News

Di seguito c'Ŕ la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome Soggetto: News

Vedi tutti gli articolo di questo soggetto.

Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 20 Marzo 2011 - 12:03

 

NUCLEAR APOCALYPSE IN JAPAN
LIFTING THE VEIL OF NUCLEAR CATASTROPHE AND COVER-UP
 
A Doomsday Scenario Unfolds With Characteristic Foolishness
18 March 2011 keith harmon snow
*
"Only after the last tree has been cut down...the last river has been poisoned...the last fish caught, only then will you find that money cannot be eaten."Anon."For there shall arise false mesiahs, and false prophets, and shall shew great signs and wonders;insomuch that, if it were possible, they shall deceive the very elect."Mathew 24
 
 As the sun set over quake-stricken Japan on Thursday 17 March 2011, we learned that four of six Fukushima nuclear reactor sites are irradiating the earth, that the fire is burning out of control at Reactor No. 4's pool of spent nuclear fuel, that there are six spent fuel pools at risk all told, and that the sites are too hot to deal with. On March 16, Plumes of White Vapor began pouring from crippled Reactor No. 3 where the spent fuel pool may already be lost. Over the previous days we were told: nothing to worry about. Earthquakes and after shocks, tidal wave, explosions, chemical pollution, the pox of plutonium, contradicting information too obvious to ignore, racism, greed -- add these to the original Four Horsemen of the Apocalypse: Conquest, War, Famine and Death. The situation is apocalyptic and getting worse. This is one of the most serious challenges humanity has ever faced. By Thursday night, March 17, officials in India and Europe are concerned it may be worse than Chernobyl, and the U.S., Italy and France are evacuating their nationals on specially chartered airplanes. Friday, March 18, the threat level rates six on a seven point international scale of gravity for nuclear accidents.
 
japan_nukes001
A Japanese child on the eastern shores of Japan. Photo c. keith harmon snow, 1993.
 
The U.S. nuke industry is blaming Japanese experts, distancing itself from the monster it created. Instead of sending nuclear or health experts to assistance the Japanese people in their time of desperate need, US President Barack Obama first sent teams of intelligence agents and FEMA trained military grunts with special security clearances. The Pentagon floated a naval strike force led by the nuclear-powered aircraft carrier Ronald Reagan off the coast of Japan: advertised as a 'humanitarian' operation, the strike force was repositioned after it was partially irradiated. Can we trust officials and the corporate news media to tell us what is happening in an honest, timely, transparent manner? Are there precedents to the nuclear crisis in Japan? What is the U.S. defense establishment really concerned with here? Humanity now faces a deadly serious challenge coming out of Japan -- the epicenter of radiation. Intentional efforts to downplay or dismiss this catastrophe reveal the immaturity of western civilization and some of our most acute human pathologies, including our worship of technology and our psychopathology of denial. The widespread distortion and cover-ups to protect private profits, national and corporate interests, to fool and betray the people, are unacceptable. Here are some of the deeper whats and whys and hows -- some technical issues and the kinds of questions people need to ask -- about the nuclear apocalypse unfolding on planet earth. Prayers are not enough. It's time to question everything, to put politics aside, to take personal action to halt nuclear expansion and defend ourselves from this industrial juggernaut.
PRO-NUKE ANTI-NUKE NO NUKES
 
I know something about technology, and science: I have Bachelor's and Master's degrees in Electrical Engineering -- with honors -- from one of America's top Engineering schools. Before 1990 I worked in classified programs for General Electric -- the maker of the nuclear reactors now irradiating Japan. I worked at GE Aerospace Electronics Laboratories: low-level classified government programs in communications, radars and missile guidance systems for Ronald Reagan's infamous Star Wars (Strategic Defence Initiative) programs.
 
japan_nukes002
The giant sea walls of concrete tetrapods used off the eastern coast of Japan to protect smaller sea ports and fishing villages from waves. Photo c. keith harmon snow, 1994.
 
From 1990 to 1993 I taught English at Japan's big Soga Shosa (trading houses) like Mitsubishi and Sumitomo Corporations, and meanwhile I biked the rivers, swam the beaches, hiked the mountains and studied the culture of Japan. Japanese corporations were paving the shorelines and rivers with concrete, sinking giant tetrapods off shore. One corporation even developed these giant rubber bladders -- the size of football-fields -- sunk offshore, which could be pumped full of seawater to provide a giant barrier against tsunami's. Of course, the profit margins for these corporations supplying these bags were huge, but I wonder what happened to the technology, if these were ever deployed, and where.For the first 34 years of my life I was in favor of nuclear power. This changed when I saw young people in the United States put their bodies on the line to protest the Watts Bar Nuclear Power Station operations in Tennessee (1994). The commitment and integrity of these young people made me rethink my nuclear bias.
more_japan_nukes_images004
Earth First! protest of Watts Bar Nuclear Power Station Tennessee attempted to prevent the reactor from start-up. Protestors blockaded the plant access road before dawn and used protest techniques that slowed their eventual arrests. c. keith harmon snow, 1994.
 
more_japan_nukes_images002
 
I began my career as a journalist by looking deeply into the rabbit-hole of nuclear power from 1993 to 2000. I visited the Nuclear Regulatory Commission's (NRC) Public Document Rooms -- which have since been closed in many places -- where I read thousands of microfilms and scanned microfiche records and excavated document after document in search of truth. I visited nuke plants in New England and industry conferences. I interviewed officials and I attended the most boring and sometimes secretive public meetings with the most stifling and unimaginative bureaucrats and with engineers (like me) so dry they squeaked. And then I reported on regulatory corruption, technical failures, undemocratic initiatives to betray the public trust, and the accumulating radiation and nuclear poisons -- and the many ways that the mass media supported and perpetuated the mythology.
 
THE ARROGANCE OF HUMANISM
 
"I repeat, there was and will *not* be any significant release of radioactivity from the damaged Japanese reactors," wrote Massachusetts Institute of Technology professor Dr. Joseph Oehmen on March 13. "By 'significant' I mean a level of radiation of more than what you would receive on -- say -- a long distance flight, or drinking a glass of beer that comes from certain areas with high levels of natural background radiation."
So begins a recent U.S. business sector article titled You Can Stop Worrying About A Radiation Disaster in Japan -- Here's Why, published four days after the earthquake struck in Japan. It has already proved false. Properly understood for what it is -- a childish, myopic, arrogant attempt to belittle the truth and influence public opinion -- the article provides an apt example of the rampant industry disinformation that is sweeping aside rational and compassionate and precautionary assessments with irrational jingoism, simplistic emotional appeals, and wrong-headed thinking. The post went viral and was republished widely.How do we define apocalypse?  EARTHQUAKE + TSUNAMI  + AGED NUKE PLANT  + LOSS-OF-COOLANTS + PLUTONIUM + FIRES + DISINFORMATION + GREED + DENIAL + FEAR + POLITICS + SECRECY + MULTINATIONAL CORPORATION(S) + MILITARY PRIORITIES = APOCALYPSE. How many nuke plants are involved? We don't really know. Not that we have not been told, we have. There are six reactors at the Fukushima site, one reactor at the Tokai nuclear facility and three reactors at the stricken Onagawa nuclear complex. There are toxic chemical spills, petroleum refinery fires, gas fires, dangerous debris and human pathogens from the thousands of dead people and animals. The place is an apocalyptic nightmare, to be sure, but from the beginning the most important facts regarding the status of the nuclear plants and their components, their functioning or failing systems, the operability of the control rooms or integrity of the reactor containment structures, were being denied to the public. Now we are seeing some damage control by the U.S., the Nuclear Regulatory Commission and the media. It is simultaneously as though we are believed to be incapable of even the most rudimentary understanding of what is going on, while also being denied the truth in keeping with more than sixty years of secrecy and denial by the cult of the atom and its incestuous cult of intelligence.


Leggi tutto... (569 byte rimanenti) Stampa la notizia: Nuclear Apocalipse in Japan
Inviato da : edvino.ugolini - Domenica, 20 Marzo 2011 - 10:36

 

Giornata Mondiale della Poesia

 

Il 21 marzo si celebra la giornata mondiale della poesia. In concomitanza con l'inizio della primavera si ricorda che la poesia è uno strumento come la musica e l'arte che avvicina le persone ed i popoli e li fa sentire pur nella loro diversità parte di un unicum.

 

 

Alza la tua voce nella tempesta dell'odio

nel frangere della natura

nei richiami ancestrali degli avi

nella ricerca di un futuro comune

alza il tuo sguardo verso l'ignoto

lancia il messaggio universale

dell'amore

e della speranza.

 

Edvino Ugolini 

   

 



Stampa la notizia: Giornata mondiale della poesia
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 30 Ottobre 2005 - 10:51

 

 

MUCCA PAZZA, INFLUENZA AVIARIA E CECITA? UMANA

di Massimo Trotta

E? sconfortante vedere come gli eventi siano spesso male interpretati dalla stragrande maggioranza del genere umano.

Gli animali non possono parlare, non possono dirci ?soffro terribilmente a stare chiuso in questa stretta gabbia senza riuscire ad aprire le ali - (se volatile) -, senza riuscire a potermi voltare e con questa pesante catena al collo - (se bovino) -, senza poter godere della maternit? portandomi via i miei figli appena nati, senza potermi sdraiare sull?erba e godermi la luce del sole, senza poter essere felice di crescere odorando gli odori della natura, costretto a condividere in un capannone lo spazio con altre centinaia di miei simili tacchini, polli, maiali, conigli, dove lo spazio privato si riduce a pochi decimetri quadrati, costretto a mangiare in continuazione con questo imbuto infilato nella mia gola - (se oca da ?pat? di fegato?) -, con queste luci artificiali che disturbano in continuazione il mio sonno, senza poter contemplare la luna, il vento, la pioggia e gli spiriti di natura; soffro terribilmente; per favore umani, aiutatemi, non tenetemi cos?, fatemi vivere felice, dimostratemi un poco di affetto se proprio non di amore; soffro tanto a stare cos??. Questo non possono dircelo. Ma sicuramente tutto questo male e malessere lo provano.

Leggi tutto... 



Leggi tutto... (2420 byte rimanenti) Stampa la notizia: Mucca Pazza, Influenza Aviaria e Cecit? Umana
Inviato da : sidnapoorsocapo - Giovedý, 27 Ottobre 2005 - 19:52

Olanda, fiamme nell'aeroporto.

 

Muoiono 11 immigrati

Brucia nella notte l?aeroporto Schiphol di Amsterdam.

Alle fiamme alcune costruzioni prefabbricate usate come centro di detenzione per gli immigrati in attesa di espulsione. Undici i morti e 25 i feriti. ?Tutte le undici vittime erano detenuti? ha detto il sindaco della cittadina olandese, Michel Bezuijen. Dove per ?detenuti? si intende persone in attesa di essere espulse dal Paese perch? con i documenti non in regola o coinvolte nel traffico di droga. Al momento del rogo nel centro di detenzione si trovavano 350 immigrati. Alcuni dei detenuti superstiti hanno raccontato ad una radio olandese che gli agenti di custodia, in un primo momento, non hanno creduto all'allarme che era stato lanciato da alcuni dei reclusi. ?Battevamo sulle porte e gridavamo mentre i locali si riempivano di fumo, ma inizialmente ci hanno ignorato?. Le autorit? hanno promesso un'inchiesta da parte di responsabili estranei alla struttura. Per domare le fiamme sono state necessarie varie ore, durante le quali l?aeroporto ha proseguito la sua normale attivit?.



Leggi tutto... (2655 byte rimanenti) Stampa la notizia: gli immigrati non ci sono solo in italia
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 10 Ottobre 2005 - 15:43

Ciao Loredana. Il seguente scritto ? un p? lungo, ma vale la pena di leggerlo molto attentamente. La Papadopulos ? portavoce di un intero gruppo di medici dell'ospedale di Perth in Australia. Nel 1997, sulla rivista inglese CONTINUUM, apparve questa intervista alla famosa ricercatrice Eleni Papadopulos-Eleopulos e curata dall?altrettanto famosa giornalista scientifica Christine Johnson  Si tratta di un contributo di un?estrema importanza nel campo della ricerca scientifica sull?AIDS (quella autentica che non compare nei mass media della Sanit? business-spettacolo). L?intervista ? stata tradotta non solo in italiano, ma anche in varie altre lingue e ripubblicata su numerose riviste controcorrente in diversi paesi europei. Massimo Trotta

 L?HIV E' LA CAUSA DELL?AIDS?

Un?intervista con Eleni Papadopulos-Eleopulos di Christine Johnson - Traduzione di Fabio Franchi, autore di ?AIDS, la grande truffa?, 1996, casa editrice SEAM, Roma

Cristine Johnson: Eleni, grazie per aver accettato questa intervista.

Eleni Papadopulos-Eleopulos: E? un piacere.

CJ: L?AIDS ? causato dall?HIV?

EPE: Non c?? la prova che l?HIV causi l?AIDS.

CJ: Perch? no?

EPE: Per molte ragioni, ma principalmente perch? non c?? nessuna prova che l?HIV esista.



Leggi tutto... (65535 byte rimanenti) Stampa la notizia: L'HIV ? Causa dell'AIDS?
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 21 Settembre 2005 - 11:22

 

 

Economia ?amaramente delusa?

"Allegoria dell economia"; italia and germania - 1815-28, neue pinakothek, munich

L?economia tedesca ha reagito con profonda delusione all?esito delle elezioni.

Der Spiegel
Traduzione Walter Contu

I capi-rappresentati delle associazioni di categoria hanno messo in guardia, dinanzi ai non chiari rapporti di maggioranza, sulla grande insicurezza e auspicano una ?coalizione della ragione?.La Germania va incontro a tempi difficili.

Berlino ? ?Dal punto di vista dell?industria e dell?economia siamo amaramente delusi? ha detto il Presidente dell' associazione federale dell?industria tedesca (BDI), Juergen Thumann, nell?ARD. Una Grande coalizione si baserebbe solo su un piccolo comune denominatore. ?La Germania sar? pi? difficile da governare? ha detto il presidente della BDI. Nel canale notiziario n-tv egli si appell? all?Unione e alla SPD, di rendersi conto della loro grande responsabilit?, e di fare di tutto per portare avanti le riforme necessarie.

Il capo amministratore delegato della camera dell?industria e commerciale (DIHK), Martin Wansleben, esige ?una coalizione della ragione?. L?associazione a capo del commercio al dettaglio tedesco (HDE) ha richiamato i partiti, ad accordarsi il pi? in fretta possibile su un governo in grado di agire. ?Tutto il resto promette insicurezza, e l?insicurezza ? sempre il peggior compagno per una ripresa economica? ha detto il portavoce Hubertus Pellengahr.

Una ?coalizione della ragione?, pretende anche il capo amministratore delegato dell?associazione federale dell?economia informatica, delle telecomunicazioni e dei nuovi media (BITKOM), B.Rohleder. L?elezione non ha portato il necessario chiarimento dei rapporti politici, per cui deve passare il tempo del blocco. ?Chiunque sia a formare il prossimo governo federale ? le riforme cominciate devono essere accelerate e approfondite?, ha detto Rohleder.

Il presidente dell?associazione federale del commercio all'ingrosso ed estero tedesco (BGA), Anton Borner, ? dispiaciuto, che l?elezione del parlamento non abbia comportato una decisione d?indirizzo. Borner ha detto al ?Tagesspiegel? berlinese, che ?non si pu? evitare una Grande coalizione?. Contemporaneamente egli ? dispiaciuto perch? probabilmente non si compiranno riforme chiare. ?Apparentemente la Germania non ? matura per la modernizzazione. Questo, per le aziende, vuol dire percorrere da sole il cammino?, ha detto.

Il presidente dell?associazione centrale dell'artigianato tedesco (ZDH), Otto Kentzler, ha detto che nessun futuro governo pu? evitare di trovare una soluzione all?urgente problema della disoccupazione. Solo l?artigianato ha perso dal 1997 circa 1,6 milioni di posti di lavoro dotati obbligatoriamente di previdenza sociale.

L?associazione dei datori di lavoro Gesamtmetall pretende dal futuro governo, di riportare la Germania sulla via dello sviluppo e dell?occupazione.

Il direttore dell?istituto dell?economia globale amburghese (HWWI), Thomas Straubhaae, mette in guardia, che la Germania si appresta a percorrere tempi difficili. L?associazione federale dei giovani imprenditori (BJU) si ? espressa in modo scettico riguardo la possibile grande coalizione. ?Questo vuol dire una politica delle riforme a passo di topi,  e questo ? esattamente ci? di cui non abbiamo bisogno? ha detto il presidente federale Karoline Beck.

Le grandi associazioni economiche non hanno fatto mistero di sperare in una coalizione tra CDU/CSU e FDP. Da un?alleanza del genere si promettevano una via di riforme focalizzata.  Di contro, le associazioni hanno in maggioranza messo in guardia verso una grande coalizione, perch? avrebbe difficolt? a percorrere una comune via di riforme.
 
A seguire l'articolo originale in tedesco



Leggi tutto... (4708 byte rimanenti) Stampa la notizia: Germania: Economia amaramente delusa
Inviato da : sidnapoorsocapo - Mercoledý, 15 Dicembre 2004 - 14:21

Quando alla fine saranno solo i soldi e gli interessi del paese, non si scoperchier? il grosso pentolone creato da quest'uomo, e intanto se ne pu? tornare a casa, molti altri non l'hanno fatto sono finiti in mare o sottoterra.

CILE: PINOCHET INCRIMINATO E AGLI ARRESTI

 SANTIAGO DEL CILE - Il giudice Juan Guzman ha stabilito che l'ex dittatore cileno Augusto Pinochet sia processato per il suo presunto coinvolgimento nel Piano Condor, disponendone inoltre gli arresti domiciliari.

Lo ha reso noto oggi lo stesso magistrato. Il giudice Guzman ha precisato che l'ex dittatore e' accusato di essere il mandante di nove sequestri di 'desaparecidos' e dell'omicidio aggravato del militante comunista Ruiter Correa Arce e che entrambe le misure gli saranno notificate nel suo domicilio del quartiere La Dehesa di Santiago.



Stampa la notizia: pinochet
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 28 Luglio 2004 - 00:47

UNHCR, PREOCCUPAZIONE PER LE PROPOSTE DI MODIFICA DELLA LEGGE D'ASILO SVIZZERA

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha reso noto oggi di aver presentato all'Ufficio Federale svizzero per i rifugiati commenti sulle nuove proposte di modifica alla legge d'asilo svizzera, elencando una serie di preoccupazioni relative all'attuale formulazione delle proposte.

L'UNHCR ha precisato che tali commenti sono mirati a contribuire positivamente al processo di elaborazione della nuova legislazione, preservando gli interessi della Svizzera e allo stesso tempo salvaguardando gli standard internazionali riconosciuti sulla protezione dei rifugiati. Tali commenti sono parte della normale attivit? dell'Agenzia ONU per i rifugiati di supervisione dell'implementazione del diritto internazionale dei rifugiati, tra cui la Convenzione sui rifugiati del 1951.

L'UNHCR ha evidenziato la necessit? di mettere in atto sistemi d'asilo efficienti. Tuttavia, l'impegno nel raggiungere questa efficienza non deve inficiare i principi di equit?. L'UNHCR ha osservato che alcune delle proposte formulate dall'Ufficio Federale per i Rifugiati si concentrano sulla restrizione dell'accesso alla procedura d'asilo, e ci? rischia di andare contro lo spirito e le disposizioni della Convenzione del 1951. L'agenzia ha invece suggerito una serie di misure che potrebbero accrescere l'efficienza e allo stesso tempo garantire l'accesso dei richiedenti asilo ad un sistema equo. Leggi tutto..., segue un comunicato sul Ciad.



Leggi tutto... (634 byte rimanenti) Stampa la notizia: UNHCR: svizzera preoccupazione modifica legge asilo
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 02 Luglio 2004 - 18:06



Mohammed Salman
Roma - Artisti contro la guerra

Sono particolarmente grata a Mohammed per aver voluto partecipare alla manifestazione Artisti contro la Guerra a piazza Santa Croce in Gerusalemme di Roma. Il suo ? stato un contributo importante, che nel corso dell'esibizione ci ha introdotti nel sound della musica araba moderna. La sua voce narra musicalmente le gioie, l'orgoglio e il dolore dell'antico popolo in terra di Palestina. Salman ? nato ad aprile del 1978 in Kuwait. Durante la sua infanzia la famiglia di origine palestinese si trasferisce spesso in altri paesi del medioriente, per ragioni di lavoro e per via dei conflitti. Mohammad si trasferisce nel '99 a Nablus dove completa una parte dei suoi studi musicali, e dove d? vita ai suoi primissimi concerti. Dal 2002 ? a Roma, giunto in Italia per seguire un corso di perfezionamento musicale organizzato dalla Regione Lazio. Salman del gruppo di musica araba dei Salam, la voce della Palestina, ? stato ospite della trasmissione "Domenica in", durante la puntata del 14 aprile scorso. Il gruppo dei Salam ? composto da pi? elementi ed accompagnato da alcune danzatrici, che eseguono la danza caratteristica palestinese del Dapka. Una lunga tourn? ha gi? portato Mohammed Salman e il gruppo dei Salam a Brescia per uno splendido concerto. Le prossime nuove tappe musicali, per l'estate 2004, dove potrete ascoltare Salman e i Salam sono: Tarquinia, Pesaro e nuovamente Roma nel mese di luglio. Se organizzate una manifestazione musicale nella vostra citt? e volete invitare Moh' e i Salam, potete contattarli anche tramite questo sito.  



Le foto sono scattate da Carlo Gori, l'amico e regista di Artisti contro la Guerra a Roma.



Stampa la notizia: Mohammed Salman ad Artisti contro la Guerra
Inviato da : compagnodiviaggi-uli - Lunedý, 28 Giugno 2004 - 00:44

E' questo il titolo dell'importante  convegno  tenutosi a  Tempio ( Sassari ), organizzato dall'Una  ( unione  arma  carabinieri )  ed  il  forum Olbia-tempio per la pace  ed  i diritti, tenutosi  il  26\06\2004

da www.lanuovasardegna.it del 27\6\2004 di Piero Mannironi

Tragedie dimenticate e verit? negate Tempio, convegno del ?Forum per la pace e i diritti civili? sull?uranio impoverito TEMPIO. E? un mondo senza voce. O meglio, un pezzo importante di societ? civile che cerca da anni di raccontare drammi e tragedie, pericoli per la salute collettiva e diritti negati. Verit? scomode che, come un fiume carsico, scorrono silenziosamente sotto una dura crosta di indifferenza. Verit? negate contro ogni logica e contro ogni evidenza. Verit? nascoste spesso con l?arroganza del cinismo e con colpevoli omissioni politiche e istituzionali. Questo mondo si ? incontrato nella sala congressi della stazione sperimentale del sughero, a Tempio. Il tema del convegno, ?Libert? di associazionismo - rappresentativa sindacale nelle Forze armate. Uranio impoverito e scorie nucleari: problemi di salute per militari e civili contaminati e conseguenze per l?ambiente?, era una sorta di manifesto. Conteneva infatti problemi drammatici e apparentemente diversi, ma tutti uniti da un filo comune: quelle aree di opacit? che mettono in pericolo principi di democrazia sostanziale.



Leggi tutto... (632 byte rimanenti) Stampa la notizia: Tragedie dimenticate e verit? negate
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro