenheit 9/11, or in books by former Bush Administration Secretary of the Treasury Paul O?Neill, former Chief Security Advisor on Counter Terrorism Richard Clarke, or preeminent investigative reporters Bob Woodward and Seymour Hersh, among many others, important as their contributions are.

President Bush told the world himself time and time again that the law is no obstacle to him, making our country the enemy of the people of the planet. Eternal vigilance is the price of liberty.

Any political party aspiring to nominate a person for President must renounce international crime and pledge accountability for its past commission.

The U.S. military occupation of Iraq remains a crime. The troops must be withdrawn and reparations paid for the death and destruction from U.S. Shock and Awe - terror Bush style. And ?The President, Vice President and all civil officers of the United States? responsible for such crimes ?shall be removed from office? now. Article II, Section 4. Constitution of the United States of America.

Impeachment of George W. Bush and other officials of the United States who participated in this criminal enterprise by the U.S. House of Representatives and their trial by the Senate for ?high Crimes and Misdemeanors" is essential to the integrity of the Constitution and the honor of the elected representatives whose duty it is.

Ramsey Clark (July 25, 2004)

We have a responsibility to hold this administration accountable for the past and continuing horrors of the war and occupation.

This is a decisive moment. Polls show that the vast majority in the U.S. are opposed to this occupation and want the troops brought home NOW. Now more than ever, people all over the world oppose the U.S. government.

Segue...



Leggi tutto... (879 byte rimanenti) Stampa la notizia: IWCT: the People will Judge George Bush
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 06 Agosto 2004 - 02:35




The People Will Judge George W. Bush

Thursday, August 26th
3:00pm to 9:30pm
Martin Luther King Auditorium
65th St. & Amsterdam
New York, NY



There are only three weeks left to prepare for the
War Crimes Tribunal.

As the billionaire war profiteers gather to nominate George W. Bush, the people of the world will gather to convict him of war crimes.  Over the past year,  sessions of the World Tribunal on Iraq have met in London, Mumbai, Copenhagen, Brussels, Hiroshima, Paris, Monterrey, Munich, Seul,  Barcelona, Istanbul, Rome, Berlin, San Jose, Stockholm, Lisbon, New York...Representatives from this international movement will  present their findings against the Bush Administration on August 26 in New York City, along with veterans, GIs, community organizers, labor leaders, clergy, and eyewitnesses.

The People must hold the Bush Administration accountable for its crimes.
We need your help to do this.



Leggi tutto... (653 byte rimanenti) Stampa la notizia: The People Will Judge George W. Bush
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 02 Agosto 2004 - 21:00






Iraq War Crimes Tribunal:
The People will Judge
George W. Bush

Thursday, August 26th
3:00pm to 9:30pm

Martin Luther King Auditorium
65th St. & Amsterdam
New York, NY

Every day that the war and occupation in Iraq continue, Iraqi civilians are killed, injured, denied civil liberties, jailed, abused and tortured by the occupation forces while their basic services and economy are deteriorating. Meanwhile, our sons and daughters are being killed and maimed.

Under the phony "transfer of power," business as usual will continues with U.S. troops occupying Iraq, the construction of 14 permanent U.S. military bases, the funneling of oil revenues to the occupiers, the continuing torture and abuse of innocent Iraqis, the denial of democratic rights, and a failing infrastructure and qualify of life for the women, men and children.

The people of the world know that it is those in the highest echelons of the U.S. government who are responsible for the atrocities, torture, deaths, and war crimes in Iraq.

We have a responsibility to hold this administration accountable for the past and continuing horrors of the war and occupation.

See also 26.08.2004 and Italian session programme



Leggi tutto... (655 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq war crimes Tribunal: People will Judge George Bush
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 01 Agosto 2004 - 19:42





i rapporti e i nuovi nomi sulle violenze ad

Abu Ghraib

Perch? ? stato Abu Ghraib? Ce lo siamo domandato pi? volte. Abbiamo visto le foto, abbiamo sentito le menzogne dei politici, abbiamo visto la crocefissione di intere testate giornalistiche, abbiamo letto blogger volgari parlarne come in un salotto, li abbiamo criticati e siamo stati crocefissi per questo; ma nonostante la guerriglia mediatica per soffocare le voci libere, ogni giorno di pi? si configura uno scenario di drammatica e violenta violazione ai diritti dell'uomo contro i prigionieri iracheni, quelli afgani e quelli del super carcere di Guantanamo e sembra ci sia stato chi ha richiesto indagini fin da gennaio. Le donne forse sono state le peggiori, anche qui in Italia ...

Seguono alcuni documenti e gli ultimi articoli sulle violenze...



Leggi tutto... (634 byte rimanenti) Stampa la notizia: Abu Ghraib: dentro il carcere degli orrori
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 28 Luglio 2004 - 22:47

DAILY MIRROR, SADDAM COLPITO DA UN ICTUS

Saddam Hussein ha avuto un leggero ictus e la sua salute sta deteriorandosi tanto che potrebbe non arrivare vivo al processo. Lo sostiene, secondo quanto riferisce oggi un'esclusiva del quotidiano britannico Daily Mirror, uno degli avvocati dell'ex leader iracheno, il giordano Mohammed al- Rashdan. In una lettera inviata ieri Salem Chalebi, il procuratore che sta istruendo il processo contro Saddam, il legale scrive: ''Secondo le informazioni che abbiamo, Saddam Hussein e' in cattive condizioni di salute. Dalla Croce Internazionale abbiamo appreso che il nostro cliente e' stato sottoposto a una tac cerebrale per verificare l'estensione dei danni provocati dall'ictus. Riteniamo che potrebbe morire a causa dei suoi problemi di salute''. (ansa)

GIORDANO (PRC): IRAQ, INSPIEGABILE MARCIA INDIETRO DI FASSINO E RUTELLI. NESSUNA ALTERNATIVA AL RITIRO DELLE TRUPPE

?Non si capiscono le ragioni per le quali la guerra cambia segno se a farla sia un democratico al posto di un conservatore: ? una guerra sbagliata, chiunque la conduca - ? il commento di Franco Giordano, presidente del Gruppo di Rifondazione Comunista alla Camera, in merito alle dichiarazioni dei leader dei Ds e della Margherita di  prendere in considerazione il mantenimento delle truppe italiane in Iraq nel caso di avvicendamento alla Casa Bianca ? Francamente ? inspiegabile questa marcia indietro di Rutelli e Fassino. La nostra contrariet? ? netta ? conclude Giordano ? non ci sono alternative al ritiro delle truppe dall?Iraq.? Roma,  28 luglio 2004

IRAQ. PECORARO SCANIO: FASSINO E RUTELLI CONTRADDICONO COALIZIONE

?No a guerra preventiva vale anche per Kerry?. ?Deve esserci qualche errore di traduzione dall?inglese, altrimenti si tratterebbe di una dichiarazione improvvida che danneggia il centrosinistra?. Lo ha detto il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio commentando le dichiarazioni di Francesco Rutelli e Piero Fassino rilasciate a Boston. ?Secondo quanto si legge ? aggiunge il leader del Sole che ride - invece di chiedere la fine della guerra. i rappresentanti del listone darebbero l?avallo alla guerra preventiva purch? portata avanti da Kerry. Se la dichiarazione non ? mal riportata, Fassino e Rutelli avrebbero espresso una posizione contrastante con quella della coalizione di centrosinistra. Il no alla guerra preventiva non cambia se a condurla ? Kerry invece che Bush. Queste dichiarazioni rendono sempre pi? urgente l?avvio del tavolo programmatico del centrosinistra?. Roma, 28 luglio 2004



Stampa la notizia: IRAQ: la salute di Saddam e le news dal Parlamento italiano
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 25 Luglio 2004 - 03:36


Iraq, una buona e una cattiva

Inizio dalla notizia cattiva: prosegue incessante la tecnica dei sequestri di persona. Ultimo rapito il direttore di una impresa edile statale. Solo ieri avevamo registrato il rapimento del diplomatico egiziano, Mohammad Mamduh Helmi Qotb. L'uomo, rapito nella periferia di Bagdad, si chiama Raad Adnan Mahmoud ed ? un funzionario della Al-Mansour Contracting, una delle maggiori imprese di costruzioni irachene, che sta curando i progetti di ricostruzione di un complesso abitativo a Baghdad e di alcune caserme per il nuovo esercito iracheno. Ok e qui mi fermo perch? non so molto altro, salvo che non condivido le scelte aziendali e che intuisco questi sia un uomo comune, magari padre di famiglia, e non il mecenate. Condanno profondamente questa tattica della minaccia di esecuzione dell'ostaggio, tanto da ritenerla incentivata addirittura dai soliti "poteri" noti. A parte la notizia di nuove minacce all'Italia e all'Australia, divulgata dai tg di mezzo mondo, continuo a credere che tutto sia pilotato.



Leggi tutto... (647 byte rimanenti) Stampa la notizia: Iraq, una buona e una cattiva...
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 19 Luglio 2004 - 16:46


I guai di Al Barash

L'ultimo lo riporta in prima pagina www.albarash.net proprio in questi giorni: sono stati accusati dal Korean Herald di aver pubblicato un comunicato contenente le minacce di un gruppo terroristico e negano tutto doviziosamente. Ribadiscono per? la loro posizione sulla disinformazione, che ammanta le vicende irachene proprio ora, quando il conflitto e le corruzioni interne al paese hanno messo fuori dai confini tutte quelle associazioni in grado di dare un efficace Red Allert planetario al movimento. Francamente io credo loro ed alla loro buona fede. Il perch? ? presto detto: nonostante la buona volont? alle volte pasticciano. Nei giorni a cavallo dei fatti di Abu Ghraib hanno letteralmente svaliggiato il vecchio blog di Bloggersperlapace su Splinder delle nostre vignette, che ancor oggi campeggiano sul sito: Pino con la gif pi? famosa del pianeta alla pagina di INDEX e Broiolo alla pagina delle torture di Abu Ghraib insieme alle vignette di altri autori e ad un dettagliato elenco di foto e articoli sulle torture nelle carceri irachene, fino alle primissime foto del settembre/ottobre 2003 raffiguranti uomini "nudi" scortati dentro aree recintate. E' questa pagina, che mi indica la buona fede degli autori del sito: infatti il link ctdsaddam.i8.com con il quale gli emissari del marketing di guerra in Italia hanno tentato di crocefiggermi ? ancora sulle loro pagine. Ad imperitura dimostrazione di come non avessi pubblicato io il link perch?, come dalla voce della propaganda guerrafondaia , interessata alle basse e razziste abitudini americane. Allorch? tutti gli eventi, anche dannosi, hanno ben identificato in altro personaggio del web capace (a quanto afferma) di "chiacchierare su violenze e abusi contro esseri umani come in un salotto", il link della discordia ? ancora pubblicato sul sito insieme a tanti altri link compreso quello di Carmilla, il cui articolo ? moderato e seriamente critico, insieme ai link di rimando a testate giornalistiche e ad un articolo di Aztlan, probabilmente caduto nello stesso errore, ma pi? critico.

Che dire ai redattori di Albarash: in bocca al lupo, soprattutto (auguri).

E poi, per piacere, fate attenzione altrimenti prima o poi vi oscurano. Chi tenta di lavorare nell'informazione pulita e diretta ? pi? soggetto ai franchi tiratori e agli avvoltoi di mestiere, specialmente se si interroga sulle falsit? dell'informazione di regime.

Segue il documento in inglese e altri link...

(gif della pagina index di albarash)



Leggi tutto... (634 byte rimanenti) Stampa la notizia: I guai di Albarash
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 16 Luglio 2004 - 00:12

IRAQ: OSTAGGIO FILIPPINO IN VIDEO DICE PRESTO LIBERO, TV

 DUBAI - La televisione del Qatar al Jazira ha diffuso una videoregistrazione nella quale il filippino Angelo de la Cruz detenuto in ostaggio in Iraq annuncia alla sua famiglia che sara' presto liberato. ''Aspettatemi, tornero''', ha detto l'ostaggio, in camicia nera, le cui dichiarazioni sono state tradotte in arabo da al Jazira. Il gruppo iracheno che detiene l'ostaggio filippino ha detto in un comunicato che de la Cruz sara' rilasciato dopo il completamento del ritiro delle truppe delle Filippine dall'Iraq. Lo riferisce la stessa televisione al Jazira.

ATTACCHI IN DIVERSE CITTA' IRACHENE, SABOTATI OLEODOTTI

BAGHDAD - L'attentato compiuto ad Haditha, 250 chilometri a Nord Ovest di Baghdad, ha provocato 10 morti e 35 feriti. Lo ha detto all' Ansa una fonte del Ministero dell'Interno, aggiornando un precedente bilancio. Le fonti hanno precisato che l'esplosione e' stata provocata da un lancio di razzi contro un comando delle forze di sicurezza, e non da una autobomba come si era creduto in un primo momento. Gli ordigni hanno anche centrato la vicina sede di una banca.

Quattro membri della stessa famiglia, tra cui tre bambini, sono stati uccisi da una bomba lanciata con un razzo mentre dormivano sulla terrazza situata sul tetto della loro casa di Kirkuk. Secondo fonti della polizia, la famiglia era andata a dormire in terrazza per sfuggire al caldo. Scioccanti immagini riprese dalla televisione hanno mostrato i resti delle vittime e i loro vestiti insanguinati sparsi per la terrazza devastata. Sulla terrazza c'e' ora un buco di circa un metro e mezzo di diametro.

La polizia irachena ha sventato un nuovo attentato con autobomba nei pressi di Karbala, a sud di Baghdad: ''mentre inseguivamo il veicolo, e' avvenuta l'esplosione e i tre attentatori che si trovavano all' interno sono rimasti uccisi'', hanno riferito fonti della polizia. L'incidente si e' verificato in localita' Seif Saad, nell'immediata periferia della citta' santa.



Stampa la notizia: Iraq: ostaggio filippino in video dice presto libero
Inviato da : sidnapoorsocapo - Giovedý, 15 Luglio 2004 - 12:03

e quindi ci troviamo ad un bivio,se il dittatore il macellaio la persona che ha ammazzato un milione di irakeni era giusto eliminarlo, per tutte le ignobili cose che fatto al suo popolo,oppure  e'giusto che persone molto importanti sicuramente accompagnate da vezzose mulatte ed alcune  bottiglie del miglior scotch irlandese decidono da solo senza alcuna prova reale che per poter acquistare petrolio per loro molto importante si decida da fare una guerra,costosa ma sovvenzionata dalle famose 7 sorelle,lasciando per ora un popolo in lotta per la propria liberazione,un paese ora molto piu' povero di prima visto che hanno un embargo oramai piu' vecchio di un adolescente che nemmeno sa cosa stia succedendo,visto che crede sia un altro gioco del playstation,solo un po' piu' grande,qui la vera liberazione sembra sempre piu' lontana e che sarebbe opportuno ridare pace rispetto e dignita' ad un popolo non ferito ma quasi morto.Ma per ora non si cerca i veri colpevoli di questo sciempio (anche perche' il gioco famoso dello scarica barile non e' finito)si cerca solo qualche tubo invisibile adatto alla trivellazione.Mettete  il potere nelle mani del popolo irakeno,il paese e' loro


Leggi tutto... (170 byte rimanenti) Stampa la notizia: armi di distruzione di massa
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro