Documenti

Di seguito c'Ŕ la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome Soggetto: Documenti

Inviato da : edvino.ugolini - Sabato, 05 Novembre 2011 - 17:21

 

 

A  Pier Paolo



Fu durante una lezione

su Cesare Pavese

che seppi della tua morte.

Odiai il tuo carnefice

poi mi accorsi che

lo avevi scelto tu

per porre fine ad un capitolo

ormai chiuso.

Tenere poesie

di canti e campi

di angoli  e focolari spenti

di ritorni e partenze.

Storie di vita di strada

di ragazzi alla deriva

alla ricerca di sé

per due soldi

reclusi in città sorde

ai loro richiami.

La tua vita

si concluse

con la ricerca

di qualcosa che forse

avevi già perduto.


 
Edvino Ugolini

In ricordo di P.P. Pasolini (1922-1975)
nel 36° anniversario della sua morte 2.11.2011


 



Stampa la notizia: Ricordo di Pier Paolo Pasolini
Inviato da : edvino.ugolini - Domenica, 20 Marzo 2011 - 10:51

 

 

Emergenza Nucleare

 

La più grande catastrofe nucleare dopo Hiroshima e Nagasaki, causata questa volta non dall'uomo ma dalla forza incontenibile della natura. Il gigante economico asiatico è in ginocchio.

Oltre a migliaia di vittime il sisma ha provocato danni incalcolabili che neanche una potenza come il Giappone potrà in breve tempo ammortizzare. Ben tre centrali nucleari sono state danneggiate e si teme una catastrofe nucleare pari a quella di Chernobyl in un'area densamente popolata.

Aiuti umanitari stanno giungendo anche dall'estero, soprattutto dalla Cina e dagli Stati Uniti, nemici storici del Giappone. 

Edvino Ugolini

 

GIAPPONE: UN SMS AL 45500

PER DONARE 2 EURO


La Croce Rossa Italiana in sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto e dallo tsunami. Attivata raccolta fondi

 

 bannergiappone_630x108_600

 



Stampa la notizia: Emergenza nucleare
Inviato da : Lunadicarta - Giovedý, 29 Gennaio 2009 - 12:00

The final statement in Arabic and  English (italian coming soon)

البيان الختامي بالعربي و الانجليزي

 

نص البيان الختامي

 لمنتدى بيروت العالمي للمقاومة

 ومناهضة الامبريالية والتضامن بين الشعوب والبدائل

قصرالاونيسكو - بيروت 16-17-  18 كانون الثاني -2009

 

بمبادرة من المركز الاستشاري للدراسات والتوثيق وبالتعاون مع التجمع الوطني لدعم خيار المقاومة في لبنان والحملة الدولية ضد الاحتلال الاميركي والصهيوني (مؤتمر القاهرة) والمنتدى العالمي لمناهضة الامبريالية والتضامن بين الشعوب (مؤتمر كالكوتا-الهند) وحملة "أوقفوا الحرب" (لندن). ومشاركة حوالي أربع مئة وخمسين هيئة دولية وعربية وشخصيات وحركات اجتماعية من 66 بلداً، انعقد في قصر الاونيسكو - بيروت منتدى "بيروت العالمي للمقاومة والتضامن بين الشعوب ومناهضة الامبريالية البدائل"  وذلك في 16-17-18 كانون الثاني 2009.

وقد جاء هذا المؤتمر متزامناً مع العدوان الإرهابي الإجرامي الذي قامت به "إسرائيل" ضد الشعب الفلسطيني في غزة ، وفي وقت يمر فيه العالم بأزمات مالية واقتصادية وسياسية ناجمة بالدرجة عن سياسات الحرب والهيمنة، ليؤكد على إمكانية قيام عالم آخر بديل تسوده مبادىء احترام الإنسانية جمعاء والدفاع عن المستضعفين والمقهورين في العالم.

 

في الحقوق والمبادئ:

يؤكد المنتدى على اهمية الحقوق التالية في بناء عالم بديل:

·    حق الشعوب بالمقاومة بوصفها مبدأً وخياراً وثقافة لا يمكن المساومة عليه، ورهانا أساسيا  لانعتاق الشعوب ورفض سياسة الأمر الواقع التي يفرضها النظام الدولي، والسبيل الرئيس لحماية المنجزات الاجتماعية.

·    إن معركة المقاومة في مواجهة الاحتلال هي جزء لا يتجزأ من المعارك التي يخوضها أحرار وثوار العالم لمواجهة الامبريالية والنيوليبرالية، وسياسات العسكرة والهيمنة، وتدمير المنجزات الاجتماعية التي تحققت عبر مسار يزيد عن مئتي عام من النضال المطلبي.

·    التأكيد على  حق الشعوب بالسيادة على ثرواتها الطبيعية وعلى أدارة  شؤونها وفق مبدأ التضامن بين الشعوب والعمل على تشكيل بدائل في مواجهة دكتاتورية الأسواق وسياسات هدر الحقوق من قبل بعض المنظمات المالية الدولية.

·    حق الشعوب بالسيادة الغذائية والصحة والتعليم والإبقاء على هذه الحقوق خارج اعتبارات السوق، وأن تشمل الممارسة الديمقراطية الجانب الاقتصادي.

·        رفض التنميط الفكري والثقافي، والاعتراف بحق الاختلاف الثقافي والعقائدي.

·    أن تطوير وتعميم مناهضة العولمة النيوليبرالية، والاتجاه نحو عالم أكثر تضامنا وإنسانية، يفترض عدم الركون إلى هيمنة الدول الصناعية الكبرى، والعمل على بناء محور آخر بين شعوب الشمال والجنوب ( أميركا الجنوبية، المنطقة العربية الإسلامية، آسيا، أفريقيا )، للوصول إلى علاقات متكافئة على المستويين السياسي والاقتصادي.

 

في المقررات والتوصيات:

إذ يحي المشاركون في المنتدى المقاومة الفلسطينية وصمود أهل غزة، فإنهم يدينون "إسرائيل" على إرهابها المستمر وجرائمها المتمادية وانتهاكها للأعراف والقيم الإنسانية ويودعون في هذا المجال إلى ما يلي:

1-     فرض عقوبات صارمة على "إسرائيل" من بينها: قطع العلاقات وإلغاء المعاهدات وفرض حظر على بيع السلاح وصولاً إلى المقاطعة الشاملة.

2-     دعوة الاتحاد الأوروبي إلى وقف التعاون الاقتصادي والسياسي والثقافي مع "إسرائيل" وإلغاء الاتفاقيات معها.

3-     دعم الرئيس الفنزويلي هوغو شافيز والرئيس البوليفي موراليس في خياراتهما الحاسمة في دعم حق الشعوب بالمقاومة.

4-     إعادة الاعتبار إلى قرار الأمم المتحدة 3379 الذي  يساوي بين الصهيونية والعنصرية والعمل على طرد "إسرائيل" من الأمم المتحدة.

5-  عقد مؤتمر دولي لتوثيق جرائم الحرب والجرائم ضد الإنسانية والبيئة التي تقوم بها "إسرائيل" ومحاكمة قادتها جماعياً وإفراديا، لاسيما على جرائمها في غزة وجنوب لبنان.

6-     دعم المقاومتين اللبنانية والفلسطينية في مواجهة الاحتلال الصهيوني ، والمقاومة العراقية في مواجهة الاحتلال الاميركي .

7-      متابعة وتفعيل الرأي الاستشاري الصادر عن محكمة العدل الدولية بخصوص جدار الفصل العنصري في الأراضي الفلسطينية.

8-     التأكيد على متابعة محكمة الضمير العالمية لاقامة دعاوى جزائية بحق مجرمي الحرب الاسرائيليين في الدول الأوروبية.

9-  قيام رابطة برلمانية عالمية للدفاع عن حقوق الشعوب في المقاومة وتقرير المصير ومقاومة العدوان، وتفعيل الأطر البرلمانية القائمة وتوسيعها والدعوة إلى الانتساب إليها.

10- إنشاء شبكة إعلامية من اجل الحقيقة هدفها تعميم المعلومات عن "إسرائيل" وجرائمها بعدة لغات.

11- العمل على ملاحقة الدول والشركات التي تبيع أسلحة إلى "إسرائيل"، ومحاكمة القيمين عليها، والدول التي تسهل نقل هذه الأسلحة.

12- إطلاق حملة دولية لإعادة إعمار غزة ورفع الحصار عنها وإطلاق الأسرى.

 

كما اتفق المنتدون على ما يلي:

1-    رفض الاتفاقيات والسياسات الدولية التي تسمح بتحكم الشركات الكبرى بأسواق الغذاء.

2-  التأكيد على أن قضية الفقر والجوع هي قضية سياسية بالدرجة الأولى ولا يمكن معالجتها، إلا وفق أسس جديدة لإدارة الموارد الطبيعية تستلهم القيم الاجتماعية والثقافية والدينية ولا تخضع لعوامل السوق.

3-    التأكيد على أهمية التجارة المتكافئة والتعاون الشامل بين دول الجنوب.

4-    إيجاد إطار عالمي للتنسيق بين الهيئات المحلية لتعزيز التنمية وتوثيق الدعم المتبادل أثناء الحروب العدوانية والأزمات.

5-    التصدي للمحاولات الأميركية الصهيونية لإفراغ القانون الدولي العام والإنساني من محتواه وخاصة ما يتعلق منه بتأييد قضايا الشعوب وحقها في تقرير مصائرها. وحماية المقاومة والحض على مساعدتها ورفض وسمها بالإرهاب.

6-    دعم حق إيران في امتلاك برنامج نووي سلمي حسب المعايير الدولية.

7-    رفض السياسة الأميركية القائمة على التهديد بالحرب خاصة  ضد إيران واستهداف سوريا والسودان عسكرياً واقتصادياً.

8-    التأكيد على دعمنا للشعب العراقي في مقاومته الاحتلال والحفاظ على وحدته وحريته وتحرير معتقليه.

9-    حق الشعب الافغاني في مقاومة الاحتلال الاميركي والاطلسي وحريته وحقه في تقرير المصير.

10-الدعوة إلى فك الحصار عن كوبا وإطلاق سراح الأسرى  الكوبيين الخمسة في السجون الأميركية. ووقف استهداف فنزويلا وحركات التحرر في أميركا.

11-  الدعوة الى أوسع مشاركة في اجتماع دوربان الثاني الذي سيعقد في نيسان 2009 في جنيف، وإلى أوسع مشاركة أيضاً في مؤتمر القاهرة الذي يعقد في أواخر آذار 2009.

12-يطمح المشاركون الى تحويل منتدى بيروت العالمي الى منتدى دائم ينعقد دورياً.

 

 

Closing Statement of

The Beirut International Forum for Resistance, Anti-Imperialism Solidarity between Peoples and Alternatives

UNESCO Palace – Beirut

January 16, 17 & 18th, 2009

 

Upon the initiative of the Consultative Center for Studies and Documentation in Beirut and in collaboration with the National Gathering to Support the Choice of Resistance in Lebanon, the International Campaign against American and Zionist Occupation (Cairo Conference), the International Anti-Imperialist and Peoples' Solidarity Forum (Calcutta Conference - India), and the “Stop War Campaign” (London), with the participation of around 450 international and Arab bodies, in addition to social movements and figures from 66 countries, “The Beirut International Forum for Resistance, Anti-Imperialism, Solidarity between Peoples, and Alternatives” was held at the UNESCO Palace on January 16th, 17th and 18th, 2009.

 

This forum coincided with the terrorist and criminal attack launched by “ Israel ” against the Palestinians in Gaza , at a time when the whole world is facing financial, economic and political crises resulting mainly from the policies of war and hegemony. The forum aimed at reinforcing the possibility of building an alternative world based on the principles of respecting humanity as a whole and defending the vulnerable and oppressed in the world.

 

Rights and principles:

The Forum reinforces the importance of adopting the following rights in building the alternative world:

·        The right of peoples to resistance as an inalienable principle, choice and culture, a primary condition to peoples’ freedom and the rejection of the imposed policy of the world order, are the only way to protect social achievements.

·        The resistance against the occupation is an integral part of the world’s liberal and revolutionary movements’ fight against imperialism and neoliberalism, hegemony and militarization policies, and the destruction of social achievements accomplished throughout more than two-hundred years of righteous struggle.

·        Reinforcing the right of peoples to sovereignty over their natural resources, to the management of their own affairs, based on the principle of solidarity between peoples and creating alternatives enabling them to face markets dictatorship and rights violating policies adopted by some international financial organizations.   

·        The right of peoples to food sovereignty, health and education; these rights should stay above all market considerations while democratic practices should embrace the economic axis.

·        The rejection of intellectual and cultural stereotyping and the recognition of the right to intellectual and religious differences.

·        Developing and disseminating the fight against neoliberal globalization, and working for a world with more solidarity and humanity which requires the rejection of the big industrial countries hegemony and building another axis between the North and the South (South America, the Islamic Arab region, Asia and Africa ) in order to reach equitable political and economic relations.

 

Decisions and recommendations

The participants to the forum salute the Palestinian resistance and the endurance of the citizens of Gaza , condemn “ Israel ” for its continuous terrorism, its horrifying crimes and violations of human customs and values, and call for:

1- Imposing strict sanctions on “ Israel ” to include: severance of diplomatic relations, abolishing treaties and imposing an embargo to selling arms covering the whole district.

2- Calling the EU to put an end to the economic, political and cultural cooperation with “ Israel ” and to abolish treaties signed with it.

3- Supporting the Venezuelan president Hugo Chavez and the Bolivian president Morales for their decisive decisions in supporting the rights of peoples to resistance.

4- Reinstating UN resolution 3379 which considers that Zionism is a form of racism and expel “ Israel ” from the UN.

5- Organize an international conference to document Israel ’s war crimes and crimes against humanity and the environment, prosecuting its leaders collectively and individually particularly for their crimes in Gaza and South Lebanon .

6- Supporting the Lebanese and Palestinian resistance in their struggle against the Zionist occupation, and the Iraqi resistance in its fight against the American occupation.

7- Following-up and activating the advisory opinion of the International Criminal Court about the Apartheid Separation Wall in the Palestinian territories. 

8- Insisting on the follow-up of International Citizens' Tribunal to criminally prosecute the Israeli war criminals in European countries.

9-  Creating a global parliamentary league to defend peoples’ rights to resistance, self-determination and resistance to aggression; activating and broadening existing parliamentary frameworks and calling for more members to join.

10-  Creating a media network for the truth aiming at disseminating all information regarding “ Israel ” and its crimes, in as many languages as possible.

11-  Prosecuting countries and companies selling weapons to “ Israel ” and bringing all their leaders to justice, in addition to countries facilitating the transfer of these weapons.

12- Launching an international campaign for the reconstruction of Gaza, lifting Gaza’s siege and freeing all prisoners.  

 

Participants agreed on the following:

1- The rejection of international agreements and policies allowing big companies to control food markets.

2- Emphasizing on the fact that poverty and starvation are mainly a political issue that cannot be solved unless new principles are adopted in the management of natural resources based on social, cultural and religious values unaffected by the market’s considerations.

3-  Reinforcing the importance of South-South equitable trade and comprehensive cooperation.

4- Establishing a global coordination framework between local authorities in order to promote development and strengthen mutual support in times of aggressions and crises.

5- Face all American and Zionist attempts to cripple the Public International Law and human rights, especially with regards to peoples’ causes and right to self-determination; protect and help resistance movements and reject their classification as terrorists.

6- Support the right of Iran to develop a peaceful nuclear program according to the international standards.

7- Reject the American policy that is based on war threats, especially against Iran , and that targets Syria and Sudan both militarily and economically.

8- Reinforcing our support to the Iraqi people in its fight against occupation and its efforts to maintain the country’s unity and freedom, and liberate all prisoners.

9-  The right of the Afghani people to fight against NATO and the American occupation, and its right to freedom and self-determination.

10- Call for lifting Cuba siege and freeing the five Cubans held in American prisons; and stop targeting Venezuela and liberation movements in America .

11- Call for the biggest participation in the Durban II conference to be held in April 2009 in Geneva , and the Cairo conference to be held at the end of March 2009.

12- Participants are seeking to make the Beirut International forum a recurrent periodical event.

 



Stampa la notizia: Beirut International Forum for Resistance, Anti-Imperialism Solidarity between Peoples and Alternatives - final statement
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 02 Aprile 2008 - 03:31

   
 Cari Amici,

dopo una lunga, lunghissima assenza, Bloggersperlapace riprende ad estendere la propria voce di comunit?, con il segnalarvi una iniziativa sana e civile nata dalla rete. Oggi stesso ho aderito  all'iniziativa del Blog Action e sono stata accolta affettuosamente dai suoi 70 membri e dalla fondatrice Francesca Sanzo. Ritengo, infatti, che ogni forma di aggregazione del web, che tragga spunto dalla condivisione e dalla discussione civile sulle problematiche inerenti al nostro sociale e al mondo politico italiano sia una "cosa sana". Soprattutto in clima elettorale.
A quanto ho letto, la loro esperienza ? simile a quella dei Bloggersperlapace e so che si interrogano sulle nostre stesse problematiche di allora. Il mio invito e il mio sostegno personale vada a coloro, che si sentono ancora incerti sul proprio ruolo sociale: essere Cittadini ? un diritto garantito dalla Costituzione Italiana. Far valere la propria voce e rivolgere i propri interrogativi al mondo politico ? l'Impegno di ogni singolo nella rete. In bocca al lupo allora! E buon lavoro...

Bloggersperlapace, la comunit? degli Artisti contro le guerre, sta lavorando per regalare a tutti Voi una grande sorpresa, che Vi daremo prestissimo...

Di seguito il testo dell'Appello ed un abbraccio forte a Tutti dalla vostra

Lunadicarta aka Lu'


 

Blog action

BLOG ACTION 2 APRILE 2008

Ai partiti politici,

ai politici italiani,

agli organi di informazione,

alla cittadinanza tutta

Questa lettera nasce da uno sforzo collettivo di cittadini italiani della Rete, che si sono confrontati in maniera concreta e proficua usando i mezzi offerti dal social network e partendo da un approccio comune e condiviso, al di l? dell?appartenenza politica di ciascuno, per agire attivamente nell?attuale contesto politico e socioculturale.Vogliamo richiamare l?attenzione di chi ci governa, degli organi d?informazione e delle istituzioni verso quelli che dovrebbero essere i principali obiettivi di una politica civile, etica e basata sul bene comune.

La tutela dei valori costituzionali del nostro Paese: laicit? dello Stato; diritto al lavoro e alla sicurezza sul lavoro; diritto di scelta per la propria salute e tutela della stessa, per tutti; informazione libera, pluralista e basata sulle interazioni.
L?adempimento del mandato elettorale per il quale si viene eletti e del quale i cittadini elettori sono costantemente giudici. Tale adempimento dovrebbe rappresentare una condizione minima, senza la quale ?fare politica? diventa semplicemente un modo per raggiungere obiettivi personali e di potere.
La risoluzione di emergenze sociali, tra cui (ne citiamo solo alcune): impatto ambientale dei rifiuti; sistema della Sanit?; aiuti alle famiglie e tutela della maternit?, attraverso sussidi e asili nido in numero sufficiente; sistema dell?Istruzione e della scuola e scollamento tra questo e il mondo del lavoro; precariet? diffusa e formalizzazione del salario minimo legale.
L?attuazione di riforme politiche non pi? procrastinabili, quali: l?immediata risoluzione del conflitto d?interessi; una seria riforma del sistema elettorale che impedisca le nomine dall?alto dei parlamentari attraverso l?indicazione della propria preferenza sulla scheda; la decisione sulla non eleggibilit? di cittadini, se condannati in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale.

Crediamo che fare politica, nel senso etimologico e pi? nobile del termine, comporti soprattutto fornire un esempio etico, culturale e di seriet? ai cittadini che si governano, e che costituisca un ruolo da non sperperare in inutili e volgari liti, dichiarazioni razziste, aggressioni fisiche; questi comportamenti impoveriscono tutti, sia in un contesto interno alla nazione, sia rispetto all?immagine che essa deve offrire al resto del mondo.

Dal momento che Voi siete chiamati a rappresentarci, dovreste porvi come portavoce di coloro che vivono la realt? quotidiana e trasmettono le sue problematiche concrete.

Pretendiamo che la politica torni a essere un servizio alla collettivit? e che nel fare questo rispetti alcuni precisi standard di correttezza, buona educazione civica, coerenza e chiarezza.

Noi non siamo solo numeri.
Non vogliamo assistere impotenti alla banalizzazione delle parole che non si trasformano in fatti coerenti e responsabili.
Noi siamo quelli che votano. Quelli che scelgono. Quelli che criticano. Quelli che domandano. Quelli che giudicano.

Noi siamo coloro a cui dovete rispondere del Vostro operato, ogni giorno, in qualsiasi momento.
Attueremo un controllo serrato sulle azioni della prossima legislatura e daremo ampio risalto sui nostri blog di ci? che di buono e di cattivo verr? fatto.

Siamo in grado di criticare l?informazione, di valutare l?attuazione del programma elettorale, di giudicare sui fatti e non sulle promesse e sulle favole.

http://blogaction.wordpress.com/



Leggi tutto... (10 byte rimanenti) Stampa la notizia: Bloggersperlapace al Blog Action del 2 Aprile
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 17 Giugno 2005 - 15:48

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

Si riportano di seguito le modalit? dello sciopero dei giornalisti:
 
i giornalisti dei quotidiani del mattino si asterranno dal lavoro nella giornata di venerd? 17 giugno per impedire l?uscita dei quotidiani nella giornata di sabato 18 giugno;

i giornalisti dei quotidiani del pomeriggio si asterranno dal lavoro nella giornata di sabato 18 giugno per impedire l?uscita dei quotidiani nello stesso giorno;

i giornalisti dei quotidiani che non escono il sabato (free press) si asterranno dal lavoro nella giornata di gioved? 16 giugno in modo da impedire l?uscita dei quotidiani nella giornata di venerd? 17;

i giornalisti delle agenzie di stampa, dei service, delle strutture sinergiche nazionali e locali, dei giornali telematici, dei siti web e dei portali internet  si asterranno dal lavoro dalle ore 07.00 di venerd? 17 alle ore 07.00 di sabato 18 giugno;

i giornalisti free-lance, i collaboratori ed i corrispondenti e i giornalisti degli uffici stampa si asterranno dal lavoro per l?intera giornata di venerd? 17 giugno;

i giornalisti dei settimanali, degli infrasettimanali e dei mensili si asterranno dal lavoro venerd? 17 giugno;

i giornalisti dell?emittenza radiotelevisiva pubblica e privata analogica e digitale, nazionale e locale, e dei canali tematici satellitari legati o no a network terrestri si asterranno dal lavoro a partire dalle ore 06.00 di luned? 20 giugno alle ore 06.00 di marted? 21 giugno.

Nel corso dello sciopero, nelle emittenti radiotelevisive, saranno assicurati soltanto i notiziari in forma ridotta previsti da eventuali accordi aziendali. Le ARS potranno, in casi particolari, concedere deroghe alle emittenti locali per permettere l?emissione di una finestra informativa, di non pi? di 5 minuti, nel corso della quale dovr? essere data lettura dei comunicati sindacali. Pertanto, non andr? in onda nessuna trasmissione o rubrica giornalistica, n? andranno in onda trasmissioni registrate in giornate precedenti, che abbiano come conduttori o protagonisti giornalisti, n? avvenimenti sportivi con la cronaca di giornalisti. In ogni caso sar? assicurata la presenza dei comitati di redazione in tutte le redazioni al fine di predisporre notiziari straordinari in presenza di eventi di particolare gravit? e interesse per l?utenza.
Per impedire recuperi di produttivit? i Comitati di redazione potranno proclamare, ove necessario, lo stato di agitazione ed il blocco degli straordinari nei giorni precedenti e successivi.

Roma, 13 giugno 2005. Prot.  n. 140/C



Leggi tutto... (3605 byte rimanenti) Stampa la notizia: ADESIONE SCIOPERO STAMPA ITALIANA
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 20 Maggio 2005 - 14:59





Maratona blogtv per il Referendum


Carissimi Amici,

la community Bloggersperlapace aderisce all'iniziativa sul referendum e la vs Lunadicarta parteciper?, via blog tv, al dibattito sulla Procreazione Assistita e il referendum sulla legge 40 negli Studi di Nessuno Tv.
L'ho appena confermato a Giuliano Gennaio, che ringrazio.
La mia ? una posizione assolutamente femminista, ma non vi anticipo nulla, invitandovi a seguire la diretta via web domani pomeriggio.

Segui la Diretta via Web

Leggi chi ha aderito



Per dovere di cronaca vi posto questa immagine, che ? stata scattata ad un feto abortito di 8 settimane invitandovi a vedere le altre
www.econac.net/ Aborto2.htm



Stampa la notizia: MARATONA BLOG TV SUL REFERENDUM
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 30 Aprile 2005 - 08:21


Cari Amici,

ho il piacere di informarvi che questo sito ha raggiunto i 100.000 ingressi!


Il mio pi? sincero ringraziamento va a tutti i bloggers ed agli amici e artisti, che da sempre collaborano con noi.
Un ringraziamento va alle Associazioni con le quali collaboriamo stabilmente: gli Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese, Ufficio Informazione per il Kurdistan in Italia, Europalevante, Nuove Resistenze di Torino, Vortici di Trieste, InQuieteTempestePoetiche e Versitudine di Bologna, Ecoteca di Pescara, l'Associazione Mediterraneo, Un Ponte Per e a Tutti gli amici della Rete Artisti contro le guerre.

Per questo importante risultato un ringraziamento va a tutti i siti e ai blog, che ci linkano ed ai blog aggregator, che ci mettono in comunicazione gli uni con gli altri.
Un web ringraziamento speciale va agli amici di Uruknet (
www.uruknet.info), a Peacelink (www.peacelink.it), al Comitato la Nostra Citt? di Messina (www.infocontro.it), al Collectif Bella Ciao di Parigi (www.bellaciao.org), a Contropiano (www.contropiano.org) e a Tribu Ribelli (www.triburibelli.org), ai cui siti siamo idealmente gemellati.
Ringrazio personalmente tutti gli amici giornalisti degli uffici stampa di Camera e Senato dei Verdi, di Rifondazione Comunista, dei Comunisti Italiani, della Margherita, dei DS, del Comune di Roma e di altri enti pubblici e ministeri e i pi? vicini uffici stampa nell'associazionismo e nella vita sindacale. Ringrazio inoltre tutti i giornalisti, che hanno parlato di noi e i fotografi, che hanno immortalato i nostri momenti pi? belli.
Un abbraccio specialissimo ai mitici: Tiziano Belli aka Sidnapoorsocapo
, vicepresidente dell'Ass.ne Argon, Riccardo Sanfilippo aka Bimbo Bello di http://artistsnowartorino.clarence.com e ad Edvino Ugolini (www.edvinougolini.it), membro fondatore della Rete Artisti contro le guerre, al regista Simone Barbuti aka barbutONE, Stella Cappellini e Pino De March, e ai nostri web master Andrea e Simone.

Sono in partenza e corro, se ho dimenticato di citare qualcuno non me ne voglia, perch? ho sicuramente gi? scritto di lui.

Loredana Morandi
Presidente Ass.ne ARGON - Bloggersperlapace
Rete Artisti contro le guerre



Stampa la notizia: 100.000 ingressi: Grazie!
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 10 Aprile 2005 - 11:25




DoCumenTaRIO da Ballar?

Ecco qui per voi il Documento del meritatissimo e Rio Tonfo numerico politico. A cura del regista Simone Barbuti il documentario dalla storica trasmissione Ballar?, per rammentarvi i dati sensibili della caduta del centro destra italiano sulle Amministrative 2005. Se hai l'adsl ...

CLICCA QUI E VEDI IL FILMATO



Stampa la notizia: Documentario da Ballar? di Simone Barbuti
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 21 Marzo 2005 - 21:15









Ancora due bellissime foto scattate durante la marcia all'altezza di via Cavour, che mi spedisce la fotografa Laura Montanari. Le altre due, che mi ha spedito Laura sono sul blog "lunadicarta.ilcannocchiale.it. Ringrazio Laura a nome di tutti noi ed anche da parte della manifestante "timida", finita dietro lo striscione nell'allegrezza generale. Seguono alcuni documenti conclusivi dai gruppi del Comitato organizzatore ai quali mi permetto di aggiungere, che personalmente sono molto contenta della riuscita della manifestazione stante il primigenio e inaspettato casino. E' stato davvero un piacere incontrare gli amici di Nuove Resistenze, i ragazzi di Artists Against Wars di Torino Venaria, e partecipare con loro all'improvvisato corteo nei vicoli verso i luoghi del "potere" e cantare slogan sotto casa del signor B!



Leggi tutto... (7555 byte rimanenti) Stampa la notizia: La marcia di bloggersperlapace
Inviato da : Lunadicarta - Lunedý, 21 Marzo 2005 - 15:53






CIAO COMPAGNA,

come vedi ti ho allegato la foto scattata oggi pomeriggio alla manifestazione. CIAO

SALUTI COMUNISTI
Cubano23

Grazie mille Compagno, non potevi farmi sorpresa pi? gradita!
Lu'



Leggi tutto... (414 byte rimanenti) Stampa la notizia: NO WAR 19 MARZO le FOTO!!
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 26 Febbraio 2005 - 15:23

La comunit? dell'Ass.ne Argon Bloggersperlapace.org e la Rete Artisti contro le guerre promuovono:


Roma 19 marzo con Bloggersperlapace.org

Giornata mondiale contro la guerra
il 19 marzo

Manifestazione nazionale a Roma
(partenza ore 15.00 piazza della Repubblica)



NOI ci vediamo alle 14.30 lato chiesa

Via subito le truppe dall?Iraq
Fermiamo la guerra infinita
Libert? per il popolo iracheno

A due anni dall'invasione dell'Iraq, visti i pericoli dell?escalation della guerra permanente In Medio Oriente , stante quanto ? stato ribadito e rilanciato dai movimenti sociali nel Forum Sociale Mondiale a Porto Alegre, fa appello ad una straordinaria manifestazione globale il 19 marzo.

Il movimento internazionale contro la guerra esige oggi pi? che mai la fine dell'occupazione dell'Iraq. Esige che gli USA cessino di minacciare la Siria, l'Iran, il Venezuela, Cuba ed altri paesi. Sostiene il diritto dei palestinesi all'autodeterminazione e ad una pace fondata sulla giustizia.

I movimenti contro la guerra si stanno impegnando per stabilire maggiori contatti con le forze che resistono contro l'occupazione in Iraq e in Medio Oriente. I movimenti contro la guerra che si sono sviluppati a livello mondiale appoggiano il diritto del popolo iracheno a resistere contro l'occupazione. In questo senso condividiamo la proposta di organizzazione di una conferenza - da tenersi fuori dall'Iraq occupato - di tutti i diversi gruppi e delle forze antioccupazione dell'Iraq per confrontarsi  anche con il movimento internazionale contro la guerra.

Le elezioni tenutesi in Iraq hanno rivelato sia la loro manipolazione sia la loro incapacit? di essere un reale elemento di ricomposizione popolare di un paese occupato militarmente ed hanno reso ormai evidente il progetto di balcanizzazione del paese.  Le elezioni non hanno affatto portato alla normalizzazione mentre l'occupazione ha trasformato l'Iraq in un mattatoio in cui imperversano le truppe occupanti, i mercenari e gli squadroni della morte. E' in questo contesto che giornalisti scomodi scompaiono. vengono uccisi o intimiditi ogni volta che cercano di far luce sui crimini di guerra e su quanto ? avvenuto a Falluja. E' il caso di Giuliana Sgrena del Manifesto e prima di lei dei giornalisti francesi, dei giornalisti di Al Jazeera, di Baldoni o delle cooperanti del Ponte Per. La ritirata dei giornalisti italiani dall?Iraq ? un primo effetto di questa situazione.  Un effetto speculare a quello della legge sul codice militare di guerra che minaccia con pene pesantissime i giornalisti che rivelano notizie rilevanti sulle missioni militari italiane. E? ormai chiaro che su quanto accade sui teatri di guerra non vogliono pi? testimoni. La sorte di Giuliana Sgrena come la libert? d?informazione dipende dalla costanza e dall?ampiezza della mobilitazione popolare che si oppone all?interventismo militarista del governo. Facciamo di tutto per contribuire a liberarla.

Riteniamo necessario combattere tutti gli aspetti del sistema mondiale di guerra. L'integrazione dell'Italia nel sistema della guerra permanente, ? quanto venuto configurandosi negli ultimi anni. E' un sistema che prevede l'invio di soldati all'estero per missioni militari mascherate da operazioni di pace o guerre "umanitarie"; che utilizza le basi militari USA e NATO nel nostro paese come strumento operativo della guerra preventiva, includendovi - come ? stato recentemente confermato - anche le armi nucleari operative nelle basi di Ghedi ed Aviano; che vede crescere sistematicamente le spese militari e per la "sicurezza" sottraendo alle spese sociali; che privilegia lo sviluppo della ricerca e degli investimenti nell'industria bellica; che vara leggi liberticide contro la libert? di informazione, di associazione e di manifestazione.

E' questo sistema di guerra che dobbiamo combattere anche in Italia per indebolire qui da noi gli interessi e le basi materiali della guerra infinita contro gli altri popoli e paesi. E' la sfida democratica, quella per una politica opposta alla ideologia della guerra, quella che il movimento lancia a tutti i soggetti in campo.

E per questi motivi che appoggiamo i militari che si rifiutano di andare in guerra e difendiamo gli attivisti perseguitati perch? si sono attivati contro la guerra bloccando i treni, i porti e le strade su cui transitavano gli armamenti destinati al mattatoio iracheno.

Il 19 marzo prossimo, secondo anniversario dei bombardamenti sull'Iraq, il movimento contro la guerra riempir? le piazze delle principali citt? degli Stati Uniti e delle capitali nel resto del mondo. In Europa, a Londra e a Roma, le manifestazioni assumono particolare importanza perch? i due governi sono direttamente impegnati nell?occupazione dell?Iraq.

Chiamiamo i movimenti pacifisti, antimilitaristi, antimperialisti, le forze sindacali, politiche, sociali, i soggetti della cultura e dell'informazione, a mobilitarsi il 19 marzo a Roma in una grande manifestazione nazionale

1) per esigere subito il ritiro delle truppe di occupazione dall'Iraq

2) per ribadire la sovranit? dell?Iraq e la legittimit? della resistenza all?occupazione militare

3) per animare anche in Italia la campagna internazionale contro le basi militari USA e NATO e lo smantellamento delle armi nucleari installate nelle basi in Italia

4) per rilanciare le campagne per il disarmo nucleare, contro la produzione e l?export delle armi, per la riduzione delle spese militari

Adoperiamoci in ogni ambito nelle prossime settimane per preparare con incontri, sit in e manifestazioni locali la giornata mondiale contro la guerra, affinch? il 19 marzo ci sia una nuova grande manifestazione nel nostro paese. I governi della guerra devono trovarsi nuovamente la strada sbarrata dal popolo della pace. Se non ora, quando?

Il Comitato promotore
della manifestazione del 19 marzo

per adesioni:
argonews@argonews.it



Stampa la notizia: 19 MARZO 2005 CONTRO LA GUERRA ALL'IRAQ
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 23 Febbraio 2005 - 14:35

Post da bloggerperlapace, italian weblog community activist for peace, justice and human rights!


URUKNET.INFO CENSURATO !?

Ok, ok sono in ritardo ma per fare un po' di sanissima protesta con Google c'? sempre tempo. In fondo, come vedrete, non ? tutta colpa loro ... Ora vi faccio vedere come si fa un vero post da blogger e ..., come si dice, votate anzi firmate la letterina a sostegno per gli italianissimi amici di www.uruknet.info, cui va tutta la nostra solidariet?!
Michelle MalkinUruknet ? in assoluto uno dei siti pi? informati sulla questione irachena, pubblica in almeno 3 lingue e con il traduttore on line si pu? leggere in 6 lingue straniere e in italiano.
Oggi, dopo la deportazione dei giornalisti italiani dall'Iraq occupato, una voce come la loro ? fondamentale, perch? capace di raccogliere e rendere la pi? ampia informazione sul vissuto quotidiano del martoriato paese. Il lavoro dei nostri amici ? semplice: la loro ? una rassegna stampa nazionale ed internazionale sull'Iraq, che non tralascia i blog e i siti di controinformazione, l? dove possibile, restituendo ai numerosissimi suoi lettori l'intero panorama degli eventi iracheni, che per ragioni ovvie non pu? essere riflesso nel singolo commento di un opinionista o nella notizia di un solo giornalista.
Oggi sembra che i nostri amici di Uruknet.info siano stati attaccati da una blogger journalist della Fox news: Michelle Malkin che, pur di acchiappare un altro po' di ingressi al suo blogghino bello e un riflettore su se stessa, ha "fulminato" il news site
www.Uruknet.info con uno dei suoi noti strali, criticando l'operato di Google sulla recensione degli articoli e del sito, ed ottenendo una sorta di censura dal motore di ricerca ai danni di uruknet.info
Leggete qui che  
storia ! 
Santa Pace! Che strazio questi blogger a stipendio!!!
Michelle: don't break our "bip" !
C'? da dire che Michelle Malkin ? una bella ragazza e, come tale, soffre terribilmente se qualcuno osa non occuparsi di lei. In rete infatti ? famosissimo il suo thread (un web litigio) con un altro blogger journalist, per saperne di pi? sulla Michelle potete leggere due interessanti articoli da
pabloonpolitics e dalla "Voce di Aztlan", la vignetta invece gliela regaliamo noi. Secondo me aspira al bestiario di bush, ma ? troppo presto per dirlo.
Ad ogni modo 75 manifestanti con tanto di cartello alla presentazione del suo libro non sono poca cosa. Un bel record personale ... (vedi l'articolo che segue dal The Daily Californian)
Kurt Nimmo, foto giornalista e blogger famoso, ha gi? detto di lei: "Obviously, Google ? even with its momentary lapse of judgment ? is able to do what Michelle Malkin cannot: tell the difference between a blog and a news site..."
Insomma: una che sa tutto della rete e non distingue un sito di informazione da un blog. Allora glielo facciamo vedere noi! Dateci sotto e scrivete !!!
E... copiaincollate pure tutto quello che vi piace... 

Loredana Morandi
journalist & blogger - Rome Italy

SCRIVI A GOOGLE 
CLICCA QUI !



Leggi tutto... (7778 byte rimanenti) Stampa la notizia: URUKNET UN AIUTO SUBITO!!!
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 18 Gennaio 2005 - 10:20






Bloggersperlapace
AntiWar Point in Rome

10 days hunger strike



UPDATE: A SEGUITO DEL RAPIMENTO DEL VESCOVO CALDEO A MOSUL DA OGGI STESSO LO SCIOPERO DELLA FAME E' DEDICATO ANCHE ALLA PARTICOLARE INTENZIONE PER IL FELICE RITORNO A CASA DELL'UOMO DI FEDE

Grande l'affluenza di persone domenica mattina al presidio permanente contro le guerre a piazza Venezia. Moltissimi hanno accettato di concedere una intervista e dare il proprio parere su quanto accade in Iraq in questo insanguinato periodo pre elettorale. Mi sembrano significative le dichiarazioni di una collega giornalista della Tv turca per iniziare:

A tuo parere, di giornalista e quindi di operatore dell'informazione, quanto la cittadinanza europea ? informata di quanto accade in Iraq in anticipazione delle elezioni?

"Io, essendo turca, riesco un po a vedere come vanno i telegiornali in Turchia e come danno la stessa notizia qui in Italia. Direi che in Italia la notizia viene lanciata con un taglio pi? leggero di come le cose stanno realmente succedendo, nel senso che nostri giornalisti fanno parte dell'evento ed esprimono consapevolezza del fatto reale, mentre in Italia i giornalisti sono molto neutri sull'evento di guerra o politico mediorientale. In questo modo in Italia non vengono raccontati affatto certi avvenimenti o fatti reali."

Quindi i media in Italia non riescono a dare il reale quadro della situazione irachena?

"Esatto."

Nella giornata di domenica al termine del presidio a p.zza Venezia, nel corso del quale ho intervistato moltissime persone, ho partecipato alla sessione pomeridiana della giornata di lavori organizzata da Carta dove, non senza qualche arrabbiatura e alcuni cattivi incontri, ho avuto il piacere di incontrare anche il mitico collega Carmosino della testata organizzatrice, che non avevo mai conosciuto di persona e che mi comunic? l'adesione alle iniziative degli Artisti.
Vi segnalo di aver avuto occasione di dialogare con il gruppo Attac, presente alla giornata con un appello e una raccolta di firme per il salvataggio del parco della Cecchignola. Fra questi ho conosciuto un simpaticissimo geologo/vulcanologo, che ha promesso di mandarmi del materiale sull'amata faglia con gli "occhielli", che altri non ? se non l'italico suolo patrio, attraversato da 46 vulcani (compresi quelli spenti).

All'iniziativa erano presenti molti rappresentanti politici ed in particolare Alfonso Pecoraro Scanio, leader dei Verdi, cui ho chiesto di sintetizzare per i bloggers e per il popolo della rete il suo intervento al tavolo pace programmatico della sinistra:

'" Lo sforzo che dobbiamo realizzare per costruire una politica di Pace ? ottenere, e noi come Verdi lo pretenderemo nel programma del Centro Sinistra, ? la riduzione delle spese militari per l'investimento nei corpi di pace internazionali. E anche una forte azione perch? l'Europa si doti di corpi civili di Pace, "veri", che sappiano anche essere fondamentali negli aiuti di fronte alle catastrofi internazionali. Non ? tollerabile che, anche di fronte al maremoto, si cerchi una esaltazione dell'esercito come unico strumento, che possa portare in qualche modo gli aiuti. Questo ? quasi un tentativo di sacralizzare il ruolo delle armi e delle forze armate. "'

I bloggers rappresentano l'informazione alternativa e la possibilit? democratica di espressione, per questa ragione ho chiesto a Pecoraro Scanio una sintesi dei punti chiave del lavoro dei Verdi sui beni comuni e sullo sviluppo sostenibile:

'" Noi riteniamo che anche sui beni comuni il grande sforzo sia quello di riconoscere che beni come l'acqua, il patrimonio genetico, ma anche la conoscenza e quindi i codici informatici. La possibilit? di evitare la brevettabilit? privata di quelli che sono beni di tutti, siano l'acqua, l'aria, il patrimonio genetico o la conoscenza per costruire un futuro sostenibile non soltanto da un punto di vista ambientale, ma anche sociale e umano. "'



Leggi tutto... (8725 byte rimanenti) Stampa la notizia: DIARIO DAL PRESIDIO: INTERVISTE AL PUBBLICO E AI DEPUTATI PECORARO SCANIO E DEIANA
Inviato da : Lunadicarta - Sabato, 15 Gennaio 2005 - 09:34





BLOGGERSPERLAPACE - ANTIWAR POINT IN ROME - JANUARY 2005

SEVEN DAYS HUNGER STRIKE

january 2005

Bloggersperlapace
antiwars point in Rome

Oggi ? il settimo giorno dello sciopero della fame della presidentessa della Associazione Argon - Bloggersperlapace indetto contro la corruzione e la gestione impropria per questioni di possesso della struttura denominata "Casa della Pace", immobile concesso dal Comune di Roma alle associazioni e gestito da alcuni singoli per beneficio proprio, in danno a persone e altre associazioni.

I Bloggersperlapace, quindi, proprio in Roma, non abbandonano l'impegno sociale, umanitario e pacifista, che ne contraddistingue l'operato fin dalla nascita.
Pertanto ? stato indetto un presidio permanente a piazza Venezia, tutte le mattine ai piedi del Campidoglio in Roma, dove sar? presente un gazebo presso il quale i cittadini romani troveranno informazione sui presupposti politici di guerra delle prossime elezioni irachene, potranno firmare per il ritiro delle truppe italiane e contestualmente avranno la possibilit? di esprimersi attraverso una intervista, che sar? pubblicata in seguito.

Al presidio di piazza Venezia, a cura della Rete Artisti contro le guerre romana, sar? possibile sottoscrivere un contributo che, per quanto piccolo, sar? devoluto per le popolazioni disastrate dello Sri Lanka; come segnalato in precedenza sul sito
www.bloggersperlapace.org, fin dalle primissime giornate dell'emergenza determinata dal violento maremoto e, ad oggi, pubblicizzato nel web con questo banner.



Nonostante la subitanea apertura da parte dell'ufficio di gabinetto del Sindaco non ci sono i presupposti nelle associazioni pseudo pacifiste romane, a cagione di singoli interessi privati nella cosa pubblica, affinch? la sottoscritta interrompa lo sciopero della fame intrapreso alle ore 24.00 del giorno 8 gennaio.
Per completezza sono da ritenersi dettagliatamente informati di tale vulnus sia l'Amministrazione capitolina, sia la Questura di Roma che ha ricevuto l'informativa sia sulla prima fase, che sulla modifica organizzativa del presidio.
Sono state infatti concesse tutte le autorizzazioni e l'occupazione del suolo pubblico.

Loredana Morandi
Pres. Ass.ne Argon Bloggersperlapace
Net of Artists Against Wars



Stampa la notizia: ANTIWAR POINT IN ROME
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 14 Gennaio 2005 - 08:42


 



Ecco qui tutti gli organizzatori della splendida tre giorni di Artists Against War al Teatro della Concordia di Torino Venaria con lo striscione dei bloggers contro la guerra!

Lunadicarta con la presidentessa di Nuove Resistenze

Qui le cd autority associative: le presidentesse delle Associazioni Argon Bloggersperlapace e Nuove Resistenze

Diego di Nuove Resistenze

L'uomo dei computer: il mitico Diego di Nuove Resistenze! 
Ed ora...
rullo di tamburi...
il blog bambino pi? fico del web!

Sammy con mamma e pap?, gli organizzatori Riccardo e Giusi Sanfilippo

Sammy, con il babbo e la mamma, Riccardo e Giusi Sanfilippo, ovvero gli organizzatori della tre giorni al Teatro della Concordia di Torino Venaria per i bloggersperlapace.
Le foto sono del fotografo Costantino Sergi, che ringrazio per avercene concesso l'uso per il sito associativo dopo la pubblicazione sul settimanale Il Risveglio.



Stampa la notizia: BLOGGERSPERLAPACE A TORINO VENARIA
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 12 Gennaio 2005 - 22:05

Sanit? Lazio: attacco ai diritti delle donne

di Loredana Morandi

Questa mattina, nella sala della Protomoteca del Comune di Roma si ? tenuta una convocazione pubblica, della Commissione Affari Sociali del Comune di Roma. Un urgenza dettata da un attacco ai diritti delle donne, portato dalla giunta di centro destra uscente del Consiglio regionale Lazio: la privatizzazione e monetizzazione dei Consultori familiari. E' infatti in corso un vero e proprio stravolgimento della legge che li istituisce per la regione, con una sorta di riconoscimento economico alle strutture sanitarie private e con l'applicazione del ticket ai consultori familiari  pubblici a tutt'oggi gratuiti. Ho intervistato per voi la signora Luisa Laurelli, consigliere comunale e presidente della Commissione Affari Sociali.

D: Dall'urgenza che esprime questa convocazione pubblica con le parti sociali e associative, insieme ai rappresentanti della amministrazione pubblica, si comprende tutto il rischio corso dalle strutture gratuite dei cd Consultori familiari e quanto ella li abbia a cuore. Una premessa, anche io, come molte donne italiane ho appreso alcuni principi per una maternit? consapevole presso un consultorio. Che cosa st? accadendo?

?Oggi io ho voluto organizzare questa convocazione pubblica della Commissione Affari Sociali del Comune di Roma, con l'intento di offrire una sede di dibattito alle donne operatrici dei consultori, ma anche agli operatori uomini, e a tutte le organizzazioni e associazioni femminili e femministe della citt? di Roma, nonch? ai rappresentanti istituzionali di Regione, Provincia e Comune per ragionare su questa nuova proposta di legge, la numero 170 a modifica della legge nr 15/76, in discussione in questo momento in commissione Sanit? alla Regione Lazio. Una legge che noi, elette del Comune di Roma,  rigettiamo completamente.
Noi pensiamo che sia scorrettissimo, che la Regione Lazio possa arrivare proprio alla fine del suo mandato, quindi quando sta per sciogliersi l'attivit? del Consiglio, a deliberare una legge di questa natura.
Pensiamo nel merito che questa legge di fatto privatizzi la struttura consultoriale, ne vanifichi completamente la funzione di prevenzione e, che inserendovi i concetti di difesa del nascituro tolga alle donne il diritto all'autodeterminazione. La proposta di legge cancella completamente quello che sono i Consultori familiari per l'anno 2005, cio? strutture di prevenzione orizzontale, diverse rispetto a 10 anni fa, ma dove si fa ovviamente una attivit? di contraccezione, di informazione alla sessualit? consapevole e alla paternit? e maternit? consapevole, oltre che le tante attivit? di prevenzione della sterilit? e dei disturbi della menopausa. Molte delle attivit? sono rivolte ai giovani, alle ragazze e quindi ? ampio rapporto con le scuole e con i territori.?



Leggi tutto... (5301 byte rimanenti) Stampa la notizia: ROMA: IN DIFESA DEI CONSULTORI FAMILIARI
Inviato da : Lunadicarta - Martedý, 11 Gennaio 2005 - 16:10

Ieri pomeriggio alla Sala Umberto di via della Mercede di Roma si ? tenuto un incontro, organizzato da movimenti e associazioni, con Piero Marrazzo, il candidato del centro sinistra per le elezioni regionali del Lazio. Pacificamente armata della mia bandiera arcobaleno e del kit di sopravvivenza del giornalista pigro, composto da microfono e registratore, ne ho approfittato per sorprendere due cari amici con una intervista. Sia l'artista Marco Carlaccini che Franco Ottaviano presidente della Casa delle Culture, le mie due vittime, sono firmatari dell'Appello Artists Against Wars. Ne approfitto per ringraziare entrambi, infatti, la Casa delle Culture ha ospitato il dibattito della manifestazione degli Artisti ad ottobre. Di seguito le due interviste freschissime di sbobinatura.
Loredana Morandi

Idee per un programma
incontro con Piero Marrazzo


MARCO CARLACCINI ARTISTA
- Ti parlo qui in veste di relatore a questo incontro per un comitato di compagnie teatrali, di artisti e altre organizzazioni, che si occupano di spettacolo, nel corso del quale abbiamo rappresentato al candidato di sinistra, Pietro Marrazzo, una nostra idea molto semplice. Quasi provocatoria, per quanto semplice.
L'idea ? quella di censire tutte le organizzazioni che fanno spettacolo e quindi le Compagnie, che si occupano di teatro, di danza, di musica e di valorizzarle al meglio e al tempo stesso di censire e valorizzare tutte le strutture, che possano ricevere espressioni dello spettacolo. Sia quelle che attualmente lo ospitano, sia quelle che non sono ancora in grado di farlo, ma che potrebbero con qualche miglioria.
Noi pensiamo che per fare questo passo ? necessaria una formazione  dedicata alle persone che opereranno questo censimento, in modo che queste possano essere istruite oltre, che sui modelli tecnici del mondo dello spettacolo, su quei criteri che,  secondo il nostro avviso, devono essere: il rispetto della centralit? dello spettatore, come valore assoluto e purtroppo non ? sempre cos?, il rispetto e la sottolineatura della cultura intesa come diversit? e come molteplicit?, perch? sono innumerevoli le forme della cultura e soprattutto non importa, che siano grandi o piccole, perch? questa ? la nostra ricchezza.
Gli operatori cos? formati devono essere anche attenti a trasmettere i nostri messaggi e i nostri significati nella scuola ed altrettanto verso tutti i gruppi, che rappresentano le diversit? della nostra regione. Quindi pensiamo di costruire una mappa capillare che ricomprenda tutte le compagnie e tutti gli spazi, che possono essere utilizzati. In pratica un censimento sia dell'uno, che dell'altro.
Questa sarebbe una grandissima operazione, tanto pi? se resa immediatamente pubblica, e quindi sottratta a quella tendenza che spesso coniuga disinformazione a clientele.
Pensiamo anche che la Regione Lazio, forse ancora di pi?, potrebbe gestire questi dati e organizzare un suo circuito forte.
Questa struttura che si occuper? di regolare la circolazione dlele compagnie nella regione dovr? avere una sua trasparenza, ovvero accesso alle cariche della struttura secondo le regole che si dovranno stabilire.
La struttura dovr? essere ispirata a principi democratici, che privilegino il diritto all'occupazione per gli operatori culturali e il diritto all'informazione e alla cultura di tutti i cittadini. La regione secondo noi ha il dovere di collaborare affinch? il cittadino abbia libero accesso alla cultura accogliendo le istanze degli operatori culturali. 

www.pieromarrazzo.itFRANCO OTTAVIANO - Abbiamo concluso adesso, sono Franco Ottaviano presidente della Casa della Cultura, abbiamo concluso adesso questa iniziativa promossa da associazioni, movimenti "Idee per un programma" con Piero Marrazzo.
Mi pare che sia andata molto bene, nel senso che per la prima volta molte associazioni e molti movimenti si sono incontrati su un terreno programmatico dei contenuti, le parole chiave di questo documento sono state "Pace, diritti e partecipazione" e attraverso queste parole chiave abbiamo tentato di impostare un progetto programmatico, che vuole essere non tutte le materie di un programma, ma un orizzonte strategico per "un altra Regione Lazio".
Ci siamo cimentati su temi che riguardano il diritto alla comunicazione, il diritto alla cultura e un particolare molto interessante da segnalare il fatto che molte compagnie e molti gruppi teatrali hanno liberamente partecipato ai lavori del laboratorio e hanno stilato un loro documento, che sar? poi allegato pi? ampio del documento stesso e, diciamo le conclusioni di questa iniziativa allo stato sono un apprezzamento di Marrazzo di questo lavoro che si ? svolto, lo sottolineo, autonomamente dal candidato, e la volont? di inserire parti di questo progetto di queste idee nel suo programma, che come sappiamo ? un programma che dovr? confrontarsi con i partiti, con le altre forze. Per parte nostra vogliamo continuare ad avere questa capacit? di proposta autonoma, quindi riuscire a costruire idee, che sappiamo dovranno poi essere terreno di mobilitazione, di confronto, di proseguimento di iniziativa. Non ci basta la partecipazione simbolica ad un tavolo di programma, e poi scrivere un programma e poi chiss? che cosa succede. Ci interessa di pi? costruire davvero, partecipato, un programma con gli altri, confrontarci, portarlo avanti e considerarlo un autentico terreno di mobilitazione. D'altro canto la partita elettorale nel Lazio ? difficile, c'? la destra al governo di questa regione, vogliamo mandarla via dobbiamo concorrere ad una battaglia politica che sia capace di mettere in movimento tutte le energie sociali, le idee culturali e artistiche, che possano contribuire a tutto ci?. 



Stampa la notizia: IDEE PER UN PROGRAMMA, INCONTRO CON PIERO MARRAZZO
Inviato da : Lunadicarta - Mercoledý, 29 Settembre 2004 - 11:12

Bentornate ragazze!



Si ? concluso felicemente il sequestro delle nostre compagne Simona Pari e Simona Torretta, che ora riabbracciano i loro cari e tutti gli amici di sempre. Anche Manhaz e Ra'ad sono stati liberati e per tutti loro questi sono stati 21 giorni durissimi. A caldo posso immaginare abbiano trattenuto a stento una irriverente risata all'arrivo del premier l? nel salottino dell'aereo, che le ha trasportate in quattro ore circa fino a casa. Anche Lello mi ? sembrato commosso e forse un po' impacciato di fronte a tutte le telecamere, cos? Fabio Alberti, presidente di Un Ponte Per... Giorni durissimi di tensione per tutti, figuriamoci per loro che hanno fatto le nottate e per noi appiccicati ore ed ore ai computer e di notte alla Tv, per le agenzie internazionali. Sar? l'effetto dei colori pastello dei caftani indossati dalle nostre amiche, ma sembravano davvero "pi? belle" del solito, forse la gioia di riabbracciarci tutti in uno sguardo.

Ragazze avete delle mamme fantastiche, giuro! Tutta la gioia e una bella festa per il benvenuto sono lecite, oggi. Domani riprenderemo tutti a lavorare per liberare le centinaia di migliaia di "margherite umane", che fioriscono nel dolore di tutto il mondo e specialmente in quell'Iraq, cos? sofferente.

Bentornate da tutti noi di Bloggersperlapace!!!

Bentornate!
Lu'



Stampa la notizia: Bentornate dai Bloggersperlapace !
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 17 Settembre 2004 - 11:57







BLOGGERSPERLAPACE

RADUNO PER LA "FIRMA"



Cari amici,

come voi tutti gi? sapete sar? a Bologna per la campagna Artists Against War, ma soprattutto per raccogliere le firme dei bloggers, che vivono nel nord Italia, per la costituzione della nostra Associazione. L'appuntamento lo conoscete gi? ed allora "a presto riabbracciarvi!" Lu'



Stampa la notizia: Bloggersperlapace raduno per la firma
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 27 Agosto 2004 - 11:21




Tutti i membri di Bloggersperlapace sono profondamente vicini alla famiglia del giornalista scomparso, in questa triste giornata. 
Esprimono, inoltre la loro solidariet? a tutta la Redazione di Diario.it.

I Bloggersperlapace

All'interno i comunicati stampa di:
FNSI, Comitato per il ritiro delle truppe dall'Iraq, Un ponte per..., Amnesty Italia, Coord. Nuove Antenne, Telestreet, PLMI, Trib? Ribelli, Dialogo



Leggi tutto... (25916 byte rimanenti) Stampa la notizia: Vicini alla famiglia Baldoni e alla redazione di Diario
Inviato da : Lunadicarta - Venerdý, 20 Agosto 2004 - 20:42

Cari amici,

Dopo aver pubblicato qualche giorno fa dagli scritti dell'amico Carmelo Viola, il documento  "L'atto di ricusazione contro la minaccia umanicida", ho aggiunto nella sezione download due nuovi suoi scritti, che sotto un profilo editoriale sono complementari al primo. Augurandovi buona lettura, per comodit? vi posto i link agli articoli in pdf.

Lettera ai potenti della guerra

L'europa e il nuovo ordine mondiale



Stampa la notizia: Carmelo Viola 2 nuovi articoli nella sezione download
Inviato da : Lunadicarta - Domenica, 01 Agosto 2004 - 12:05





La guerra dei Pupi

Ecco una nuova bellissima gif animata del nostro amico Pino De Lucia intitolata la guerra dei Pupi (Berlusconi e Follini), che ringrazio e che saluto da parte di tutti. Deve essere telepatia, ieri sera sul tardi ho acceso la tv e ho beccato una replica del serial tv "Fede in Iraq". Giuro che ho resistito solo allontanandomi dal telecomando. Per l'amor del cielo, che nessuno abbia a patire, ma i modi di Fede con quelle bandierine fasulle, quel patos ipocrita e lacrimevole e i modi lisciviosi deve aver fatto sospirare a pi? d'uno l'arrivo della resistenza irachena. E' stato capace di farsi riprendere sul suo "dalli al terrorista" anche da un membro dell'esercito, che gli ha risposto: "Noi li chiamiamo miliziani, perch? si chiamano cos?...", sottintendendo che, il nome miliziani sta per "milizie non organizzate o volontarie" in tutte le guerre, da che mondo e mondo. Lui, Fede l'uomo che dovrebbe trasmettere dal satellite, ha voluto dare una immagine tinta di rosa e di pace, ma i soldati dell'esercito italiano hanno gi? sparato contro i civili nel maggio scorso e le affermazioni sulla missione di Pace le hanno imparate in Italia, s?, ma non le hanno realmente portate con loro alla partenza dal suol natio, senza il mandato di peacekeeping dell'Onu. Mi dispiace per le loro famiglie, ma questa ? la drammatica verit?, in questi giorni in cui l'Italia ? minacciata e la milizia governativa ha ripreso a sparare contro i civili iracheni. E i nostri Pupi/politicanti? Al gran teatro della maggioranza in parlamento, il tira e molla della recita ? sempre uno: "se non per soldi, sar? per quattrini...". LM



Stampa la notizia: La guerra dei Pupi, post ispirato da una gif Pino De Lucia
 
web design
by
PointNet
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro